Bufera sulle toghe, Grasso si dimette da presidente dell'Anm

Il presidente dell'Anm: "Vi rispetto molto più di quanto abbiate dimostrato di rispettare me"

"Mi farò da parte alla percezione della semplice richiesta di dimissioni". Così il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Pasquale Grasso, aveva annunciato le sue intenzioni quando, questa mattina, il comitato direttivo centrale del sindacato delle toghe si è riunito per il rinnovo della giunta. E, dopo aver ascoltato gli interventi, Grasso si è dimesso dalla presidenza.

Le dimissioni arrivano nell'ambito dello scandalo che ha travolto il Csm: nei giorni scorsi, infatti, Grasso aveva lasciato la corrente Magistratura indipendente, non condividendo la linea del movimento che chiedeva ai togati autosospesi di tornare a svolgere le proprie attività. Il presidente Anm ha ascoltato gli interventi di Area, Unicost e Ael, che gli hanno chiesto di fare un passo indietro. Poi ha annunciato: "Vi ho ascoltato e compreso. Ovviamente rassegno le mie dimissioni. Lo faccio serenamente, dicendo no a me stesso. Nel ricordo di un grande intellettuale del passato, che ricordava che i moralisti dicono no agli altri, l'uomo morale dice no a se stesso".

Poi Grasso si è rivolto ai colleghi del comitato direttivo centrale che hanno chiesto le sue dimissioni: "Vi rispetto molto più di quanto abbiate dimostrato di rispettare me". Il presidente dimissionario ha aggiunto: "Rivendico la correttezza e la coerenza della linea politica e morale che come presidente ho seguito. A fronte dell'accaduto l'Anm deve urlare un fermo no. No. Non lo consentiamo. No, non è ammissibile. No, lo combattiamo. Noi difendiamo il Consiglio Superiore della Magistratura. Noi difendiamo i magistrati. Che non sono certo le persone che emergono dalle intercettazioni che feriscono il nostro onore giorno dopo giorno".

Già in apertura, Pasquale Grasso aveva annunciato che, in mancanza di una posizione unitaria, sarebbe stato pronto a farsi da parte, "non avendo intenzione di invelenire una situazione già molto complicata". Aveva però chiesto a tutti una "una posizione chiara e un'assunzione di responsabilità", confidando "nella capacità di tutti di dimostrare con i fatti, e non solo con le parole, la volontà di essere promotori di un reale cambio di passo, di voler essere persone che rappresentano persone. Persone che hanno bisogno di noi per mettere nero su bianco il proprio disagio. Ne hanno bisogno e urgenza".

A chiedere un passo indietro a Grasso sono state Area, Unicost e Autonomia e indipendenza: "Siamo di fronte a una vicenda catastrofica. Abbiamo il tentativo di una parte politica di mettere le mani sulle procure più importanti d'Italia. Abbiamo una politica che cerca di impossessarsi degli uffici giudiziari e tendere la sua mano sull'autonomia", ha detto Francesco Valentini, intervenuto per AeI, aggiungendo che Grasso "non ha saputo gestire qual momento e il momento successivo. La decisione di uscire di MI non è compatibile con il ruolo di presidente Anm". Per Angelo Renna, di Unicost, quella che si sta consumando nell'Anm e in generale tra le toghe rosse è "una vera Caporetto".

Ma a dimettersi oggi non è stato solo il presidente Grasso. Anche Antonello Racanelli, segretario di Magistratura indipendente, ha rassegnato le proprie dimissioni dal movimento: "Comunico che ieri durante una riunione di segreteria ho presentato le dimissioni irrevocabili dell'incarico di segretario di Magistratura Indipendente", ha annunciato in un messaggio ai colleghi. Ha poi sottolineato che non intende partecipare al "festival della grande ipocrisia di molti esponenti di rilievo della magistratura associata". Intanto è il pm di Milano Luca Poniz, esponente di Area, il gruppo delle toghe progressiste, il nuovo presidente dell’Anm. Fino ad oggi Poniz è stato vicepresidente del sindacato delle toghe.

