Banche, al via la Bicamerale Da Mps a Etruria, chi rischia

La commissione d'inchiesta parte a fine mese. Saranno sentiti i vertici, ma pure Bankitalia e debitori insolventi

A parole tutti la vogliono. In pratica il rischio che il cammino della Commissione bicamerale di inchiesta sulle banche proceda alla moviola è molto alto. Ma chi finirà nel mirino di questo istituto di cui martedì 31 gennaio, in commissione Finanze del Senato, si inizierà a definire perimetro e poteri, cercando di arrivare a una sintesi tra i ben 13 disegni di legge depositati?

Matteo Renzi mette le mani avanti e su Repubblica dice di non vedere «l'ora che parta la commissione di inchiesta per fare chiarezza sulle vere responsabilità, dai politici ai manager ai controllori istituzionali». Mario Monti non si sente chiamato in causa e a Rai News 24 dice di sentirsi «assolutamente tranquillo». «L'Italia non aveva una situazione bancaria particolarmente compromessa. Questo era attestato da Bankitalia e Fmi e non c'erano richieste di aiuti. Tanto che Tremonti, prima di noi, aveva faticato a convincere alcune banche a prendere i suoi Tremonti bonds. Il caso serio era Mps, su cui siamo intervenuti e abbiamo dato un prestito ai tassi che l'Ue indicava perché non fossero considerati aiuti di Stato. Successivamente quel prestito è stato restituito».

La Commissione dal punto di vista temporale andrà a indagare sulle iniziative (o sui mancati interventi) dei governi Monti, Letta e Renzi. Sul banco degli imputati, però, saliranno soprattutto i manager delle banche in difficoltà, da Monte dei Paschi a Carige alle banche venete, così come probabilmente verranno i convocati i vertici delle quattro banche popolari su cui il governo è intervenuto l'anno scorso: Banca Etruria, CariChieti, Banca delle Marche e CariFerrara. Naturalmente dovranno dare conto del proprio operato i vertici della Banca d'Italia e della Consob. Le forze di opposizione, poi, intendono convocare i debitori insolventi e ascoltare anche le agenzie di rating.

Il lavoro della commissione di inchiesta si svilupperà su un doppio canale: da una parte la questione delle sofferenze il cui peso con l'intervento pubblico verrà in parte trasferito sui contribuenti. Dall'altra l'emissione delle obbligazioni subordinate da parte delle banche, perché, spiegano in Parlamento, «se c'è il truffato ci deve essere anche il truffatore». Renato Brunetta - che da sempre denuncia le anomalie bancarie e da oltre un anno chiede l'istituzione di una commissione di inchiesta - è probabile che possa assumere un ruolo di primo piano nell'organismo. Il presidente dei deputati azzurri chiede che la presidenza sia assegnata all'opposizione, ma molti sono scettici sulla reale volontà del Pd di creare le condizioni per andare fino in fondo, senza addomesticare questo istituto.

«È chiaro che dovremo capire cosa faceva la Vigilanza della Banca d'Italia mentre le banche accumulavano debiti su debiti» spiega il senatore Lucio Malan. «Inoltre le banche dovranno illustrarci i meccanismi in base ai quali venivano erogati i prestiti oggi in sofferenza. Quali garanzie venivano fornite? Ci sono state pressioni politiche? Quali azioni sono state compiute per rientrare del debito? Il punto è che se un artigiano è sotto di 500 euro arrivano i solleciti, cosa è stato fatto nei confronti di aziende e imprenditori insolventi? Renzi dice di non avere responsabilità? Nei primi 9 mesi del 2016 14 miliardi di depositi hanno lasciato Mps. Appare evidente che se il suo governo fosse intervenuto prima il decreto fatto ora da Gentiloni sarebbe costato molto di meno».

