Boom di profughi: sono più degli italiani

Nel 2015 il popolo dell'esodo ha raggiunto i 65 milioni a livello planetario

Sono stati oltre 65 milioni i figli della disperazione nel 2015. Un esodo che supera persino quello biblico, che stimava tra i 3 e i 6 milioni gli individui che attraversarono il fiume Giordano per entrare nella terra di Canaan. Eppure nonostante dati inconfutabili, nella Giornata Mondiale del Rifugiato fioccano espressioni e commenti che si possono riassumere in un unica frase, «sarà l'anno della svolta». In realtà non accade nulla di rilevante a tamponare un fenomeno che ormai è diventato incontrollabile. Il Global Trends, il rapporto annuale dell'Unhcr, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, mette i brividi: più di 65 milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case nel 2015, un terrificante record storico alimentato da guerre e persecuzioni. Per la prima volta il totale degli sfollati sfonda il tetto dei 60 milioni, una cifra superiore alla popolazione dell'intera Italia. È come se da un giorno all'altro il nostro Paese si svuotasse, trasformandosi in un paesaggio lunare. L'agenzia delle Nazioni Unite fa inoltre notare come la strada di non ritorno si sia innescata nel 2011, anno in cui è cominciato a scorrere il sangue in Siria. La cifra è andata sempre più aumentando nell'ultimo quinquennio: è cresciuta del 9,7% rispetto al 2014, dopo essersi mantenuta stabile tra il 1996 e il 2011.

Sfogliando il rapporto dell'Unhcr emerge che i cinque Paesi che hanno ricevuto più rifugiati sono stati Turchia (2,5 milioni), Pakistan (1,6 mln), Libano (1,1 mln), Iran (949.400), Etiopia (736.100) e Giordania (664.100). Tra i Paesi di origine quello che è andato incontro al maggior esodo è la Siria, con 4,l9 milioni di esiliati, seguito da Afghanistan (2,7) e Somalia (1,1). Se la Turchia è la nazione con più rifugiati, il Libano detiene il primato di chi ne accoglie di più in rapporto alla popolazione (183 ogni mille abitanti). Beirut sta letteralmente scoppiando e per far fronte a un'emergenza, cronicizzata negli ultimi tre anni, sono state persino messe a disposizioni come rifugi (tutt'altro che provvisori) le moschee e ampie zone de «La Corniche», il celebre lungomare un tempo fiore all'occhiello del turismo libanese.

Facendo due conti in tasca all'Italia, risulta che sono stati 153.842 gli stranieri soccorsi o sbarcati sulle nostre coste nel 2015. Gli eritrei hanno rappresentato la comunità di stranieri maggioritaria (38.612), seguiti da cittadini provenienti da Nigeria (21.886), Somalia (12.176), Sudan (8.909), Gambia (8.123), Siria (7.444), Mali (5.752), Senegal (5.751), Bangladesh (5.039) e Marocco (4.486). L'Italia nel 2015 ha avuto 83.970 richieste d'asilo (29.548 sono state accolte), in aumento del 32% rispetto alle 63.456 del 2014. Ammontano in totale a 2 milioni le richieste di asilo nei Paesi industrializzati, alle quali devono però essere integrate le 3,2 in attesa di risposta. Con 441mila solleciti di asilo, la Germania è stato il Paese più gettonato nel 2015, a ruota gli Stati Uniti, con 172mila.

Un altro dato sconvolgente riguarda le fasce d'età: il 51% dei rifugiati nel mondo infatti è rappresentato dai bambini, molti dei quali hanno abbandonato le loro terre da soli. L'Alto commissario Onu per i rifugiati Filippo Grandi ha ricordato come «il messaggio delle persone che attraversano il Mediterraneo è che se non si risolveranno i problemi, saranno i problemi a venire da noi».

