Allarme Pakistan: troppe richieste d'asilo sospette

La maggioranza dei presunti «profughi» non ha diritto allo status. E arriva da Paesi a rischio jihad

In Italia non sono i siriani o gli afghani, che scappano dalle guerre, la maggioranza dei richiedenti asilo, ma i nigeriani, al primo posto, e i pachistani subito dietro, che battevano tutti nei primi sei mesi dell'anno. Nella gran parte dei casi si tratta di migranti economici, ma ci sono anche integralisti che la fanno a padroni nei centri di accoglienza. O addirittura terroristi, che incassavano il sussidio pubblico e che hanno ottenuto l'asilo raccontando la favola di essere cristiani perseguitati.

Delle quasi 80mila domande degli aspiranti rifugiati fino ai primi di novembre quelle dei pachistani sono 11.227, seconde solo ai nigeriani. Per dare un'idea nel solo mese di ottobre le richieste di asilo dei migranti provenienti dal Pakistan sono 1.018. Gli afghani e siriani assieme, che qualche diritto ce l'hanno fuggendo da conflitti spietati, sono appena 262. Da un paio d'anni nigeriani e pachistani sono ai primi posti negli arrivi solitamente con i barconi dalla Libia, ma negli ultimi tempi anche dall'Egitto. Dopo aver attraversato via terra l'Iran e la Turchia spesso affrontano il viaggio per mare o prendono un volo diretto in Libia con visto di lavoro, dove si imbarcano sui gommoni. La Commissione che vaglia le domande di asilo considera il Pakistan un «Paese sicuro» e respinge il 90% delle domande. Però hanno diritto a fare ricorso rimanendo un altro anno o due in Italia a spese delle Stato. E talvolta ottengono qualche protezione minore.

Il problema è che spesso la fanno di padroni nei centri di accoglienza e vessano i richiedenti asilo cristiani. «Eravamo in 25, la maggioranza pachistani, qualche ragazzo africano ed io» racconta una fonte ucraina del Giornale, che ha ottenuto lo status di rifugiato. «Non pensavo che i pachistani odiassero così tanto i cristiani - aggiunge il ragazzo scappato dalla Crimea annessa dalla Russia - Come kufar, infedele, non avevo diritto a sedere al tavolo con loro e dovevo mangiare come un cane». Una cristiana pachistana nel centro di accoglienza di Viterbo, che aveva subito un attentato dei talebani, è stata maltrattata e insultata dai connazionali musulmani duri e puri perché si vestiva all'occidentale.

I pachistani ufficialmente in Italia secondo l'Istat sono 101mila, ma le stime che tengono conto dei clandestini indicano fra le 130mila e le 150 mila persone. E non mancano le mele marce. Lo scorso anno è stata sgominata una rete di jihadisti che aveva collegamenti con il Pakistan. Yahya Khan Ridi, un afghano collegato al gruppo, ha fatto il furbetto con la domanda di asilo. Il giudice per le indagini preliminari annotava che «era arrivato illegalmente in Italia ottenendo indebitamente lo stato di rifugiato, in quanto si era accreditato falsamente come vittima di persecuzioni da parte dei talebani (ai quali invece era contiguo)». Nel gruppo dei pachistani spiccava Hafiz Muhammad Zulkifal con una famiglia numerosa. L'imam della guerra santa abitava in una casetta nel bergamasco. Per il fisco era nullatenente e incassava i sussidi per l'affitto e per la scuola dei figli (quasi 3mila euro) oltre all'assegno familiare per i nuclei numerosi.

Commenti

paolonardi

Mer, 21/12/2016 - 08:35

Questi sono quelli che ci pagano le pensioni! Sono volgarissimi delinquenti e/o terroristi accolti da noi con le benedizioni del falso papa, del capo della CEI, del presidente della Camera, dell'ex ministro traditore dei suoi elettori e di tutti i ciechi buonisti.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 21/12/2016 - 08:41

Guarda caso arrivano da uno stato dove prevale l'islam. Il sottostante disegno politico-religioso dovrebbe essere chiaro a tutti, ma gli Italiani non possono capire perché non vogliono capire. Del resto nella grande maggioranza gli Italiani poco o nulla sanno dell'islam, che - oltre ad essere religione e legge allo stesso tempo - prescrive la jihad, cioè la guerra santa, per imporre a tutti la legge universale, religione e diritto allo stesso tempo.

