Gli attacchi della sinistra spot per il forum di Verona

Gay, femministe e centri sociali contro il Congresso delle famiglie. Risultato: lo seguiranno i media di mezzo mondo

Un primo successo gli organizzatori del 13mo Congresso mondiale delle famiglie, che si apre oggi in una Verona semiblindata, l'hanno già ottenuto. Grazie alla serie concentrica di attacchi subìti, hanno conquistato una ribalta che finora si erano sognati. Il Wcf, sigla inglese (World congress of families) perché i promotori appartengono al grande movimento pro-life americano, negli anni precedenti ha fatto tappa in capitali e grandi città come Praga, Ginevra, Città del Messico, Varsavia, Amsterdam, Madrid. Ha piantato le tende nel cuore dell'Europa e dell'America. Ha richiamato personalità come il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, che l'anno scorso era volato in Moldavia per la 12ma edizione, invitato dalle massime autorità del Paese. Ma nessuno ne aveva parlato, o quasi.

Finora il Wcf non aveva sollevato grandi polveroni in giro per il mondo. Ma adesso che si svolge in Italia, e per giunta in una città di provincia che pure molti si ostinano a descrivere come fosse un covo di neofascisti, il Congresso ha assunto una notorietà planetaria, ha richiamato oltre 200 giornalisti da mezzo mondo, è diventato addirittura una pietra d'inciampo nel cammino del governo italiano. E tutto questo con l'insostituibile contributo della macchina del «politicamente corretto», che alzando il muro dell'ostilità ha regalato al fine settimana scaligero fama, clamore e aspettative che probabilmente nemmeno i promotori si aspettavano.

Contro il Wcf si sono schierati il mondo accademico veronese (500 firme su 700 docenti dell'Università in fondo a un documento di durissima critica), la galassia femminista che era entrata in letargo dagli anni del «bunga bunga», il mondo Lgbt, i sindacati, i partigiani, una grossa fetta del mondo cattolico che ha apertamente preso le distanze dall'evento, oltre a mezzo governo, quello di fede a cinque stelle. Il premier Giuseppe Conte ha negato il patrocinio della presidenza del consiglio e il vicepremier Luigi Di Maio ha elegantemente bollato come «sfigati» e «nostalgici del Medioevo» i partecipanti. I quali hanno il grave torto di ricordare a tutti che un bambino nasce ancora da un uomo e da una donna, e che la famiglia così formata avrebbe semplicemente bisogno di un maggiore sostegno.

In piazza Bra, che ospiterà il Congresso nel palazzo della Gran guardia, sono già andate in scena le prime contestazioni non autorizzate degli attivisti in tuta bianca («per fare pulizie da pericolosi germi infettivi») del collettivo 17 Dicembre, i quali nei giorni scorsi avevano lanciato minacce agli albergatori che avessero osato ospitare i convegnisti. Nel fine settimana si susseguiranno flash mob, marce e tavole rotonde per contestare le tesi dei congressisti: scenderanno in piazza la Cgil con Maurizio Landini, un corteo «transfemminista», il Pd, la Conferenza delle donne del Nordest, il collettivo Non una di meno. In un teatro cittadino si ritroveranno a parlare Livia Turco, Susanna Camusso, Monica Cirinnà, Laura Boldrini.

Per gli organizzatori è tutta pubblicità, per i contestatori potrebbe rivelarsi un boomerang, soprattutto se nei cortei di protesta si dovessero infiltrare delle teste calde per incendiare uno scontro già rovente. E gongola soprattutto la Lega, che domani spedisce a Verona tre ministri guidati da Matteo Salvini per mostrarsi come l'unico partito italiano che difende i valori familiari.

Commenti

venco

Ven, 29/03/2019 - 08:53

Certo che la sinistra da sempre anarcoide, atea, disfattista e pure satanica è contro la correttezza civile, il rispetto reciproco e le tradizioni di cui noi siamo figli.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 29/03/2019 - 09:02

per una cosa così semplice da capire si fa tutta questa ammuina? la famiglia è: un padre uomo, una madre donna e figli, certo la famiglia (vera) si può anche "allargare" con nonni, nonne, zie zii e nipoti, volendo si può inserire anche cognati e cognate!

INGVDI

Ven, 29/03/2019 - 09:20

Il PD, il M5s, il mondo accademico (quello del dio scienza), la galassia femminista, il mondo Lgbt, i sindacati, i partigiani, una grossa fetta del mondo cattolico (quello modernista di papa Bergoglio, per intenderci), rappresentano una società dominata da relativismo e nichilismo, destinata quindi alla naturale estinzione proprio per il suo pensiero di morte.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Ven, 29/03/2019 - 09:50

Si contesta l'ovvietà naturale da parte di una minoranza che nel suo dna ha da sempre la cultura del no a prescindere, compresa appunto quella ovvietà che la natura semplicemente ha evoluto seguendo un proprio criterio che nulla ha a che vedere con le forzature imposte dal genere umano per soddisfare i propri capricci. Ecco allora le sigle della "galassia" femminista, il mondo lgbt, gender, coadiuvati da una parte politica, sindacati e anpi, il cui intento di questi ultimi è la contestazione nei confronti di chi governa ed è schierato a favore della manifestazione pro family. Ciò che suona strano è che persino parte del mondo cattolico si è schierato contro. Non contesto il fatto che ogni essere decida di vivere la propria vita come meglio crede, anche sessualmente, ma che si contesti l'ovvietà. Difficile da condividere. Qui non si parla di diritti dell'uomo perché quelli non mancano...

