Cambia il nome della nuova nave: bufera in Marina, l'ira di Trieste

La decisione di mettere alla nave il nome Trieste era stata dell'ex capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Giuseppe De Giorgi

La Marina Militare cambia il nome alla nuova portaelicotteri che sostituirà nave Garibaldi e la chiama Thaon di Revel, anziché Trieste, facendo uno sgarbo alla città giuliana e facendo arrabbiare (e non poco) i triestini. L'unità navale, in costruzione nello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia, è un'anfibia che avrà la lunghezza di 200 metri, una velocità massima di 25 nodi e sarà dotata di un sistema di propulsione combinato diesel e turbine a gas. Potrà portare a bordo oltre mille persone, di cui 700 come personale militare o civile e avrà un impiego «multiple use».

La decisione di mettere alla nave il nome Trieste era stata dell'ex capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Giuseppe De Giorgi che, in vista del varo del 2018, aveva dato comunicazione ufficiale, anche all'amministrazione triestina. Denominazione approvata anche dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti, che aveva, pare, apprezzato. Ma perché decidere la svolta? Voci di palazzo chiariscono che si tratterebbe di una «ripicca» dell'attuale capo di Stato Maggiore, Valter Girardelli, al predecessore. Molte cose, si dice, sarebbero cambiate in Marina nel suo mandato, a partire dalle cene di gala a bordo del Vespucci della nuova amministrazione, con esclusione dei vertici delle scuole e con tanto di saluto alla voce al ministro (prerogativa riservata solo al Capo dello Stato). Cosa certa è che l'offesa a Trieste costituisce uno smacco che il Comune non ha preso bene. «È un peccato - spiega il sindaco Roberto Dipiazza - perché nel 2018 ricorreranno i cento anni della fine della Prima Guerra mondiale e ci avremmo tenuto molto a onorare la nostra città con una nave che porta il suo nome. Mi dispiace, ma credo che qualcuno si sia mosso per fregarci. Vorrà dire che ci muoveremo anche noi».

Arrabbiato anche il senatore triestino Lorenzo Battista (Mdp): «La decisione dell'ammiraglio Girardelli è uno sgarbo. Mi dispiace e proporrò subito una raccolta firme, chiedendo l'attenzione del consiglio comunale, perché la città non merita questo, visti i valori che rappresenta». Paolo Thaon di Revel, uomo di mare e grande ammiraglio, nel 1922 fu ministro della Regia Marina nel governo Mussolini. Portano già il suo nome Borgo Revel, la frazione Calciavacca del comune di Verolengo, in provincia di Torino e un lungotevere romano.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 06/11/2017 - 09:05

Cambiano il nome perchè questa sarà probabilmente una porta risorse e donne incinta.Non arrabbiatevi Triestini è meglio così con un nome similarabo.

istituto

Lun, 06/11/2017 - 09:17

" multiple use" della nuova nave della Marina Militare. No, ci sarà un solo uso : Trasporto Clandestini . Vedrete se non è così.....tanto paga Pantalone....

ondalunga

Lun, 06/11/2017 - 09:34

..."unità anfibia di 200 metri", perchè mai anfibia ? Tira fuori le rotelline e poi va in autostrada ? Una nave è una nave, una unità anfibia al massimo è una auto, un overcraft ma oltre non si va. Boh ?

FRATERRA

Lun, 06/11/2017 - 10:03

....taxi per clandestini........e la corsa la paghiamo noi.....

emigratoinfelix

Lun, 06/11/2017 - 10:05

grande sgarbo alla citta' di Trieste,senza dubbio,ma da tener conto che per antichissima tradizione nelle marinerie,cambiare nome ad una nave porta a quest'ultima ed al suo equipaggio molta,molta sfortuna...

fifaus

Lun, 06/11/2017 - 10:14

Paolo Thaon di Revel fu soprattutto persona di fiducia di Vittorio Emanuele III, anche e soprattutto nel governo Mussolini dal 1922 al 1925. Del resto, era massone così come il Re e Badoglio. Meglio ribattezzare la nave Trieste

gigo1946

Lun, 06/11/2017 - 10:21

Ma non è che c'è lo zampino di Fiano?

