Berlusconi scuote Fi e lima il programma. "Adesso bisogna osare"

Il Cavaliere tornerà in tv per illustrare la sua rivoluzione. Maroni fa il pontiere con Salvini

«Bisogna osare, le idee ordinarie non bastano più». Berlusconi, tornato ad Arcore dopo qualche giorno di riposo a villa La Certosa in Sardegna, si rituffa nel lavoro. E ai suoi disegna i contorni della Forza Italia di domani. Un partito dal programma «rivoluzionario» per abbattere i mali atavici del Paese: fisco esoso, burocrazia asfissiante, giustizia bizantina. E proprio sul programma il Cavaliere insiste per specificare meglio il suo albero delle libertà. «Dobbiamo metter giù delle proposte credibili ma di forte impatto. E non bastano gli slogan. Sulla flat tax, per esempio, la Lega propone il 15 per cento. Non si può fare. È possibile, invece, il 23 per cento». Per trovare la ricetta vincente consulta economisti, fiscalisti, esperti di macroeconomia e, naturalmente, anche i sondaggi. Dal suo vocabolario, in queste settimane, perde quota la parola «moderato» che lascia il posto al termine «rivoluzione»: è quello di cui il Paese ha bisogno e sarà lui a declinarla illustrando il progetto di Forza Italia. Lo farà nei prossimi mesi, a partire da quasi subito. In settimana, infatti, sono previste alcune interviste ai telegiornali. «Tornerò in tv. La mia presenza in video è stata determinante sia per il successo del No al referendum sulle riforme di Renzi, sia per la vittoria alle ultime amministrative».

Sebbene il Cavaliere parli di «rivoluzione» più che di «moderatismo», la sua creatura dev'essere radicalmente liberale e non estremista in stile Lega. Anche su questo tema l'ex premier non rinuncia a ricordare che «le nostre radici affondano solide nel campo del popolarismo europeo». Anzi, pare che Berlusconi voglia fare di Forza Italia una sorta di «Ppe italiano». Niente listone unico con la Lega con cui, però, bisogna ritrovare le ragioni di un'alleanza. I rapporti, tuttavia, restano tesi anche e soprattutto per la distanza umana che lo divide da Salvini. Il quale, agli occhi di Berlusconi, mostra un deficit di rispetto nei suoi confronti. La partita con l'alleato è però destinata a durare a lungo posto che di legge elettorale se ne tornerà a parlare dopo l'estate.

E prima di quell'appuntamento non mancheranno le solite scaramucce a distanza tramite comunicati stampa o interviste sui giornali. Nei rispettivi campi c'è chi smussa e lavora per la ricomposizione della coalizione. Sono i cosiddetti «pontieri» che lavorano senza sosta per evitare strappi definitivi. Uno di questi, per interesse personale, è il governatore della Lombardia Roberto Maroni che punta alla ricandidatura al Pirellone. «La Lega ha ancora bisogno di Forza Italia», dice un anonimo berlusconiano. Che poi ragiona così: «Nel Carroccio c'è sempre stata la Lega di lotta e di governo. Salvini rappresenta quella di lotta ma quella di governo ragiona sempre in termini di alleanza con noi». Stesso pensiero di quello che rappresenta una vera e propria spina nel fianco di Salvini: il movimento «Grande Nord» che ha da poco emesso il suo primo vagito sotto la benedizione di Bossi. Temi forti: giustizia fiscale e soprattutto federalismo. Bandiera ammainata da Salvini.

Commenti

antipifferaio

Mar, 04/07/2017 - 09:53

Chiacchiere, al solito. Non esiste nessuna "mancanza di rispetto"...tutte scuse!!! La realtà è che se B. rimane fermo sul proporzionale a voglia a limare...le può consumare tutte le lime senza ottenere niente... Il proporzionale è la dichiarazione urbi et orbi dell'inciucio FI+PD e Slavini non può accettarlo; punto. Toti lo ha detto chiaro e tondo, la gente vuole chiarezza e se non si va ad elezioni col maggioritario Grillo avrà la vittoria in tasca...quindi di che parliamo???