Magicoilgiornale

Mer, 21/12/2016 - 09:04

Ma cosa aspettiamo l' irrimediabile????!!!!!

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 21/12/2016 - 09:20

Fra 50 anni la cultura occindentale non esisterà più, spazzata via dall'Islam. Piccole sacche di resistenza continueranno ad opporsi con piccoli attentati e scene dinostrative, perseguitate dalla sharia. Abbiamo perso, game over!

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 21/12/2016 - 09:42

Scusate, ma in Pakistan c'è una guerra? questi sono clandestini economici, non profughi

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 21/12/2016 - 09:45

Ma va'...non ci posso credere...cecco continua a dire che sono i nosti frateeli..caini

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 21/12/2016 - 09:50

Richieste d'asilo "sospette"? Siamo ancora al sospetto che sia una truffa? Eppure, solo pochi giorni fa anche l'Europa ci ha ricordato, nel caso lo avessimo dimenticato, che l'80% dei migranti non sono profughi e non hanno diritto d'asilo. Ovvero hanno capito finalmente quello che anche i lettori del Giornale dicono e scrivono da anni. Sai che novità. L'Europa è cieca e sorda, ed è guidata da una masnada di politicanti inetti, incapaci e traditori che non rappresentano affatto la volontà popolare. Quella che chiamano pomposamente democrazia è una truffa culturale e ideologica; un sistema in cui i furbi usano, ripeto "usano", il consenso elettorale di una minoranza, ripeto "minoranza" (chi vince le elezioni non rappresenta nemmeno il 25% dei cittadini), per legittimare il proprio potere, imporre la propria distorta visione del mondo e governare "Contro" la volontà della maggioranza. Questa non è democrazia, è una truffa in piena regola. Punto.

rocky999

Mer, 21/12/2016 - 10:03

Niente di nuovo. Ci sarebbe da aggiungere che moltissimi pachistani arrivano dai paesi del nord dove gli viene respinta la richiesta di rifugiato e vengono in Italia passando per i vari passi alpini al confine con l'Austria. Anche loro sanno che in Italia è molto più facile essere riconosciuto come profugo e mal che vada stanno parcheggiati qui e vivono alle nostre spalle. I poliziotti austriaci sui confini, ovviamente, lsciano passare e venire in Italia tutti i finti profughi, in modo tale da non averli più fra i piedi, pienamente coscienti che questi individui creano solo disagio e degrado.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 21/12/2016 - 10:18

A questo punto solo il vituperatissimo "populismo" può salvare l'Europa dal baratro. Ergo: piantiamola con le demonizzazioni retoriche che quotidianamente i media ci infliggono. Ad onta delle realtà catastrofiche presenti nelle città del vecchio continente.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 21/12/2016 - 10:20

Ma per i nostri sagaci cooperanti, ministri, sindacati, magistrati, assistenti sociali e presidente tutte, le richieste d'asilo vanno sempre accolte. Se non fuggono dalla guerra, fuggono dalla povertà, dal caldo, dal freddo, dal matrimonio combinato, dallo zio molestatore, dal razzismo, dalla persecuzione, dal mancato raccolto, dalle cavallette, dall'alluvione, dalla siccità e dal fiume che non dá più acqua. E da mille altri motivi, un bel timbro e mantenimento e ricongiungimenti. Avanti Itaglia!

blackwater

Mer, 21/12/2016 - 10:32

il Pakistan offre rifugio entro ai suoi confini ad oltre un milione e mezzo di profughi. Rimarrà sempre un mistero quindi, come un Pakistano possa fuggire da un Paese che già offre asilo ad altri e si presume quindi abbastanza sicuro.

