Caos sul nuovo Senato. Napolitano badante salva Grasso dall'ira Pd

Zanda accusa il presidente di Palazzo Madama di favorire l'ostruzionismo di M5S e Sel. E il Quirinale prova a mediare

Un'ora sola ti vorrei, o magari solo un minuto: per stringerti, morderti alla spalla e stritolarti, annullarti, cancellarti. Maledetto emendamento; a te, e tutta la tua banda di 7.819 perdigiorno racchiusi in tre faldoni.

Pensieri in libertà liberamente tratti dall'iroso Luigi Zanda, capogruppo pidino inopinatamente finito a capo della Sturmtruppen renziana. Quanto spreco di carta, aveva condensato Zanda l'altro giorno guardando i faldoni («il costo della democrazia», si era tosto sentito rispondere). Più o meno come ieri, quando ha provato a prendere martello per demolire le certezze giuridiche del presidente di Palazzo Madama. Fino a farne una goffa questione di tempo: «Faccio notare all'aula - ha detto Zanda -, anche se forse tutti i colleghi lo hanno notato, che noi stiamo discutendo da un'ora e mezza e abbiamo votato un solo emendamento... Che sta facendo, presidente? In che cosa consistono i suoi poteri di coordinamento?».

Non è mancata neppure ieri, dunque, una variopinta bagarre agli ultimi giorni della Pompei senatoriale, travolta dal giovane vulcano mai domo: «Nessun ostacolo ci fermerà. Scherzetti da voto segreto? Li correggeremo alla Camera», ha eruttato ieri da Palazzo Chigi. Ma il ricatto delle elezioni, che già era nell'aria da giorni, ieri ha trovato più di un appiglio. A partire dall'insofferenza con la quale governo e maggioranza hanno accolto le scelte del presidente Grasso. Anch'egli pidino, sulla carta, ma ben restio a perdere dignità su materie di legittimità democratica. Fortuna che sulla giornata di colate laviche, lapilli e cenere, s'è mosso anche un deus ex machina : Giorgio Napolitano. Che ha ricevuto al Quirinale sia il capo della più prolifica (in emendamenti) e preparata (in diritto) pattuglia di Palazzo Madama, quella di Sel, sia il presidente Grasso, tacciato di volta in volta come arbitro «sospetto» di connivenza con il nemico «frenatore».

La seduta d'aula ha avuto una falsa partenza, ieri, per lasciare subito il campo a una convulsa riunione della Giunta per il Regolamento. Sono volati parecchi stracci, con Calderoli dapprima preoccupato («Fanno carne di porco del regolamento»), quindi rasserenato dal fermo procedere del presidente («Ha avuto coraggio e onestà intellettuale»). Grasso s'era trovato di fronte a un evento «senza precedenti»: 920 richieste di voto segreto sugli emendamenti o persino su parte di essi. Temendo imboscate, governo e maggioranza hanno cominciato a perdere le staffe. «Non è ammissibile sulle riforme! I senatori devono votare in modo palese!», sbraitava Zanda. In punta di diritto l'irremovibilità della De Petris (Sel) e dei grillini (peraltro in palese contraddizione con uno dei loro principi cardine: il voto palese). La patata bollente tornava a Grasso, che dopo qualche incertezza si riservava di decidere di volta in volta. L'irritazione zandesca s'infrangeva così mestamente sul muro giuridico dell'ex Procuratore antimafia, refrattario a farsi dettar legge dall'ex segretario di Cossiga. Tra i due sarebbe volata qualche parola grossa e l'«incidente» avrebbe avuto strascichi nel successivo incontro al Quirinale. Ma oltre a cercare di conciliare la fretta renziana con le esigenze regolamentari di Grasso (mai visto di buonissimo occhio, colà ove si puote ), il presidente Napolitano ha cercato di rabbonire anche Vendola, già capetto Fgci e felice di poter dire al vecchio capo migliorista: «Se Renzi la finisce di fare ostruzionismo a se stesso e il governo cambia atteggiamento, potremo ragionare». Non pare che ci siano segnali in tal senso, per ora, se non la fatica dei relatori per trovare un accordo che tagli gli emendamenti da 8.000 a 500 (Calderoli dixit). Alla fine della battaglia, si contano sul campo solo tre emendamenti feriti a morte. Di questo passo, il lavoro di sterminio sarà concluso in 2.606 giorni, pari a 7 anni e un paio di mesi. Scarsi.

Commenti

linoalo1

Gio, 24/07/2014 - 09:29

E noi Cittadini,possiamo solo guardare i litigi giornalieri,senza mai intervenire?Mandiamoli tutti a Casa e ricominciamo da zero!Rododentro!

