"C'è un problema tra islamici e mondo Lgbt"

Franco Grillini: "Un problema tra mondo Lgbt e islamici c’è, sarebbe inutile e sciocco negarlo”

“In sette Paesi islamici per gli omosessuali è prevista la pena di morte. Negli altri la prigione. Nel califfato islamico dell’Isis un omosessuale viene scaraventato giù dal tetto di un palazzo e, se non è ancora morto, viene lapidato dalla folla. Un problema tra mondo Lgbt (sigla che si riferisce a lesbiche, gay, bisessuali e trans gender, ndr) e mondo islamico c’è, sarebbe inutile e sciocco negarlo”.

Non usa mezzi termini Franco Grillini, una chiarezza di opinioni guadagnata in anni di battaglie sul campo. Presidente onorario dell’Arcigay (dopo esserne stato il leader operativo), parlamentare della Repubblica, direttore di Gaynews.it militante a sinistra, Grillini è una figura di riferimento per la comunità Lgbt, non solo in Italia.

Il luogo scelto dal terrorista (un americano di origini afghane simpatizzante dell’Isis) per compiere la strage, Orlando, ha un suo valore simbolico?

“Se trent’anni fa la capitale degli omosessuali era San Francisco, oggi la Florida è certamente un luogo d’elezione e d’attrazione. Basti pensare che a Fort Lauderdale, a un centinaio di chilometri da Orlando, vivono 450mila omosessuali. Inoltre la comunità lgtbt degli Stati Uniti è dichiaratamente contraria all’uso delle armi da fuoco. Infatti al Pulse, il locale della strage, non ce n’era nemmeno una, a parte quelle del terrorista ovviamente. Certo è difficile garantire il 100% di sicurezza…”.

In che senso?

“A differenza che in Italia, dove i locali gay sono mega-ritrovi anche per mille persone, negli Stati Uniti i locali per omosessuali sono molti e piccoli, al massimo per un centinaio di persone, come il Pulse, appunto. E anche in città più piccole i locali sono decine e decine, spesso occupano una strada intera o comunque una stessa zona. Non mi stupirei se ad Orlando la situazione fosse la stessa”.

Le libertà occidentali tutelano tutte le minoranze politiche, etniche, religiose, razziali e sessuali. Cosa succede se una di queste minoranze, laddove è maggioranza, perseguita e schiaccia le altre minoranze?

"Per quanto riguarda il mondo musulmano, mi sembra molto importante la presa di posizione delle comunità islamiche degli Stati Uniti che hanno lanciato una raccolta di fondi per le vittime della strage di Orlando. Ma questo non mi fa dimenticare la realtà tristissima degli omosessuali in molti Paesi”.

Ad esempio?

“Anche Paesi che si proclamano o che vengono considerati islamici moderati, tipo l’Egitto o la Tunisia, gli omosessuali vengono pesantemente discriminati e spesso arrestati. Utilizzando, ad esempio, la legge sul pubblico pudore laddove, come in Egitto, non ne esiste una specifica anti-Lgbt. Con Ponte Arcobaleno ci stiamo occupando proprio delle aggressioni e delle incarcerazioni ai danni degli omosessuali tunisini”.

La comunità internazionale, Paesi occidentali in testa, è allarmata a sufficienza sulla questione omosessuale?

“Qualche mese fa si è tenuto un Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite proprio sulle uccisioni di omosessuali in zone di guerra dove opera l’Isis. Ma non mi sembra abbia avuto un grande risalto. E una ventina di giorni fa a New York, per l’incontro di 179 Paesi aderenti all’Onu sull’AIDS organizzato da UnAids (l’agenzia ONU istituita per debellare il virus, ndr), le organizzazioni omosessuali sono state escluse dai lavori su richiesta di oltre 50 Paesi islamici. Ora, è noto che il mondo Lgbt è stato in prima linea da subito nella lotta contro l’AIDS. Mi sembra un fatto che si commenta da solo. Così come trovo inquietante il binario morto su cui è finito un progetto Onu, sostenuto anche dall’Italia, per la depenalizzazione mondiale dell’omosessualità, cui si oppongono Stati islamici e il Vaticano”.

