Bolzano, il sindaco tuona: " Via quei simboli fascisti"

La giunta di Bolzano, a guida Pd, ha stanziato 24mila euro per il restauro della lupa capitolina e del leone di San Marco che svettavano sul monumento alla Vittoria. Ma, poi, li nasconderanno in una cripta sotto al monumento alla Vittoria

Via i simboli fascisti da Bolzano. Lo ha deciso la giunta giudata dal sindaco Pd, Renzo Caramaschi, che ha stanziato 24mila euro per il restauro della lupa capitolina e del leone di San Marco che svettavano sul monumento alla Vittoria.

“Non torneranno più e faranno la fine delle aquile di ponte Druso”, ha promesso il primo cittadino del capoluogo altoatesino nonostante inizialmente avesse dichiarato che le due statue sarebbero tornate al loro posto, come avvenne nel 2006. Si tratta di statue scolpite nel legno di abete dall’artista Ignaz Gabloner e installate sui pennoni nel 1927, in piena epoca fascista. Ora, potrebbero far compagnia alle aquile di ponte Druso, conservate nella cripta sotto il monumento alla Vittoria.

“Le due statue - ha spiegato Caramaschi al quotidiano Alto Adige - erano state rimosse a maggio perché erano caduti dei pezzi in strada. Altrettanto male sono messi i pennoni. L’esame effettuato dagli esperti sulla lupa e sul leone escludono che si possano rimettere nel sito originale, perché il degrado è incompatibile”. Il sindaco valuterà se mettere sui pennoni delle copie anche se “bisognerà vedere se è opportuno, visto che quelle statue appartengono ad un determinato periodo storico”.

Contro questa decisione si è schierato il consigliere comunale, Alberto Sigismondi (Alleanza per Bolzano) che dice: “È semplicemente assurdo quello che sta succedendo e ancora più grave è che si faccia passare la decisione di togliere definitivamente lupa e leone, parte integrante della storia urbanistica e architettonica della città, come una necessità dettata dal cattivo stato di conservazione delle statue". "Si sa perfettamente - conclude il consigliere d'opposizione - che la scelta è prettamente politica e va nella direzione di depotenziare il bassorilievo del duce a cavallo sul palazzo che ospita gli uffici finanziari, di cancellare la toponomastica italiana come pure i posti apicali nella pubblica amministrazione. L’effetto di queste scelte è quello di creare tensioni, cosa di cui non c’è assolutamente bisogno”.

Commenti

routier

Ven, 14/10/2016 - 20:16

Al sindaco sarebbe più gradita la falce e il martello in bronzo dorato? Oppure si accontenterà del busto di Stalin?

VittorioMar

Ven, 14/10/2016 - 22:56

...non sarebbe più opportuno fare a meno di qualche Provincia Autonoma costosa e ingrata??

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 15/10/2016 - 00:23

@routier: mi permetta di contraddirla: la reale intenzione è di innalzare la mezzaluna con la coscia di speck incrociata ... capito il salto di qualità? Ossequi.

manfredog

Sab, 15/10/2016 - 01:37

Patetici. mg.

ArturoRollo

Sab, 15/10/2016 - 05:27

Al posto della Lupa Capitolina (simbolo di Roma Imperiale), ci metteranno il busto di Francesco FORGIONE (In arte, Padre Pio)e al posto del Leone di San Marco, metteranno la statua del Moro di Venezia...in maniera da creare "compatibilita'" con gli sbarchi degli immigrati africani in cerca di migliori condizioni economiche e che spacciano per "rifugiati". E si troveranno tutti d'accordo: DP, NCD, DEM,FORZA ITALIA, visto che sono intasati di cattolicesimo che ha appiattito le Ideologie. Inoltre, se al Moro di Venezia, verra' dato il nome di Ahmed PASHA' (Come il turco che la Serenissima vettovaglio' prima dell' attacco ad Otranto !)...allora si raggiungera' la "perfezione di intenti" e celebrerete " L' Unico DIO " (Come lo chiamate voi...ma con appellativi diversi che scatenano guerre nei 4 angoli del Mondo) )illuminandovi di follia.

Ritratto di AdrianoAG

AdrianoAG

Sab, 15/10/2016 - 07:28

Dopo la caduta del comunismo, l'Italia è la sola nazione ad avere governanti post comunisti. VERGOGNA!

Franco40

Sab, 15/10/2016 - 08:06

Il fascismo cadde 70 anni orsono. Tutto ciò che rimane dei simboli sono quindi Storia e Tradizione italiana. Una persona non deve mai vergognarsi dei comportamenti dei suoi avi, anche se è in disaccordo con tali valori.

dinross

Sab, 15/10/2016 - 08:16

adesso continui e sia coerente con le sue idee, e rinunci a quegli immondi euro e agevolazioni che la sua regione riceve da Roma

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Sab, 15/10/2016 - 08:21

Chiedo a quegli ignoranti della giunta della città altoatesino: quando mai la lupa capitolina e il leone di San Marco sono simboli fascisti, visto che ancora oggi appaiono sugli stemmi della capitale d'Italia e di Venezia? Tornate alle elementari a studiare storia, sempr che nell "bona squola" di Renzi si insegni ancora storia e non solo "storie"...

