Un avvertimento alla Cina: presto toccherà a Pyongyang

L'attacco è stato deciso durante l'incontro con Xi Jinping. Prova di forza per impressionare pure la Corea del Nord

Mentre era ancora in corso la seconda guerra mondiale, il presidente americano Henry Truman tentò di impressionare Josef Stalin durante la conferenza di Postdam il 24 luglio del 1945 sussurrandogli che gli Stati Uniti avevano una nuova potentissima arma, che dodici giorni dopo sarebbe stata sganciata su Hiroshima. Il dittatore sovietico sorrise, disse fatene buon uso contro il Giappone e poi, secondo la versione del maresciallo Georgii Zukhov, disse ai suoi di sbrigarsi con le armi atomiche. Fu la prima volta in cui la forza militare fu fatta balenare nel corso di una trattativa diplomatica. La seconda è stata ieri, quando Trump ha costretto il presidente cinese, suo ospite nella tenuta di Mare-a-Lago, ad assistere in diretta all'attacco americano in Siria. Si ignora che faccia abbia fatto Xi Jinping, che si è formato come giovane rivoluzionario maoista e che oggi guida un impero le cui donne si dicono convinte che il vero presidente americano non sia Trump ma sua figlia Ivanka, considerata una «dea» per bellezza e intraprendenza. Il presidente cinese ha certamente colto il messaggio su quel che può capitare alla Corea del Nord, che a più volte varcato la red line con i suoi lanci missilistici e che cosa possa capitare al suo stesso Paese se andasse in rotta di collisione sulle questioni dei mercati, del commercio e sostegno alla Corea del Nord.

Il problema maggiore oggi è l'attrito crescente con la Russia. La Siria è fin dagli anni Settanta un protettorato sovietico e poi russo, come lo era l'Irak di Saddam. I due dittatori Assad, padre e figlio, sono sempre stati uomini di Mosca, membri dello stesso partito nazionalsocialista Baas. Trump ha bombardato il cortile di casa russo e questo gesto mette in profonda crisi il già deteriorato rapporto speciale fra lui e Putin. Già qualche settimana fa Trump aveva avuto un attacco di violenta collera per una nave spia russa ancorata davanti a Boston. Subito dopo l'insediamento alla Casa Bianca, Trump aveva detto di essere favorevole a una corsa agli armamenti che Putin vede come il fumo negli occhi perché costosa e fondata sull'alta tecnologia: «Adoro vincere le gare, che la corsa abbia inizio» aveva detto il presidente americano.

Putin rispose mostrando in televisione un nuovissimo missile: «Potremmo cancellare dalla faccia della Terra un territorio grande quanto il Texas o la Francia». L'ambasciatrice americana presso l'Onu, Nikki Haley, seguita a mostrare un atteggiamento ostile alla Russia e non accenna a mitigare le sanzioni per la questione ucraina. Infine, cresce il rischio che i boots on the ground i soldati a terra - americani già in viaggio per la Siria possano per qualche disgrazia imprevedibile venire alle mani con i soldati russi provocando un incidente irreparabile, una nuova Sarajevo.

Il partito degli amici di Trump che chiedono di poter lavorare in pace e arricchirsi facendo affari con i russi, aspetta col fiato sospeso l'incontro fra il Segretario di Stato Rex Tillerson (lui stesso un businessman con solide relazioni russe) e Putin al Cremlino, dove si cercherà un accordo sul futuro e anzi un futuro come progetto politico. Il problema dell'intervento americano in Medio Oriente, è quello della endless war, la guerra senza fine e senza fini. Trump vorrebbe levarsi dai piedi Assad ma non può permettersi una Siria fatta solo di macerie, nuovo paradiso per quel che resta dell'Isis. Ma per una Siria decentemente unita occorre che la Russia faccia la sua parte insieme alla Turchia.

Finora si sa che i piani militari approvati ieri da Trump sono gli stessi perfezionati fin dal 2013 quando Obama preparò un attacco in Siria. Il mastino del Medio Oriente, il generale David Petraeus dice che oggi l'America ha imparato abbastanza dai suoi errori per poter vincere la sanguinosa partita, anche perché Trump nel frattempo ha modificato a suo vantaggio le condizioni interne per cui può permettersi un intervento militare senza gravi rischi: ha rimesso in sella il gruppo di comando dei servizi segreti e con il cosiddetto colpo «nucleare» della modifica del regolamento del Senato ha installato Neil Gorsuch come membro della Corte Suprema. Queste novità gli permettono di agire con le mani libere, ma nessuno sa esattamente cosa abbia in mente.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 08/04/2017 - 08:55

ma allora la bomba atomica la aveva soltanto la America ora la hanno molti stati anche musulmani come Iran India ecc..