Qualche anno fa fece scalpore il successo politico in Olanda del leader populista Pim Fortuyn che pressappoco diceva: “Sono omosessuale, non voglio che gli islamici o chiunque altro arrivi qui in Olanda possano calpestare questa mia libertà”. Un discorso tornato attuale dopo la strage di Orlando?

“Sono stato l’unico esponente di sinistra ad andare al suo funerale in Friuli nel 2002. A parte alcune prese di posizione molto simili a quelle della Lega sull’immigrazione, questa visione mi sembra moderna e assolutamente attuale. Ma continuo a credere che un islam moderato sia possibile”.

In Italia teme una strage simile a quella di Orlando?

“I controlli ci sono, certo il pazzo isolato acceso da un folle desiderio di emulazione può sempre esserci. In ogni caso bisogna usare il pugno di ferro contro i predicatori d’odio, sia quelli politici che quelli religiosi. Se un extracomunitario fa apologia di omofobia o incita alla discriminazione omofoba dev’essere espulso dall’Italia immediatamente”.

Cosa cambia per la comunità internazionale Lgbt dopo la strage di Orlando?

“Certamente c’è un problema di sicurezza immediata. E poi c’è un clima di odio, di omofobia, che è legge nel mondo islamico, ma da cui nemmeno l’Italia è immune. Ricordo che alle recenti elezioni amministrative si è presentato un partito dichiaratamente contro gli omosessuali, il partito di Mario Adinolfi, il Popolo della famiglia, il cui leader ha invitato pubblicamente a prendere i fucili contro la legge Cirinnà sulle unioni civili. Parole irresponsabili e che contribuiscono ad avvelenare il clima. E le parole sono pietre, si sa…”

Commenti

luciano32

Lun, 13/06/2016 - 13:46

Grillini è una persona seria e stimabile, molto equilibrato nei suoi commenti. Io mi permetto solo di aggioungere a quanto lui dice, che i terroristi islamici odiano tutti noi, gay e etero, cristiani e ebrei tutti, noi occidentali. E ancora car o amico Grillini :con questa marea di clandestini mussulmani che sbarcano qua quanti futuri terroristi arrivano???

luciano32

Lun, 13/06/2016 - 13:49

Caro amcio Grillini. ti stimo , sei una persona equilibrata e seria. Io da etero però ti dico: gli islamisti terroristi(non tutti i mussulmani sono terroristi sia chiaro) ci uccidono, cristiani, ebrei etero gay solo perche ci odiano come occidentali,per loro siamo da decapitare o d< schiavizzare, ma Obama ad esempio fà finta di non capirlo.

aqualung56

Lun, 13/06/2016 - 23:20

Fino a quando la sinistra fa entrare cani e porci non mi stupiro' se certe cose accadranno anche in Italia. Voi sinistrorsi non capite e non capirete mai un tubo.

Rovosti

Mar, 14/06/2016 - 19:06

Franco Grillini non ci ha capito niente se paragona il partito di Adinolfi a chi i gay li uccide, impiccandoli o sparandogli per strada. C'è una bella differenza tra dire che i bambini hanno diritto a padre e madre e chi perseguita i gay. Fingere di non accorgersene è solo furbizia di un politico stagionato.

manente

Mar, 14/06/2016 - 20:23

Grillini farebbe bene a riflettere sul fatto che, sia il movimento LGBT che i flussi migratori di musulmani verso l'Europa, sono promossi dalle stesse centrali mondialiste di oltre-atlantico che, attraverso le Ong di Soros, usano i "diritti civili" come grimaldello per scardinare i diritti costituzionali ed i migranti come massa d'urto per trasformare il lavoro in schiavitù. La Boldrina, la Fedeli ed anche Luxuria sono in realtà ciechi esecutori della cosiddetta "strategia del caos controllato" ed i fatti Orlando non sono uno "spiacevole incidente", ma gli "effetti programmati" di una strategia ben precisa che ha come fine ultimo la destrutturazione della società in quanto tale.