Banche a picco in Borsa. I nostri risparmi sotto attacco

Unicredit cede il 9,4% e Intesa il 3,5%, ora si teme che il piano di salvataggio di Mps provochi un contagio

Banche italiane sotto scacco e, con loro, i risparmi degli italiani. L'esito tutto sommato positivo degli stress test, pubblicati venerdì sera a mercato chiuso, non è bastato a sostenere i titoli in Borsa appesantita anche dai dati macroeconomici in arrivo dagli Stati Uniti con il rallentamento dell'Ism, l'indice che misura l'attività del sistema manifatturiero.

Il mercato, dopo l'ennesimo piano di salvataggio sistemico di Mps, teme il contagio, ovvero che anche le banche più solide, chiamate ad accollarsi il peso dei buchi di bilancio altrui, prima o poi siano «infettate». A quel punto, l'unica via di risalita passerebbe dalla strada del bail-in ovvero coinvolgendo azionisti, obbligazionisti e risparmiatori. Uno scenario estremo, ma che diventa terreno fertile per la speculazione, anche internazionale, che da mesi tiene in scacco gli istituti dicredito.

Piazza Affari, dopo un avvio positivo, è stata così travolta dalle vendite sui bancari. A salvarsi, tra le big, è stata solo Monte Paschi, peraltro protetta dal divieto di vendite allo scoperto da parte della Consob. La tempesta ha invece travolto Unicredit (-9,4% a 1,9 euro) per cui l'Eba, l'Authority che ha curato gli stress, ha calcolato una solidità patrimoniale del 7,1% nel caso l'Europa cadesse in una profonda recessione. Abbastanza per dare maggiore forza al timore della Borsa che Unicredit dovrà affrontare una massiccia ricapitalizzazione, secondo alcuni analisti tra 5 e 8 miliardi. A picco anche Banco Popolare (-5% a 2,39 euro), Ubi (-6,2% a 2,5 euiro), Carige (-6,8% a 0,31 euro), Popolare Milano (-6,2% a 0,4 euro), Bper (-5,6% a 3,4 euro) e Credem (-2,65% a 5,52 euro). E non è stata risparmiata Intesa Sanpaolo (-3,5% a 1,9 euro) che pure, con un indice Cet1 al 10,2% calcolato nelle peggiori ipotesi di recessione, è risultata tra le migliori banche d'Europa agli stress test.

«Il mercato intravede un rischio sistemico del settore bancario» sostiene un esperto del settore che preferisce l'anonimato, secondo cui «il timore è quello che dalle banche più solide a livello patrimoniale, siano drenate risorse a sostegno dei salvataggi di sistema, allargando quindi la portata del contagio». «I problemi delle banche italiane sono essenzialmente due: la redditività sempre più ardua da ottenere in questo scenario di mercato con tassi rasoterra e la colossale massa di sofferenze che sommerge il settore», sostiene Stefano Gianti di Swissquote. In effetti, le banche italiane pur avendo registrato dati patrimoniali buoni, sono vittime del virus dei deteriorati: «Un terzo circa dei non performing loan europei pesa sulle banche italiane e rimane, oggi, un problema insoluto», aggiunge Gianti.

Il futuro delle banche italiane deve quindi passare da un graduale smaltimento delle sofferenze. E non solo da soluzioni dettate dall'emergenza come è avvenuto per Mps. Se è vero che il sistema sta salvando Rocca Salimbeni, garantendo la futura ricapitalizzazione da 5 miliardi e concorrendo a rilevare parte delle sofferenze del Monte al 33% del nominale, non è affatto detto che una simile e costosa soluzione possa essere replicata in futuro per altre situazioni che lo richiedessero. Insomma il salvataggio di Mps ha aperto la strada a una voragine di dubbi. Senza considerare che anche l'esito della maxi-ricapitalizzazione di Mps non è così scontato. «Permangono incertezze sulle modalità ella cartolarizzazione (delle sofferenze ndr)» commenta Luca Comi di Icbi. Non solo. Per l'analista l'aumento di capitale del Monte potrebbe risolversi con molto inoptato e quindi con il conseguente rischio di un elevato accollo da parte delle banche del consorzio di garanzia. Le quali probabilmente proporranno una struttura dell'aumento iper-diluitiva, così da assicurarsi un prezzo di sottoscrizione molto basso.

Commenti

marygio

Mar, 02/08/2016 - 09:52

ci si deve preoccupare dei crolli per gli adc...altrimenti o crolla tutto e niente vi salva o rivedrete sempre i vostri soldi anche finissimo a 11000 di mib. bye

tiromancino

Mar, 02/08/2016 - 14:35

Mi sembra la Grecia mps,a furia di prestare soldi ci siamo indebitati noi,meglio il fallimento cosi era chiaro che questi comunisti in economia sono delle chiaviche,ne più ne meno degli altri

marygio

Mar, 02/08/2016 - 16:47

NTESA SANPAOLO: MESSINA, COVERAGE MPS NON PUO' ESSERE USATO PER ALTRE BANCHE MILANO (MF-DJ)--"Solo la speculazione o analisti non troppo svegli possono pensare di fare un esercizio di questo tipo. E' chiaro che non e' possibile paragonare una banca che deve sopravvivere con un vero campione del mercato. Non e' cosi' corretto da parte di un analista esercitarsi a usare la stessa copertura dei crediti di Mps per altri player. E' quanto affermato da Carlo Messina, Ceo di Intesa Sanpaolo, nel corso della conference call di commento ai conti rispondendo a chi gli chiedevano se il livello di copertura di B.Mps potesse essere considerato un benchmark anche per altri istituti. fus (fine)