Aleramo

Lun, 06/11/2017 - 11:05

"Ministro del governo Mussolini" è banale e riduttivo. Paolo Thaon di Revel fu il Capo di Stato Maggiore della Regia Marina durante la Prima Guerra Mondiale. Sotto il suo comando la Regia Marina si distinse per le azioni dei MAS (fra cui l'affondamento della corazzata austriaca Santo Stefano) e per il contributo del Reggimento Marina (poi Reggimento San Marco) alla difesa di Venezia sul basso Piave. La sua autorevolezza era tale che l'8 settembre 1943, nonostante fosse ormai ritirato a vita privata, fu consultato sul da farsi e il suo parere venne tenuto in alta considerazione. Fu un uomo di mare il cui ricordo è degno di essere onorato. Peccato che altrettanto degno di essere onorato sia in effetti il nome di Trieste, sacro alla Patria.

michettone

Lun, 06/11/2017 - 11:13

Quando i politici, entrano a piedi uniti, contro le Forze Armate, lo sfascio totale per un Paese, E' CERTO! Si comincia con il sostituire il nominativo della nave, che dovra' subentrare al "Garibaldi", si finisce con l'assegnazione di maggiori fondi all'ANPI ecc., tutte str....mberie, dei vari comunisti al Potere, che influenzando TUTTO e TUTTI, portano allo sfracelo totale!

baronemanfredri...

Lun, 06/11/2017 - 11:30

BENISSIMO LA NAVE PORTA AEREI V/STOL RESTA TRIESTE, GLORIOSO NOME E METTERE IL NOME DI QUESTO AMMIRAGLIO IN ALTRO V/STOL DA COSTRUIRE.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 06/11/2017 - 12:37

Il nome più appropriato da darle,siccome cambierà la destinazione d'uso,sarebbe chiamarla "Sala Parto"..Altro che elicotteri.

gianrico45

Lun, 06/11/2017 - 13:07

Ancora stiamo alla marina dell'8 settembre.

paco51

Lun, 06/11/2017 - 13:39

meglio che affondi che portare i clandestini: Inglesi , please, fate il bis! la marina dicono che sia sempre quella del 1939 a seguire

agosvac

Lun, 06/11/2017 - 13:52

Senza nulla togliere all'ammiraglio Thaon di Revel, a me piaceva di più "Trieste".

arkangel72

Lun, 06/11/2017 - 15:16

Fa piacere sapere che si tenga ancor oggi in considerazione un ammiraglio della Regia Marina. Sicuramente molto più lodevole di un nome di un qualunque presidente della repubblica.

MARCO 34

Lun, 06/11/2017 - 15:55

Il commento più calzante mi pare sia quello di Aleramo. Il nome di Trieste, anche a me molto caro, fu già di un' altra nave della M.M, esattamente di un incrociatore pesante affondato a La Maddalena durante un'incursione aerea inglese nel 1943. Quindi nulla di scandaloso se venisse dato il nome di Thaon di Revel ad una nave della M.M. A gianniverde suggerisco la lettura del supplemento della Rivista Marittima di giugno 2017 "Il Grande Ammiraglio Paolo Tahon di Revel" che potrebbe richiedere a:Rivista Marittima Via Taormina 4- 00135 Roma - e-mail: rivista.abbonamenti@marina.difesa.it

Raoul Pontalti

Lun, 06/11/2017 - 16:50

Giusto così! Nell'Italietta delle Pinotti e dei guitti fiorentini e dei militari massoni si deve omaggiare un ammiraglio massone che nulla fece nella grande guerra e poi quello che fece nell'altra fu di tramare con il re contro il Duce e poi servire quale cagnolino regio presiedendo il Senato. E trieste? Merita ben più che una barchetta della sfigata marineria italiota.

MARCO 34

Lun, 06/11/2017 - 18:56

Pontalti - Le rivolgo l'invito fatto a gianniverde