Commenti

Trefebbraio

Dom, 16/06/2019 - 12:20

Avete perduto credibilità, autorevolezza, vi siete giocati la stima degli italiani, avete perduto tutto per strada, sulla strada. Il campo vi ha messo alla prova, vi ha stretto all'angolo, vi ha coperto di vergogna. Avreste dovuto mantenere una insospettabile distanza dai partiti, una completa e lucente neutralità, invece vi siete rotolati nel fango dell'interesse privato e avete finito per distruggere il nobile intento a cui eravate chiamati. Non vi condanneranno i vostri simili o i vostri coetanei no, verrete schiacciati dalla storia e bollati in eterno. Miserabili!

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Dom, 16/06/2019 - 12:22

Molto bene! La TORRE degli INTOCCABILI, sta cadendo pezzo dopo pezzo! A dimostrazione di quanto MARCIO ci fosse in quella congrega di farabutti.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Dom, 16/06/2019 - 12:25

Altissimo vulcano che erutta ipocrisia!

agosvac

Dom, 16/06/2019 - 12:25

Sembra sia arrivato il momento giusto per rivedere sia l'organizzazione dell'ANM sia, a maggior ragione, quello del CSM. Che senso ha un CSM composto prevalentemente da magistrati? Come possono i magistrati giudicare serenamente i comportamenti di altri magistrati? Il CSM dovrebbe essere composto a maggioranza da persone esperte in giurisprudenza che non facciano parte della magistratura. Solo così ci potrebbe essere un giudizio equo sui magistrati che eventualmente sbagliano!!!

rawlivic

Dom, 16/06/2019 - 12:26

ha ha ha ... o dimissioni o si apre un altra pentola...

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 16/06/2019 - 12:28

I magistrati sono persone nè più nè meno come tutti gli altri, con l'aggravante di essere irresponsabili .... nel senso che non rispondono mai dei propri errori o semplici difetti.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Dom, 16/06/2019 - 12:30

pochi ne sentiranno la mancanza!! ps:una toga candidato in politica....W l'imparzialita'!!!!

widmer.v.r

Dom, 16/06/2019 - 12:34

vedo che non ci sono tanti commenti... secondo me questo la dice lunga sul clima terrore che hanno politici (nessuno ha avuto la faccia di intervenire sulle vicende attuali) e cittadini nei confronti della magistratura, dal momento che i magistrati di fatto comandano e decidono su tutto in Italia... credo che 2-3 anni di sola corte marziale potrebbero far riflettere e portare a più consoni comportamenti parecchia gente abituata a fare e disfare a piacimento...

inventocolori

Dom, 16/06/2019 - 12:41

infatti "liberi e uguali"....si ma uguali alla m...a

Ritratto di vraie55

vraie55

Dom, 16/06/2019 - 12:44

Bel gesto di spontanea responsabilità. Grasso appare nella foto visibilmente snellito, a causa della crisi nella Magistratura.

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 16/06/2019 - 12:53

LA NOSTRA MAGISTRATURA VA AZZERATA, E' INDECENTE ED E' ANCHE INDEGNA DI UN PAESE CIVILE !!!!! E QUESTO LO SCRIVO DA ANNI !!!!!

fenix1655

Dom, 16/06/2019 - 12:55

Quella parte politica voleva e vuole continuare a tentare di controllare ed influenzare buona parte delle procure e dei tribunali italiani. Spesso probabilmente riuscendoci con successo. La frase “abbiamo fiducia nell’operato della magistratura” più volte ripetuto da esponenti di quell’area politica di fronte a loro coinvolgimenti in inchieste e processi, agli occhi di questi ultimi avvenimenti, suona come le campane a morto durante un funerale!!!!

