Brexit, l'accordo non convince: "È un compromesso"

Stampa, ministri ed euroscettici dubbiosi: "È un compromesso". Cameron: "Così il Paese è più sicuro e più prospero"

L'accordo raggiunto in serata tra Europa e Gran Bretagna per evitare l'uscita dall'Europa non convince la stampa britannica. Sui giornali usciti questa mattina prevale la cautela e la sensazione che l'intesa che scongiura la Brexit sia piuttosto "un compromesso", come sottolineano fra gli altri con evidenza il Financial Times e l’Independent.

"Cameron incassa le riforme a Bruxelles per spianare la strada al referendum sull’Europa", titola il Ft, che tuttavia spiega: "Il primo ministro ha dovuto fare compromessi per ottenere l’intesa e dovrà affrontare un test politico severo fin da questo week-end per cercare di vendere il suo pacchetto al governo". Il Guardian sottolinea poi il peso della decisione del ministro della Giustizia, Michael Gove, di "abbandonare" il premier e votare a favore della Brexit al referendum. Mentre il Telegraph ipotizza che alla pattuglia dei ministri dissidenti si possa aggiungere anche un’altra figura-chiave: la titolare dell’Home Office (ministero dell’Interno), Theresa May. Negativi infine, in generale, i tabloid, con l’ira degli anti-europei Mail e Sun e lo scetticismo del filo-laburista Mirror. Ma fra i giornali popolari spicca soprattutto il titolo del Daily Express, testata vicina ai nazionalisti inglesi dell’Ukip, che invoca adesso Michael Gove come l’uomo che "ci guiderà fuori dall’Ue".

Intanto David Cameron ha incontrato i suoi ministri per discutere "il nuovo status speciale del Regno Unito nell’Ue" in quella che è la prima riunione del governo di Sua Maestà convocata di sabato dall’epoca della guerra nelle Falkland degli anni ’80. Poi il premier britannico ha annunciato la data dell'atteso referendum promesso ai cittadini: si vota il prossimo 23 giugno. "La Gran Bretagna sarà più sicura, più forte e più prospera in un'Europa riformata", assicura Cameron, sostenendo che chi è a favore della Brexit rischia di danneggiare sia l'economia, sia la sicurezza del Regno Unito di fronte a criminalità e terrorismo. Il premier ha poi ricordato di aver mantenuto "la promessa fatta tre anni fa" e ha lasciato "libertà di voto" ai suoi ministri.

Sono infatti almeno sei i componenti del governo Tory britannico - 5 ministri e un sottosegretario - che intendono votare a favore della Brexit e in dissenso dal premier. Come spiega la Bbc, oltre al personaggio di maggior spicco Michael Gove, titolare della Giustizia, pesano anche i nomi di Iain Duncan Smith (Lavoro), di John Whittingdale (Cultura) e di Chris Grayling, capofila storico degli euroscettici nel gabinetto.

Commenti

HappyFuture

Sab, 20/02/2016 - 14:10

L'accordo è che l'Inghilterra rimane "for ever" fuori dall'Europa. A sancirlo è l'"esenzione" da "ever closer Europe"! Meglio detto è: "NEVER closer Europe", ovvero, tanto per spiegarlo a Renzi che forse è un pò deboluccio, sia in Europa che con il suo Inglese: MAI PIU' EUROPA!

agosvac

Sab, 20/02/2016 - 14:10

Ma chi lo ha detto che il regno unito sia essenziale per l'Ue??? Per secoli l'Inghilterra si è chiusa in uno splendido isolamento quando, ai tempi ormai che furono del loro glorioso impero, preferivano non avere niente a che fare con il resto dell'Europa. Oggi l'impero non c'è più!!! E' il regno unito he ha bisogno dell'Ue, non il contrario!!! Se vogliono andarsene, ponti d'oro!!!

Ritratto di sepen

sepen

Sab, 20/02/2016 - 14:16

Quella "libertà di voto" ai suoi ministri suona come un mettere le mani avanti di fronte ad una vittoria pressochè scontata del SI all'uscita dall'UE. Comunque andrà, Cameron ne uscirà alla grande. Chi ne esce con le ossa rotte sono i soliti ben noti fessi, a cominciare da noi...

