Bufera su Duterte Bacio forzato con una donna

Il presidente Rodrigo Duterte, 73 anni, che stava tenendo un comizio davanti a una folla di lavoratori filippini stranieri in Corea del Sud

Un bacio scatena le polemiche nelle Filippine. Protagonista il presidente Rodrigo Duterte, 73 anni, che stava tenendo un comizio davanti a una folla di lavoratori filippini stranieri in Corea del Sud, quando ha invitato due donne a salire sul palco per donare loro la copia di un libro. A una di loro ha dato un piccolo bacio sulla guancia ma all'altra ha chiesto un bacio sulle labbra. «Il prezzo di questo è un bacio. Sei disposta a baciarmi?», ha chiesto Duterte. Dopo qualche esitazione e le risate nervose dalla giovane donna, alla fine i due si sono baciati tra gli applausi e le acclamazioni del pubblico. La scena è stata fortemente criticata sui social network, dove in molti hanno descritto il bacio come «disgustoso», «ripugnante» e «vergognoso». L'ex procuratore generale filippino Florin Hilbay ha descritto l'atto come un «percorso verso la normalizzazione della misoginia».

Anche il deputato dell'opposizione Gary Alejano si è lamentato dell'accaduto, sottolineando che «la misura di un vero uomo non è il modo in cui abusa di una donna, ma come rispetta i suoi diritti e la sua persona». «Un teatrino disgustoso di un presidente misogino», è stato il commento dell'Ong Gabriela, secondo la quale la donna avrebbe dovuto difendersi dagli «atti schifosi» di Duterte, che si sente «autorizzato a sminuire, umiliare o mancare di rispetto alle donne». «Queste azioni del presidente Duterte intendono solo distrarre le persone da problemi reali e urgenti del paese. I suoi ripetuti atti di maschilismo intendono intrattenere per nascondere la realtà del suo rapido declino di popolarità», aggiunge il testo.