Berlusconi: "Così la sinistra ha caricato il paese di tasse"

Il Cav: "La sinistra ha trascurato occupazione e povertà. Noi porteremo le pensioni minime a 1000 euro. Nel 2017 torneremo protagonisti"

"Noi non vediamo un'altra soluzione che quella di un sistema elettorale proporzionale che garantisca la corrispondenza tra la maggioranza parlamentare e la maggioranza popolare". Lo ribadisce Silvio Berlusconi in un messaggio al coordinatore di Forza Italia della città metropolitana di Napoli Paolo Russo. "Solo una legge proporzionale in uno scenario politico tripolare può garantire che la maggioranza in parlamento si identifichi con la maggioranza dei cittadini", spiega ancora il Cav.

Che poi lancia un messaggio al premier: "Mi auguro che il governo Gentiloni traduca in concreto il proposito di facilitare un accordo su questa materia, che ovviamente spetta al Parlamento, e che in sede parlamentare il Pd dimostri di aver capito la lezione della sconfitta referendaria e si renda partecipe di un percorso condiviso sulle regole. Il 2017 sarà per questo un anno decisivo: perché occorrerà che gli italiani siano messi in condizione di scegliere da chi essere governati, con una legge elettorale finalmente condivisa, come auspicato da tante parti a cominciare dal Presidente della Repubblica".

Nel 2017 di nuovo protagonisti

Per il leader di Forza Italia, "con la vittoria del No si è aperta una nuova stagione politica nella quale noi dobbiamo assolutamente tornare ad essere protagonisti, di fronte alla sconfitta del renzismo, e all'evidente incapacità dei Cinque Stelle di proporsi come credibile alternativa di governo, solo una proposta politica seria, credibile, basata su un programma liberale e riformatore, sui principi cristiani e sui valori del Partito del Popolo Europeo, può permettere all'Italia di uscire dalla crisi e al tempo stesso sconfiggere la disaffezione alla politica che ha portato metà degli italiani a disertare le urne".

E ancora: "Al governo spetta gestire alcune vere e proprie emergenze sul piano interno e internazionale. Lo vedremo all'opera e valuteremo ogni provvedimento proposto dal governo stesso sostenendolo col nostro voto ove lo ritenessimo positivo e utile nei confronti dell'Italia e degli italiani. Questo da sempre è il nostro modo di essere all'opposizione, una opposizione responsabile che ci distingue dalla politica del tanto peggio, tanto meglio, proprio dell'opposizione della sinistra. Naturalmente si tratta di un governo molto simile al precedente, al quale noi non possiamo e non vogliamo assicurare il nostro sostegno, pur apprezzando lo stile sobrio ed equilibrato fin qui manifestato dal Presidente del Consiglio".

La sinistra ha caricato il paese di tasse

Berlusconi poi annuncia: "L'aumento delle pensioni minime a 1000 euro è uno dei primi provvedimenti che prenderà il nostro governo. Nella cosiddetta povertà relativa ci sono pensionati che dopo una vita di lavoro avrebbero diritto a trascorrere con serenità e in condizioni dignitose la propria vecchiaia. Per questo l'aumento delle pensioni minime a 1000 euro è uno dei primi provvedimenti che prenderà il nostro governo. Siamo credibili nel prometterlo, perché lo abbiamo già fatto, nel 2001, quando abbiamo aumentato le pensioni ad un minimo di un milione di lire, cifra che allora significava un grande passo avanti".

"Grandi temi, dall'occupazione alle nuove povertà, sono stati trascurati dai governi di sinistra, che hanno caricato il paese di tasse. Il livello complessivo della pressione fiscale, che noi eravamo riusciti a portare sotto il 40%, oggi è al 44%, il tasso di disoccupazione, che noi avevamo mantenuto sotto la media europea, dopo la caduta del nostro governo è cresciuto di tre punti percentuali e non si è più abbassato. Il livello della povertà dilaga: le statistiche dicono che vi sono in Italia 15 milioni di poveri, un quarto della popolazione italiana, dei quali 4.600.000 in condizioni di povertà assoluta", aggiunge l'ex premier.

