Business da 21 miliardi che uccide l'economia e non conosce crisi

L'abusivismo è un vero sistema industriale che tutti i giorni danneggia le nostre aziende

La Guardia di Finanza dell'era Toschi si concentrerà sul contrasto al commercio abusivo. Non solo lotta all'evasione e al caporalato. Gli sforzi della Gdf riguarderanno anche i marchi taroccati venduti attraverso una rete capillare di venditori altrettanto taroccati. Ma le linee guida del nuovo comandante delle fiamme gialle Giorgio Toschi, non sono piaciute a tutti. Ieri, ad esempio, il Fatto Quotidiano ha stigmatizzato la nuova lotta all'evasione che mira a «sgominare falsari e vu cumprà» e «non disturba i veri criminali». Riflesso di tempi andati, quando la vecchia sinistra spiegava che vera illegalità sta sempre in alto, dalle parti delle imprese e delle professioni, mentre in basso c'è solo abusivismo per necessità.

I dati dicono cose diverse. Dietro un prodotto fasullo acquistato con leggerezza in una spiaggia o a una bancarella irregolare c'è una filiera che prospera, regno della criminalità organizzata e dello sfruttamento di esseri umani. Un'attività economica in crescita, che crea un danno enorme all'economia italiana in termini di fatturato perso e posti di lavoro cancellati.

Il fenomeno è mondiale. Da una recente indagine dell'Ocse, emerge che il valore delle merci contraffatte e dei prodotti pirata importati in tutto il mondo è stato di 461 miliardi di dollari nel 2013. Il 2% delle importazioni globali è illegale, percentuale che sale a 5 punti nell'Ue. Secondo gli ultimi dati ufficiali a livello mondiale, relativi al triennio 2011-2013, a soffrire più della contraffazione sono gli Stati Uniti, con il 20% delle violazioni dei marchi mondiali. Ma subito dopo c'è l'Italia, con il 15% delle contraffazioni. Fatte le proporzioni dei rispettivi Pil si capisce quanto sia proprio l'Italia a pagare il conto più salato.

Recentemente il presidente dell'Autorità anticorruzione Raffaele Cantone ha sottolineato come il problema sia sottovalutato. Manca la percezione di come un gesto semplice come acquistare una borsa fasulla, diventi un sostegno a un «sistema industriale» che alimenta la criminalità organizzata.

Una stima del fatturato di «Contraffazione spa» è difficile. Confesercenti, particolarmente sensibile al tema, l'anno scorso realizzò uno studio dal quale emergeva che a fronte di sequestri che in un anno (il dato è del 2014) hanno raggiunto i 913 milioni di euro, il fenomeno raggiunge un valore complessivo di 21,4 miliardi all'anno, con una perdita per l'erario di 11,1 miliardi di euro. Dati riferiti esclusivamente alla contraffazione, che rappresenta solo una parte dell'economia in nero.

Attività economica in diretta concorrenza con il commercio e la produzione regolari. Un fenomeno in crescita. Sempre Confesercenti ha calcolato che dal 2008 al 2014, la contraffazione è aumentata del 40,3%. A trainare il boom del falso sono paradossalmente le aree più ricche del Paese. Nel Nord Est l'aumento è stato del 147,2%.

Penalizzate, guarda caso, le località marine. In Emilia Romagna le attività commerciali a rischio chiusura per la concorrenza del commercio abusivo sono 10 mila. Il fatturato sottratto alle aziende della regione è di 500 milioni ogni anno, il 2,2% del totale.

A trarne vantaggio sono le organizzazioni criminali che monopolizzano il commercio abusivo e organizzano la rete di vendita dei prodotti taroccati, anche attraverso i venditori che ogni anno affollano le spiagge italiane. Ma anche i Paesi produttori. Il 50% per cento delle merci contraffatte, secondo Indicam istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione, viene dal Sud Est asiatico. La Cina è di gran lunga al primo posto, seguita da Corea, Taiwan. Il 35% viene dai paesi del bacino del mediterraneo. Paesi che fanno concorrenza alla nostra manifattura, anche con le merci prodotte legalmente.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 18/08/2016 - 14:00

Lamentele,lamentele,ma la maggioranza degli italiani,vota e non vota,in modo da permettere questo andazzo!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 18/08/2016 - 14:04

E che sopratutto NON PAGA TASSE!!!!!lol lol.

