Berlusconi da Putin in Crimea: "Ora una coalizione anti Isis"

I due leader discutono di terrorismo e immigrazione: "Nato e Russia fronteggino insieme il Califfato". Però gli Usa chiudono: "Il Cremlino aiuta Assad, ma fallirà"

Dopo i primi due giorni trascorsi a Sochi, Silvio Berlusconi si sposta in Crimea per continuare a sviluppare la tela della sua diplomazia personale con Vladimir Putin. Insieme al presidente russo, visita il memoriale dedicato ai militari del regno di Sardegna caduti nella guerra fra il 1853 e il 1856 nella regione, salendo sul monte Gasfort, nei pressi di Sebastopoli. Entrambi i leader, vestiti in modo informale, depongono un mazzo di rose rosse nel cimitero, inaugurato nel settembre 2004. Parlando con i cronisti russi Putin ipotizza con Berlusconi la possibilità di collocare i nomi dei caduti italiani in un futuro parco intorno al cimitero. I due leader si spostano a bordo di un grande elicottero bianco e approdano poi a Massandra, vicino a Yalta, dove pranzano, con una degustazione di vini locali. C'è spazio anche per un bagno di folla, con Putin che prende in braccio una bimba, e il presidente di Forza Italia che incassa applausi dai presenti.

Il viaggio viene considerato da Berlusconi come utile e necessario per il consolidamento di un rapporto speciale, un passaggio utile a continuare a tenere vivo quel filo del dialogo della Russia con l'Occidente che le sanzioni europee stanno logorando. Per il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, interpellato nei giorni scorsi, il colloquio si sarebbe concentrato su questioni bilaterali ma anche internazionali, oltre che sui problemi regionali più urgenti. «Contatti di qualsiasi tipo fra esponenti politici e di governo di rango pari a quello di Berlusconi sono questione diplomatica, indipendentemente dal fatto che i politici in questione siano in carica o no», ha aggiunto Peskov, sottolineando che il presidente russo assegna a tali occasioni grande significato.

L'obiettivo è quello di dare seguito ai colloqui avvenuti a fine giugno nella repubblica siberiana dell'Altai. In quell'occasione Berlusconi spiegò che la tessitura di quella tela diplomatica risultava quantomai necessaria per consolidare «la pace e contribuire al miglioramento delle relazioni tra l'Europa, gli Stati Uniti e la Federazione Russa». Nel frattempo gli scenari di crisi si sono moltiplicati e il ruolo della Federazione Russa nel teatro di guerra siriana sta salendo di livello. Il confronto tra Berlusconi e Putin si concentra dunque sui nodi del terrorismo islamico, dell'ondata migratoria e delle crisi internazionali e regionali. La posizione di Berlusconi sulla questione Isis è nota: «Serve una coalizione internazionale allargata a tutti i Paesi della Nato, agli Stati Uniti e alla Russia per fronteggiare il Califfato. Il tutto sotto l'egida dell'Onu». Una comune azione diplomatica che necessita di uno sforzo e di un salto di qualità a tutti i livelli, mettendo da parte le scorie sedimentate nei rapporti tra le grandi superpotenze, logorati da miopie e incomprensioni. Ma, in serata, è il presidente degli Stati Uniti a fissare nuovi paletti: «L'accresciuto sostegno militare della Russia al regime siriano è un grande errore ed è destinato al fallimento», ha spiegato durante il discorso in occasione del 14esimo anniversario dell'11 settembre. Obama ha sottolineato come la maggiore presenza di Mosca dimostri che Bashar al-Assad è preoccupato e chiede aiuto ai consiglieri militari russi: «La strategia russa di soccorrere Assad, ritengo che sia un grande errore. Dovrebbero essere un po' più furbi: diremo a Mosca che il suo sostegno è destinato al fallimento».

