Altro che mutande verdi e dvd, Cota assolto per "rimborsopoli"

Cota assolto nel processo sulle presunte "spese pazze" della Regione Piemonte. Il giudice: "Il fatto non sussiste". Ma per anni la sinistra ha montato la campagna anti leghista

Altro che "mutande verdi" e ristoranti. Roberto Cota è stato assolto nel processo "rimborsopoli" sulle presunte "spese pazze" della Regione Piemonte che vedeva imputate 25 persone, 24 consiglieri regionali e una dipendente di un gruppo consiliare. "Fino dall'inizio sapevo di essere innocente - commenta l'ex governatore - è giusto avere fiducia e questa sentenza dimostra che una parte del sistema funziona".

Hanno provato a far cadere Cota in molti modi. Lo scandalo delle "spese pazze" è stato uno di questi. Alla fine ci sono riusciti con una sentenza del Tar sulle presunte firme false. Intanto, a distanza di anni, viene fiuori che la maxi inchiesta sui rimborsi regionali era tutta una montatura, almeno per quanto riguarda l'ex governatore leghista. "Il fatto non sussiste", ha infatti ammesso oggi il tribunale di Torino. Per Cota i pm avevano chiesto ben 2 anni e 4 mesi. Il leghista, avevano scritto i pubblici ministeri Enrica Gabetta, Giancarlo Avenati Bassi e l’aggiunto Andrea Beconi nella richiesta di rinvio a giudizio depositata presso la cancelleria del gip, avrebbe dovuto essere il "beneficiario della indebita destinazione del denaro pubblico". Sempre Cota, avevano scritto ancora i pm, si sarebbe appropriato "degli importi di cui oltre utilizzandoli per finalità personali e comunque estranee alla finalità normativa". Nulla di tutto questo, però, era vero.

Secondo i pm torinesi, Cota "usava i contributi per effettuare: rimborsi spese per ristoranti, bar, generi alimentari, per un totale di 21.112 euro. Spese per pernottamenti e alberghi e missioni per 645 euro e rimborsi per spese varie". In quest’ultima voce i giudici avevano fatto rientrare persino i pagamenti delle ormai note "mutande verdi". E ancora: "Articoli regalo, il regalo di nozze per l’assessore Coppola (Michele, alla guida dell’assessorato alla Cultura, ex Pdl), articoli di pelletteria e valigeria". E le fatture di "sigarette", anche se il governatore non ha mai fumato in vita sua, e di effetti personali come "il dvd Fair Game, regali di nozze, cravatte, un libro antico di Gerolamo Boccardo". Chiudevano la lista oggetti di "orologeria, il regalo per nozze per Pedrini e Magliano, argenteria, una custodia per tablet, per complessivi 3.653,18 euro". Ma che fine ha fatto tutta questa lista? In questi mesi ad esempio la vicenda è stata presa dalla sinistra come espressione della "malapolitica". "Oggi c'è stata la risposta - conclude Cota - Renzi farebbe bene a stare zitto e a interpretare con maggiore dignità il ruolo del premier".

Commenti

cgf

Ven, 07/10/2016 - 10:49

Attraverso un referendum l'80 per cento dei cittadini si pronunciò per la responsabilità civile dei magistrati, non si è fatto nulla e 'loro' parlano ancora 'in nome del popolo italiano'.

Lucky52

Ven, 07/10/2016 - 10:59

Forse Renzi farebbe meglio a pensare ai suoi Rolex arabi spariti ed a suo padre ed a quello della Boschi.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 07/10/2016 - 11:02

A quando una bella indagine approfondita sulle gestioni di Chiamparino e Fassino???

Gianluca_Pozzoli

Ven, 07/10/2016 - 11:17

e i giornalisti cosa diranno?

Giulio42

Ven, 07/10/2016 - 11:18

E adesso chi ripaga Cotta del danno d'immagine subito da lui e dal partito ? Nessuno, ma intanto la sinistra guarda caso ha vinto le elezioni Regionali.

Felice48

Ven, 07/10/2016 - 11:28

Ecco come funziona la delegittimazione che i sinistrorsi sanno usare benissimo.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Ven, 07/10/2016 - 11:28

Cosa dirà la "sinistra"? Niente dirà, ignorerà il fatto, così come i giornaloni nazionali asserviti al minkulpop cattokomunista, che stavolta non pubblicheranno titoloni. Siamo o non siamo in un regime parakomunista?

maurizio50

Ven, 07/10/2016 - 11:33

Ovviamente a Torino si guarda alla pagliuzza nell'occhio di Cota ma non alla trave nell'occhio di Fassino!!!!

PAOLINA2

Ven, 07/10/2016 - 11:38

Adesso non diranno sicuramente che la magistratura e' rossa e politicizzata.

