Becca uno straniero senza biglietto: capotreno pestato in stazione

Pizzica un migrante senza biglietto e lo invita a scendere dal treno. Ma viene pestato selvaggiamente. I pendolari: "Ormai si viaggia nel terrore"

È salito sul treno senza biglietto, poco dopo mezzogiorno di venerdì. Poi, alla richiesta del titolo di viaggio, ha dato in escandescenze e si è scagliato contro il capotreno che lo aveva invitato a scendere dal convoglio. Un pugno e un violento colpo sul viso. È successo a Cremona, a bordo di un treno proveniente da Milano e diretto a Mantova. Protagonista dell’episodio violento un immigrato di cui non si conoscono le generalità, perché dopo l’aggressione si è dato alla fuga. A chiedere il titolo di viaggio era stato un operatore di Trenord, 58enne, che dopo aver fatto notare allo straniero che per viaggiare è obbligatorio essere in possesso del biglietto, ha "incassato" la risposta violenta dell’immigrato. Secondo quanto riporta la Provincia di Cremona il 58enne in servizio sul treno avrebbe riportato alcuni traumi e lesioni, e sarebbe stato prontamente soccorso dagli operatori del 118, prima di essere trasportato all’Ospedale Maggiore di Cremona per tutti gli accertamenti del caso. Dopo l’aggressione, lo straniero si è dato alla fuga. Inutile il tentativo del capotreno di rincorrerlo. In quella circostanza il 58enne sarebbe anche caduto, nel tentativo di raggiungere l’immigrato e di allertare le forze dell’ordine. "Non ho potuto fare nulla, se non chiamare le forze dell'ordine", è il commento di una donna che a bordo del treno ha assistito alla scena.

Sono lievi le lesioni procurate dall’uomo. Ma resta l’amarezza del gesto, che peraltro non è il primo che si verifica a Cremona. L’8 aprile scorso, un nigeriano sprovvisto di biglietto aveva aggredito un agente della Polfer in stazione. E tra i pendolari e il personale a bordo dei convogli adesso sale la paura. "Spesso - racconta un pendolare che si sposta ogni giorno a bordo dei treni - ci troviamo a bordo dei convogli nelle ore serali, durante il rientro a casa, senza alcuna guardia giurata e completamente allo sbando. I controllori si 'rinchiudono' giustamente in testa al treno, insieme ai macchinisti. Ma tra i passeggeri non c’è sicurezza, e si viaggia nel terrore che qualche malintenzionato possa salire e farci del male".

Dura la presa di posizione dei pendolari della linea Mantova-Cremona-Lodi-Milano, rappresentati da Matteo Casoni del comitato ‘In Orario’, che all’ennesimo caso di violenza in stazione rispondono con un comunicato. "Chiediamo di predisporre con la massima urgenza servizi di prevenzione a bordo dei treni, nelle stazioni e nei locali delle Ferrovie, con l’ausilio del Personale di Polizia o altro organo di Polizia Giudiziaria. Continuamente avvengono episodi a danno dei viaggiatori, con intimidazioni, minacce, ingiurie, e talvolta gli stessi vengono privati degli oggetti, quali cellulari, tablet. Da semplici episodi divengono oramai episodi continui, con assidua presenza di extracomunitari privi di documenti di identità e titolo di viaggio, ed il personale viene aggredito e picchiato, come successo alcuni giorni fa alla Stazione Ferroviaria di Cremona. Attendiamo di apprendere dai Destinatari della presente comunicazione, rassicurazioni e misure atte a contrastare questi fenomeni di delinquenza giornaliera".

Commenti

Martinico

Mar, 11/07/2017 - 18:10

Fino a quando dobbiamo leggere e sopportare in silenzio?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 11/07/2017 - 18:12

Sono del parere che,ora più che mai, anche sui treni ci vuole ordine pulizia,disciplina. La Boldrini dica quello che vuole....

Beaufou

Mar, 11/07/2017 - 18:17

I passeggeri dei treni è inutile che si piangano addosso. Si armino e siano pronti a reagire, se ci tengono alla loro incolumità e dignità: i bellimbusti dalla violenza facile contano proprio sulla mancanza di reazioni. Ma a forza di non reagire, ci faranno fuori. Sveglia.

cgf

Mar, 11/07/2017 - 18:18

dovrebbero accedere ai binari solo coloro che sono provvisti di biglietto, non è poi difficile farlo, ci sono tantissimi Paesi che già hanno questa regola e mi sembra più che ovvio, senza biglietto non accedi. NESSUNA SCUSA! Necessiti di assistenza? c'è chi ti aiuta, vuoi parenti/amici? allora debbono viaggiare insieme a te, non sono 300 metri a fare la differenza nel viaggio.

