La bufala-spread del referendum E il debito cresce

Dopo mesi passati a pendere dalle sue bizze, lo spread era stato seppellito nel silenzio. Ora torna per il voto

Dopo mesi passati a pendere dalle sue bizze, lo spread era stato seppellito nel silenzio. Da tempo è tornato a farsi sentire, anche se solo ora anche altri se ne accorgono. Sostiene il Sole24Ore che il nostro è superiore a quello spagnolo a causa del referendum costituzionale. Evitiamo di prenderci in giro. Ed evitiamo di sostenere che il confronto referendario deve essere sereno e nel merito, salvo abbandonarsi all'idea che da quello dipenda lo spread, quindi la sicurezza dei nostri conti. È per quei conti che gli investitori ci guardano con sospetto e ci chiedono più soldi, non per il referendum.

Rispetto alle due fiammate, nel 2011 e nel 2012, l'odierna differenza fra i tassi d'interesse che i tedeschi pagano sul loro debito pubblico e quelli che paghiamo noi è assai più contenuta. Volteggia attorno ai 130-140 punti base (fu più di 500). Ma è un po' come la febbre: se il termometro segna 40 la faccenda è grave, se segna 37 è roba da poco. Ma se hai inghiottito quantità impressionanti di paracetamolo e il termometro continua a salire fino alla zona rossa, è segno che l'infezione in atto è potente. Il nostro spread si trova sulla parte bassa del termometro, ma solo grazie alla Bce e alla sua politica monetaria. Fossimo fuori da quella protezione lo sfonderemmo, il termometro. Tanto stanno così le cose che la situazione italiana è da tempo rimproverata a Mario Draghi: lo vedi che comprare tempo serve a poco, illudendo che si possa andare avanti senza cambiare musica? Il cielo non voglia che la posizione di Draghi s'indebolisca. A dimostrazione di quanto la faccenda sia seria, c'è lo spread dello spread, ovvero il differenziale fra il nostro e quello spagnolo. In condizioni normali sono gli spagnoli a dover pagare di più, per accudire il loro debito. Questo perché, al di là di tante chiacchiere, noi italiani siamo ottimi pagatori, storicamente più affidabili dei tedeschi. Abbiamo un sistema produttivo in pesante affanno, ma di gran lunga superiore a quello spagnolo. Così come patrimoni pubblici e privati imparagonabilmente più alti. Perché allora come nel 2011/2012 il nostro spread torna a superare il loro?

Perché se il presidente del Consiglio annuncia che è ora di finirla con l'austerità, chi sa far di conto e opera sui mercati chiede: quando era cominciata? Mai, dato che lo Stato ha continuato a spendere più di quanto incassa. Mai, visto che le politiche monetarie europee sono espansive e i tassi d'interesse al suolo. Cresce, la preoccupazione verso l'Italia, perché dopo avere detto che avremmo contenuto il debito non per i parametri europei ma per i nostri figli, non ha mai smesso di crescere. Con tanti saluti a figli e nipoti. E se il governo presenta i conti sostenendo che quadreranno grazie a maggiore gettito fiscale per 8,5 miliardi (ovviamente presi ai cattivi e agli evasori, ma pur sempre maggiore pressione fiscale laddove se ne prometteva la riduzione); grazie a un maggiore deficit per 6,2 miliardi, quindi promettendo ancora maggiore debito in capo ai pargoli; e grazie a tagli della spesa pubblica per appena 2,6 miliardi, così stabilendo che la spending review è un genere letterario, non una politica reale, se il governo dice queste cose chi ha orecchie per intendere conclude: questi non hanno capito che aria tira e pensano di andare avanti così per l'eternità, incapaci di modificare alcunché. Sono convinti che il deficit tutto sta a farlo votare dal loro Parlamento (che corre giulivo) e deglutire alla Commissione europea, mentre il problema è un altro: trovare chi ci mette i soldi. Quindi: chiediamo più soldi per finanziare la loro irresponsabile continuità. A ciò conduce la Repubblica dei bonus (a nulla).