Trinky

Sab, 15/10/2016 - 10:03

Ma se i crucchi di Bolzano hanno qualcosa in quell'orribile città devono ringraziare chi ha fatto qualcosa ..........

ILpiciul

Sab, 15/10/2016 - 10:07

La solita intolleranza dei tolleranti ad intermittenza, buonisti cattivi e faziosi. Per par condicio dovrebbe cambiare nome di ogni via o strada comunale, ove esistano, se rappresentano persone, luoghi etc. di stampo comunardo. Nauseanti figuri! Continuano ad occuparsi di argomenti da pollaio.

Ritratto di lacedemone

lacedemone

Sab, 15/10/2016 - 10:16

I popoli germanici erano terrorizzati dagli antichi Romani e accettavano la sottomissione a questo fortissimo popolo mediterraneo...invece i sud-tirolesi considerano i padani degli insignificanti perdenti...impossibile dare loro torto.

Ritratto di vraie55

vraie55

Sab, 15/10/2016 - 11:27

jihadisti dell'isis?

marinaio

Sab, 15/10/2016 - 11:44

Chiamarli sud-tirolesi è errato. Loro sono altoatesini. Il sud Tirolo (italiano) non esiste, come non esiste il sud Toscana o il sud Campania. Sud Tirolo se lo sono inventati loro per far credere che appartengono all'Austria, la quale Austria neanche li ca..ga!

martinsvensk

Sab, 15/10/2016 - 12:01

Gli Altoatesini insieme ai loro Compagnucci della Parrocchietta Trentini dovrebbero portare un cero enorme a De Gasperi che abbandonando Giuliani Fiumani e Dalmati al loro crudele destino in balia dei Titini, ha invece concesso a loro scandalosi privilegi che non esistono né potrebbero esistere in alcun paese civile, ma verso i quali essi non mostrano alcuna gratitudine.

maurizio50

Sab, 15/10/2016 - 12:02

I compagni PD sono bravissimi nel creare tensioni: basta vedere quel che combinano gli sciagurati del governo nazionale, importando a carrettate centinaia di migliaia di selvaggi africani e asiatici e non curandosi in nessun modo del fatto che gli Italiani sono ultrastufi di queste scelte demenziali!!!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 15/10/2016 - 12:04

A quando quelli comunisti, per par condicio?

katon

Sab, 15/10/2016 - 12:05

Pura demagogia, oramai questi simboli fanno parte della storia, sarebbe ora di smetterla con i fantasmi del passato.

steacanessa

Sab, 15/10/2016 - 12:19

Ma guarda un po'! Gli altoatesini furono i più entusiasti fautori dell'alleanza con hitler, si arruolarono in massa nell'esercito tedesco, chiesero la cittadinanza tedesca e adesso vogliono rifarsi una verginità. Hanno fatto il voltafaccia come il nobel, che tristi figuri!

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Sab, 15/10/2016 - 12:22

Anche i bronzi di Riacevandrebbe bene...magari una notte si materilizzassero..

Ritratto di theBLACKHAWK

theBLACKHAWK

Sab, 15/10/2016 - 12:33

gia che ci siamo allora radiamo al suolo anche il colosseo,siccome è stato costruito dagli antichi romani,gli stessi romani che hanno fatto guerra,colonizzato e schiavizzato intere regioni,compiuto genocidi nella vecchia gallia e perseguitato i cristiani. mi chiedo se a questi pidioti stia bene un busto di stalin o falce e martello dopo aver distrutto la nostra cultura e i nostri monumenti nazionali. mostri come i comunisti cinesi e sovietici che hanno annientato la loro cultura tradizionale o i miliziani dell'isis che distruggono monumenti preziosi per sostituirli al cieco islam

MOSTARDELLIS

Sab, 15/10/2016 - 12:51

Questa gente confonde la storia con la politica. Io proporrei l'eliminazione di tutte le cosiddette province e regioni autonome che costano tantissimo alle tasche degli italiani. Fino a quando saranno autonome? Fino a quando succhieranno il sangue alla gente che paga le tasse? fino al 3.000 d.C.?

Zizzigo

Sab, 15/10/2016 - 13:04

Un altro "massacro", come l'orribile mutilazione dell'Ospedale Niguarda, a Milano. La stupidità umana non ha limiti, nel cercare di distorcere la storia e la verità.

agosvac

Sab, 15/10/2016 - 13:55

Questo sindaco del Pd evidentemente non conosce la storia. La lupa che allatta i gemelli è un simbolo dell'antica Roma, non è un simbolo fascista, come pure il leone di San Marco è simbolo della repubblica serenissima di Venezia non certamente fascista!!! Non riesco a capire l'ignoranza di questi esponenti del Pd!!!