Commenti

tRHC

Mer, 28/12/2016 - 19:50

nessun accenno sul problema immigrazione...questo e' grave!!!!

blackone

Mer, 28/12/2016 - 19:51

cioè sta candidamente dicendo che vuole governare col PD. azz, c'ha davvero paura per le aziende dei figli...

Magicoilgiornale

Mer, 28/12/2016 - 20:18

Ed haffo affossato l' italia

Ritratto di GMTubini

GMTubini

Mer, 28/12/2016 - 20:21

Elevare la pensione sociale al livello minimo della dignità umana è imprescindibile in uno stato che si vuol far definire civile.

Miraldo

Mer, 28/12/2016 - 21:01

Ma vai in pensione e portaci anche Grillo visto che i vostri partiti sono al canto del cigno..................

Ritratto di marmolada

marmolada

Mer, 28/12/2016 - 21:05

Una pensione dignitosa uguale per tutti: operai, casalinghe, impiegati, dirigenti, giudici, politici. Tutti la stessa pensione che permetta di vivere dignitosamente!!!!

Pigi

Mer, 28/12/2016 - 22:49

Esatto: nessun accenno all'immigrazione incontrollata che sta sfigurando il nostro paese. In quanto alle pensioni minime a 1000 euro, forse non sa che esistono lavoratori che non arrivano a quella cifra, lavoratori che quindi dovrebbero pagare per chi probabilmente non ha versato mai contributi e che si troverebbe a guadagnare più di loro. Si capisce che vuole accordarsi con il PD per avere ancora qualche briciola di potere. Bisogna vedere quanti lo seguiranno. Schifani?

Popi46

Gio, 29/12/2016 - 05:41

@blackone : il suo commento mi fa sorridere e mi sorge una domanda.Ma lei con i SUOI figli non farebbe lo stesso? Oppure consegnerebbe felice i suoi averi ai loro nemici? Oppure si tratta solo di quantità di ricchezza per cui lasciare una casetta in eredità è giusta aspirazione mentre lasciare qualche miliardo è un ladrocinio? Certo, in un paese ispirato dal catto -comunismo pauperistico è di fatto così. Solo che il mondo gira in un altro modo. Non c'è riuscito Gesù Cristo......

Ernestinho

Gio, 29/12/2016 - 07:29

La situazione è peggiorata ma non è che prima fosse tanto migliore!

BRAMBOREF

Gio, 29/12/2016 - 08:21

GIGI87 Il solito fanfarone!

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 29/12/2016 - 08:43

cui ha contribuito votando ogni provvedimento di monti e fornendo aiuti palesi o celati (tipo verdini) ai successori

illupodeicieli

Gio, 29/12/2016 - 08:51

@tRHC : concordo con te, come non si ricorda che quando è stato al governo non ha fatto niente,di concreto, per le piccole e medie imprese o per il commercio al minuto. Sempre e solo, in questo d'amore e d'accordo con la sinistra, a favore della GDA, la grande distribuzione organizzata, in stile ikea, amazon, carrefur, auchan, coop, esselunga. Perché dargli una seconda opportunità?

carlolandi

Gio, 29/12/2016 - 09:30

Bisogna dare la pensione anche a chi non ce l'ha come per esempio le casalinghe che non hanno potuto farsela perché il reddito del marito o del compagno non lo permetteva e a tanti altri diseredati. E' buona l'idea del M5 stelle per il reddito di cittadinanza e va applicato anche dagli altri partiti che andranno al prossimo governo del paese. A coloro che denigrano e basta dico solo che i partiti in quanto tali devono avere come scopo quella di andare al governo del paese e poiché non toccherà ad un solo partito questo onere è bene o che si apparentino prima delle elezioni o se non fosse possibile va bene anche dopo. La politica è molto semplice. Sono purtroppo i partiti che si approfittano del nostro voto a volte sprecandolo e quindi non facendo i nostri interessi.