Ritratto di scandalo

scandalo

Dom, 16/06/2019 - 13:18

A capo del csm c'è il ns. presidente Mattarella, colui che dall'alto della sua cultura economica ha bocciato la nomina di SAVONA al ministero dell'economia. Mentre suo compito sarebbe stato quello di vigilare sul CSM e ora il suo silenzio è imbarazzante speriamo che in questo festival di dimissioni sia partecipe anche nostra maestà !!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 16/06/2019 - 13:18

Anche se abbiamo un "Professore" presidente del Consiglio continuiamo a confondere i tre Poteri dello Stato, come Montesquieu ha insegnato: Legislativo, Esecutivo e Giudiziario. Il settore più in confusione é proprio il potere "Giudiziario", che vuole incidere e di fatto incide anche sugli altri due poteri. Occorre rettificare il sistema, soprattutto separando la funzione inquirente con il potere giudiziario, come avviene in numerosi paesi civili, ad esempio con gli SU, ove vi é una netta separazione fra i due.

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 16/06/2019 - 13:20

LA CADUTA DEGLI...PSEUDO DEI!!!

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 16/06/2019 - 13:21

Ci sarà sicuramente (?) qualche mela sana in mezzo alle tante (tutte?) marce. Dato che hanno fatto di tutto per non farsi vedere e per non far scoprire quelle da buttare via, direi di buttare via direttamente tutto il cesto. Così non si sbaglia.

antoniopochesci

Dom, 16/06/2019 - 13:22

Ma è il CSM che è un partito o è il PD che è un'Associazione di Magistrati? Sono talmente un unicum, talmente un tuttuno con il Palazzo che ormai Magistrati e Parlamentari PD ( vedi Ermini, ieri al Nazzareno, oggi vice CSM ) che tra il Parlamento e il Palazzo dei Marescialli di Piazza Indipendenza vi è un continuo andirivieni.

federik

Dom, 16/06/2019 - 13:24

CHE VERGOGNA MOSTRUOSA, VANNO TUTTI LICENZIATI ED INTERDETTI A VITA DAI PUBBLICI UFFICI.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Dom, 16/06/2019 - 13:25

In un mio post su facebook (Angelo Papagno)riportavo la seguente considerazione: Quando il linguaggio si fa ermetico l'analisi logica si fa da parte. E' triste dover rilevare che la natura umana non sa discernere le opportunità dei modi di agire. Certe persone pur avendo di tutto sono prese da una incontenibile frenesia per la quale osano osare l'impensabile. Il manigoldo è solitamente incontinente e incontenibile. La logica mi porta a supporre che dopo il grande smottamento provocato da quel fenomeno che fu detto "tangentopoli" siamo in procinto di assistere ad un nuovo grande smottamento che potrà essere ben definito "PROFITTOPOLI".

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 16/06/2019 - 13:35

Un poco di ricambio non guasta. Ma si sa che dalla padella si salterà nella brace. Italia irriformabile.

tosco1

Dom, 16/06/2019 - 13:37

"Rivendico la coerenza e la correttezza della linea "politica"... che come Presidente rivendico".... Se ha pronunciato queste parole , io penso che vada cacciato con determinazione.Questo non mi sembra che sia un magistrato, ma un politico alle dipendenze di facce note. Sembra quasi una confessione.E' domenica e sono impegnato(non in politica) , ma mi aspetto che chi e' responsabile della Giustizia in Italia faccia "tabula rasa" degli ermellini italiani, prima che ci metta le mani sopra il popolo ,offeso da tanto malaffare.

fumonero

Dom, 16/06/2019 - 13:48

E' troppo facile cosi,dopo essere stati scoperti con le mani nella marmellata cosa fanno,SI DIMETTONO.Che ipocrisia.

unosolo

Dom, 16/06/2019 - 13:58

ci vogliono attributi per dimettersi , ma una cosa che il cittadino aspetta è la pulizia nel sbattere fuori la politica che in certi posti non deve entrare per essere usata , il cittadino vuole una totale percezione di pulizia , se la politica ha intaccato alcune toghe che siano le toghe oneste e leali a farle uscire allo scoperto , certe sentenze o certi rinvii danno un segnale , che vengano usati e si chiariscano una volta per tutte , riaprire certi processi i modi si trovano basta volerlo ,,

odifrep

Dom, 16/06/2019 - 14:15

Non la vogliono proprio capire che più smuovono la cxxxa e più affiora la puzza. Azzeramento totale. Nuove regole finalizzate prettamente alla giustizia e nessuna con riferimento alla politica.

