"Auschwitz è di parte". Il sindaco di Predappio toglie i fondi alla scuola

Bufera sul primo cittadino. Dalla Raggi al Pd, gara per pagare il viaggio ai ragazzi

Anche per certe questioni servirebbe il Var, la moviola che riavvolge il nastro e spesso ribalta. E il liscio nella porta sbagliata del sindaco di Predappio, Roberto Canali, che nega il treno della memoria ai suoi giovani concittadini perché è di parte, assomiglia a un autogol clamoroso. L'errore è già stato rimediato da altri c'è già l'imbarazzo della scelta tra chi offre l'intero pacchetto viaggio ad Auschwitz ai ragazzi - ma intanto l'idealismo del sindaco Canali non ha scatenato, come auspicato, il dibattito. E già che l'ex campo di sterminio nazista di Auschwitz negli anni è diventato tappa di doveroso pellegrinaggio a prescindere dalle fede politica e religiosa.

Cerca di spiegare il primo cittadino del paese natale di Benito Mussolini, eletto a giugno nella lista civica di centrodestra «Uniti per Pradappio»: «Quando questi treni si fermeranno per conoscere quanto successo alle Foibe o al muro di Berlino per conoscere la tragedia di mezzo secolo di comunismo, vorrà dire che si vorrà avere memoria della storia a 360 gradi e allora saremo ben lieti di collaborare. Ma su questi treni ad un'unica direzione diciamo di no». Il punto di vista dell'amministrazione viene chiarito dal vicesindaco Luca Lambruschi che fornisce una ricostruzione più tecnica. «L'associazione Deina spiega ha richiesto al Comune 750 euro per coprire parte dei costi del viaggio che organizzano ad Auschwitz. Con una lettera da me firmata il Comune ha risposto che per quest'anno il contributo non sarebbe stato erogato. Dal 2014 l'amministrazione ha versato all'associazione 3000 euro per sovvenzionare il viaggio di 11 ragazzi del nostro Comune». «Questa è una fake news continua Lambruschi - che serve solo ad alimentare odio. Se i ragazzi vogliono andare, possono farlo. Pagano la quota intera o l'associazione utilizza i fondi che la regione Emilia Romagna (5000 euro, ndr) o l'unione dei Comuni hanno versato ai comuni italiani».

Ma come detto, oltre allo sdegno generale, c'è già la fila per offrire il biglietto ai ragazzi. Dalla sindaca di Roma Virginia Raggi che offre un passaggio per gli undici ragazzi al prossimo viaggio in primavera ad Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, rispettivamente capogruppo e consigliera regionale del Movimento 5 Stelle. «Nelle prossime ore annunciano - contatteremo le scuole che avevano intenzione di aderire a questa iniziativa per farci carico del contributo che il Comune non vuole offrire. Ovviamente la giustificazione trovata dal primo cittadino di Predappio per non dare l'opportunità di visitare il campo di Auschwitz è volutamente strumentale. Nel frattempo consigliamo a Canali di prenotare anche lui un posto sul treno per visitare Auschwitz e di viaggiare con i ragazzi. Sarebbe un gesto educativo. Successivamente potrà provvedere anche ad organizzare un viaggio nei luoghi della tragedia delle Foibe». Dicevamo dello sdegno, e anche qui c'è la fila nel voler stigmatizzare l'operato del sindaco Canali. Dall'inorridito ministro per i Beni Culturali Franceschini che parla di no «rabbrividente» ad «Alleanza per Israele» che parla di «necessario ricovero psichiatrico per il sindaco di Predappio». Infine il ministro dell'istruzione Lorenzo Fioramonti indica Auschwitz come «parentesi buia dell'umanità» e invita il sindaco a unirsi ai 200 studenti delle scuole finaliste del bando di concorso sulla memoria che saranno premiati al Quirinale. Tutto bene. Ma i nostri politici dovrebbero anche sapere che di campi di sterminio nazisti da visitare non c'è solo Auschwitz, una meta turistico che, evidentemente, regge bene alla concorrenza.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 09/11/2019 - 09:25

giustissimo! non ci può essere solo e soltanto questa parte della storia: esiste anche la storia delle foibe jugoslave e comuniste, la gloriosa barbarigo, e altre storie che i comunisti pretendono di cancellare, come voleva fare boldrini, con i monumenti di epoca fascista...siete malati mentali, babbei comunisti grulli :-)

Chiara Mente

Sab, 09/11/2019 - 10:20

Sciocchezza immensa questa, tipica di una parte della Destra italiana ancora eccessivamente nostalgica del ventennio fascista, morto e sepolto da 80 anni, che impedisce al nostro Paese la propria crescita moderna e capace di guardare al futuro. L'olocausto antisemita, con la sua aberrante macchina di sterminio mirato e programmato, è la sola parte dalla quale occorre sempre guardare, senza eccezioni. Ce ne sono poi tante altre alle quali dare più di uno sguardo e anche molto attentamente, ma niente di paragonabile.