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 08/04/2017 - 09:20

Come gongolano i megafoni della CIA in Neuropa... non vedono l'ora che scoppi la Terza Guerra Mondiale... magari credono che il padrone abbia per loro un posto in qualche bunker...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 08/04/2017 - 09:24

Tecnologia, tecnologia... quella che negli USA è sempre peggiore.. vedi Tomahawk, F35 ecc... quella che comunque non vince le guerre: vedi Vietnam. Patetici questi americanisti...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 08/04/2017 - 09:45

...gli USA pagheranno per tutti i loro crimini: dal genocidio dei Pellerossa al Vietnam; dagli stermini in Europa e Giappone all'Iraq. Solo questione di tempo. Oggi l'atomica l'hanno anche altri. E soprattutto l'umanità sparsa e meticcia USA non è all'altezza di popoli veri come i russi o i cinesi.

Giorgio Rubiu

Sab, 08/04/2017 - 10:26

#franco-a-trier_DE - Non è questione di quanti Paesi abbiano armamenti nucleari.Qualche paese minore potrebbe decidere di usarlo ma sarebbe reso inabitabile per i prossimi cento anni nel giro di pochi minuti.Non dagli USA ma da USA, Cina e Russia di comune accordo.Tutti sanno che una guerra nucleare sarebbe la prima ed ultima ad essere combattuta.Quella successiva (se ci saranno dei sopravvissuti disposti a farla) si farà con i sassi e le frombole.Il potenziale atomico vale come deterrente.Se usato sarebbe come castrarsi per fare un dispetto alla moglie!

Keplero17

Sab, 08/04/2017 - 10:27

Non credo che si lasceranno impressionare; la mossa di trump è dovuta esclusivamente ad ottenere dal suo partito un appoggio politico che fin'ora gli è stato negato con l'apporto anche della magistratura che ha falcidiato i suoi provvedimenti. Era diventata un'anatra zoppa.

flip

Sab, 08/04/2017 - 11:12

Ausonio. tutto sta a chi le sgancia per primo. Ad Einstein avevano chiesto come sarà la prossima guerra mondiale. rispose: non lo so. ma la quarta la faranno tirandosi le pietre.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 08/04/2017 - 11:36

Il problema è che lo psicopatico nord coreano ha missili nucleari, gli basta spararne uno a casaccio per creare una catastofre. Sarà meglio che i cow boy ci pensino prima di far qualcosa.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 08/04/2017 - 12:23

Chi ha nel sangue 5000 anni di Civiltà non si fa certo impressionare da 4 cowboys. La Cina saprà rispondere al momento giusto. E nel modo più opportuno.

DemyM

Sab, 08/04/2017 - 12:24

Prova di forza made in Usa......e getta!! Ormai, a parte i servi vassali della UE/Nato nessuno prende in considerazione gli ameriCANI. La loro grande potenza distruttiva e tecnologicamente avanzata si e infranta nel Vietnam, Afganistan,Somalia, Yemen, Libia e, adesso vogliono distruggere la Siria come se fossero i paladini della liberta e giustizia nel mondo. Chi ha dato loro questo incarico per distruggere il mondo?

ohibò44

Sab, 08/04/2017 - 13:17

Kim Yong-un non mi ha mai fatto paura ma se lo sceriffo lo attacca allora i bulletti isterici diventano due, una coppia litigiosa, e la cosa mi fa paura, molta paura

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 08/04/2017 - 16:49

questo gringo pazzo le pagherà tutte insieme presto.

ohibò44

Sab, 08/04/2017 - 18:23

Giusta osservazione Ausonio ma, purtroppo, i 5000 anni di civiltà cinesi hanno ben poco a che fare con la democrazia: del tutto ininfluenti sulla Dichiarazione universale dei diritti degli umani che è il vertice della civiltà occidentale Se bastassero i millenni, se fosse il tempo il metro della civiltà peruviani e messicani dovrebbero essere maestri