La Cancelliera paga caro il sì al milione di profughi. Ora il rebus maggioranza

Gli elettori puniscono la linea dell'accoglienza Governo più difficile con l'"alleanza Giamaica"

Il terremoto annunciato dai sondaggi delle ultime settimane è puntualmente arrivato. L'epicentro è a Berlino ma le scosse si sentiranno presto in tutta Europa. Da 60 anni esatti, dal Parlamento eletto con le elezioni del 1957, il volto della politica tedesca non era così profondamente connotato dai partiti di destra: allora a sedere in Parlamento era la Deutsche Partei, oggi c'è Alternative für Deutschland, il movimento nato per dare voce ai no euro e poi abilmente trasformato nel bastione di chi si oppone alla politica sull'immigrazione di Angela Merkel. E insieme all'esordio dell'Afd il prossimo Bundestag vedrà il ritorno dei liberali dell'Fdp, il partito che più si è battuto in campagna elettorale per una diminuzione delle tasse, contro il «lassismo» monetario della Bce, contro ogni ipotesi di solidarietà fiscale a livello europeo. Afd è il partito della destra securitaria, l'Fdp quello della destra economica. E a dettare l'umore della Germania in questo momento è soprattutto la prima.

I sondaggisti del primo canale della televisione pubblica Ard hanno chiesto a chi ha votato per Afd il motivo della scelta. L'86% ha risposto che la Merkel e il suo governo avevano trascurato le preoccupazioni dei tedeschi sull'immigrazione. Un altro 74% (erano possibili più risposte) ha aggiunto che la Cancelliera ha abbandonato le tradizionali politiche conservatrici. L'inverno tra il 2015 e il 2016, l'arrivo di un milione di rifugiati in meno di due anni, hanno lasciato il segno e il «Wir schaffen das», «ce la faremo», della cancelliera non è bastato. Cdu e Csu hanno lasciato sul campo tra l'8 e il 9% dei voti in quello che è il peggior risultato dei cristiani democratici dal 1949. In Baviera la perdita della Csu, tradizionale ala conservatrice dell'Union, supera l'11. A far saltare per aria i tradizionali equilibri politici è anche il risultato catastrofico dell'altro pilastro della Grosse Koalition, la Spd, che ha perso un quinto dei voti. Il leader del partito Martin Schultz, come previsto in caso di bilancio negativo del voto, ha annunciato la decisione di rimanere all'opposizione. L'unica possibilità concreta di governo rimane dunque la cosiddetta coalizione Giamaica: democristiani, verdi, liberali. Metterli d'accordo sembra un'impresa, ma guai a trascurare le capacità tattiche della Merkel. Prima del voto la Cancelliera, anticipando per motivi a prima vista incomprensibili, la legge sulle nozze gay, ha già tolto di mezzo quello che poteva essere uno dei maggiori ostacoli sulla strada di un accordo. Da sempre poi i verdi sono spaccati in due: i Fundis (fondamentalisti) rifiutano di solito ogni tipo di cedimento ai principi del movimento; i Realos (realisti) si comportano in accordo con il loro soprannome. Wienfried Kretschmann, Ministerpresident del Baden Wuttenberg, unico verde a occupare la poltrona più importante in un Land, ieri si è dimostrato tutto sommato possibilista: «Se ci verrà richiesto prenderemo seriamente in considerazione la possibilità di colloqui. Il compromesso fa parte della politica, ma in questo caso le trattative saranno difficili». Nessuno pensa il contrario. Nella migliore delle ipotesi ci vorranno settimane se non mesi perché il cosiddetto Koalitionsvertrag, contratto di coalizione, venga firmato. Per la politica tedesca è un passaggio obbligato: il programma dell'alleanza che si prepara a governare viene sintetizzato in un librone di centinaia di pagine. Una volta raggiunto l'accordo il testo viene considerato vincolante quasi come un contratto vero.

Questa volta poi all'opposizione ci sarà un movimento come l'Afd che, per quanto destinato a rimanere escluso dai giochi di potere, pare destinato a cambiare i toni compassati della politica tedesca. «Il politicamente corretto appartiene ormai alla discarica della storia» ha dichiarato bellicosa Alice Weidel, numero uno del movimento. Ogni cedimento sulle politiche di immigrazione ma anche sulle politiche fiscali europee si scontrerà con l'accanimento di una destra per la prima volta diventata parlamentare. Anche per questo a Berlino guarderanno d'ora in poi tutti i movimenti anti immigrati d'Europa. Italia compresa.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 25/09/2017 - 08:31

e in italia ci saranno punizioni ancora più dure per il PD!

Cesare007

Lun, 25/09/2017 - 08:46

Non è la cancelliera a pagare questo conto, ma noi tutti Europei, nostri figli, nostri nipoti ...

Ritratto di giordano49

giordano49

Lun, 25/09/2017 - 09:25

la " cancelliera " è come " il renz_son_un "....condivido appieno " il Cesare007 "....E' IL POPOLO CHE " PAGA (sempre!) "...i suddetti se ne lavano le mani...a noi RISERVANO SOLO I PAGAMENTI " e , da parte NS/ c'è qualcuno che NON POTEVA NON SAPERE (quello che già sapeva fin dall'inizio )....è il 4° governo che NON E' MAI STATO RICONOSCIUTO DAL POPOLO SOVRANO ( come prevede l'art.1 della Costituzione )...e in qualità di Principale garante NON POTEVA NON SAPERE come sarebbe andata a finire....! IL POPOLO SI SENTE CALPESTATO NELLA SUA DIGNITA'....!!!! vergognoso....!

jaguar

Lun, 25/09/2017 - 09:27

Se fosse cosi anche da noi, il Pd alle prossime elezioni dovrebbe sparire.

carpa1

Lun, 25/09/2017 - 09:30

La politica scellerata di promozione di una immigrazione incontrollata e senza senso sta dando i suoi frutti. La sinistra è avvertita, anche se ormai è troppo tardi, la frittata è fatta ed i cittadini si sono strarotti di avere al governo del paese questi somari incompetenti, arroganti e presuntuosi.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 25/09/2017 - 09:36

il PD non ve lo toglierete più dalle balle finchè ci sono extracomunitari in Italia i quali daranno il voto al PD.Cesare007 copiate la politica tedesca e sarete come loro.