Keplero17

Mer, 21/12/2016 - 10:52

Che guerra c'è in Pakistan?

mariod6

Mer, 21/12/2016 - 11:14

Pakistani e Nigeriani non hanno nessun diritto di venire a fare danni in Italia, stiano a casa loro oppure rimandiamoveli TUTTI. Sono tra le popolazioni più violente e islamizzate del mondo intero. Se ne fregano dell'integrazione e sono solo dei delinquenti ad ogni livello. Fuori dai piedi e basta con i ricorsi contro le espulsioni. Se viene negato il permesso di soggiorno vengano buttati fuori immediatamente e assieme a loro anche quelle associazioni che li sostengono per continuare a prendere soldi dallo stato. Coop e Caritas in testa.

DuralexItalia

Mer, 21/12/2016 - 11:21

Gli unici ad avere diritto di essere accolti in qualità di "Veri profughi" dal Pakistan sono i cristiani perseguitati ed uccisi in nome della loro religione. E' una minoranza che vive blindata nei loro quartieri e villaggi. Tutti gli altri sono cittadini di uno Stato indipendente ed autonomo che non avrebbero neanche diritto di chiedere alcun asilo e cosi dicasi di altri Stati (vedi l'Algeria con i suoi cittadini che sbarcano in Sardegna). E' evidente che la "buffala" sulla qualità di profugo sta venendo fuori: non è lo status di profugo ad essere riconosciuto ma la qualità di "migrante" ovvero di chicchessia provenga da Paese terzo alla UE. Il giochino sta venendo fuori nella sua tragicità odierna. (tutti contro Trump perchè disse di bloccare l'immigrazione da paesi non sicuri, ovvio...)

PatrickC

Mer, 21/12/2016 - 11:23

Di nuovo la parola Migranti..... Che bella invenzione la lingua politically correct. Ormai pervade tutti gli articoli del vostro quotidiano. Se sono migranti allora ditemi dove pensate che vadano in futuro, perche se rimangono in Italia sono immigrati e non migranti, e dal loro paese sono emigrati e non migranti!

Iena_Plinsky

Mer, 21/12/2016 - 11:29

Ma non ci sono telecamere a circuito chiuso nei centri di accoglienza ? POssibile che certe cose accadano senza che nessuno noti ?

Yossi0

Mer, 21/12/2016 - 11:40

Scusate ma il Pakistan è un paese dal quale si può chiedere asilo ?

honhil

Mer, 21/12/2016 - 12:08

Sono cose sapute e risapute. E’ da tempo che le statistiche disegnano questo scenario, tuttavia, Alfano l’africanizzatore, facendo il suo gioco sporco, finora ha raccontato favole diverse. Compresa quella che lo Stivale era terra di passaggio e da ciò la sua propensione, peraltro condivisa e incoraggiata dalle prime quattro cariche dello Stato, a fare entrare chiunque riducendo a zero i controlli. Purtroppo, quando l’Ue ha cominciato ad aprire gli occhi, il danno era fatto. Il resto, a raccontarlo sono i vari atti di terrorismo che hanno insanguinato e insanguinano l’Europa.

Mobius

Mer, 21/12/2016 - 12:48

L'avevo postato in un altro forum, ma va bene anche qui: Se vogliamo veramente, seriamente combattere l'Islam, dobbiamo accettare il fatto che ci andranno di mezzo, in un modo o nell'altro, anche islamici più o meno "puliti", ammesso che ne esistano. Ma i buonisti del cactus inorridiranno a questa prospettiva.

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 21/12/2016 - 12:50

Ma voi del Giornale, vigliacca la miseria, avete per caso qualche familiare in Pakistan e siete sotto ricatto al punto che l'argomento Pakistan è tabù??? Non lo so, sembra che come si dice Pakistan si blocca tutto... e smettetela di censurare anche i complimenti.

aldoroma

Mer, 21/12/2016 - 12:56

A questi parassiti viene concesso tutto a noi italiani solo tasse...

Una-mattina-mi-...

Mer, 21/12/2016 - 13:30

I VITELLONI AUTOCERTIFICATI, MANTENUTI IMMERITATAMENTE PER ANNI AD UFO, CI FARANNO AFFONDARE TUTTI