Il metodo Renzi: non pagare

Il premier non salda i debiti e non onora gli impegni con lavoratori, polizia e pensionati

Diego Della Valle e Flavio Briatore non sono due pericolosi sovversivi. Sia pur «diversamente», sono imprenditori di successo, danno lavoro a migliaia di persone e trattano da controparte con sindacati non certo amici. Per questo deve far riflettere che entrambi, ieri, abbiano dato la stessa lettura non convenzionale del caso Colosseo, i sindacati che chiudono i cancelli in faccia ai turisti per riunirsi in assemblea con i custodi. C'è un problema di senso di responsabilità dei lavoratori – dicono –, ma ancora prima c'è un problema di rispetto dei lavoratori che hanno diritto ad essere pagati puntualmente per il lavoro che svolgono. Cosa che, nel caso in questione, non avviene.

È un vizio antico di questo Stato non rispettare gli impegni e i contratti che stipula con i cittadini. E Matteo Renzi, in questo vizio ci sguazza. Invece di occuparsi a tempo pieno di come «pagare» senatori dell'opposizione per far approvare le sue riforme, il premier dovrebbe prima accertarsi che ai suoi dipendenti venga corrisposto il pattuito, siano essi i custodi del Colosseo o i poliziotti e i carabinieri costretti a straordinari gratis.

Dovrebbe, il premier, far saltare fuori gli ottanta miliardi che ancora ha di debito con le imprese che hanno lavorato per lo Stato prima di scatenargli contro gli esattori di Equitalia. Dovrebbe dare ai pensionati quanto dovuto di arretrati dopo un blocco degli scatti che anche la Corte Costituzionale ha definito illegittimo ed illegale. Non dovrebbe far sparire, da vero sciacallo, i soldi già stanziati per indennizzare gli esodati.

C'è da fidarsi di un uomo, di un capo che non paga dipendenti e debiti e poi alza la voce contro i creditori che bussano alla sua porta? Se fosse un imprenditore, oltre che incapace e fallito, si direbbe che è un bandito. E avrebbe buone probabilità di finire in carcere per bancarotta fraudolenta perché ha distratto fondi comprando posti per senatori, aerei ed auto blu. Del resto, cosa c'è da aspettarsi da un signore che non ha mai lavorato un giorno in vita sua ma ha sempre ben campato sulle spalle dei contribuenti?

Commenti

Ora

Lun, 21/09/2015 - 12:54

Ma lei considera la Lega di Salvini un partito moderato? Propongo il nuovo nome del centro destra "LE RUSPE MODERATE" Da un ex elettore di F.I.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 21/09/2015 - 14:31

Raspini

Fab73

Lun, 21/09/2015 - 14:58

Ok. Ormai sappiamo tutti che chiedere un po' di coerenza e logicità a Sallusti è come chiedere un gesto di onestà a Berlusconi o l'uso corretto dei congiuntivi a Biscardi... Ma qualcuno mi spiega la relazione tra il titolo e l'articolo!!??!!

fisis

Lun, 21/09/2015 - 15:19

Subiamo un'invasione epocale che rischia di distruggere la nostra civiltà, oltre che il nostro benessere. Nonostante ciò, qualcuno nel centrodestra parla di moderati. Il tempo per essere moderati è finito. Difendiamo la nostra sopravvivenza e quella dei nostri figli.

Rossana Rossi

Lun, 21/09/2015 - 15:49

E che va alle feste del suo schifoso partito di ladri con 24 auto al seguito più due motociclette? Nemmeno la regina d'Inghilterra ha tutto 'sto seguito......Fab73 dal tuo insulso commento si deduce come tu capra rossa capisci niente, te lo spiego io cosa c'èntra l'articolo. Siete un partito di LADRI BUFFONI USURPATORI E APPROFITTATORI, non pagate chi va pagato e sperperate le NOSTRE risorse per far la bella vita tra codazzi di lecchini favoriti, di auto blu e di jet all'americana......altro che Berlusconi, non siete degni nemmeno di nominarlo, farabutti imbroglioni che non siete altro.......

Zizzigo

Lun, 21/09/2015 - 16:14

Ma non occorre scrivere tante righe, per dimostrare che Renzi, con i suoi "non eletti", siano il fallimento dell'economia, della politica e dell'etica!

moichiodi

Lun, 21/09/2015 - 16:25

sallusti sconnesso: ha dimenticato di cambiare il titolo dell'articolo. dov'è la crociata? se doveva scrivere contro renzi, il parassita, poteva benissimo scriverlo anche all'articolo. che male c'è? comunque anche oggi, il compitino è fatto.

moichiodi

Lun, 21/09/2015 - 16:25

...scriverlo al TITOLO......

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 21/09/2015 - 16:26

I lavoratori pubblici dovrebbero aver capito da tempo che il loro spesso non è un lavoro oppure al contrario è una tortura per gli stessi motivi e che il salario, specie se straordinario, talora è motivato da episodi poco chiari. Ambedue le parti lo sanno bene. Le imprese che han fornito opera e merci ala pubblica controparte si ritiene comunemente che lo abbiano fatto in circostanze dove l'opera o la merce non era del tutto necessaria e comunque fornita ad un prezzo superiore. Si ricava infatti da notizie e fatti di comune conoscenza che ogni lavoro od opera richiesta nasconda una italica mazzetta. Anche qui il tacito ed italianissimo "io ti faccio fare un lavoro non del tutto necessario e super retribuito e tu poi..." Appunto, poi. Tragica fine han fatto gli onesti che in buona fede han creduto che un lavoro fosse un lavoro e la sua retribuzione un fatto naturale. In italia non è così.

