La brutta presenza di Poletti e Gramellini

Negare a un imprenditore il diritto di volere in azienda solo persone di «bella presenza» non vuole dire discriminare chi non potrebbe mai vincere un concorso di bellezza, ma imbarbarire i luoghi di lavoro

Il ministro Poletti ha fatto togliere dal sito pubblico «Garanzia giovani » (progetto per l’introduzione dei ragazzi nel mondo del lavoro) l’annuncio di un imprenditore pavese che offriva un impiego a persone che, tra l’altro, dovevano avere anche il requisito di «bella presenza». Poletti ha giudicato l’inserzione «sessista e discriminante » e quindi irricevibile.

Capisco che oggi abbiamo problemi più importanti e che, a prima vista, stiamo parlando di una notizia marginale, ma non è così. La deriva del «politicamente corretto», che già tanti danni ha fatto in più ambiti, rischia ora di minare anche il già precario mercato del lavoro. «Bella presenza», e Poletti dovrebbe saperlo, non è, checché ne dica e scriva Massimo Gramellini sulla prima pagina del Corriere della Sera, un requisito fisico-estetico, ma etico-comportamentale. Se solo le persone belle (non si capisce secondo quale canone) avessero diritto al lavoro, Poletti – che è oggettivamente brutto - sarebbe disoccupato dalla nascita e probabilmente pure io avrei faticato a trovare un impiego. La stupidità del ministro, istigata da Gramellini, rischia di minare il diritto di un imprenditore a scegliere collaboratori di «bella presenza», cioè – nel senso universalmente riconosciuto – curati nella persona, puliti, ordinati, che non si presentino sul posto di lavoro (spesso a contatto con il pubblico o i clienti, come è il caso in questione) vestiti in modo sciatto e disordinato. In poche parole, persone educate e consapevoli di ciò che è loro richiesto per il bene dell’impresa a cui partecipano.

Negare a un imprenditore il diritto di volere in azienda solo persone di «bella presenza» non vuole dire discriminare chi non potrebbe mai vincere un concorso di bellezza, ma imbarbarire i luoghi di lavoro. La «bella presenza» è quella che esigiamo dai membri della nostra famiglia, che il Parlamento impone a suon di regolamenti a Poletti e il Corriere della Sera chiede con una certa fermezza (ne so qualche cosa) a Gramellini. Perché allora la burocrazia è così stupida da negarla a un imprenditore del Pavese nella scelta dei suoi collaboratori?

Commenti

PAOLINA2

Ven, 22/12/2017 - 16:24

Non serve essere belli o brutti, basta essere raccomandati e attaccare l'asino dove vuole il padrone, vero Sallusti?

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Ven, 22/12/2017 - 16:51

Mi pare davveo giusto. Anzi, proporrei una legge che imponga agli imprenditori e alle famiglie il bando di un concorso per le forniture di beni strutturali e di consumo. Conosco un mio vicino che va a comprare il pane da un forno dove lo serve una bella commessa; il mio negozio di ferramenta ha comprato il nuovo arredo scegliendo chissà per quali suoi motivi preferenziali. Questo non è giusto. Finiamola!

teoneo

Ven, 22/12/2017 - 16:57

Paolina2: verissimo, e voi di padrone ve ne intendete. Sono anni che continuate a seguire la stessa indicazione che vi viene ordinata. "Mettete la X sul nome che vi diciamo: non preoccupatevi il nome è diverso ma la sostanza e' sempre la stessa (PCI)"

Cheyenne

Ven, 22/12/2017 - 17:15

POLETTI SARA' BRUTTO MA E' PIU' BELLO CHE INTELLIGENTE

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 22/12/2017 - 17:24

Bella presenza non vuol dire essere belli , ma significa presentarsi bene essere curati ed in ordine , in pratica come da dizionario per l aparola presenza "L'aspetto fisico di una persona, spec. in quanto motivo capace di suscitare impressioni favorevoli" .Gramellini ed i profeti del politicamente corretto vogliono propinarci un modo di vedere il mondo a ben vedere molto ipocrita ed parecchio opportunista e che riguarda sempre gli altri.

prohalecites

Ven, 22/12/2017 - 17:59

ma quando Poletti ha mai lavorato???????