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 04/07/2017 - 10:02

Mangime quotidiano per i polli pronti a nutrirsi. E' così che si svuotano le menti sino ad arrivare all'autolesionismo di sinistra e con questo pure gareggiare a chi fa meglio.

baio57

Mar, 04/07/2017 - 10:09

Ok ,ok Silvio, MA SULL'IMMIGRAZIONE/INVASIONE COSA NE PENSI ?????? Non l'abbiamo ancora capito !

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 04/07/2017 - 10:40

#baio57 - 10:09 E bravo! E poi con quale faccia ci presentiamo davanti a Renzi?

Pigi

Mar, 04/07/2017 - 11:18

Come volevasi dimostrare: vuole perdere. La Flat tax al 23% sposta il carico fiscale dai benestanti ai redditi medio-bassi. E siccome i redditi medio-bassi sono la maggioranza, questi faranno vincere Grillo, il quale avrà gioco facile dicendo che il centro-destra vuol togliere ai poveri per dare ai ricchi. In questo momento il maggior ostacolo alla vittoria del centro-destra è proprio Berlusconi: basta promettere la fine dell'invasione africana per vincere facile, ma proprio di questo non ne parla.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/07/2017 - 11:18

@antipifferaio:concordo!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/07/2017 - 12:14

Dai Berlusconi,smettila di fare chiacchere!!L'italia,si dimostra sempre più il "Paese di Pulcinella":"figuranti",che a che titolo, stanno al Colosseo(per farsi fotografare a pagamento),abusivismo alle stelle,politici che si "automantengolo",con leggi truffa sul loro finaziamento "abusivo"portaborse da tutte le parti,privilegi,che non si toccano,le "passegggiatrici" che si lamentano,i "porta carrelli",all'uscita dei Supermercati,i parcheggiatori,i "vu cumprà" sulle spiagge,l'edilizia "abusiva"(che stranamnte ha il collegamento ENEL,telefono,acqua,gas...),ma non paga un cavolo,invalidi che non lo sono,forestali che non forestano,guardie carcerarie che sono più numerose dei carcerati,accoglienza a gogo,chiesa invadente,gay,lesbiche,questo non si tocca,quello no,veti,scudi,mezzi pesanti che pagano un pedaggio inferiore di 5 volte quello che dovrebbero pagare(per effetto dei costi di manutenzione, che a loro competono),combustibili alle stelle,tasse esagerate,.....che paese del cavolo!

pupism

Mar, 04/07/2017 - 12:17

Lascia il posto a Salvini la tua ora era arrivata ma l'hai sprecata correndo dietro a Casini, Follini, ecc!!!!

VittorioMar

Mar, 04/07/2017 - 12:22

...COSA NE PENSA IL PRESIDENTE DELLA LIGURIA TOTI...???

peter46

Mar, 04/07/2017 - 12:32

Cramer...fino alle 14:45,che è anche troppo se dopo tre ore non si è ancora presentato uno dei soliti 'slinguatori' al commento...anche se Brunetta su rai tre,stamane,ha superato anche il Bondi d'antan:diciamo pari-pari alla Gelmini,vah!

baio57

Mar, 04/07/2017 - 14:44

@ Menphis ..Appunto.

Giorgio1952

Mar, 04/07/2017 - 19:39

“Programma comune? Un accordo minimo si troverà, tranquilli”, il Cavaliere sparge miele, dice che la sua età non conta ed è pronto a vedere gli alleati. Intanto non intenderebbe accettare l’invito di Salvini all’assemblea programmatica della Lega che si svolgerà a Piacenza il 16 luglio. A Piacenza Salvini esporrà le proposte di riforma su fisco, pensioni, infrastrutture, giustizia, ambiente ed energia. «Basta perdere tempo su chi è il leader e il delfino: parliamo di contenuti e vediamo se siamo d’accordo». Al momento comunque nessuna richiesta di invito è stata recapitata al Cav, solo dichiarazioni nelle quali il leader del Carroccio annuncia l’iniziativa del suo partito, Berlusconi non sembra intenzionato ad andare a Piacenza. non vuole replicare quello che successe a novembre 2015 quando salì sul palco a Bologna con Salvini e Meloni, accolto con freddezza e da qualche fischio arrivato dalla piazza.