Il referendum non c'entra niente. Ieri il Financial Times s'interrogava sull'Italia, ma mica sulla Costituzione, bensì sulla tenuta del sistema bancario, con particolare riferimento alle Popolari. Sono mesi che la divaricazione degli spread va avanti, nella distrazione generale. Qui si fa finta di credere che gli altri abbocchino alle riforme epocali già fatte, ma son bubbole spese in prima serata e dissolte già in prima mattinata. Quando i mercati aprono.

Commenti

agosvac

Dom, 16/10/2016 - 13:28

Se non ricordo male l'ultima emissione di btp italiani è andata tutta venduta con tassi negativi. Ed allora, mi chiedo, se i tassi sono negativi che senso ha parlare ancora di spread??? Lo spread poteva fare paura quando i nostri titoli di Stato erano a tassi molto più alti rispetto a quelli tedeschi, ora che non si pagano più interessi,perché negativi, è una bufala immensa!!!!!

conviene

Dom, 16/10/2016 - 13:32

Non ci prendiamo, in giro veramente. I mercati ci hanno dato fiducia per le riforme. Ora ci tengono sotto osservazione giustamente. Nonostante questo c'è ancora chi prende in giro gli italiani e urla al pericolo per la democrazia. Grandi italiani questi che poi propongono l'aumento dei poteri del Presidente del Consiglio. Questi sarebbero gli statisti interplanetari. Che si riposino per il bene del paese e loro che ne hanno bisogno

lavieenrose

Dom, 16/10/2016 - 13:57

Ma basta cretinate, ne avete già fatti abbastanza di danni con le vostre bufale strumentali.

roseg

Dom, 16/10/2016 - 14:08

eheheheh l'Italietta del bengodi...prima o poi finirà BUFFONI!!!

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 16/10/2016 - 14:17

Finché non si sconfigge l'evasione fiscale, in particolare dei milioni di piccoli artigiani, qualsiasi governo di destra o di sinistra si troverà sempre in difficoltà a far quadrare i conti. Molti si lamentano della pressione fiscale che supera il 50% del ricavato, ma se poi dichiarano un decimo di quel che intascano risulta che la pressione fiscale scende quasi a zero. Il nostro nemico non è il governo ma sono gli evasori.

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 16/10/2016 - 14:53

Caro Corvaccio, quando ti ritroverai come il classico elettore PD correntista nelle Banche FALLITE e ci rimetterai le piume, forse potrai capire qualcosa. L' evasione è così fatta, i veri evasori sono come il tuo amico TESSERA NUMERO 1 che è in Svizzera con i nostri soldi e quelli che gli ha fatto avere la Magistratura di sinistra. Inoltre prosegue con tutti gli stranieri che lavorano o trafficano in Italia e che spediscano a vario titolo i loro soldi per auitare le loro famiglie. Questa potrebbe essere un azione nobile. Ma sono miliardi che escono dall' Italia creandoci un danno ingente che non possiamo permetterci. Se l' evasione la facesse anche l' idraulico che con il guadagno và a comprarsi una Pizza, i soldi lo stato se li riprende lo stesso. Il vero PARASSITA è colui che ha garantito € 1500 al mese a VITA e poi timbra, và in CANOA non produce una mazza e gli và liscia. Te Capììììì.

unosolo

Dom, 16/10/2016 - 15:05

questo governo incapace a creare crescita ha fatto aumentare il sommerso , troppe tasse hanno avviato il nero oltre quello che esisteva , governo che tutela banche e finanziarie prendendo soldi fermi o ai pensionati e risparmiatori ha aumentato il sommerso , paura di essere derubati questo è la situazione attuale , istigazione alla completa evasione visto che regala soldi a chi non ha versato i giusti contributi ,

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 16/10/2016 - 15:32

Dottor Combirio, non so dove viva lei ma le assicuro che dove sto io non c'e solo l'idraulico con la pizza ma moltissimi evasori che professano i più svariati mestieri che al posto della pizza mettono un Mercedes. Se mi chiede perchè non li denuncio alla Finanza le rispondo che come la quasi moltitudine di noi non lo fa, perché siamo dei fessi.