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 07/10/2016 - 11:39

Non è una novità, è già accaduto in passato. Lo scopo comunque è stato raggiunto e il danno non è più rimediabile.

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 07/10/2016 - 11:40

magistrati e politici sono d'accordo a non calpestarsi i piedi a vicenda, altro che destra e sinistra. Un anziano pensionato ruba un pacco di riso al supermercato e viene arrestato, un politico non finirà MAI in galera per furto

roberto.morici

Ven, 07/10/2016 - 11:49

Qualcuno vorrà controllare, ancora, il colore delle sue mutande...

MARIOMEN59

Ven, 07/10/2016 - 11:53

PAOLINA : NO E' SOLO INCAPACE AD INIZIARE DA CHI HA APERTO LA CACCIA A COTA...... CIOE' LE TOGHE ROSSE P. S. SONO LE TOGHE ROSSE LA ROVINA DELLA GIUSTIZIA !!!!!!!!!

divenire

Ven, 07/10/2016 - 11:59

Il problema è che non si capisce mai dove stia la verità. La magistratura era corrotta prima, quando lo accusava, o è corrotta adesso che lo assolve? I documenti per chiedere la condanna c'erano o erano dei falsi? Ogni volta l'unica cosa certa è che i soldi spariscono.

gneo58

Ven, 07/10/2016 - 12:18

questi urlano al ladro al ladro sempre piu' forte giusto per depistare e non far vedere cosa hanno in casa loro, credo che se tutte le verita' venissero fuori per questi fomentatori rossi sarebbe una tragedia di proporzioni bibliche, non che glia altri siano angioletti pero' questi.......

perseveranza

Ven, 07/10/2016 - 12:23

"il fatto non sussiste". Troppo tardi, la magistratura inquirente il danno l'ha fatto e la Lega ne ha pagato il salato conto. La sinistra (e non solo) sulla storia delle "mutande verdi" ci ha fatto la campagna elettorale. Solidarietà a Cota,per quel che ora puo' servire.

MOSTARDELLIS

Ven, 07/10/2016 - 12:24

La cosa incredibile non è tanto l'accanimento del PD, in fin dei conti sono avversari politici della Lega. La cosa assurda è invece l'accanimento dei pm e la richiesta di due anni e 4 mesi per cose assolutamente inesistenti. Come può succedere una cosa del genere? Possibile che i pm non hanno avuto modo di verificare l'attendibilità delle accuse? Ma su cosa hanno basato il loro teorema? Forse la risposta è una sola e molto triste... sono pm PD.

Trinky

Ven, 07/10/2016 - 12:25

PAOLINA2..........lo è e lo sarà sempre......peccato per i rossi come te che hanno trovato quel giudice, uno dei pochi, che non è iscritto a magistratura democratica......

aitanhouse

Ven, 07/10/2016 - 12:37

La sinistra ha speso su questo castello di menzogne ettolitri di inchiostro e tanta carta da deforestare l'amazzonia, politici di quarta serie hanno costruito un successo immeritato calando cota nell'inferno dello"sbatti il mostro in prima pagina", ed ora? dove sono i puristi dell'onestà ,i santi scesi sulla terra per operare nel pd , gli incorruttibili ed intoccabili compagni?

Una-mattina-mi-...

Ven, 07/10/2016 - 12:37

PAGHI CHI HA SBAGLIATO,E, DOPO LE VARIE NECESSARIE DIMISSIONI, SI FACCIANO PUBBLICHE SCUSE

Ritratto di gian td5

gian td5

Ven, 07/10/2016 - 12:38

@ PAOLINA2 secondo Lei perseguitare per anni un innocente, rovinandogli la carriera politica e costringendolo a pagarsi pure un avvocato è sinonimo di buona ed imparziale giustizia?

Silvio B Parodi

Ven, 07/10/2016 - 12:50

divenire, ecco cerca di Divenire intelligente.

Ritratto di isciallà

isciallà

Ven, 07/10/2016 - 13:15

resterà immortale ai poster per sempre nei nostri cuori, per la sua hit mi ricordo mutande verdi...insc allà

squalotigre

Ven, 07/10/2016 - 13:20

PAOLINA2 - la magistratura è politicizzata, altro che non dirlo! I danni a Cota ed alla Lega sono stati fatti eccome e l'assoluzione non cancella affatto le ingiurie comparse su tutti i giornali per più di due anni. Ad una certa parte della magistratura non importa affatto che un politico di cdx sia innocente o meno, basta accusarla di un qualsiasi reato, meglio se ridicolo e faccia colpo sull'immaginazione del popolino come quello delle mutande verdi. Mica pagano per le loro paturnie. Caso strano quando le accuse riguardano persone come Zingaretti non si sa nulla fino alla conclusione delle indagini. Ma deve essere solo un caso. La buona fede e l'onestà intellettuale dei magistrati non può essere messa in discussione!! E c'è gente come lei che fa dell'ironia. Vada a nascondersi.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 07/10/2016 - 14:00