Commenti

Aegnor

Mar, 21/06/2016 - 08:53

Saranno i problemi a venire da noi,soprattutto,quando ci sono personaggi che li invitano quotidianamente,facendogli intendere che faranno la bella vita a spese degli italiani e che se li vanno a prendere quasi sulle spiagge nord africane

blackindustry

Mar, 21/06/2016 - 09:41

Quante cazz@te, in Italia solo 153.000 nel 2015? Moltiplichiamo la cifra per dieci, che per uno che viene censito ce ne sono nove che sbarcano e fanno perdere le loro tracce alle autorita' italiota. Gia' lo vediamo anche da soli che le citta' stanno letteralmente traboccando di quei clandestini che son venuti per far soldi e mandare i soldi in nero a casa loro.

PiazzaAntonio2016

Mar, 21/06/2016 - 10:10

E'un grossissimo problema che l'europa e in primis l'italia non vuole tentare di risolvere....devono essere aiutati solo i VERI profughi che scappano da guerre specialmente donne e bambini, i giovani invece devono stare nei loro paesi a combattere e lottare per la liberta', ma non ne hanno mai avuta voglia...questa gente ha vissuto sempre di sostentamenti internazionali....i veri profughi aiutati i falsi spediti a casa....dopo, passata la bufera nei loro paesi.

cgf

Mar, 21/06/2016 - 10:32

Tutti gli italiani potrebbero 'rifugiarsi' in Germania.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 21/06/2016 - 10:37

L'italia è Un porto sicuro ed appetibile solamente per coloro che ambiscono al ricongiungimento,al reddito di cittadinanza promesso dalla Boldrini del parlamento e che hanno capito che da noi possono fare quello che vogliono,che siamo un popolo di pecoroni da tosare per bene. nopecoroni.it

acam

Mar, 21/06/2016 - 10:45

Primavera araba non è vero signori?

nopolcorrect

Mar, 21/06/2016 - 10:59

Guerre, persecuzioni, necessità di aiutarli, tutto giusto. Ma non si tratta solo di questo. Il fenomeno è legato in gran parte a internet: oggi tutti sanno come si vive da noi in Europa, e soprattutto lo sognano, grazie alla pubblicità, come un Eldorado da raggiungere a tutti i costi anche per essere mantenuti a nostre spese. Insomma fra i "migranti" c'è certamente un gran numero di abusivi paraculi. E comunque questa gente va aiutata a condizione che restino a casa propria, e vanno in gran parte respinti, non possiamo farci invadere e non tutti gli Italiani sono felici, come Mattarella, di africanizzarsi, non tutti sono in fregola di meticciato come la Papessa Boldrini.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 21/06/2016 - 11:04

No problem! Li prenderemo tutti noi. Prima di emigrare in Africa.

bruno.amoroso

Mar, 21/06/2016 - 11:08

la soluzione è semplicemente quella di smettere di vendere armi e di fare guerre. Eh, ma poi non ci si guadagna più

Griscenko

Mar, 21/06/2016 - 11:09

L'ONU ha la funzione di creare macchine burocratiche e mangiasoldi. Focalizzano un problema e creano le strutture per fingere di risolverlo. Lo pubblicizzano con le "giornate mondiali" e obbligano moralmente i cittadini di ogni parte del mondo a prendere coscienza del problema e ad accettare di spendere una barca di soldi per cercare di risolverlo. In tal modo ogni Stato occulta i problemi dei propri concittadini indigenti e si occupa dei problemi pubblicizzati dall'ONU. A noi cosa ce ne frega dei rifugiati? Se in Italia ci sono milioni di poveri perché dobbiamo occuparci di stranieri? Lo facciamo semplicemente perché ci prendono per i fondelli. Accendono il faro dell'attenzione mediatica su quello che loro vogliono e ci fanno sentire in colpa

Una-mattina-mi-...