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 16/06/2019 - 14:24

Sono tutti lotti-zzati !!!!!! Fuori dalla magistratura !!!!!

ROUTE66

Dom, 16/06/2019 - 14:30

A QUANDO UN COMMISSARIAMENTO? SE FOSSERO UNA AZIENDA PORTEREBBERO I LIBRI IN TRIBUNALE. SE FOSSERO UN COMUNE VERREBBE SCIOLTO PER MAFIA. SE FOSSE UNA REGIONE VERREBBE COMMISSARIATA. SE FOSSE IL GOVERNO,CHIAMEREBBERO LA TROICA. SE FOSSERO CITTADINI COMUNI DIREBBERO,NON POTEVANO NON SAPERE. MA LORO SONO LA GIUSTIZIA (MALATA) E CHI TOCCA LI MUORE

ROUTE66

Dom, 16/06/2019 - 14:40

LA TRAGEDIA è CHE CE LI RITROVEREMO TUTTI,COME GIUDICI NEI VARI TRIBUNALI. Provate solo ad IMMAGINARE,NOI CHIAMATI AD ESSERE GIUDICATI DA UN MAGISTRATO CHE SI SA SCHIERATO DALLA PARTE OPPOSTA,DELLA NOSTRA. A Mè RESTEREBBE SEMPRE IL DUBBIO DI ESSERE GIUDICATO PER LE MIE IDEE, E NON PER IL FATTO CHE MI è STATO IMPUTATO

buonaparte

Dom, 16/06/2019 - 15:02

nessuno nota che i giudici siciliani non su stanno muovendo per la sea watch? da chi sono stati messi in sicilia ? e a quale scopo? non si muovono forse perchè si metterebbero in mostra e qualcuno vorrebbe vederci chiaro sulla loro carriera e destinazioni ?

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 16/06/2019 - 15:03

ROUTE66 - E' per questo che almeno noi lettori del Giornale dobbiamo chiedere a gran voce l'AZZERAMENTO DEL CSM! Solo mandando a casa i "sospetti" si può partire col piede giusto. Il custode della Costituzione più bella del mondo vuole, invece, procedere alla nuova elezione dei dimissionari in quanto quelli rimasti, secondo lui, sono al di sopra di ogni sospetto. Pur non essendoci alcuna garanzia di ciò. Anzi.

Celcap

Dom, 16/06/2019 - 15:27

E tutti gli altri quando si dimettono??

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 16/06/2019 - 15:38

Un'altra casta di intoccabili sinistri che sta crollando e finendo nel fango. Ottima notizia.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 16/06/2019 - 15:44

L'aria tornera' pulita solo DOPO CHE SARANNO STATE PERSEGUITE E FATTE SCOMPARIRE TUTTE QUESTE SETTE CHE CON LA LORO ESISTENZA DELEGITTIMANO IN TOTO LA MAGISTRATURA.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 16/06/2019 - 15:46

Ecco i primmi topi che abbandonano la nave, strillando che a loro non e' mai piaciuto il formaggio...

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 16/06/2019 - 15:47

@Trefebbraio: COL CAVOLO!! Non solo i "vostri simili" VI CONDANNERANNO, MA DOVRA' PURE TRATTARSI DI UNA CONDANNA ESEMPLARE!!!

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 16/06/2019 - 15:54

Non si è dimesso. Si è autosospeso. Che non vuol dire un katzo.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 16/06/2019 - 15:56

Con queste situazioni BEN VISIBILI, LA PRIMA COSA DA FARE, PER IL GOVERNO, E' CHIEDERE LE DIMISSIONI DI MATTARELLA. Forse, poi il "nodo gordiano" si allenta e si puo' provare a scioglierlo con le buone, invece di usare il metodo "Alessandro Magno"... Mai come ora ci sono tanti poteri istituzionali ABUSATI E PILOTATI DALL'ESTERNO, mai come ora e' INDISPENSABILE UN RESET.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 16/06/2019 - 15:57

@moshe: sicomme L'Italia è un Paese incivile la magistratura che abbiamo ne è perfettamente degna ed è conforme e coerente con detto Paese. Praticamente è in linea.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Dom, 16/06/2019 - 16:08

C'é forse stata in Italia una "okkupazione" politica delle Procure?..........................(ma lo sapevano tutti i cittadini con un minimo di buonsenso). Per esempio ci sono stati dei Procuratori della Repubblica che hanno difeso a spada tratta l'immigrazione.....................ricordate Armando Sparato "bufala che sui barconi ci sono terroristi". Venne smentito addirittura dai servizi segreti tunisini. Ma nessuno disse o fece niente!