Ritratto di Senior

Senior

Gio, 24/07/2014 - 09:46

Fin dal primo momento che si è cominciato a parlare dell'abolizione del Senato, mi è parso di capire che il signor grasso, anziché essere al di sopra delle parti, come vuole il suo ruolo di presidente, ha cominciato a gettare i semi della protesta sotterranea, che ora sta venendo a galla con tutta la sua perfidia. Non c'è nulla da fare, è molto difficile far votare i Senatori a favore di una legge che ridimensiona i loro spropositati privilegi. A mio parere si doveva riflettere più a lungo prima di dare un incarico così prestigioso e nello stesso tempo così delicato. senior

Gianca59

Gio, 24/07/2014 - 09:53

E' ora di finirla con queste persone che si oppongono a qualsiasi cambiamento: vanno CACCIATE ! Basta con le lobby che non permettono all' Italia di cambiare !!!!

onurb

Gio, 24/07/2014 - 09:56

Con questi ritmi Fonzie per portare a casa una riforma avrà bisogno di 4 o 5 legislature. Pensare che ne aveva promesse una al mese. Qualcuno direbbe che figura di m..da.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 24/07/2014 - 10:20

Il senatore Grasso ha perso una ulteriore occasione per fare silenzio.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 24/07/2014 - 10:25

Non ho particolare simpatia per Grasso, che ha anche le stimmate del magistrato, una categoria attualmente non molto amata nel bel paese. Però nella circostanza NON mi sembra che il suo intervento sia stato scorretto ed irresponsabile. Di certo, invece, non è eticamente corretto presentare centinaia di emendamenti che differiscono tra loro solo per le virgole e i numeri di pseudo senatori che la ridicola operazione Renzi vorrebbe trasformare in costituzione. Però le regole devono valere sempre, non solo quando fa comodo ai comunisti.

pittariso

Gio, 24/07/2014 - 10:29

Oggi é chiaro perchè hanno smantellato l'esercito!

eloi

Gio, 24/07/2014 - 10:37

Sarà la mia scarsa conoscenza dei regolamenti relativi all'approvazione delle leggi. Una malignità mi sale el cervello. Non sarà che la tirano per le lunghe per raggiungere il numero di presenze perchè sia loro garantito il vitalizio in caso di mancata ulteriore elezione?

vince50_19

Gio, 24/07/2014 - 10:45

Ma se verrà ricordato come l'ultimo presidente del Senato, che vuole di più Grasso? Un (amaro) Lucano ??? .. ahahahaha.. Per me finora il peggior presidente del Senato, in assoluto. E il Colle gli fa pure da badante.. Ah, povera Italia, "vituperio delle genti"..

frateindovino

Gio, 24/07/2014 - 11:53

l'ira Pd il malvoluto non è mai troppo, mi sembra che grasso e la sua dirimpettaia boldrini siano creature volute da bersani e company,in quei trenta giorni di vani tentativi per salire a palazzo chigi ne ha fatti di danni il romagnolo, della serie tutto cambia perchè nulla cambi.

Ritratto di vinfer

vinfer

Gio, 24/07/2014 - 12:07

E cosa si pretende da chi (Grasso) si è sempre opposto alla riforma del senato consapevole che la stessa gli avrebbe fatto perdere prestigio e potere? Perché uno Stato come quello americano ha la Camera dei Rappresentanti formata da 435 membri, ciascuno dei quali rappresenta un distretto e rimane in carica due anni e dal Senato composto da due senatori per ogni stato (quindi da 100 senatori), che rimangono in carica per sei anni e che vede ogni due anni rinnovato un terzo del Senato, contestualmente all'elezione dell'intera Camera dei rappresentanti? E noi dobbiamo tenere tanti perdigiorno incapaci quando aumentano a dismisura i disoccupati e i poveri? E loro non solo s'arricchiscono di soldi, privilegi e potere ma si lasciano anche colludere in affari sporchi con una faccia di bronzo da fare schifo. E per cancellare una frotta di inutili perdigiorno ci troviamo di fronte all'ostracismo del presidente del senato e di un partitello che presenta ben 6000 emendamenti e poi attraverso la voce di colui che già è stato inutile ed inconcludente come governatore della puglia sostiene di non essere colui che sta mettendo un freno alla riforma. La vera riforma è quella di ridurre le forze a 42 senatori, due per ogni regione, e non più di duecento deputati. Chiudere un ramo del parlamento per ridurre le spese del personale e ridurre i lauti compensi. Altro che scherzetti e barzellette. Qui la gente sta alla fame e questi compreso il capo dello stato che da oltre sessant'anni vive con i soldi del popolo continuano a smenarcela ogni giorno. Pagliacci.