Mar, 21/06/2016 - 11:14

BOOM PIU' CHE ALTRO DI CLANDESTINI AUTOCERTIFICATI, ISTIGATI DALLE PIOGGE DI AIUTI E FONDI ELARGITI A CASACCIO. D'ALTRO CANTO che la riproduzione umana sia fuori controllo in vaste aree del pianeta è cosa stra-assodata.

linoalo1

Mar, 21/06/2016 - 11:18

Boom di Profughi???Chiamiamolo con il suo vero e più appropriato termine:INVASIONE!!!!Nei Secoli passati,le Invasioni venivano osteggiate,da tutti,con le armi!!!Oggi,eccetto la Turchia,difendere ls propria Patria,sembra quasi un Peccato Mortale!!!Mi domando anche,a cosa serva una Bandiera ed un Inno Nazionale,se l'Amor Patrio è,ormai,sparito!!!!

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 21/06/2016 - 11:19

------------2 considerazioni----guarda un pò--i popoli che si spostano più massicciamente sono quelli che sono sotto le bombe degli aerei occidentali--della serie ---l'occidente determina il fenomeno e poi piange lacrime di coccodrillo-----seconda considerazione---il 51% dei rifugiati nel mondo è rappresentato dai bambini, molti dei quali hanno abbandonato le loro terre da soli-----bambini capite?---cioè pericolosissimi terroristi----hasta siempre

scarface

Mar, 21/06/2016 - 11:43

Le persone da aiutare sono quelle che non hanno avuto la volontà o la possibilità di appropriarsi indebitamente della cifra necessaria per il viaggio vacanza. Età e caratteristiche fisiche normali dei 'poveri profughi di guerra', indispensabili risorse sboldriniane, lo dimostrano al di fuori di ogni possibile dubbio. Le risorse (per le coop) codarde e vili (per lo scrivente) devono essere TUTTE rimpatriate. Si aiutino donne, bambini e vecchi che da quei maledetti posti non possono fuggire.

Rossana Rossi

Mar, 21/06/2016 - 11:56

Evidente che non sono solo profughi di guerra ma è tutto il continente africano che si sta riversano qui per farsi mantenere attirato dalla incresciosa compiacenza di speculatori e sinistrati alla sboldrina che promettono loro mantenimento a vita andando persino a prenderli a casa loro. Ma qualcuno che difende la propria terra in Africa non esiste?.....

Finalmente

Mar, 21/06/2016 - 12:02

Leggo tanti numeri, migranti in calo, meno dello scorso anno... quello che vedo è il triplicarsi del numero di mendicanti nel tragitto che percorro in tram per andare al lavoro, da viale Corsica a Cordusio ne vedo uno ogni 100 metri, chissà invece quanti sono quelli che non si mettono all'incrocio con il cappellino per ricevere quattro euro e preferiscono spacciare la sera... per non dire peggio... e sento dire da quell'ectoplasma che sono la nostra ricchezza.

gneo58

Mar, 21/06/2016 - 12:13

io aspetto che siano finiti i soldi, poi si ride !

jackmarmitta

Mar, 21/06/2016 - 12:16

si, e poi li vedi fuori degli ospedali a chiedere l'elemosina ragazzoni di 20/25 anni che potrebbero trovarsi un lavoro

Maurizio Bassanini

Mar, 21/06/2016 - 12:35

Questo non e' un problema per l' italia. Considerando che ancora un bel 30% del paese vota per il partito che vuole questa immigrazione incontrollata. Vi siete chiesti come mai a Milano il centro destra ha perso? Fate un po il conto di quanti stranieri hanno la residenza.

risorgimento2015

Mar, 21/06/2016 - 14:11

Non sono sono piu` di noi...La maggiorita` risiedono "illegalmente" in ITALIAAAaaaa !

routier

Mer, 22/06/2016 - 09:18

E' da tempo che non credo più ai numeri e alle statistiche fasulle delle "autorità". Credo solo a quello che vedono gli occhi della gente e questa non può che constatare l'eccessivo incremento demografico di negro/magrebini nel nostro territorio. Così è se vi pare!