Caso Boschi, Mentana: "Fare chiarezza per zittire tifoserie"

Enrico Mentana chiede si ponga "un argine al doppio spettacolo sconcio delle tifoserie che esultano come a un gol in rovesciata o urlano come a un rigore ingiustamente fischiato contro"

Anche Enrico Mentana interviene sulle rivelazioni sul caso Banca Etruria, pubblicate da Ferruccio De Bortoli nel suo ultimo libro. Nel 2015 l'allora ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, si sarebbe rivolta all’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni di valutare la possibilità di acquistare Banca Etruria ma, poi, l'operazione non andò in porto.

"Siccome l'ex direttore del Corriere è una persona seria, - scrive su Facebook il direttore del Tg La7 - e evidentemente non era presente all'incontro, non può che citare un episodio riferitogli da Ghizzoni, visto che usa l'indicativo. Ma Ghizzoni dopo più di 24 ore non ha fatto sentire la sua voce per confermare, modificare o smentire". E prosegue: "Siccome Maria Elena Boschi non è una figura marginale del governo e della politica, è interesse di tutti fare chiarezza al più presto, anche per porre argine al doppio spettacolo sconcio delle tifoserie che esultano come a un gol in rovesciata o urlano come a un rigore ingiustamente fischiato contro". La conclusione di Mentana lascia, come al solito, l'amaro in bocca: "Ma vedrete che non si arriverà a una ricostruzione condivisa, e ci porteremo dietro la doppia lettura, Ferruccio-Maramaldo e Maria Etruria impunita".