Amici, trombati, vicini: la casta pentastellata è già costata 2 milioni

La spesa annua per lo staff arriverà a circa 5 milioni. A Di Maio il record di compaesani

Roma - Fare politica a costo zero è stata una regola fondamentale, quasi irrinunciabile, nel M5s. Ma vinte le elezioni il 4 marzo scorso e nato il governo Conte, è partito l'assalto alla diligenza. E dal vocabolario grillino è sparita anche la politica a chilometro zero: scorte e auto blu accompagnano i ministri pentastellati che rapidamente si sono calati nella nuova parte, occupando poltrone e distribuendo incarichi ad amici, compaesani e trombati. In perfetto stile Prima repubblica.

La casta grillina si muove con passo felino tra gli ingranaggi del Potere. Il premier Giuseppe Conte e i ministri del M5s costano allo Stato italiano all'incirca 5 milioni di euro l'anno tra portaborse, collaboratori, consulenti, portavoce e staffisti. Sia chiaro, tutti incarichi fondamentali per l'espletamento dell'attività politica e istituzionale. Che però Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Beppe Grillo avevano promesso di cancellare, una volta giunti al governo dell'Italia. Nella casta grillina hanno trovato posto amici di liceo e università, compaesani (il record lo detiene il vicepremier Di Maio) e trombati alle ultime elezioni politiche. L'esecutivo gialloverde ha giurato il primo giugno 2018: esclusi i primi due mesi, necessari all'avvio della macchina amministrativa, la casta grillina s'è già divorata due milioni di euro per pagare incarichi ad amici, consulenze a trombati e portaborse compaesani. In cima alla classifica, ovviamente, ci sono il presidente del Consiglio Conte e il ministro del Lavoro e Sviluppo Economico Di Maio. Lo staff esterno del premier (nel calcolo non è incluso il personale proveniente da enti pubblici, Csm e Pa) è costato fino ad oggi circa 226mila euro. Poltrona d'oro per il portavoce Rocco Casalino che intasca 169mila euro l'anno. Con le sue tre poltrone, tra Palazzo Chigi (vicepremier) e via Veneto (sede dei ministeri del Lavoro e dello Sviluppo economico), il capo politico dei Cinque stelle Di Maio ha fatto il pienone tra amici, trombati e dipendenti della Casaleggio. La casta che segue Di Maio pesa ogni anno circa 850mila euro: fino ad oggi amici e compaesani hanno intascato 283mila euro. Il compenso più alto è per Pietro Dettori: il fedelissimo di Davide Casaleggio porta a casa circa 130mila euro l'anno. Tra i ministri grillini si fanno notare per staff e spese, non proprio francescane, Sergio Costa e Alberto Bonisoli. Il ministro dell'Ambiente si è circondato di uno staff di 14 persone. Il peso per le casse dello Stato è pari a 969mila euro l'anno: fino ad oggi è costato 323mila euro. Il capo di gabinetto, Pier Luigi Petrillo, viene pagato a peso d'oro: 226mila euro l'anno. Lo Stato italiano per pagare lo staff del ministro dei Beni Culturali ha già speso 234mila euro. A fine anno i soldi sborsati saranno 702mila per retribuire 14 persone tra portavoce, segretari e consulenti. Marco Ricci con 102.082,37 ha il compenso più alto. Barbara Lezzi è un ministro senza portafoglio, con delega al Sud, ma spende mezzo milione di euro l'anno per otto collaboratori. In linea con i predecessori, gli altri ministri del M5s: Riccardo Fraccaro, delega ai Rapporti con il Parlamento, ha lo staff composto da cinque persone: 225mila euro. Fino ad oggi è costato 75mila euro. La struttura esterna del ministro della Difesa Elisabetta Trenta costa 200mila euro l'anno. Chiudono la classifica i due sottosegretari Vito Crimi (Editoria), supportato da un mini-staff di due persone (120mila euro l'anno) e Vincenzo Spadafora (Pari Opportunità) con 4 persone e una spesa di 165mila euro.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 27/12/2018 - 23:10

Beh,applicano lo "spoils system",che visto all'"americana" significa "sostituire negli Uffici della PA persone "fidate","intonate" con il nuovo Governo",ma all'"italiana","spoils system",signfica:"sistema per sciupare/rovinare"!....Basta la parola!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 27/12/2018 - 23:52

"Piatto ricco mi ci ficco". La realtà supera spesso le peggiori previsioni. Dopo Renzi ora abbiamo Di Maio. Al peggio non c'é mai fine. Amen

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 28/12/2018 - 00:22

Una minima frazione di quanto ci sono costati quelli del pci-psi-pds-ds-pd e dc.

un_infiltrato

Ven, 28/12/2018 - 03:40

Pecunia non olet. Neppure per il governo del cambia mento, inteso, quest'ultimo, quale parte antero-inferiore della faccia. Nel caso di specie, da [omissis].

amicomuffo

Ven, 28/12/2018 - 05:39

il magna magna continua, loro i casti e puri! Solo i fessi ci credono.

Yossi0

Ven, 28/12/2018 - 07:14

Il popolo deve compensare la fame pregressa e quando arriva al potere diventa insaziabile

buri

Ven, 28/12/2018 - 07:34

i grillini sono la disgrazia dell'Italia, il guai è che ve li dobbiamo tenere

moichiodi

Ven, 28/12/2018 - 07:52

Ma se un giornale fa una inchiesta solo su un partito che senso informativo ha?

Duka

Ven, 28/12/2018 - 07:54

CIO' NON OSTANTE IL GILET NON LO INDOSSA NESSUNO. Che popolo di pecoroni!!!