Totonno58

Ven, 29/03/2019 - 10:23

Quanto vorrei essere lì...sono presente col cuore!:):):)

Mario5009

Ven, 29/03/2019 - 10:38

Bravi!!

Ritratto di The_Paladin

The_Paladin

Ven, 29/03/2019 - 10:42

A me francamente non me ne frega una beata mazza se uno decide di essere sposato, di convivere, di amare un uomo, una donna, un animale, ecc.. A me da però tremendissimamente fastidio che se uno critica la comunità gay, è bollato come fascista, razzista, medievale...se invece è un gay a criticare la famiglia naturale, così come la immaginiamo noi, invece ha il diritto e l'arroganza di essere superiore moralmente. Aggiungo che è per questo che uno diventa intollerante alle varie categorie di Lgbt, di sindacati vari ed eventuali, di associazioni di partigiani varie.

Ritratto di Walhall

Walhall

Ven, 29/03/2019 - 10:59

Questi di sinistra hanno per la testa solo poche cose a cui mirare: tasse tasse e tasse, immigrazione e clandestinità, involuzione e rendere povere le masse, distruzione dell'etica e introiezione "culturale" di parte, burocrazia esasperata e ricevere l'assegno garantito da parte delle criptocrazie. E c'è ancora chi pensa che difendono i lavoratori, le donne, le famiglie e il progresso della civiltà! Per questi soggetti l'opinione altrui è solo terreno per andare sempre contro, perché sterili di contenuti, ma carichi di odio verso tutti quelli che la pensano diversamente da loro...e i soldi per dire assurdità guarda a caso, questi compagni li trovano sempre!

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 29/03/2019 - 11:04

e cosa volete che sia una FAMIGLIA , un UOMO,una DONNA e se Dio vuole dei Figli...... Questa per me' da sempre è e sarà LA FAMIGLIA; poi quelli che vogliono chiamare famiglia un unione di 2 donne,2uomini, o altro...BEH, il "problema è tutto loro"... saluti da Verona !!!!

emigrante

Ven, 29/03/2019 - 11:11

Tutti noi che siamo in vita, e quanti ci hanno preceduti, siamo partiti dall'incontro di un Ovulo con uno Spermatozoo, messi a disposizione rispettivamente da una Donna e da un Uomo. Che sia stato frutto di un atto d'amore, come spero nella maggioranza dei casi, o di una prevaricazione, da lì è originata la vita, con tutte le sue contraddizioni, e con la sua indubbia sacralità. Non riconoscere questo dato elementare, e supportare diversi orientamenti può essere legittimato, ma si tratta di una via che conduce inevitabilmente all'auto-annientamento. Del resto questo fa parte di un dualismo insito nell'uomo, da sempre in difficile equilibrio tra scelte di vita e di morte.

DRAGONI

Ven, 29/03/2019 - 11:12

C'E' UN SILENZIO ASSORDANTE DA PARTE DELLA CEI E DA PARTE DEL CAPO DI GOVERNO DELLO STATO CITTA' DEL VATICANO DI CUI LA CEI E' LA MANO OPERATIVA IN ITALIA!

me.so.rotto....

Ven, 29/03/2019 - 11:15

Quello che fa pensare, e` che il vaticano appoggia moltissime cose che i sinistrati hanno in agenda. E Parolin ha fatto i salti mortali per difendersi, dicendo che l'appoggio vaticano era solo per alcune cose. Perche` per la stragrande maggioranza delle altre cose, e` d'accordo con il PD.

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Ven, 29/03/2019 - 11:35

Storicamente la Sinistra ha prodotto nel mondo solo disastri, guerre, sofferenze e morte (Cccp, Ddr, Europa dell'Est, Cuba, Nord Corea, ecc.). E continua as essere divisiva e a seminare odio puro. Se la SINISTRA si chiama così, ci sarà un motivo.

Totonno58

Ven, 29/03/2019 - 11:44

@DRAGONI...hai omesso la conclusione...meglio accussì!

Totonno58

Ven, 29/03/2019 - 11:50

The_Paladin..." A me da però tremendissimamente fastidio che se uno critica la comunità gay, è bollato come fascista, razzista, medievale...se invece è un gay a criticare la famiglia naturale, così come la immaginiamo noi, invece ha il diritto e l'arroganza di essere superiore moralmente. "...provo a spiegarmi io, mettendomi dalla parte sia della "comunità gay", sia di chi porta avanti certe battaglie (del tutto bipartisan)...chi critica i gay, le loro richieste, nega l'eguaglianza degli esseri umani, se nza distinzione di ecc.ecc...nell o stesso tempo nessuno critica "la famiglia naturale"...quello che viene chiesto, da parte di certi movimenti, è la presa d'atto ch esistono anche "famiglie" d'altro tipo..non vogliamo chiamarle così?chiamiamole unioni...però certi discorsi penso abbiano abbondantemente rotto....farci addirittura un convegno vuol dire rubare braccia all'agricoltura!