Trinky

Lun, 25/09/2017 - 09:41

Lei se ne frega dei clandestini, li rifila agli altri, mica li porta a casa sua......

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 25/09/2017 - 10:18

Chissà quanto sono costati I giocattoli e le caramelle regulate ai bambini dei profughi......mi ricordo che c'era la stessa merkel che distribuiva giocattoli caramelle e cioccolatini ai bambini SOLO SIRIANI che entravano nelle craned cermania......CHE VERGOGNA! E' questo è il raccolto di una politica scellerata.....MA QUALCUNO SI CHIEDE PERCHE' AVANZA LA DESTRA ?

Francesconelio

Lun, 25/09/2017 - 10:30

Gli immigrati c'entrano poco, CDU e SPD pagano caro la distopia economica che ha prodotto disoccupazione nell'ex-DDR con emigrazione (spopolamento verso l'ovest e la precarizzazione di 7 milioni di tedeschi a 450 euro al mese. Che poi è quello che ci dicono di fare in Italia, cioè le "riforme strutturali".

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 25/09/2017 - 11:00

#mortimermouse- 08:31 Già. Proprio così. A proposito: chi affermava, da noi, che i "populisti" non avrebbero mai conseguito risultati significativi e solo i "moderati" avrebbero goduto della fiducia dell'elettorato?

VittorioMar

Lun, 25/09/2017 - 11:39

...NON CREDO CHE IL PARTITO DI MARTIN SCHULTZ RIMANGA ALL'OPPOSIZIONE !!..

Guido_

Lun, 25/09/2017 - 12:40

Che analisi strampalata: in Germania la disoccupazione è tra il 3 e il 4%, è quindi un paese che ha bisogno continuo di manodopera straniera, cosa avrebbe dunque dovuto fare la Merkel per frenare l'ultradestra, chiudere le frontiere e così impedire alle fabbriche di aumentare la produzione? Analisi strampalata...

gianni.g699

Lun, 25/09/2017 - 13:10

Tutto falso !!! e falsificato !!! a uso e consumo del popolo bue tedesco o italico che sia non fa differenza !!! l'importante e che vada solo e sempre dove vogliono loro !!!

giancristi

Lun, 25/09/2017 - 13:27

La Merkel ha avuto un momento di follia! Forse sperava di vincere il premio Nobel per la Pace. Ha fatto entrare più di un milione di "migranti": in misura notevole finti profughi. Quel momento di follia ha prodotto conseguenze durature, perché costituiscono un costo enorme e commettono reati. I tedeschi sono esasperati e hanno voluto inviare un messaggio alla Merkel.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 25/09/2017 - 13:54

Non oso pensare alla legnata prossima che prenderà il PD...Dopo avere tagliato le gambe alla Lega ed averci fatto invadere da orde di selvaggi il colpo che prenderà sarà tale che l'intera Galassia tremerà dalle fondamenta.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 25/09/2017 - 14:19

Fatta la scelta, motivazione e convinzione, poi non vale piangere. Naturale prevederlo. La gente non voleva.

frabelli1

Lun, 25/09/2017 - 14:20

Ha pagato ancora poco

clod46

Lun, 25/09/2017 - 14:41

In Germania arrivano sempre in anticipo rispetto all'Italia alle conclusioni logiche, solo da noi il governo è così sordo da non capire l'umore del paese sul problema immigrazione, ma sicuramente prenderà una batosta così sonora che solo i sordi e i ciechi non riescono a prevedere, lo dimostra il fatto che continuano ad insistere sullo ius soli, vuol dire che questi davvero non hanno capito niente.

routier

Lun, 25/09/2017 - 15:33

Mica ci vuole un genio per capire che l'immigrazione selvaggia sarà un gradino su cui inciamperanno rovinosamente tutti i partiti che l'hanno voluta. AMEN!

martinsvensk

Lun, 25/09/2017 - 15:38

Pensa un po' che l'ineffabile e simpatico ( si fa per dire) Tobias Piller o come si chiama ieri sera ci ha informato che la colpa dell'ascesa dell'ultrasdestra in gemania è udite, udite, dell'Italia ( e di chi altri) che con la sua indisciplina ha indispettito i professoroni tedeschi spingendoli a fondare la madre di questo partito dell'ultradestra. E c'è ancora chi ama i tedeschi e li considera amici sinceri e generosi della sventata Italia! ( Io non sono tra questi come forse si è capito).

Ritratto di Blent

Blent

Lun, 25/09/2017 - 15:59

non e' niente in confronto a quello che pagherà' il PD

petra

Lun, 25/09/2017 - 16:23

Qualsiasi partiro si voti in Germania, il risultato non cambia, o cambia di pochissimo. Il comune sentire è uno solo, nonostante le apparenze.

petra

Lun, 25/09/2017 - 16:29

@Ohm No si lasci ingannare dalle apparenze. Trattavasi di caramelle propaganda.

opinione-critica

Lun, 25/09/2017 - 19:36

Non illudiamoci, la Merkel è ancora al primo posto, non è vero che ha pagato molto, ha pagato un poco, poca roba.