ELZEVIRO47

Ven, 22/12/2017 - 18:00

Quasimodo(non il poeta)...gode.

andrea45

Ven, 22/12/2017 - 18:08

L'imprenditore se voleva persone belle avrebbe richiesto " di bello aspetto" definizione che si riferisce alla bellezza fisica (un fico) come dicono le donne.

Ritratto di albireo6

albireo6

Ven, 22/12/2017 - 21:26

L'uomo proveniente dalle Coop...la Coop sei tuuu!?

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Ven, 22/12/2017 - 21:26

Io non so se Poletti è brutto: appena parlano di lui, cambio canale.

INGVDI

Ven, 22/12/2017 - 21:50

La stupidità è molto diffusa sia nel mondo del giornalismo sia in quello politico, particolarmente concentrata nel PD e nel M5S.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Sab, 23/12/2017 - 07:46

Da decenni nei curriculum si scrive bella (o buona) presenza, però buona presenza non significa essere belli, ma presentarsi bene, cioè essere puliti, non mettersi le dita nel naso, non sputare per terra e, perchè no, avere un gradevole aspetto. Ma soprattutto avere doti di cultura ed educazione consoni al ruolo. Quelle doti di cultura che poletti non ha, sia oggettivamente (del resto non è laureato). L'orribile termine "sessismo", si applica al fatto che si cerchi un uomo invece di una donna, non c'entra con la presenza. Prendiamo atto quindi che poletti ha difeso gli uomini da un annuncio sessista in quanto rivolto solo alle donne. Ignoranza: il male più grave dell'italia.

Lorenzi

Sab, 23/12/2017 - 09:55

Beh, caro Direttore: io ti leggo sempre con piacere, ma ho visto l'annuncio dell'imprenditore pavese. Recita esattamente ' cercasi impiegata di bella presenza per tirocinio, durata 6 mesi più proroghe, part time 20 ore settimanali. retribuzione 400 euro mensili '. Francamente è sessista ( deve essere donna ! ) e discriminante ( deve essere di bella presenza: sfido chiunque ad accettare che una donna sia SOLTANTO pulita, ordinata etc. senza un occhio anche all'aspetto fisico ! ).

GiulioP

Sab, 23/12/2017 - 10:28

Non sappiamo per che professione e ruolo l'imprenditore chiedesse la "bella presenza", ma è evidente che lo stracciarsi le vesti dei politically correct nel leggere l'annuncio, nasce dall'ignoranza di chi non conosce come funziona il mondo del lavoro e forse non ha mai lavorato. Ogni imprenditore deve poter scegliere chi assumere a sua unica ed imprescindibile discrezione: sarà poi il mercato, ovvero i suoi clienti a decidere se ha fatto scelte giuste o sbagliate. Dove vigono regimi monopolistici, specie in nazioni governate da totalitarismi comunisti, il problema non si è mai posto: in questi luoghi, gli "scarti" finiscono subito nella pattumiera.

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 23/12/2017 - 10:59

---Nubaoro---non ci prendiamo in giro ---peggio del politically correct c'è l'ipocrisia--l'annuncio era rivolto a persone di sesso femminile--e tutti noi sappiamo bene che quando un datore di lavoro cerca una donna di bella presenza non si riferisce certo a come sia vestita o se sia puntuale---andiamo su---non fate gli gnorri---una tipa può presentarsi pure col vestito della domenica ed avere un Q:I spaventoso---ma se è alta 160 per 90---non ha nessuna chance di farcela---sennò il datore di lavoro come può iniziare pian piano con la lunga serie di lusinghe che suoneranno alla lunga come stalking dato il ruolo che riveste il capo ed il clima ricattatorio che ben presto si instaurerà?--

steacanessa

Sab, 23/12/2017 - 11:09

Sinistri sempre più idioti.

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 23/12/2017 - 12:19

Armani, Dolce & Gabbana, Prada, Ferragamo ecc tutti sessisti,

diwa130

Sab, 23/12/2017 - 14:49

E' un po' "borderline", la critica di Poletti non e' assurda e le sue osservazioni , direttore, neppure. Trattandosi di un sito pubblico, ci sta che il ministro possa interpretare in maniera restrittiva la richiesta dell'imprenditore. Nulla toglie che lo stesso annuncio possa essere fatto su piattaforme private, quindi non c'e' nessun diritto negato all'imprenditore. Solo un codice etico stabilito dal ministro ex-post. Sarebbe stato meglio stabilire questi criteri etici prima, ma questo fa parte della approssimazione e scarsa professionalità che spesso caratterizza l'Italia e le piattaforme informatiche pubbliche in particolare.