Commenti
Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Sab, 12/09/2015 - 08:35

Ma hanno chiesto il parere delle Rossande e delle Concite e dei Gad? No, perché qui si sa benissimo che il nemico è Putin e che l'islamocomunismo sarà invece il nostro luminoso sol dell'avvenire. I compagni e le compagne sono già pronti.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 12/09/2015 - 08:37

gli unici due Grandi uomini sulla Terra.

moichiodi

Sab, 12/09/2015 - 08:43

Una visita di un privato ad un amico di avventure e di affari, privo di qualsiasi carica istituzionale, al giornale diventa una visita di stato. Berlusconi è andato a parlare di Gazprom, dei suoi investimenti e come fare per non perdere i soldi dopo la scoperta del gas egiziano.Ma secondo il giornale è andato lì per salvare il mondo con la coreografia della corona in Crimea. In quale veste? Se non è nemmeno Cavaliere.

Antares-60

Sab, 12/09/2015 - 08:43

Ve la immaginate la Mogherini con Putin? Dalla Barbie alla politica estera, dal Risiko alle strategie internazionali, ma per piacere! Alla sinistra di Capalbio il Berlusconi di Gheddafi faceva ridere, vignette e sollazzi, adrebbero tutti messi dietro alla lavagna con le orecchie da somaro, gente buona solo per i talk show e per fare combutta con i sindacati, senza i dipendenti pubblici la sinistra non esisterebbe!

moichiodi

Sab, 12/09/2015 - 08:47

Inizio dell'articolo, la tela della sua diplomazia personale. Cosa? Diplomazia personale. Mi sembra come quei pazzi che passeggiano nei cortili credendosi Napoleone. Il giornale coltivatore di bufale

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Sab, 12/09/2015 - 08:50

con loro per spezzare l' asse del Male USA- Sionismo

Ritratto di Imperatrice

Imperatrice

Sab, 12/09/2015 - 08:52

Il peggior Presidente U.S.A. di tutti i tempi. Traditore della causa mondiale di libertà. Eppure il suo popolo è stato duramente colpito dalla follia islamica, ma questo Presidente si limita a blaterare discorsi senza senso sbagliando nemico. La sua politica purtroppo produrrà effetti negativi anche per l'Europa. Europa che priva di una propria identità si conforma pedissequamente alla politica estera americana. E l'Islam diverrà sempre più forte. Caro Silvio convinci Putin a non abbandonarci anche se molto stoltamente gli abbiamo rivolto contro le sanzioni economiche.

moichiodi

Sab, 12/09/2015 - 08:55

Questo articolo dimostra che significa essere proprietario di un giornale. Si inventa la diplomazia personale, mentre è andato a parlare di affari di famiglia( Gazprom e gas egiziano)

moichiodi

Sab, 12/09/2015 - 09:07

A libero dicono che è stato a sebastopoli, qui dicono a Yalta. Tutte sceneggiature, per nascondere il vero motivo della visita: il gas egiziano

Un idealista

Sab, 12/09/2015 - 09:09

Bei propositi. Ma si scontrano col fatto che l'ONU è un baraccone del tutto impotente e che B.O. sembra essere filo-islamico; forse è musulmano. Infatti il Corano permette di fingere di essere o di cambiare religione, purché dentro di sé si rimanga fedeli ad Allah, così da poter ingannare gli 'infedeli'.

Ritratto di Nopci

Nopci

Sab, 12/09/2015 - 09:15

Caro Presidente Abbiamo la soluzione.L'ITALIA SARA' DIFESA IN CASO DI ATTACCO DALLO stato islamico DA: I militanti e i CAPINTESTA del PD SEL.....Vendolino IL MANIFESTO,L'UNITA',REPUBBLIChini,i BLACK BLOC I CENTRI SOCIALI I NO GLOBAL I VERDI E....GLI OSSIMORI DELLA SINISTRA...

alfonso cucitro

Sab, 12/09/2015 - 09:18

il pseudo grande statista (almeno per quello che è riuscito a combinare finora) definisce un grande errore il sostegno della Russia alla Siria di Assad.Purtroppo ha paura di perdere i benefici derivanti dalla vendita di armamenti all'Isis,attività terroristica messa in piedi proprio dall'abbronzato mussulmano.Il mondo intero e gli stessi americani non si rendono conto degli enormi danni che ha provocato con la sua politica estera? o andavano bene tutti i suoi interventi nei vari stati del mondo per accaparrarsi risorse del posto? A quando la consapevolezza di tanti stati europei di lasciare la politica estera odierna degli Stati Uniti e pensare con la propria testa per il benessere dei popoli europei? Comunque onore e rispetto per il grande Putin e Berlusconi.