Yossi0

Dom, 16/06/2019 - 16:27

Pare che l’ANM rappresenti il 90 % dei magistrati italiani e vista la stima che aveva del suo ex presidente il Sig. Cossiga, e i fatti recenti mi chiedo se una istituzione fondamentale per un paese, può essere lasciata nelle mani dì faccendieri e manipolatori assettati di potere che oltretutto si offendono quando vengono criticate le loro sentenze, basate su tutto fuorché sul diritto. Terribilmente grave e più grave ancora vedere che nessuno sapeva ne sospettava .... cascano tutti dal pero. Che marciume da fogna.

buonaparte

Dom, 16/06/2019 - 16:29

in cariola . hai ragione . se mattarella avesse una vera coscienza si dimetterebbe perchè lui è il capo del csm .. NON PUO DIRE A SUA INSAPUTA. a cosa serve un capo se non risponde di cose cosi gravi. ma scherziamo. qui ci sono moltissimi reati primo la mancata vigilanza sull'organo presieduto per non dire di altri ancora piu gravi. CI VOGLIONO GIUDICI EUROPEI CHE COMMISSIONINO LA MAGISTRATURA ITALIANA A COMINCIARE DAL CAPO

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 16/06/2019 - 16:39

Quando è scoppiata tangentopoli, ci siamo affidati alla magistratura ritenendola (a torto?) al di sopra delle parti ed in grado di mettere il naso negli affari loschi della politica ed eliminare il marcio. Oggi che il marcio lo stiamo scoprendo nella magistratura, a chi possiamo affidarci? Al CSM, che appare sempre più come la cupola del malaffare? Al PdR, che tace e propone di eleggere nuovi membri al posto dei dimissionari, senza mettere mano al sistema? Chi potrebbe giudicarli? Quando vedremo prendere a calci e sbattere in galera quei magistrati che emettono ordinanze e sentenze che puzzano di politica? Temo di conoscere la risposta: mai! Purtroppo agli italiani basta dare panem et circenses: lasciategli evadere la tasse, dategli la pensione di (falsa) invalidità, il secondo lavoro (in nero), il telefonino, il grande fratello, il campionato di calcio .... Se in Italia non c'è mai stata una rivoluzione, un motivo ci sarà. O no?

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Dom, 16/06/2019 - 16:44

POVERA ITALIA è PROPRIO VERO QUANDO UNO DISSE " FATTA L'iTALIA ADESSO BISOGNA FARE GLI ITALIANI. POLITICI, MAGISTRATI AMMINISTRATORI LOCALI ECC,ECC. DOVREBBERO ESSERE L'ESEMPIO, INVECE?

agosvac

Dom, 16/06/2019 - 16:46

Egregio 02121940, lei ha ragione: la separazione delle carriere deve essere sancita al più presto. La funzione del PM deve essere eliminata: nessun magistrato può avere il potere di indagare chi vuole e di dirigere le indagini della Polizia. le forze dell'Ordine devono essere le sole ad effettuare le indagini. Gli attuali PM devono essere semplici avvocati dell'accusa e si devono occupare solo di istituire i processi dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato le indagini. In questo, come lei dice giustamente, negli USA sono molto meglio di noi in Italia!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 16/06/2019 - 16:51

un problema in meno. forse....anm non ci serve a nulla, è un ente che succhia un sacco di soldi inutili !!!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 16/06/2019 - 16:51