Antonio43

Sab, 23/12/2017 - 15:10

Perchè Elkid se fosse un imprenditore si comporterebbe esattamente come lui lo descrive. Iddu non è mica un ipocrita!

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 23/12/2017 - 16:24

4- Sallusti dice che “a prima vista, stiamo parlando di una notizia marginale”. Non è affatto marginale, è invece una questione importante e fondamentale. Così importante che, per affrontarla, bisogna tirare in ballo l’etica, l’estetica, la fisiognomica, la sociologia, la psicologia ed altro ancora. E’ grazie alla mancata risposta e reazione a queste questioni “marginali” che la sinistra, giorno per giorno, ha imposto il pensiero unico. La libertà di chiunque (non solo imprenditori) di scegliere le persone con le quali avere relazioni di lavoro o sociali, è uno dei “diritti umani” naturali e irrinunciabili. Non mi si può obbligare per legge a circondarmi di persone sporche, volgari, antipatiche, impresentabili. Non esistono leggi che impongano i criteri estetici da adottare (almeno fino ad oggi; salvo l’islam)). Solo i PiDioti, in nome dell’uguaglianza e paventando discriminazioni, riescono a metterlo in dubbio. No, non è affatto marginale.

gedeone@libero.it

Sab, 23/12/2017 - 17:19

Elpirl ha.emesso il suo raggio quotidiano.

giuseppe_s

Sab, 23/12/2017 - 19:08

ORMAI QUESTI PDIOTI HANNO IL LORO "VANGELO" DA IMPORRE ALLE PERSONE CHE CONSIDERANO DELLE MASSE INFORMI E SENZA CERVELLO. ABBIAMO CAPITO DA ANNI COSA SONO, COSA VALGONO E QUALE DITTATURA VOGLIONO IMPORRE QUESTI SINISTRI! IL 4 MARZO AVREMO LA POSSIBILITA' DI LIBERARCI DA QUESTI KOMUNISTI E RIPRISTINARE LA DEMOCRAZIA PER UNA ITALIA VERAMENTE LIBERA DI ESSERE SE STESSA E ESPRIMERE OGNI PENSIERO SENZA LA LORO INQUISIZIONE BOLSCEVICA.

mareblu

Sab, 23/12/2017 - 19:18

COME MAI ? SIG. DIR. GLI ARTICOLI CHE RICEVONO COMMENTI CONTRARI ALLA SUA LINEA EDITORIALE , I COMMENTI ,SONO CENSURATI :

faman

Sab, 23/12/2017 - 22:37

INGVDI - mi sembri anche tu un concentrato, doppio.

faman

Sab, 23/12/2017 - 22:43

non facciamo gli ipocriti, se si richiede una donna di bella presenza, la si richiede sotto tutti gli aspetti. Non deve essere solo bene e ordinatamente vestita, ma c'è dell'altro.

faman

Sab, 23/12/2017 - 22:44

giuseppe_s - complimenti per il commento, che rappresenta bene tutti i commenti in questo stile da teste bacate.

Mannik

Dom, 24/12/2017 - 08:41

Sallusti: il bue che dice cornuto all'asino...

sparviero51

Dom, 24/12/2017 - 08:43

FORSE SI SENTONO FERITI NELL'ESTETICA ,PER QUESTO RAGLIANO PIÙ FORTE . PURTROPPO LA NATURA CON LORO È STATA PIUTTOSTO INCLEMENTE!!!

Ritratto di marione1944

marione1944

Dom, 24/12/2017 - 10:14

Paolina2; è Natale, cambi disco che è consumato.

Atlantico

Dom, 24/12/2017 - 10:40

Sallusti ha ragione, dai. Guardatelo: ha qualche anno meno di me e sembra mio nonno.

MOSTARDELLIS

Dom, 24/12/2017 - 14:27

Ormai Gramellini da quando fa coppia con Fazio dispensa dogmi a destra e a manca. Poletti...beh, lasciamo perdere, con le coop ha sempre lavorato alle spalle dei... lavoratori. Il fatto è che oggi in giro c'è il gusto dell'orrido. Si fa a gara, soprattutto tra i giovani, a chi è più brutto. A chi si concia peggio. Molto probabilmente quell'imprenditore, consapevole di questa brutta realtà si è voluto cautelare. Tutto qui.