VittorioMar

Dom, 16/10/2016 - 16:01

..la "FREGATURA" l'abbiamo già presa una volta ,e ci basta!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 16/10/2016 - 16:13

L'ANNUNCITE CONTINUA!!!8,5 Miliardi di maggiori entrate fiscali!! Ma non era il governo che DIMINUISCE le tasse???lol lol. O forse sono i 500.000 traghettati che stiamo MANTENENDO, che di COLPO pagheranno le tasse come noi???Avanti con Frottolo e vedrete dove finiremo!!!BASTAAAA!!! #RENZIACASACOLNO.

Iacobellig

Dom, 16/10/2016 - 16:17

COME ACCADDE NEL 2011. ORA VOGLIONO INTIMORIRE GLI ITALIANI NEL CASO VOTINO "NO". INVECE BISOGNA VOTARE NO PER SALVARE LA DEMOCRAZIA, IL POPOLO DEVE CONTARE DI PIÙ.

linoalo1

Dom, 16/10/2016 - 16:24

Toh,chi si rivede!!!!Lo SPREAD!!!ma non era stato inventato da NAPOLITALO,con i Sinistrati,solo come motivo principale per fare cadere Berlusconi???Ecco a chi si è rivolto Renzi,per impostare il Quesito sul Referendum!!Allo Stesso che ha inventato lo SPREAD!!!!!

flip

Dom, 16/10/2016 - 16:31

signora/ina conviene. Lei non mi convince del tutto. Scrive come se fosse una che appartiene alla sfera del governo e ne difende a spada tratta tutte le iniziative. . Non credo sia solo un' appassionata e convinta sostenitrice di Renzi. Non è possibile dire di si a tutto. Avrà pure le sue idee più o meno critiche.

Ritratto di orione1950

orione1950

Dom, 16/10/2016 - 16:36

Questa é un'altra buffonata. Gli investitori non guardano al referendum ma, bensi, alle manovre finanziare che sono solo di spesa e di maggiori tasse. Che poi questa panzana la racconti il sole é sintomatica della posizione presa da confindustria che é per il si al referendum. Sono tutti in campagna referendaria!

VittorioMar

Dom, 16/10/2016 - 16:42

..sicuri che gli evasori sono gli altri??..chi non paga i debiti ,come lo chiamate??...chi mette le mute sul niente,come lo chiamate??..chi mette i ticket sui medicinali,avendo una tassazione impossibile,come lo chiamate??chi applica interessi su interessi ,come lo chiamate??......dalle mie parti ci sono espressioni esplicative che non lasciano dubbi!!!...l'evasione fiscale è un richiamo per "ALLOCCHI"!!

unosolo

Dom, 16/10/2016 - 16:55

ci rendiamo conto che il referendum è solo un braccio di ferro tra democrazia e regime ? la modifica alla Costituzione voluta dall'ex e votata con la fiducia e non discussa con altri partiti e nelle commissioni a totale maggioranza del PD dimostra solo spreco di soldi per una prova che ci costerà una grande finanziaria , inutile dire democrazia altrimenti se ne discuteva con tutti i partiti.lo SPREAD è solo la clava per intimorire , la realtà è solo il nostro debito che aumenterà in un solo mese di 27 miliardi in più.

roseg

Dom, 16/10/2016 - 17:08

Egr. combirio 14.53- tempo sprecato cercando di erudire chi non capisce o non vuol capire. Nel caso specifico, non capisce. Mai dare perle ai porci.