Ritratto di maustufo.

maustufo.

Mar, 11/07/2017 - 18:21

Vedremo se la Sig.ra Boldrini si scandalizzera' e si offendera' piu'per questi fatti o per chi, ricordando il ventennio, cerca un po'di regole...in attesa della risposta proporrei a fine legislatura per la suddetta un bell'impiego come controllore su un treno delle ferrovie dello stato.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 11/07/2017 - 18:22

Poiché nel mondo del PD non si può fare altro, ripeto poiché nel mondo del PD non si può fare altro, non resta che lasciar viaggare gratis le risorse. Piuttosto che far rischiare la vita ai capitreno, controllare solo gli italiani e non avvicinarsi nemmeno alle risorse. Se qualcuno ha una soluzione FATTIBILE migliore (nel mondo del PD) la esprima. Evitare per favore: espellerli, arrestarli, far salire guardie armate sui treni, eccetera, sappiamo che sono soluzioni NON FATTIBILI nel mondo politicamente corretto del PD.

routier

Mar, 11/07/2017 - 18:31

E pensare che c'è qualcuno che li vuole anche adottare legiferando sullo "ius soli". PATETICI E MISERABILI !

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 11/07/2017 - 18:33

Questa è una guerra tra delinquenti stranieri e Italiani, ma con la sola differenza che le guerre si combattono, noi invece la stiamo solo subendo. Auspico presto un moto d'orgoglio!

Anonimo (non verificato)

honhil

Mar, 11/07/2017 - 18:45

Per il presidente della Camera, sono risorse all’opera. Ma cosa ne pensa, il Presidente della Repubblica?

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 11/07/2017 - 18:46

Ennesimo episodio delle "risorse" volute dal PD. Non si riesce nemmeno a fare delle leggi efficaci sull'espulsione immediata di extracomunitari che vengono da noi a delinquere. Ci sono anche ambasciate e consolati di quei paesi che ci regalano questi delinquenti. Perché non espellerli portandoli nella loro ambasciata?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 11/07/2017 - 18:50

Ma sì diamo a tutti lo ius soli, solo per gli stranieri stabilizzati sul sacro suolo italico, mentre per i cittadini figli di cittadini da sette generazioni basta contentarli con la "ius sòla", e così saranno felici e contenti e non scateneranno le loro rabbie ancestrali verso i (s)f(i)ortun(g)ati cittadini doc italiani.

giovanni951

Mar, 11/07/2017 - 18:51

é un classico....qualcuno si stupisce? e meno male che il capotreno non ha reagito se no si beccsva una denuncia. E qualche giudice lo avrebbe condannato. Le risorse vanno tutelate,

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 11/07/2017 - 18:55

Sono risorse!Dovreste essere onorati che si "abbassano" ad usare i mezzi pubblici italici!ACCHHH SOOOO!!!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di adl

adl

Mar, 11/07/2017 - 19:57

NON E' COME SEMBRA a tutti, è come GLI STORY TELLERS ovvero i CANTA STORIE RACCONTANO: Dopo aver picchiato il capotreno la risorsa si è recata alla sede Inps più vicina a versare i contributi per le pensioni dei ferrotramvieri.

alkhuwarizmi

Mar, 11/07/2017 - 20:02

Vorrei poter leggere, qualche volta, che la conclusione è stata quella opposta, con un clandestino in ospedale. Ormai è come un sogno.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 11/07/2017 - 20:15

votate pd, votate.

maurizio50

Mar, 11/07/2017 - 20:17

E i super cr.etini del P.D. vogliono regalare la cittadinanza italiana a queste scimmie selvagge!! Quando il Popolo scenderà in piazza contro le follie messe in cantiere dai Compagni??????

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Mar, 11/07/2017 - 20:24

Capotreno razzista,xenofobo e pure fascista (che ci sta sempre bene)......

ziobeppe1951

Mar, 11/07/2017 - 20:34

Le risorse vanno capite..è il richiamo della foresta e poi c'è il primo emendamento boldrinoviano ..SOFFRE I CONTROLLI!!!!

Ritratto di duliano

duliano

Mar, 11/07/2017 - 20:42

Adesso, con il nuovo reato della tortura, il capotreno rischia grosso: oltre ad aver rovinato la mano della "risorsa" con la sua faccia, gli ha causato sicuramente uno stress emotivo oltre che fisico (visto che ha dovuto correre con questo caldo per allontanarsi); mi chiedo se dopo questo traumatico episodio sarà ancora in grado di pagarci la pensione!!!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 11/07/2017 - 20:54

Lo dico e lo sottoscrivo. Se mi dovesse capitare di assistere ad una cosa del genere, gliene dò tante ma tante e poi me e vado!