FedericoMarini

Sab, 09/11/2019 - 10:20

GRAZIE SINDACO DELLA LEGA PER AVER APERTO UNA PORTA DESTINATA A RIMANERE CHIUSA PER SEMPRE: I CATTIVI NON SONO STATI DA UNA PARTE SOLA ED I TRENI DELLA MEMORIA DEVONO ESSERE MOLTI ED IN VARIE DIREZIONI PERCHE” NESSUNO DIMENTICHI>

manfredog

Sab, 09/11/2019 - 12:26

...non c'è niente da fare, la loro è la verità assoluta, e se provi minimamente a metterla in dubbio o in discussione (ammesso che ti facciano parlare...), i giusti, buoni e detentori dell'unica verità, ti scaricano addosso una valanga di odio, un odio profondo ed eterno. Figuriamoci un "rifiuto" come questo, che è pure sacrosanto. mg.

manfredog

Sab, 09/11/2019 - 12:29

...la loro verità, assoluta, è come una sorta di protezione, soprattutto ideologica, ma non solo, che poi gli permette di pretendere il diritto di dire e fare quel che più gli pare, oltre che odiare chi non la pensa come loro. mg.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Sab, 09/11/2019 - 13:06

Che stupida idea quella di contrapporre le foibe o i gulag ad ad Auschwitz,come se la storia fosse una par condicio, un contrappeso.Non è così, ogni fatto ha la sua specificità e va affrontato senza mischiarlo o contrapponendolo agli altri episodi.Meglio sarebbe se il sindaco si desse da fare per organizzare o promuovere una visita alle foibe visto che ne è sensibile.Il problema della attuale destra, di cui questo sindaco ha ben sintetizzato il pensiero degli ultimi 20 anni, è che vuole contrapporre all'olocausto i crimini del comunismo, come se fosse un derby, una partita da pareggiare, come se le due cose contrapposte si equivalessero o pareggiassero.Sbagliato, non sarà mai così.Gli orrori della dittatura sovietica e del comunismo vanno conosciuti e studiati indipendentemente da quelli nazi-fascisti, e chiunque pone la questioni in quei termini è semplicemente uno sprovveduto o un nostalgico.

buonaparte

Sab, 09/11/2019 - 15:20

AGGRIPPINA-IL PROBLEMA è CHE I CRIMINI DEL COMUNISMO NON SOLO NON VENGONO STUDIATI,MA NEMMENO AMMESSI.PENSA CHE LE FOIBE LE HANNO SEMPRE NASCOSTE FINO A QUANDO NON è ARRIVATO INTERNET ED ALLORA LA GENTE CHE HA AVUTO I PARENTI UCCISI HA POTUTO SCRIVERE DI LORO E FAR CONOSCERE LA LORO STORIA.STORIA CHE NESSUN MEDIA FINO AD ALLORA NON HA VOLUTO SAPERNE,PENSA IN CHE DITTATURA MEDIATICA VIVIAMO.PENSA CHE NELLA SHOAH ITALIANA SONO MORTI 6219 EBREI-WIESENTAL-NELLE FOIBE CI SONO STATI QUASI 12.000 MORTI IL DOPPIO. PER NON PARLARE DELLE STRAGI PERPETRATE DA PERSONE CHE SI FINGEVANO PARTIGIANI E CHE PARLANO DI QUASI 50.000 PERSONE. IN QUESTE ZONE CI SONO STATE 2 STRAGI SCONOSCIUTE AI PIU .LA STRAGE DI SCHIO COMPIUTA DAL PARTIGIANO BORTOLOSO DETTO IL TEPPA PREMIATO ANCHE DALLA PINOTTI 2 ANNI FA POI DOPO LE POLEMICHE è STATA RITIRATA LA MEDAGLIA E QUELLA TERRIBILE DI ODERZO DI 24 RAGAZZINI.OGGI LA MERKEL HA ONORATO NELLO STESSO GIORNO I MORTI DELLA SHOAH SIA QUELLI DEL COMUNISMO.