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 18/08/2016 - 14:04

Sono anni che non entro in uno stabilimento balneare italiota, mi è diventato insopportabile essere importunato ogni dieci minuti da venditori di cianfrusaglie.

antonmessina

Gio, 18/08/2016 - 14:20

21 miliardi esentasse.. e a noi vengono fuori cartelle per 10 euro

Fossil

Gio, 18/08/2016 - 14:20

Basterebbe nun cumpra' nun cumpra' nun cumpra'.

ziobeppe1951

Gio, 18/08/2016 - 14:20

E Soros se la ride

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 18/08/2016 - 14:23

PEGGIO PER VOI CHE COMPRATE LE LORO CINESERIE E COLPA DELLA FINANZA CHE NON VI FA 1.000 EURO DI MULTA. SIETE UN POPOLO DI IMBECILLI FINANZIATE I TAGLIAGOLE QUANDO GLI STESSI PRODOTTI LI POTETE ACQUISTARE DAI CINESI A PREZZI INFERIORI.

agosvac

Gio, 18/08/2016 - 14:28

Certo questi vendono cose contraffatte. Ma siamo sicuri che uccidono l'economia italiana??? Solo pochi possono comprare i marchi originali. Di sicuro quelli che comprano i marchi contraffatti non possono permettersi di comprare gli originali né lo faranno mai. Ed allora che danno inimmaginabile fanno all'economia italiana????? Se la cosa non fosse chiara la dico in termini più semplici: chi compra un marchio contraffatto lo fa perché in alcun modo potrebbe permettersi di comprare un originale, quindi nulla toglie al marchio, semmai gli fa, addirittura, pubblicità.

roberto zanella

Gio, 18/08/2016 - 14:29

GOVERNO DI MILITARI E DI POLIZIA . HA RAGIONE SALVINI .

Ritratto di host8965

host8965

Gio, 18/08/2016 - 14:31

Ma c'è qualcosa per questo giornale che non sia INVASIONE? Qui abbiamo ogni giorno L'INVASIONE dei migranti, L'INVASIONE dei negozianti cinesi, L'INVASIONE dei massaggiatori abusivi, L'INVASIONE dei musulmani, L'INVASIONE dei turisti low cost, L'INVASIONE dell'olio tunisino e del pecorino straniero... La parola, a questo punto, ha praticamente perso di significato.

Fjr

Gio, 18/08/2016 - 14:36

Questo è il prezzo per aver dato in mano la produzione ai paesi esteri , gli abbiamo insegnato come produrre capi ed accessori e adesso arriva il tarocco Made in china ,magari lavorato dalle stesse aziende che vendono l'originale a prezzi esorbitanti , se la vie

ILpiciul

Gio, 18/08/2016 - 14:39

Non è chiaro se c'è voglia di combattere il fenomeno oppure no. È ovvio che se si volesse si impiegherebbe un'ora a sconfiggere questa piaga. Pare come se la priorità non fosse l'economia sana ma quella malata che arrechi più danno possibile agli italiani.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 18/08/2016 - 14:45

Come mai la gdf non và a fare i controlli per lo scontrino fiscale,visto che sono tanto solerti all'uscita dei bar?

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 18/08/2016 - 14:45

Visto che i negri servono? Basterebbe che la finanza invece di andare a controllare gli scontrini dei gelati fosse indirizzata a stroncare i fornitori di merce contraffatta a questi disperati.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Gio, 18/08/2016 - 14:51

Solo ora ve ne accorgete?

DuralexItalia

Gio, 18/08/2016 - 14:52

Un vero dono di Dio...

Tuthankamon

Gio, 18/08/2016 - 15:01

E' inutile parlarne in quanto non c'è peggior sordo di chi non vuole ascoltare! Tuttavia, da quando è iniziato il "fenomeno dei vu' cumprà", NON HO mai acquistato nemmeno uno spillo da questa gente (tranne quelli autorizzati/registrati dei mercati "ufficiali"). Se tutti lo avessero fatto ... il problema sarebbe quasi azzerato. Ora c'è perfino gente (ucola) che si fa fare i tattuaggi e i piercing ad alto rischio di infezione! Chi è causa del suo mal, pianga sè stesso (e non si lamenti della criminalità e del resto...)!! Che poveri di spirito! Le pene più severe non servono a niente. Se io andassi a Tunisi o Dakar a vendere paccottiglia in strada o in spiaggia, sarei arrestato nel giro di pochi minuti e finirei in carceri rispetto alle quali quelle italiche sono hotel a 5 stelle!

Ritratto di gringo53

gringo53

Gio, 18/08/2016 - 15:03

Mi rifiuterò sempre di acquistare queste cianfrusaglie da codesti personaggi, ma possibile che solo in Italia questa vergogna perduri da decenni e nessuno è in grado di provvedere. Ad ogni angolo vedi bancarelle strapiene di pattume falsificato, senza contare l'evasione che ne consegue.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 18/08/2016 - 15:08

Sono i segni e le conseguenze di una crisi economica che investe l'Italia, l'Europa, la Cina e buona parte del mondo. Ma la nostra economia soffre soprattutto dei danni provocati dai politici sinistri in auge a suo tempo, in particolare con due disastrose iniziative, dovute essenzialmente a Prodi. Alludo all' "invenzione" di una nuova imposta "assassina", cioè l'IRAP, ed alla forzata entrata nell'euro, benché il bel paese non avesse i requisiti previsti, in primis un debito pubblico non superiore al 60% del reddito nazionale, circostanza che è servita alla Ghermania per annientarci. "Così è se vi pare".