Anonimo (non verificato)

killkoms

Mar, 11/07/2017 - 21:11

i "ferrovieri" una volta erano "tradizionalmente" comunisti!possono dire grazie ai comunisti se siamo arrivati a questo..!

manfredog

Mar, 11/07/2017 - 21:28

Vent'anni fa una cosa del genere sarebbe stata considerata quasi assurda (e vent'anni non sono molti..); oggi sono cose all'ordine del giorno; se continuiamo ad in vestire in Italia su queste risorse, per la nostra crescita, cosa sarà tra altri venti anni..!?..saremo la nazione più ricca del mondo..!! mg.

Giorgio5819

Mar, 11/07/2017 - 22:12

E' ora di organizzare rastrellamenti e deportazione di TUTTA la mer.da che la sinistra ha importato negli ultimi anni, e' ora di ridare dignità all'Italia, con le buone o con le cattive.

Tarantasio

Mar, 11/07/2017 - 22:15

è vero che i passeggeri avrebbero dovuto dare manforte al capotreno ma se ci scappava il cazzotto sul grugno poi dovevano vedersela con il giudice...

mareblu

Mar, 11/07/2017 - 22:51

NON E' GUARDIA GIURATA CHE DEVE PREVENIRE TALI REATI!. LA QUALE GUADAGNA SI O NO MILLE EURO AL MESE !!!!!: MA I PAPPONI STATALI!!!!. I QUALI ARRIVANO A PRENDERE PIU' DEL DOPPIO DI STIPENDIO. IN OGNI CASO, IN ITALIA DA PARTE DELLO STATO LA PREVENZIONE DEI REATI NON ESISTE PIU'.COME SI DICE ( DOPO AVER PERSO I BUOI VA RACCATTANDO LE CORNA!!!.)

bobots1

Mar, 11/07/2017 - 23:27

Queste notizie vengono tenute ben nascoste dalla gran parte dei giornali...chiaramente di sinistra e che devono indirizzare l'attenzione da altre parti...gli immigrati sono tutte brave persone e poverette, facciamoci l'ennesimo report strappalacrime...

Antonio.elle

Mar, 11/07/2017 - 23:33

E anche se lo prendessero cosa gli succederebbe? Con il garantismo del centro destra farlocco italiano, niente.

Ritratto di frank60

frank60

Mer, 12/07/2017 - 06:42

Quando mai una preziosa risorsa paga il biglietto?

Ritratto di mircea69

mircea69

Mer, 12/07/2017 - 09:00

Con questa gentaglia la logica delle multe non funziona perché non hanno niente da perdere. L'unico deterrente possibile sono le pene corporali: Non hai i soldi per la multa? Ti prendi n bastonate sulla schiena (come fanno a Singapore).

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 12/07/2017 - 09:14

se raccontassi questo fatto non mi crederebbero, se fosse successo qui la polizia lo avrebbe impachettato e portato il galera in attesa del processo e dopo qualche annetto di galera rispedito al suo paese.

PDIsla§

Mer, 12/07/2017 - 09:35

Antonio.elle Mar, 11/07/2017 - 23:33 E anche se lo prendessero cosa gli succederebbe? Con il garantismo del centro destra farlocco italiano, niente.IL SOLITO CENTRO SOCIALE BLACK BOOC. ELLE? MI FACCIA LA STESSA COSA E POI VEDRA'.....QUANDO VUOLE.

buri

Mer, 12/07/2017 - 10:19

ma quante belle risorse

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 12/07/2017 - 10:32

Un bel Taser in dotazione ai controllori

zadina

Mer, 12/07/2017 - 11:17

Nuovamente una di quelle risorse della Boldrini che incrementa la economia, si la fanno incrementare coi ricoveri ospedalieri che procurano alla popolazione Italiana, questo signore bene educato dalle buone maniere ha dimostrato il progresso la sensibilità il comportamento che noi Italiani dobbiamo imparare da LORO come predica la Boldrini e abbracciare l'islam che portano progresso, ordine, pulizia per esempio fare visita di cortesia nei locali dove LORO sono concentrati ( GUARDA E IMPARA) povera illusa che dirigenti ci anno imposto quesi politicanti incapaci.

Alessio2012

Mer, 12/07/2017 - 11:21

Gli italiani devono "espiare" le loro colpe per le leggi razziali volute dal re d'Italia. Così hanno deciso i comunisti.