Fjr

Dom, 16/10/2016 - 17:19

Ma guarda che coincidenza ,l'ultima volta l'avevano usato con Silvio e abbiamo visto come è finita ,allora c'è speranza anche per mister stai sereno

Fjr

Dom, 16/10/2016 - 17:20

Ah dimenticavo tanto voto NO quindi inutile prendersela

conviene

Dom, 16/10/2016 - 17:50

x flip. mi spiace se non la convinco. io sono solo una persona libera senza nessuna tessera di partito, alla quale piacerebbe un confronto di idee, non preconcette, cosa difficile su questo giornale. Ho votato per diversi partiti,tranne il Pci, purtroppo anche per F.I..Ma tutti non sono perfetti e nemmeno io assolutamente. Ora voto PD convintamente perché mi sembra , pur con molte pecche l'unico partito che porta avanti l'interesse complessivo del Paese. Poi il suo vero merito è quello di non essere padronale, come F.I., lega 5 stelle e non solo. Perderò il congresso, ma posso sempre votare per il segretario a tutti i livelli. Senza rancore

hornblower

Dom, 16/10/2016 - 18:00

Giacalone, dice che l'austerity non è mai iniziata, perché lo Stato spende più di quanto incassa. Peccato però ch'è dal 92 che il bilancio dello Stato è in avanzo primario, per un totale cumulato di circa 600 miliardi di euro, che fino al 2002 erano compensati dalle cedole incassate dai risparmiatori, mentre adesso finiscono all'estero e nei bilanci delle istituzioni finanziarie. Peccato che in tutti gli Stati sviluppati, eccetto dal 2002 quelli dell'Ue, il PIL cresce grazie agli abbondanti deficit di bilancio, i cui unici limiti sono le persone occupabili e la capacità degli impianti.

killkoms

Dom, 16/10/2016 - 18:25

lo spread è solo uno strumento di ricatto,perché cposì tengono in sella un utile idiota della ue..!

Eraitalia

Dom, 16/10/2016 - 18:39

Certo se ha funzionato allora perché Non potrebbe funzionare oggi? L'incubo dello spread ha fatto i governi PD perciò avanti tutta con lo spread! POVERA ITALIA sempre avanti con ricatti e intimazioni, finché si abbocca......

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Dom, 16/10/2016 - 19:05

Anche il Natale è in forse, se vince il NO si rischia.

flip

Dom, 16/10/2016 - 19:23

unosolo. stai attento s cosa scrivi loro sono "democratici" perbacco! noi siamo "anti". pertanto guitti. capito mi hai? dicono i siculi.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Dom, 16/10/2016 - 19:29

La Prof. conviene una sporca Kommunista-opportunista che per testare la bontà di una manovra economica dice che bisogna affidarsi ai mercati finanziari..notoriamente ben frequentati da squali della finanza e spekulatori come Davide Serra compagno di merende e finanziatore del Cazzaro..mercati finanziari che appunto fanno gli interessi di chi li manovra e non del popolo italiano!

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Dom, 16/10/2016 - 19:52

L'ambasciatore USA dice che se dovesse vincere il no "addio investimenti", Davide Serra conferma che dovesse vincere il no "i Capitali esteri non verrebbero in Italia", la Boschi afferma che i "veri partigiani votano Si al referendum", i mercati finanziari minacciano di far risalire lo spread se vincesse il NO...È CHIARO CHE UNA DELLE DIMENSIONI DELL'OFFENSIVA MEDIATICA DELLA MAKKINA PROPAGANDISTICA DEL CAZZARO PUNTA A CONDIZIONARE PSICOLOGCAMENTE GLI ITALIANI FACENDO LEVA AL RICATTO MORALE E A PRESUNTE PAURE..come si può notare tutte dichiarazioni mirano al terrorismo psicologico per impedire che la decisione possa essere presa in serenità e con razionalità..e sono rilasciate da esponenti dei cosidetti Poteri Forti, cui fanno parte altri gruppi come Confindustria (vedi dichiarazioni di Boccia a favore), e i burocrati UE amici di Napoletani e quindi del Cazzaro!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 20:13

Abbiamo visto come è credibile lo spread. basta una nazione che fa apposta a vendere i tuoi buoni del tesoro e ti fa crollare. Anche questo film già visto.