vittoriomazzucato

Sab, 12/09/2015 - 09:26

Sono Luca. Obama ha dei consiglieri che non capiscono niente. Se Putin non aiuta Assad, l'ISIS si prende anche la Siria e allora quando Obama deciderà di fronteggiare l'ISIS in Siria si troverà Putin alleato. I 10.000 profughi Siriani che Obama ha deciso di ospitare, sono niente in confronto a quello che il Vecchio Continente sta fronteggiando. "Niente di nuovo sotto il sole", vuoi vedere che gli USA dovranno ripetere quello che fecero il 6 giugno 1944 in Normandia. Una cosa sarà diversa, non sarà l'Europa ma l'Africa il Paese in oggetto. GRAZIE.

Klotz1960

Sab, 12/09/2015 - 09:59

Piu' che la guerra di Crimea, sarebbe il caso che molti presunti democratici e libertari ricordassero che gli abitanti della Crimea hanno votato per il ritorno alla Russia per oltre il 95%. E' un po' difficile descriverli come oppressi da Putin, e la questione e' quindi chiusa per sempre, nel rispetto piu' autentico della democrazia. I presunti democratici e libertari sono gli stessi che hanno indicato l'Austria come 'prima vittima del nazismo' nonostante il voto del 98% favorevole all'annessione alla Germania nazista ed una percentuale altissima di cri inali nazisti. Vorrei capire quali concetti di liberta' e democrazia hanno questi presunti democratici e libertari. Saranno gli stessi dell' ipocrita Presidente americano Wilson.....il creatore di Jugoslavia e Cecoslovacchia, ed il padre del trattato di Versailles.

acam

Sab, 12/09/2015 - 10:03

vittoriomazzucato Sab, 12/09/2015 - 09:26 ... ripetere quello che fecero il 6 giugno 1944 in Normandia... alquanto impropabile gli americani manderebbero lui con le sue femminne in africa tanto é gia nero

GVO

Sab, 12/09/2015 - 10:04

Bravo Obama non ti è bastato il casino che avete fatto in Libia con Gheddafi, volete il bis con Assad....!

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Sab, 12/09/2015 - 10:04

Il Premio Nobel per la Pace in anticipo è un pendaglio da forca che andrebbe processato in Europa per comminargli la pena peggiore. Ha devastato quello che restava del Medio Oriente, si è rifiutato di soccorrere le popolazioni massacrate dall'Islam, ed ha iniziato a demolire l'Europa provocando una invasione al cui confronto quelle barbariche di 2mila anni fa erano gite scolastiche. Poi è fuggito. Per molto meno un pugno di nazisti sono stati impiccati a Norimberga.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 12/09/2015 - 10:10

Le truppe dell'IS sono alle porte di Damasco e la Siria sta sul punto di cadere totalmente sotto il loro controllo, questo a pochi anni dalla folle iniziativa militare contro la Libia, promossa da Sarko@Co e con la nostra supina collaborazione, oggi si dice imposta dal Quirinale. Ora i francesi vorrebbero iniziare un'azione militare in Siria, finalmente con seri motivi, ma Renzi il furbetto ha bollato l'iniziativa come "propaganda, però si è comprata un Air Force "special" con cui eventualmente scappare negli SU, dall'altro furbetto che dorme a Washington. E noi? Io ho cominciato a leggere il Corano per essere in grado di poter dare risposta agli inquisitori sunniti quando verranno a casa mia per conquistarmi all'Islam. Maometto sta nel nostro futuro, ma non può essere peggiore di Renzi.