edo1969

Gio, 24/07/2014 - 12:13

Qua non ne usciamo. Le Riforme si stanno trasformando in un circo all'italiana. Bisogna far tornare Berluscioni che risolve tutto come ha sempre fatto.

edo1969

Gio, 24/07/2014 - 12:14

eloi ... e chissa' mai che lei abbia ragione...

swiller

Gio, 24/07/2014 - 12:18

Foto di autentici parassiti.

titina

Gio, 24/07/2014 - 12:52

L'opposizione ONESTA dovrebbe presentare solo pochi emendamenti sui punti fondamentali e concentrare il dialogo su quelli per cercare di far cambiare ciò che non ritengono giusto. Presentare 7800 emendamenti è solo ostruzionismo per non far decidere nulla e dire che il governo è incapace, passare alle elezioni e sperare di vincere. L'obiettivo è vincere non il bene dell'Italia. Un'opposizione simile non la voterei MAI!

Ettore41

Gio, 24/07/2014 - 13:25

Non ho alcuna simpatia per I politici, che siano di destra o di sinistra. Non sono Berlusconiano, faccio pero' notare ai sinistrati cerebrolesi innammorati diTravaglio, storditi dall'ignoranza e maleducazione di Santoro, ubriacati dalla perfidia dell'Annunziata che se Berlusconi non e' riuscito a fare le riforme I motivi sono davanti agli occhi di tutti. Al rogo Senatori e Deputati.

maubol@libero.it

Gio, 24/07/2014 - 13:28

Come siamo messi! Da quando si parla di abolizione del Senato, Grasso non è d'accordo. Andare a casa? Godersi la pensione? Andare al mare?

gianfran41

Gio, 24/07/2014 - 13:31

Ho l'impressione che Grasso abbia un solo scopo: tenersi stretta la poltrona.

disalvod

Gio, 24/07/2014 - 14:26

L'ITALIA E' ORMAI IN COMA E DIFFICILMENTE SI RIUSCIRA' A TROVARE UN BRAVO ED UNICO CHIRURGO CHE SAPPIA SALVARLA IN QUESTO VERGOGNOSO E TRISTISSIMO MOMENTO IN QUANTO MOLTI SONO I MEDICI E NESSUNO E' CAPACE DI OPERARE VISTE LE DISCORDANZE CONTINUE E CAVILLOSE CHE VI SONO.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 24/07/2014 - 14:29

X linoalo1, mi trovo in totale accordo con lei. Spero che i cittadini invece di stare li a guardare abbiano il coraggio di ribellarsi per costringere i nostri indegni politici ad andarsene tutti a casa una volta per tutte. Fanno pena se non schifo!

Cesare46

Gio, 24/07/2014 - 14:37

7819 VOLTE COGLIONI COGLIONI COGLIONI Ma è mai possibile che questi si mettono a giocare invece di lavorare ?? Le ipotesi sono 2 o il decreto è ciofeca e hanno ragione 7819 volte. OPPURE come al solito se sentono traballare la poltrona fanno di tutto. E poi ci lamentiamo se all'estero ci deridono....

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 24/07/2014 - 14:38

Bisogna ad ogni costo ed al più presto trovare il modo per "sgrassare", ripulire ,disinfettare e se necessario esorcizzare il Senato e la Camera dei deputati. Quella gentaglia che le occupa sta letteralmente e sistematicamente distruggendo il Paese. Vanno fermati prima che sia troppo tardi!

Gioa

Gio, 24/07/2014 - 15:23

SALSA NAPOLITANO..MEDIATORE?...MA QUANDO MAI...DI PARTE COMUNISTA SI'...MEDIATORE MAI!! FORZA ITALIA NUOVA PER IL PRESIDENTE DELLA RESPUBBLICA VOTATO DAL POPOLO.

Gioa

Gio, 24/07/2014 - 15:24

RE GIORGIO/NAPOLITANO E' L'ORA DEL RITIRO....

gioch

Gio, 24/07/2014 - 21:59

pittariso- E non abbiamo più i Carabinieri di una volta.Per queste facce di gente che fotte la Gente.

gioch

Gio, 24/07/2014 - 22:11

Chissà perchè mi scappa sempre da ridere quando si sente parlare,o lui stesso si considera,di Napolitano come baluardo alla deriva autoritaria.Un democratico come lui,che ha una storia alle spalle-EEEEHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!

bosco43

Sab, 26/07/2014 - 08:33

basta , basta,non se ne può più di quei due,VIAAAAAAAA.....

angelomaria

Gio, 07/08/2014 - 08:57

i2tiuniti uno piu infame dellaltro!!!