INGVDI

Lun, 21/09/2015 - 18:00

Tutto vero quanto afferma Sallusti. Il problema rimane perché, individuato il pericolo, elencati i danni, non si suggerisce il rimedio. C'è da fidarsi di Renzi? Certamente no! Per troppo tempo Berlusconi gli ha dato fiducia e così pure Sallusti in molti articoli. La prima cosa da farsi è cacciare il Pifferaio ma solo Salvini è (forse) dell'idea. E intanto la casa brucia.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 21/09/2015 - 18:12

Sallusti... perdoni la mia insolenza, ma voi de' "l'opposizione responsabile", quando comincerete a dichiarare guerra, quella vera e non a chiacchiere, a quelli de' "il governo, anzi no, i governi abusivi?" O avete intenzione di continuare ad libitum e from here to eternity, in questo giochetto basato sugli scioglilingua verbali? Al ladro, se gli si accendono le luci addosso, questi smette di rubare... perchè continuate a tenere spente le luci su Renzi? DOVETE MANDARLO A CASA CON LE BUONE O CON LE CATTIVE, perchè se non lo fate, da qui in avanti a casa ci andrete tutti. Basta chiacchiere...

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 21/09/2015 - 18:28

PAFARE? QUESTA PAROLA IL PINOCCHIO NON LA CONOSCE,SA SOLO FARE LO SBRUFFONE

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Lun, 21/09/2015 - 18:31

Nonostante tasse e tutte le mangerie il popolo dem va sempre a votare per il putto fiorentino. Questa estate ero in una enclave ROSSA che più rossa non si può....ho sentito dire cose indecenti, miliardari che ai miei rimbrotti mi rispondevano : ...e ora si deve pagare qualcosa in più ma tutto va bene...PAZZESCO . roba da cervelli all'ammasso. Gwendolin

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Lun, 21/09/2015 - 18:34

E' comoda fare il comunista con la BMW in garage e pensioni maxi..... Cari Komunisti provate a frequentare gli ospedali in corsia e non le cliniche private dove magari non pagate neppure, andate a fare la spesa nei mercati a poco prezzo e poi vediamo chi voterete....July

vincar

Lun, 21/09/2015 - 19:37

Vedrete che alle prossime elezioni politiche il popolo bue ci ricascherà a piè pari.

little hawks

Mar, 22/09/2015 - 06:56

Per onestà devo dire che mi pare di ricordare che almeno fin dall'epoca di Tremonti i debiti dello Stato sono stati soggetti a metodi di finanza creativa per cui si mettevano in bilancio i soldi per un determinato scopo e poi li si distoglieva a metà anno, con astuzia prepianificata. Il vero problema è che per pagare la casta le spese sono così elevate che i fornitori devono aspettare, prima vengono i potenti che si fanno d'oro con i nostri voti, e molto dopo chi ha lavorato per far funzionare questo povero paese.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Mar, 22/09/2015 - 14:57

Ahahaha!... In giro si sente dire che, tutti i "furboni" che hanno messo a disposizione alberghi e strutture (più o meno cooperativizzate, più o meno pubbliche) contano su "soldi sicuri perché statali", voglio ben vedere che cosa faranno questi "furboni" quando il bancarottiere pirla-scout avrà interrotto i pagamenti, esattamente come lui ed i suoi irresponsabili predecessori hanno interrotto i pagamenti alle imprese che hanno lavorato per lo stato!... Da anni!... Ospiteranno gratis i clandestini? Non credo proprio...

rigadritto

Mar, 22/09/2015 - 18:44

che cosa intende per "non aver mai lavorato" Sallusti? Presidente del Consiglio non è un lavoro? O Sindaco? La Politica non è un lavoro? solo lei lavora? finiamola col qualunquismo di basso rango

igna08

Gio, 24/09/2015 - 00:38

Rispondo a -ora- Se le RUSPE servono a tirare fuori il MARCIUME, ben vengano LE RUSPE MODERATE.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 24/09/2015 - 07:08

E no signor " rigadritto " lavorare significa alzarsi presto al mattino ed andare sul posto di lavoro e sgobbare per uno stipendio da fame. Lavorare significa dover fare i conti con bollette, tase, spese di famiglia quali affitto, figli ecc.ecc.. Lavorare significa tremare al pensiero che puoi trovarti senza più lavoro. MA QUANDO MAI I POLITICI HANNO LAVORATO ? Vorrei tanto essere al loro posto e sollevarli dalle loro fatiche quotidiane. Ma fatemi il piacere..!!

fenice56

Sab, 26/09/2015 - 19:54

Vogliamo anche parlare della categoria degli insegnanti con il contratto bloccato da anni e che con la BUONA SCUOLA dovrebbero fare volontariato. Mi auguro che in tutti i suoi viaggi in giro per il mondo Matteo Renzi sia venuto a conoscenza che all'estero la categoria che forma le nuove generazioni è retribuita il doppio!!! Dovrebbe almeno pensare a sua moglie insegnante, o no??