Ritratto di ...BeppeFanClub.

...BeppeFanClub.

Sab, 20/02/2016 - 14:26

...e c'era qualcuno che voleva portarci anche la turchia in questo FOLLE CARROZZONE di nome (dis)unione NEUROpea

Ritratto di nonmollare

nonmollare

Sab, 20/02/2016 - 14:29

riepilogando: hanno fatto l'accordo e a Bruxelles son tutti contenti (Renzi compreso)..pero' 1- fanno il referendum lo stesso 2- libertà di votare ai ministri del governo ...per me = Cameron ha preso per il culo la UE.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Sab, 20/02/2016 - 14:56

@agosvac "Ma chi lo ha detto che il regno unito sia essenziale per l'Ue??? " Scusa sai, ma io la domanda la ribalterei così: "Ma chi lo ha detto che l'UE sia essenziale per gli Stati Sovrani d'Europa ??"

Una-mattina-mi-...

Sab, 20/02/2016 - 14:58

ACCORDO? Questa schifezza sarebbe un accordo? Nel testo finale dell'accordo resta un grado di autonomia per banche, assicurazioni e istituzioni finanziarie della City inoltre la Gran Bretagna avrà «uno statuto speciale» e «non farà mai parte del superstato europeo», né mai di «un esercito europeo». Inoltre i nostri figli che andranno in GB saranno trattati da extracomunitari, minor accesso al Welfare ecc. E MENO MALE CHE L'EUROPA E' CONTRO LE DISCRIMINAZIONI E I DIVERSI TRATTAMENTI.

vincentvalentster

Sab, 20/02/2016 - 15:16

La stampa britannica ed alcuni euroscettici sono dubbiosi, comunque Cameron ha ottenuto alcune cose a tappe forzate Bruxelles. Renzi non ha ottenuto mai nulla, né sui migranti e relativi fondi ( vedi anche Turchia ), né sulla richiesta ulteriore flessibilità. Politicamente, nei confronti di Cameron è un nano, buono solo a dannose battaglie dialettiche.

ghorio

Sab, 20/02/2016 - 15:31

Sì, però, questa Gran Bretagna sta rompendo con le sue trattative. Non è la prima volta: occorre dire, una volta per tutte, a Cameron e compagni che non possono aderire all'Ue solo per il loro tornaconto.

Blueray

Sab, 20/02/2016 - 15:59

Ho seri dubbi che la maggioranza degli inglesi la pensino come Cameron.

linoalo1

Sab, 20/02/2016 - 16:00

A questo punto,un bel Referendum Europeo ci starebbe proprio bene!!!Come andrebbe a finire,già su sa!!!Del resto.chi vuole il suo nal pianga sé stesso!!!Quei quattro Damerini a Bruxelles,se la sono proprio cercata!!!!Loro hanno fatto i loro interessi e noi,perchè no????

Libero1

Sab, 20/02/2016 - 16:00

Che il guerrafondaio cameron contasse in europa, mentre il nostro raccontaballe contasse quando un fico secco e' stato dimostrato ieri quando cameron ha costretto i furbacchiotti europei a calarsi le brache e accettare quello che voleva.Che poi le concessioni siano sufficienti o meno per rimanere in europa lo decidereranno gli inglesi nel referendum del prossimo 23 giugno.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 20/02/2016 - 16:12

Ben venga anche l'invasione della feccia afroislamica, se l'effetto immediato è il crollo del baraccone.

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Sab, 20/02/2016 - 16:23

spero tanto che Cameron rientrando nel suo paese sventoli un pezzo di carta come un certo Chamberlein (lo ricordate?) e che quel pezzo di carta gli serva per pulirsi il culo. fuori l'Inghilterra dall'europa e subito dopo, finalmente, assisteremo al crollo di questa disunione di popoli.

Armandoestebanquito

Sab, 20/02/2016 - 20:09

TUTTE BALLE!! England never will take orders from Germany!! e basta Tra un po tutti i tedeschi e belgi arroganti capiranno chi comanda ma porca troi.. non avete capito un tubo ancora o non volete capire?