Commenti

giovinap

Mar, 17/01/2017 - 08:37

m.p.s. e etruria ci sarà un inchiesta ah ! ah ! ah ! composta e nominata da chi ? ah ! ah ! ah ! questa commissione sarà una cosa seria solo se nominata dalla segreteria del pd e se ne fanno parte la boschi , il padre , il fratello , napolitano .renzi(padre e figlio) alfano , monti ah ! ah ! ah !

Happy1937

Mar, 17/01/2017 - 08:51

Tranquilli: con le Commissioni Bicamerali tutti i salmi sono sempre finiti in gloria.

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 17/01/2017 - 09:28

ci penseranno tutti i nominati da "giovinap" ad affondare le, eventuali, commissioni d'inchiesta!!!

Zizzigo

Mar, 17/01/2017 - 10:35

Una commissione "non vedo, non sento, non parlo".

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Mar, 17/01/2017 - 10:55

ECCO: LA COMMISSIONE D'INCHIESTA. Le intenzioni della commissione d'inchiesta sono già ben chiare nel fatto che LA PRESIDENZA NON E' STATA DATA ALLE OPPOSIZIONI! Quello che serve è un POOL DI VERI MAGISTRATI organizzato per scoperchiare il pentolone di questa nuova organizzazione che IN VARI MODI E MANIERE saccheggia il RISPARMIO PRIVATO già da almeno venti anni consolidando immenso potere ed esorbitanti ricchezze diramate su conti esteri protetti.

unosolo

Mar, 17/01/2017 - 10:58

la commissione per la inchiesta è manovrabile , se fosse stata una cosa seria la magistratura avrebbe dovuto indagare dal 2011 in avanti colpendo i vari CDA e tutti i dirigenti delle banche fermando il TFR e rimborsi a tutti i livelli pignorando beni delle banche e dei CDA , solo quello poteva dare voce alle verità nascoste e tutelate con decreti del governo fuggito , hanno salvato i ladri a discapito dei risparmiatori e correntisti , hanno fatto perdere fiducia in certe banche fermando la intera economia Nazionale al solo scopo personale , nella commissione non mi fido e non serve a nulla ,,,

unosolo

Mar, 17/01/2017 - 11:00

un'altra presa in giro per acquisire ancora consensi elettorali , questa commissione non porterà mai verità anzi,,,,,

unosolo

Mar, 17/01/2017 - 11:01

quanto ci costa in euro questa nuova trovata di commissione ? soldi spartiti per trombati politici o solo amici per doppi rimborsi e stipendi

giovanni PERINCIOLO

Mar, 17/01/2017 - 11:04

Finirà a tarallucci e vino, ci sono di mezzo troppi "onesti a prescindere" targati pd e dintorni!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 17/01/2017 - 11:11

Chi rischia? Siamo noi che rischiamo, dato che saremo noi contribuenti a pagare i crediti della banca senese ora statale, ma non ci è data neppure notizia di chi siano i furbi debitori che non hanno saldato i conti, quelli che ovviamente saranno saldati con i nostri soldi. Grazie Gentiloni, grazie Renzi, grazie Boschi.

patrenius

Mar, 17/01/2017 - 11:17

Attenzione, in Italia le commissioni d'inchiesta si fanno per dimenticare e insabbiare, mai per scoprire la verità!

i-taglianibravagente

Mar, 17/01/2017 - 11:40

ahahaha!!! Le commissioni d'inchiesta......un'accozzaglia di figuranti a libro paga nostro....che blatereranno, si riuniranno, verbalizzeranno per anni e anni ...sempre a spese nostre...con il solito, totale, assoluto NULLA come unico risultato.

VittorioMar

Mar, 17/01/2017 - 11:55

...purtroppo fra i tanti nomi manca quello di BERLUSCONI O DELLE SUE AZIENDE e ...non ci sarebbe stata necessità di alcuna commissione.....e si sarebbero salvati tutti gli altri !!!..sarebbe bastata la "FURIA CIECA" DI TUTTE LE PROCURE D'ITALIA E LA CONTINUA AGGRESSIONE MEDIATICA!!

Anonimo (non verificato)