Carlopi

Gio, 18/08/2016 - 15:23

Da sanzionare pesantemente sono i produttori (italiani), gli importatori ed i distributori che affidano le vendite ai vu cumpra. E' così difficile risalire la filiera?

piardasarda

Gio, 18/08/2016 - 15:29

quante parole!!!!!!!!!! perché non multare chi viene sorpreso in possesso di un oggetto taroccato? incauto acquisto.

Mechwarrior

Gio, 18/08/2016 - 15:35

Visti gli stipendi che abbiamo noi italioti è chiaro che prendiamo i "rolex" tarocchi, costano meno degli orologi non di marca. datemi uno stpendio decente e prendero' una 24ore di Gucci originale.

Una-mattina-mi-...

Gio, 18/08/2016 - 15:40

L'ITALIA PER LORO E' PROPRIO UNA RISORSA

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 18/08/2016 - 15:40

Le leggi italiane andrebbero applicate sempre e a chiunque, e non ad minchiam, per non commettere gravi discriminazioni.

Giorgio5819

Gio, 18/08/2016 - 15:46

"un business da 21 miliardi che non conosce crisi", questo in concomitanza con la ben nota vessazione fiscale di qualunque italiano che apra una qualunque attività imprenditoriale. Tipico atteggiamento comunista.

Ritratto di ITALIASETTIMANALE

ITALIASETTIMANALE

Gio, 18/08/2016 - 15:46

e chi dovrebbe controllare che fa? chi li rifornisce di tutta quella mercanzia taraccota? come arriva in italia quella merce? ma ci prendiamo in giro ? chi ha fatto le leggi che consentono a cinesi e indiani ecce ecc di aprire una mare di negozi pieni zeppi di merce contraffatta? chi permette ai cinesi di comprare immbobili e attività commerciali e tutto in contanti?

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 18/08/2016 - 15:48

RINGRAZIAMO IL GOVERNO DEI BUFFONI.

antonio54

Gio, 18/08/2016 - 15:55

I sinistroidi e la chiesa non hanno sempre detto che i clandestini sono una risorsa, eccoli accontentati. Viviamo in un paese che definirlo tale, è una vera e propria bestialità. Grazie a un branco d'incapaci stiamo andando tutti a ramengo...

mariolino50

Gio, 18/08/2016 - 15:58

Sono due mercati completamente diversi, non è vero che la borsa di gucci falsa danneggia quella vera, visto la differenze di 100 a 1 del prezzo, chi ha i soldi compra quella vera, e chi compra il tarocco non va certo al negozio a pagarla migliaia di euro. Il resto poi sono porcherie fatte in Cina, vendute ovunque anche nei negozi,ed escono dagli stessi container, ormai qui non producono più nemmeno il superlusso, o molto raramente. Se si parla di evasione fiscale è un altro discorso. quella cè di sicuro, ma non solo dai vu cumprà.

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 18/08/2016 - 16:00

Questa gentaglia vende più o meno tutta la stessa immondizia. Quindi le organizzazioni che li controlla e gli fornisce la merce non saranno molte. Tanto difficile trovarle? Non credo. Mi sembra però che non ci sia nessuna volontà di farlo.

no_balls

Gio, 18/08/2016 - 16:02

Tutte baggianate..... Le aziende italiane del lusso producono in altri paesi....quindi non si perde un solo posto italiano. Dopodiché non credo che la gran signora non compra la borsa di 500 al negozio perché la trova a 30 euro in spiaggia... unico perdente e' il fisco..... non incassa niente. e i criminali che perdono il business del falso a cosa si rivolgerebbero? Droga rapina estorsioni rapimenti furti? Preferisco il vu cumpra..grazie

lento

Gio, 18/08/2016 - 16:08

La cosa piu' grave e' che i vuo' cumpra' i loro prodotti sono gli stessi che vendono i negozi, solo che loro li vendono a maggior prezzo....Fesso 10 volte chi compra da loro !! Le amministrazioni comunali sono l'accordo con questi abusivi !!

rosa52

Gio, 18/08/2016 - 16:09

si' avete scoperto l'acqua calda!!!!

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Gio, 18/08/2016 - 16:32

ma chi la compra la.borsa orignale firmata a 2500 euro?

