Renzi: "Amo Napoli, ma De Magistris non ha stile"

Il premier attacca il sindaco di Napoli: "Ha parlato di Comune derenzizzato, con scarso stile istituzionale. Io lo rispetto e cerco di evitare di metterlo in imbarazzo con la mia presenza". E sui Cinquestelle "Non ho paura di loro, dove governano litigano e soffrono"

"Amo Napoli in tutte le sue forme, dalla bellezza della città al calore della sua gente" ma "da presidente del Consiglio sono molto rispettoso dell'autonomia istituzionale del sindaco De Magistris. Egli ha voluto esplicitamente marcare un dissenso forte nei confronti del Governo. Ha parlato di Comune 'derenzizzato', con scarso stile istituzionale. Io lo rispetto e cerco di evitare di metterlo in imbarazzo con la mia presenza". Matteo Renzi, in una lunga intervista al Mattino, spiega così i motivi della sua assenza dal capoluogo campano ma "questo non esclude che quando se c’è da intervenire su Bagnoli il governo interviene davanti "alle evidenti mancanze del Comune su questo progetto".

È un'intervista molto incentrata sul Sud con cui il premier cerca di rispondere a chi gli imputa di essersi dimenticato del Mezzogiorno ma se la cava con l'ormai scontata promessa di completare infrastrutture incomplete o ferme da decenni: ""La linea ferroviaria Napoli-Bari era da anni poco più che un disegno sbiadito. Questo governo l'ha rimessa in pista e l'ha fatta ripartire. Stesso discorso per la Salerno-Reggio Calabria, il cui completamento è indifferibile. Certo, so bene che si tratta di opere che avrebbero dovuto essere già concluse da anni. Ma non abbiamo più tempo per piangere, e neanche per criticare chi ci ha preceduto. Dobbiamo fare emandare segnali al Sud. Mentre le parlo, sono a Courmayeur, dove sono appena giunto attraversando la variante di valico e risparmiando mezz'ora di tempo. Presto anche al sud i tempi di percorrenza sulle grandi direttrici saranno diversi".

Dopo De Magistrisi non poteva non mancare un riferimento anche al suo rapporto con il governatore della Campania Vincenzo De Luca che "si è guadagnato il posto che occupa. E ha fatto prima, come sindaco, un lavoro straordinario. Chi lo nega è in malafede, perché l’impegno profuso a Salerno è un esempio per molte altre città". "Oggi - continua il premier - con lui c’è non solo totale collaborazione ma anche da parte mia grande stima personale, al netto di alcune sue dichiarazioni che non condivido, come quelle espresse su Rosi Bindi. Detto questo, avrà il sostegno del Pd, del governo e mio personale".

Parlando degli appuntamenti elettorali che lo aspettano nel 2016 Renzi non vede un grande pericolo per le amministrative ma punta tutta le sua carriera sul referendum costituzionale: "Mentre sul referendum gli italiani votano per scegliere il futuro della democrazia, alle amministrative si va per eleggere un sindaco, quello che deve riparare le buche, mettere a posto i conti del Comune, gestire bene le partecipate. Insomma il referendum sarà una cosa diversa, o no? Sulla Costituzione sono pronto a giocarmi il posto. Sulle elezioni di Napoli se lo giocano e De Magistris e i suoi numerosi sfidanti”. Il segretario-premier non nutre neppure una particolare paura per l'avanzata dei Cinquestelle:"Ho rispetto di tutti e paura di nessuno. Il giorno prima delle europee i sondaggi li davano in testa. Hanno preso la metà dei nostri voti" anche perché "dove governano, litigano e soffrono". "Pensi - conclude Renzi - a quello che sta accadendo a Quarto, a Gela, a Livorno, a Parma stessa. Il problema dei 5 Stelle riguarda loro, non noi. Dal mio punto di vista dico che se il Movimento sarà in grado di esprimere una classe dirigente che sia credibile agli occhi dei cittadini, questo è un bene per la democrazia".