Prima o poi certi altarini poco commendevoli vengono a galla e chi ci rimette è quell'ordine in cui c'è gente che svolge onestamente il proprio lavoro senza perder tempo sotto i riflettori della stampa e dei media. Bene disse Montanelli (CorSera agosto 1998): «Come in tutte le altre pubbliche attività, anche nella giustizia c'è un dieci per cento di autentici eroi pronti a sacrificarle carriera e vita, ma senza voce in un coro di "gaglioffi" che c'è da ringraziare Dio quando sono mossi soltanto da smania di protagonismo».

delenda_carthago

Dom, 16/06/2019 - 17:38

andrebbero desecretati, perlomeno ai giornalisti, gli atti dei procedimenti di radiazione del CSM passati in giudicato, onde il popolo bue possa rendersi conto esattamente della situazione di malagiustizia catastrofica

Marcolux

Dom, 16/06/2019 - 17:39

Ma quale problema, via un comunista e dentro uno peggiore! L'importante è che la magistratura sia saldamente in mani comuniste, come da oltre 30 anni

Ritratto di rebecca

rebecca

Dom, 16/06/2019 - 18:00

....e poi non rimase nessuno!

diesonne

Dom, 16/06/2019 - 18:00

DIESONNE I MAGISTRATI FACESSOM I MAGHISTRATI SECONMDO LA LEGGE E NON SECONDO LE CORRENTI ;LA LEGGE NON E' UN'ASSOCIAZIONE DI POTERE MA UNA NORMA CHE GIUDICE LE RESPONSABILITA' ILLECITE DEI CITTADINI LE CORRENTI OSTACOLANO LE LEGGI E LE ALTERANO SECONDO LE DIRETTIVE DI UN SINDACATO IDEOLOGICO PER UN FALSO POTERE DA PERSEGUIRE:SCIAGLIETE LE VOSTRE SIGLE CHE SONO CONTRARIE ALLA LEGGE UNICAQ PER TUTTI

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 16/06/2019 - 18:02

Cambiano tutto per non cambiare niente; la Magistratura fa politica e lo si è visto nella vicenda Berlusconi. Non è soltanto una corrente ma una tempesta e solo Dio sa quanto durerà; forse lascerà soltanto macerie e si sa come in Italia sia poi difficile toglierle di mmzzo. Shalòm.

paolo1944

Dom, 16/06/2019 - 18:22

Qui bisogna resettare tutto, altro che subentri di Area con spostamenti politicizzati. E' il momento giusto perché la palla passi alla Politica e si rifondi la magistratura, possibilmente veramente indipendente e non politicizzata con lo scempio delle correnti guarda caso tutte di sinistra. Purtroppo manca anche la Politica.

Mauritzss

Dom, 16/06/2019 - 18:57

I sorci scappano . . . .

Ritratto di saggezza

saggezza

Dom, 16/06/2019 - 19:36

Certo che se un presidente della repubblica e le toghe che dovrebbero essere al di sopra di qualsiasi colore politico sono contro gli italiani di chi fidarci? È come se un bambino non può fidarsi nemmeno di suo padre e di sua madre. Presidente stiamo aspettando ……… difenda i figli di questa Italia

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 16/06/2019 - 20:06

Che schifo, sono tutti della sinistra.

Ritratto di akamai66

akamai66

Dom, 16/06/2019 - 20:13

Ma tutta codesta possibilità di autocritica perché non viene concessa anche a coloro che non sono de ramo? Perché la vita degli altri vale meno di niente? Penso per esempio al periodo di Mani Pulite: se Franco Franchi, Renato Morese, Mario Comaschi, Sergio Moroni, Gabriele Cagliari e Raul Gardini avessero potuto svolgere una SERENA autocritica si sarebbero suicidati?

19gig50

Dom, 16/06/2019 - 20:40

Cacciare tutti quei giudici che hanno dimostrato anti italianità a favole dei balordi clandestini. I nomi ci sono fatelo.

lappola

Dom, 16/06/2019 - 21:38

Tutti dovrebbero fare come lui, tutti.

Georgelss

Lun, 17/06/2019 - 08:11

Davigo che dice? Davigo che dice? Che dice?Che dice?Che dice,che dice?