Aleramo

Sab, 12/09/2015 - 10:17

I governi italiani non eletti si sono finora adeguati a tutte le decisioni americane, dall'Ucraina al Medio Oriente. Così facciamo fallire le nostre aziende per imporre le sanzioni alla Russia su una questione (l'Ucraina) di cui non ce ne può importare di meno. Sopportiamo l'invasione dei clandestini perché Obama non è mai stato in grado di arginare l'epansionismo del Califfato. Obama sta commettendo errori su errori, e noi li paghiamo. Dobbiamo cambiare registro, subito.

giovanni PERINCIOLO

Sab, 12/09/2015 - 10:18

Gli usa (e getta!): "Il Cremlino aiuta Assad, ma fallirà". Certo che detto da chi dopo l'ultima guerra mondiale non ne ha indovinata una e ha fatto solo danni é una garanzia! Se l'abbronzato dice che Putin fallirà é quasi certo il contrario!

giovanni PERINCIOLO

Sab, 12/09/2015 - 10:25

Moichiodi. Cosa ti é andato di traverso??? il fatto che a livello internazionale sia più apprezzato/disprezzato Berlusconi di tutte le mezze cartucce trinariciute??? Amato o odiato che sia é comunque con tutta evidenza l'uomo politico più importante che abbiamo!

GMfederal

Sab, 12/09/2015 - 10:31

Un macaco critica due statisti, mettiamola nei colmi..

Ritratto di SAXO

SAXO

Sab, 12/09/2015 - 10:38

moichiodi ti rode il fegato perche Berlusconi si permette di tutto e viene rispettato da gente che conta nel mondo, (no mezze tacche) alla faccia di voi leccadidietro degli anglosionisti come il tuo amico compagnuzzo RENZI,un emerito lecchino massone e fariseo.

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Sab, 12/09/2015 - 11:05

Ora su questo articolo ci sara' la solita sarabanda dei soliti noti elettori del partito comunista del verme dipendenti/pensionati statali .

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Jiusmel

Anonimo (non verificato)

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Sab, 12/09/2015 - 11:09

Comunque lo hanno capito anche i sassi, L'america e i suoi leccapiatti appoggiano , finanziano , armano L'ISIS una loro creatura , il fine e' abbattere Assad e creare in Siria uno stato fotocopia della Libia di oggi . PUNTO .

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 12/09/2015 - 11:09

Lo storico incontro dei due grandi statisti pone le basi per la pace e la sicurezza del mondo. Se si pensa che il meeting di Pratica di mare, dominato da SILVIO BERLUSCONI, pose fine alla "Guerra fredda", ed oggi, l'incontro di Sochi/Crimea pone le basi per la riscossa dell'occidente contro il terrorismo islamico, non si capisce davvero cosa aspettino i "saggi(????) di Stoccolma per dare allo statista BERLUSCONI il premio Nobel per la Pace. Ma, se i conunistoidi di Stoccolma non lo capiscono lo capisce la popolazione mondiale che vede in SILVIO BERLUSCONI la speranza di pace e sicurezza dell'umanità.

Ritratto di SAXO

SAXO

Sab, 12/09/2015 - 11:11

Putin e Berlusconi uniti contro le menzogne di WASHINGTON,contro il vassallismo degli euroburocrati ,contro il terrorismo cosmopolita di Nato e della fariseocrazia occidentale.Contro le politiche predatorie e criminali dei poteri forti e delle lobby finanziarie a stelle e striscie.Putin e Berlusconi discutono come fermare il terrorismo fondamentalista islamico ,creatura delle istituzioni governative nordamericane,per promuovere la loro dottrina filosofica del caos ,tanto adorata dai NEOCON che si annidono nel parlamento USA COME AVVOLTOI.

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Sab, 12/09/2015 - 11:14

Per consolarci abbiamo le dichiarazioni del verme che dice a reti tv unificate che tutto va bene l'Italia e' ripartita , disoccupazione non se ne parla, invasione clandestina a carico dei pensionati non se ne parla , anche i sindacati fanno silenzio , il leccapiatti di confindustria dice che la produzione aumenta , io dalla ripartenza economica sono ancora tramortito , praticamente senza fiato ... ma dalla fame.