Annunci
Commenti

acam

Gio, 31/12/2015 - 10:42

lo stile non ha importanza quello che manca è il saper fare quello che serve

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 31/12/2015 - 12:03

IO; DA NAPOLETANO DOC NON STIMO DE MAGISTRIS PER LA SCELTA DI NON COSTRUIRE I TERMOVAL É COSI RISOLVERE IL PROBLEMA DEI RIFIUTI A NAPOLI; MA DEVO DIRE CHE MAI COME QUEST;ANNO NAPOLI HA AVUTO TANTI TURISTI STRANIERI CHE HANNO PORTATO MILIONI DI EURO NEI RISTORANTI E ALBERGHI TANTO DA REGISTRARE IL TUTTO ESAURITO; E TUTTO QUESTO É ANCHE MERITO DI DE MAGISTRIS É LA SUA POLITICA CITTADINA;É MATTEO RENZI FAREBBE MEGLIO A RIFLETTERE COSA HA COMBINATO IL SUO SINDACO DI ROMA MARINO CANDITATO DAL PDPCI CHE HA LASCIATO ROMA CREPARE NELLA MUNNEZZA ED ALTRE PORCHERIE PER ANDARE DIETRO AL PAPA NEGLI USA!.

agosvac

Gio, 31/12/2015 - 13:33

Il problema di de Magistris è che come sindaco è stato un fallimento completo. Del resto anche come magistrato non è che sia stato esente da fallimenti completi!!!!! In parole povere: de magistris piace solo a sé stesso, ma non piace a nessun altro. Temo che lo stesso si possa dire anche di renzi!!!!!

fgerna

Gio, 31/12/2015 - 14:21

Pasquale: quest'anno tutta l'Italia a visto più turisti, ma che pensano di napoli e dell'italia tutta? dicono: bellissima ma che è sporca, servizi pubblici fatiscenti, molto cara, servizi in generale da terzo mondo. Se gli chiedi tornerai in Italia? Non credo

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 31/12/2015 - 15:42

#fgerna.Io, quest,anno per le strade di Napoli non ho visto la munnezza che c,era quando Napoli veniva governata dai jervolino e Company,é io non parlo del centro dove cé la galleria, Piazza trieste e trento, oppure Piazza del plebiscito, ma dei quartieri spagnoli é spaccanapoli,é noi italiani siamo abituati a vedere sempre le cose in senso negativo, mentre all,estero ci sono cittá molto piu sporche di Napoli oppure di roma, é per quello che riguarda i turisti stranieri vai su Facebook é troverai turisti coreani,giapponesi,russi,americani é francesi che sono tristi di avere scelto da visitare Napoli solo per 2-3 giorni, é che non si aspettavano di trovare una cittá cosi bella ed ospitale é sicura con un centro storico meraviglioso, é io non vedo solo il lato positivo di Napoli oppure del,italia, ma se noi vogliamo migliorare il nostro paese non dobbiamo fare il catastrofismo che viene descritto dal,estero, ma cominciare a migliorare il nostro modo di vedere le cose.

roseg

Gio, 31/12/2015 - 16:14

Prescindendo da De Magistris, riguardo lo stile il bue da del cornuto all'asino. Ahahahah ha parlato Lord Brummel.

Trentinowalsche

Gio, 31/12/2015 - 18:31

Mah, che volete, da quelle parti, oltre che essere inutile, è pressoché impossibile governare. Chi si candida a ruoli istituzionali può essere solo un millantatore o un masaniello d'annata, che cerca di arraffare quanto può.

Ritratto di MelPas

MelPas

Ven, 01/01/2016 - 01:05

Sono della Sardegna. Anche la nostra bellissima isola è governata da comunisti, quindi non è molto pulita perché anche loro sono sporchi dentro. Per me Napoli è la città più bella d'Italia. De Magistris ?? un velo pietoso !!!! Roma ?? la città eterna, come la chiamano i burini è la più sporca del mondo. MelPas.