Anche qui, come nell'altro articolo sulla Boschi, la Paolina ed il Divenire cercano giustificazioni che NON stanno in piedi. La magistratura (volutamente minuscolo) che noi SEMPRE INCOLPIAMO è la magistratura INQUIRENTE (chissa se capiscono ) quella che SUBITO TI SBATTE IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA, facendo come in questo caso perdere le elezioni al MOSTRO, che poi la Magistratura GIUDICANTE rivela essere un NON MOSTRO come in questo caso, ma ormai il danno è fatto!!!!

unz

Ven, 07/10/2016 - 14:35

Cota come Marino, Marino come Cota.

Tarantasio.1111

Ven, 07/10/2016 - 15:02

Riabilitato dopo anni...Marino dopo pochi mesi...meditate gente del PD, meditate.

krgferr

Ven, 07/10/2016 - 15:16

@ PAOLINA2---Noto in quanto da lei scritto una nota di amarezza e di rimpianto per ciò che avrebbe potuto essere e non è stato; sarebbe d'obbligo pertanto, da parte sua e dei suoi sodali fare chiarezza: o, inconsapevolmente vi siete allevata una serpe in seno o, come accadde a don Camillo, gli altri l'hanno pagato di più; so che vi è impossibile credere ad ulteriori possibilità ma, almeno per questa volta, siate adulti: fatevene una ragione; scoprirete che si vive meglio. Saluti. Piero

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Ven, 07/10/2016 - 15:19

Bisogna andare a rivotare...

dakia

Ven, 07/10/2016 - 15:49

Che faranno ora i giudici, come legge si dovrebbe reintegrare il lavoratore al suo posto, qui invece come funziona, stile Fassino?

igiulp

Ven, 07/10/2016 - 16:11

@divenire - Ha mai sentito parlare di sentenze conclusesi con una condanna e in seconda battuta con l'assoluzione perché "il fatto non sussiste"? Di cosa si meraviglia?

pedrosa

Ven, 07/10/2016 - 16:24

L'articolo non dice tutto! su 25 imputati, 15 assolti 10 condannati a varie pene che trovate su giornali che informano,inoltre i suddetti prima del processo hanno rimborsato 2 mln. 400mila €, se erano proprio innocenti?

petra

Ven, 07/10/2016 - 16:32

Assolto. Sì ma quanto tempo è passato? Ormai la sua carriera politica è finita ed era quello che volevano. La stessa identica cosa che hanno fatto con Berlusconi e Bossi. L'Italia è corrotta. L'Italia sta chiudendo.

Trifus

Ven, 07/10/2016 - 16:41

Screditare l'avversario politico, rifare le elezioni e vincerle. La missione è compiuta adesso lo si può anche assolvere. Per inciso le mutande non erano verdi ed erano finite nella lista dei rimborsi spese per sbaglio. Valore poco più di un euro. Immagino che per attendere l’assoluzione di Mantovani dovremo aspettare che la lega perda le elezioni in Lombardia. Per intenderci Mantovani è quello che aveva nascosto i soldi nel freezer e che dopo aver suonato la fanfara sul ritrovamento dei soldi delle mazzette, risultarono essere regolari. La magistratura con il suo proverbiale riserbo che la contraddistingue quanto si tratta di indagare sui personaggi di destra, ha reso noto ai malviventi un nascondiglio dove andare a cercare i soldi. Secondo invio.

unosolo

Ven, 07/10/2016 - 16:46

l'impressione della politica è che tutti arrivati a quei livelli usano i soldi dei cittadini per loro uso privato , tutti nessuno escluso , certo la corsa è solo a non farsi scoprire e fatturare tutto , rimborsi che a volte con scontrino diventano pesanti come biancheria intima , si giustifica la necessità è evidente ,orologi, gioielli i doni delle missioni neanche si consegnano più , quindi tutti innocenti , rossi , verdi , arancioni o azzurri figuriamoci arcobalenati.

VittorioMar

Ven, 07/10/2016 - 17:23

...ovviamente hanno disposto il "RISARCIMENTO"e l'insediamento come Presidente della Regione Pimonte,ovviamente...!!!!