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 16/10/2016 - 20:56

@Il Corvo...Non vorrei giustificare l' evasione, rimane sempre un azione immorale. La giustifico solo per il piccolo professionista che è l' unico modo per difendersi per non morire da uno stato vorace che spende male i nostri soldi, e ti assicuro che sarebbero tanti i piccoli professionisti o artigiani che farebbero il cambio di corsa, con un impiegato pubblico. Il problema vero è innanzitutto riuscire a tenere questo mare di soldi in Italia, perché chi li porta all' estero ( e non è l' idraulico ) commette un CRIMINE per noi e i nostri figli. Non possiamo continuare in questo modo a far debito pubblico. Bisogna cambiare totalmente rotta a cominciare a togliere tutti i vitalizi, benefit, privilegi, evasione all' estero ecc. Ci potrebbe riuscire la sinistra? La Destra? Il m5s? La partita è aperta. Personalmente continuo a sperare chi mette avanti l' Italia e gli italiani. Con cordialità.

gisto

Dom, 16/10/2016 - 21:01

Chi ha molti anni come me ricorda che dal 1950 al 1970 l'IGE (iva) era del 4,5% .L'evasione fiscale ai massimi,gli artigiani dichiaravano a forfait,i dipendenti P.A. lavoravano.Siamo diventati il quinto paese industriale del mondo.Tutte le teorie vanno a farsi friggere.Le medicine erano senza ticket così come gli esami negli ospedali.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 16/10/2016 - 21:12

Lo SPREAD è solo un ricatto e un imbroglio... Dal 2012 a oggi non ha cambiato niente di positivo direi che è mutato dal male nel peggio! Per cambiare la situazione bisogna mandare a casa questo governo abusivo e mai ELETTO. Votare NO al referendum è solo la soluzione.

fifaus

Dom, 16/10/2016 - 22:53

per gisto: ricordo anch'io quegli anni. Concordo con quello che dice e aggiungo che si poteva trovare lavoro e da affittare un appartamento, per sposarsi e avere figli. Eppure avevamo alle spalle una guerra che, lasciando da parte ogni altra considerazione, aveva distrutto tutto il nostro impianto produttivo (elettricità esclusa..)

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 16/10/2016 - 23:48

Verissimo quello che dice gisto. Aggiungo che nel 1974, primo anno di applicazione dell'irpef, il mio stipendio annuo lordo è stato di circa 3 milioni e mezzo di lire e la tassazione era del 10% sui primi 3 milioni e del 13% sull'eccedenza. Era il mio primo anno di lavoro, percepivo lo stipendio iniziale della mia categoria, ma non mi sentivo poi molto più povero di adesso che, da pensionato, pago il 38%.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 17/10/2016 - 10:41

Leggere il commento della Prof. Conviene delle 17.50 ci fa comprendere molto bene cosa significhi il concetto di "ipocrisia di sinistra"

flip

Lun, 17/10/2016 - 15:23

sig.ra/na conviene,. Ottimo e condivido. ma le campane, ben accordate, sono solo due. e bisogna ascoltarle entrambe per trarne il meglio. Poi il giudizio sul loro suono è solo il nostro. una volta ce ne piace una un' altra volta l' altra ma non mai sempre lo stesso suono. diventa monotonia e non si ascolta più. anzi dà fastidio.

flip

Lun, 17/10/2016 - 15:43

saròfranmco. non mi faccia rimpiangere troppo le lire. di stipendio percepivo oltre 2 milioni di lire al mese ed ero un signore. Adesso, in pensione, percepisco intorno ai 1100 euro netti al mese. e sono un disgraziato. affitto. bollette, spesa, moglie senza redditi, ecc.. E' dura. grazie EURO!. in COSTARI8CA chiedono un reddito mensile di mille dollari. si può provare.