Ritratto di MARKOSS

Anonimo (non verificato)

Holmert

Sab, 12/09/2015 - 11:18

Si è capito benissimo tutto lo sconquasso che hanno prodotto gli americani nel medio oriente con la loro favola della primavera araba.Dopo il casino però si sono chiamati fuori ed è nato il mostro sanguinario ISIS, che taglia teste ,precipita dalla rupe Tarpea gli avversari e brucia vivi i prigionieri. Ora il mostro sta alle porte di Damasco,dove si è asserragliato Assad che sta ad un passo dalla capitolazione. Tutto questo pare faccia comodo agli americani, in quanto sperano che una volta cacciato Assad, anche Putin che ha la sua base navale a Tartus in Siria, abbandoni baracca e burattini ed ogni pretesa nel medio oriente. Tanto che glie frega agli americani, mica ce l'hanno loro l'esodo biblico verso l'UE? E la pavida Europa,zerbino americano che fa? Tutti a sbrodolare con la lingua Obama e soci,con l'Italia a 90 gradi.

ben39

Sab, 12/09/2015 - 11:19

Putin è il biblico Gog Magog, alleato con la Persia nell'ultima guerra di Armaghedon...

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Leo5150

Sab, 12/09/2015 - 12:05

Per gli americani i tentativi degli altri sono sempre destinati al fallimento, i loro invece sono sempre coronati dal successo.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 12/09/2015 - 12:43

Un amico mi ha telefonato dandomi del matto per il mio commento precedente. Mi pare ovvio che anche chi non mi conosce non può credere che io sia disposto ad aderire alla dottrina dei sunniti. Comunque il Corano - pesantissimo - continuerò a leggerlo e consiglio di farlo a quanti come me non ne conoscono nulla: è una lettura molto istruttiva e che può rendere meglio comprensibile la storia, passato e presente.

moichiodi

Sab, 12/09/2015 - 13:06

beati voi! che bevete a go-go, le furbate del giornale. a me sembra come quando doveva vendere milano 2000 e invitò i parenti. un imbroglio. un giorno scoprirete anche voi che la sua amicizia con putin non ha nulla a che vedere con i destini del mondo, ma riguarda solo i loro investimenti privati sul gas russo e metanodotto. che rischiano di volatilizzarsi dopo il gas egiziano. io no ho nulla contro. ma 5 o 6 articoli narcotizzanti del giornale, non vi inducono a pensare? ditemi solo una cosa: in quale contesto Berlusconi porterà gli "accordi" con putin e in quale veste? andrà a ll'onu, da Obama, dai cinesi? dagli iraniani, dagli israeliani. quale protocollo a firmato e in nome di chi? ditemi voi. voglio capire.

MEL MARTIGNANI

Sab, 12/09/2015 - 16:34

X moichiodi : X prima cosa a mio parere,lei è una benemerita t...ta di c..zo di sinistra,sicuramente sf....ato e morto di fame,che dovrebbe farsi curare in un ospedale (non clinica) psichiatrico in quanto se dopo 20 anni non ha ancora superato la grave sindrome anti Berlusconiana che la attanaglia,è un pericolo anche x la sua famiglia (nel caso in cui ne avesse una) ! 2° cosa se questo Giornale le fa così schifo , si tolga dai co...ni e vada a sparare le sue ca....ate su altri giornali + adatti a lei,avendone l'imbarazzo della scelta,da repubblica a l'unità a il fatto etc. etc. etc. ! Amen

Ritratto di SAXO

SAXO

Sab, 12/09/2015 - 18:13

MOICHIODI ti rispondo velocemente sul caso Berlusconi.Il sign e cavaliere del lavoro dott Berlusconi ,si sta preparando il terreno politico e strategico con persone che contano nel mondo ,come PUTIN,VISTO CHE ALLE PROSSIME EL.POLITICHE ve ne andrete fuori dagli zebedei voi e tutto il marciume leccaculista politico italiano servi della politica anglosionista.Ritornera ancora ,anche se a voi non vi piace l idea.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 13/09/2015 - 09:20

questi sono veri politici

maxdavado

Gio, 17/09/2015 - 22:36

BISOGNEREBBE CHIEDERE A OBAMA ED ANCHE A BUSH JUNIOR CHI HA FATTO NASCERE L'ISIS. LA GUERRA IN IRAQ NON DICE NIENTE AL GOVERNO AMERICANO.