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 07/10/2016 - 17:25

Lo scopo é stato raggiunto. La sinistra governa il piemonte come si era prefissato di fare e la magistratura, come al solito, le ha dato una mano. Non vi fa schifo tutto questo?

angelo1951

Ven, 07/10/2016 - 17:26

E i tenaci e "intelligentissimi" investigatori non restituiscono almeno lo stipendio che non hanno meritato? Ahh! Dimenticavo: per quei posti hanno "vinto" chissà quale concorso.

peter46

Ven, 07/10/2016 - 17:26

La magistratura inquirente ha inquisito in virtù delle risultanze inquisitorie e la magistratura giudicante ha deliberato, condannando(come anche successo)laddove c'erano i riscontri(NB:a proposito,se quel qualcuno che ha 'consigliato' quel tal consigliere a scegliere quelle "briglie per cavallo" di cui non ricorda la marca onde stabilire l'effettivo prezzo degli stessi,si facesse avanti,anche il tal consigliere potrebbe rientrare nell'abbuono,rimborsando)e 'abbonando'(anticipo dei prossimi condoni renziani)laddove è intervenuto il 'preventivo rimborso' prima della sentenza,come sembra abbia fatto Cota,con i 32.000euri(incluso il 30% del 'danno d'immagine')'gentilmente' pattuiti a 'rimborso'.Cota comunque,se ha da lagnarsi,lo faccia con la nuova dirigenza leghista per non aver creduto nelle sue 'giustificazioni',relegandolo nelle 'terze file' e nascondendolo a 'LA7' dove prima 'imperversava'tutti i giorni.Non Passa?

Ritratto di wciano

wciano

Ven, 07/10/2016 - 17:45

Assolto Cota "Magistratura rossa, lo deve risarcire!" Assolto Marino "Magistratura rossa, lo doveva condannare!"

mutuo

Ven, 07/10/2016 - 17:55

Perchè stupirsi? La sinistra se non riesce a vincere democraticamente con le Elezioni, Vince comunque con l'aiuto della magistratura. Mai i comunisti sono riusciti a vincere le elezioni con il voto. Nel 92 hanno messo in piedi un colpo di stato con l'ausilio della magistratura, fallito grazie alla discesa in campo di Silvio. Sempre con l'ausilio della magistratura hanno demolito il Berlusca ed alla fine sono riusciti ad arrivare al potere. Viva la democrazia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

heidiforking

Ven, 07/10/2016 - 17:58

La conferenza stampa a Cota non la fanno fare? Solo Marino ne ha diritto?

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 07/10/2016 - 18:07

Sergio tu che sei un giornalista serio e non di parte , ti sei dimenticato di scrivere che metà sono stati condannati e quelli assolti hanno restituito una montagna di euro. Sergio non farlo più sii serio.

Tipperary

Ven, 07/10/2016 - 18:39

in un paese normale ci sarebbe gia' stata una rivolta popolare, se non peggio.

Ritratto di gino5730

gino5730

Ven, 07/10/2016 - 18:44

Ma quel referendum sulla responsabilità dei giudici,,richiesto dalla grande maggioranza dei cittadini,che fine a fatto? Comunque come paga l'architetto,l'ingegnere,il medico e quant'altro per gli errori perchè la casta no?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 08/10/2016 - 08:47

Adesso i soliti giustizialisti da una sola parte, non diranno che è stata una congiura contro la Lega per permettere ai comunisti di riappropriarsi del Piemonte, continuando l'opera di degrado portata avanti da decenni. Anzi trovano scuse e si arrabbiano, come se fosse ancora colpevole. Sempre due pesi e due misure eh? Paolina2 e marino.biroccio, vi esponete e dimostrate a tutti quanto siete faziosi e inaffidabili. Per voi meglio tacere, o sarebbe meglio fare pagare i danni, ma da voi.

edo1969

Sab, 08/10/2016 - 09:37

su Vasco Errani e Ignazio Marino stessa storia

Trifus

Sab, 08/10/2016 - 09:45

Faccio presente che la magistratura italiana è al 153 posto su 180 paesi nel mondo. Il che significa che è al livello del terzo o quarto mondo. Abbiamo saputo che era indagato Zingaretti, il governatore di sinistra del Lazio, solo alla sentenza di assoluzione. Giustamente è così che si comporta una giustizia seria. Guarda caso con Cota hanno usato la fanfara, l’importante era far rifare le elezioni in Piemonte e farle vincerle alla sinistra. E ci sono riusciti. Poi che assolvino o condannino ha poca importanza, ne ha quanto vale la giustizia italiana 153 su 180 cioè un valore prossimo allo zero. Faccio i complimenti a tutti i precisini che si sono presi la briga di andare a fare i conti dei soldi dovuti, i numeri dei condannati e degli assolti. Ripeto con questa schifezza di giustizia i loro conti valgono quanto vale la giustizia italiano, un valore prossimo allo zero.

vittoriomazzucato

Sab, 08/10/2016 - 10:11

Sono Luca. Mi rivolgo a ROBERTO COTA: la prego di leggere i due commenti che ho rilasciato nell'articolo su ex sindaco Marino. GRAZIE.