Giorgio Rubiu

Gio, 18/08/2016 - 16:37

Dipende da noi mettere fine agli affari che la mafia fa grazie a questo commercio illegale. Basta NON comprare! Una rivoluzione popolare senza violenza che colpirebbe contemporaneamente mafia e venditori abusivi e renderebbe la GDF libera di occuparsi di ben altre evasioni fiscali.

antonio54

Gio, 18/08/2016 - 16:42

Siamo un paese talmente arretrato, che ancora si fanno i controlli sugli scontrini fiscali, dinanzi alle attività commerciali, roba da medio evo. Fanno finta di non sapere che, l'evasione è altrove è fatta con mezzi iper sofisticati. Basta un solo clic su una tastiera, per trasferire montagne di miliardi da una parte all'altra del Pianta. Mentre noi in Italia siamo riamasti ancora allo scontrino. Non c'è proprio verso di modernizzare questo nostro paese...

ilbarzo

Gio, 18/08/2016 - 16:46

I governanti se ne fregano se viene uccisa l'economia italiana,loro ormai si sono già riempiti le tasche di denari sbattendosene le palle di chi non arriva a fine mese.Dovrà pur tornare un liberatore dall'oppressione.....

Tadoric39

Gio, 18/08/2016 - 16:46

Finché ci saranno le solite "madamin" che comprano quella roba e si mettono a trattare per ore sui due/tre euro in meno di sconto, saremo sempre un popolo di buonisti del piffero. Ad @illuso la mia solidarietà, pure io non vado più in spiagge italiane.

ilbarzo

Gio, 18/08/2016 - 16:49

I nostri governanti si credono di avere salva la testa concedendo tutto all'islam.Non credo però che sarà cosi,poichè le loro teste sono ancora più pregiate,per cui ancora più invitanti.

giovanni951

Gio, 18/08/2016 - 17:00

chi di dovere non fa nulla per contrastare questo schifo ma la colpa è soprattutto di chi compra da loro. Fosse per me morirebbero di fame e cambierebbero lavoro. Quale poi non so.

linoalo1

Gio, 18/08/2016 - 17:07

Sono Anni ed Anni ed Anni che si vedono i Vucumprà!!!Nessuno ha mai fatto niente di Drastico!!!Al massimo qualche multa mai pagata!!!!Se vogliamo difenderci,c'è un solo sistema:L'ITALIA AGLI ITALIABI,AI VERI ITALIANI!!!TUTTI GLI ALTRI,eccetto i VERI TURISTI,RISPEDIAMOLI A CASA LORO!!!!Prima gli ITALIANI,quindi,e poi,solo se possibile,gli Stranieri!!!!

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 18/08/2016 - 17:11

Sono almeno 40 anni che marocchini e senegalesi hanno cominciato ad arrivare in massa (e non c'erano guerre né in Senegal, né in Marocco) ed occupare tutti gli spazi possibili; spiagge, strade, parchi, portici, piazze, parcheggi pubblici cittadini, quelli di ospedali, camposanti e centri commerciali, praticando l'estorsione (che è reato), nel silenzio generale. Adesso vi accorgete che sono un problema? Complimenti, molto arguti e perspicaci.

vigpi

Gio, 18/08/2016 - 17:12

La solita sxxxxxxxa estiva. Louis_ Vuitton non fa migliaia di esempla ri di un singolo prodotto e solitamente tutti quelli che fanno vengono venduti. Perciò il danno per la azienda è pari a zero. Il problema è l'evasione fiscale che questi vu compra fanno. Inutili le multe. Basterebbe aspettarli al varco e sequestrare il guadagno

Polgab

Gio, 18/08/2016 - 17:13

Il fenomeno sarà anche mondiale, ma sta di fatto che i vu'cumprà esistono solo in Italia. Nel nostro paese a volte ci sono più vu'cumprà che balneante. Non ci sono purtroppo solo i vu'cumprà, ci sono bancarelle permanenti proprio davanti a negozi legali cosi che ci sono 2 economie in Italia e l'illegale sta mangiando quella legale dunque un stato come il nostro, sprecone e disorganizzato, è in fallimento e tra non molto avremo la batosta che ci meritiamo per avere lasciato i cattocomunisti imporre la loro dittatura ( leggere: SOTTO I PIEDI A TERRA).

cgf

Gio, 18/08/2016 - 17:24

MA NO, COSA DITE!! sono risorse che ora pagheranno le tasse e con tali proventi le nostre pensioni.

VittorioMar

Gio, 18/08/2016 - 18:00

....finalmente si riconosce la grande , consistente e vera "EVASIONE FISCALE",i falsi"Centurioni" , false guide turistiche!!!..... ogni comparto commerciale o merceologico ,se ne riconosce più di uno!!!

luigi.muzzi

Gio, 18/08/2016 - 18:46

sì sì, tutti a lamentarsi, cominciate a NON comprare da questi qua, altrimenti siete COMPLICI.

Finalmente

Gio, 18/08/2016 - 21:23

migliaia di venditori ambulanti per la gioia della signora conviene