Cari ragazzi, va bene scioperare (ma spegnete le luci e l’iPhone)

Bello vedervi sfilare per un mondo migliore però l’esempio conta più degli slogan. Chi di voi rinuncerebbe al telefonino

D io è morto, Marx è morto e anche tutti gli altri non si sentono poi un granché bene. E allora è una bella, anzi bellissima giornata quella in cui centinaia di migliaia di ragazzi scendono in piazza per manifestare. Anzi molti di più se si tiene conto delle marce per il Friday for future organizzate ieri in tutto il mondo, dando così una bella spruzzatina di internazionalità all’evento. Perché siamo tutti d’accordo che è molto meglio che i giovani abbiano in testa un’idea nella quale convogliare tutta la loro esuberanza giovanile, piuttosto che vederli abbruttiti nel nulla di questi poveri tempi. E allora, non potendo più far conto sulle vecchie ideologie tipo comunismo, fascismo o cristiana democrazia o correre in piazza trascinati dal carisma alla camomilla di gente come Zingaretti, Conte o Mattarella, è bene che lo facciano anche per l’aria (fritta) di una marcia dedicata alla lotta contro i cambiamenti del clima. E qui è il punto. Perché, cari ragazzi, molto belli e creativi i vostri cartelli «There is no planet B», «Ci avete rotto i polmoni» oppure quell’«È ora di impanicarsi» agitato da un quindicenne che al telefonino ) dà appuntamento da Starbucks, non propriamente un’aziendina a km zero, ma forse un esamino di coscienza magari collettivo andrebbe fatto. Perché quanti di voi, uscendo per andare alla manifestazione, hanno spento le luci della camera da letto, spento il riscaldamento, chiuso il rubinetto durante il lavaggio dei denti, fatto la doccia tiepida anziché bollente o riciclato correttamente tutti i rifiuti? E quanti di voi rinuncerebbero allo smartphone, un vero e proprio «killer dell’ambiente» dovuto al procedimento per la sua produzione e la necessità di ricaricarlo? Perché la responsabilità nell’inquinamento di sistemi e tecnologie per lo scambio di informazioni in formato digitale, sembra passerà dall’1 per cento del 2007 al 14 del 2040. E, con i tre o quattro telefonini di così difficile smaltimento che avete sommato nei vostri primi 18 anni di vita, avete di certo inquinato molto di più di quanto avessero fatto i vostri genitori nei loro primi 50. Quanti sanno che internet inquina? Che l’e-commerce devasta l’ambiente? Che ogni ricerca google, secondo alcuni ricercatori, produce 10 grammi di anidride carbonica? Che per un rapporto McKinsey, nel 2020 le emissioni dei sistemi server supereranno quelle del traffico aereo commerciale? Forse molti dei ragazzi che hanno sfilato ieri non lo sanno. Come, per la verità, sanno poco di quanto stia effettivamente succedendo, almeno a giudicare dalle loro risposte da 4 in pagella date alla cronista del Messaggero sul buco dell’ozono. «È del tipo che si crea nell’atmosfera». I cambiamenti climatici? «È che il clima sta cambiando e quindi non ci sono più le mezze stagioni». Ecco. Bravi ragazzi che manifestate, ma forse sarebbe il caso anche di studiare un po’, anzi molto di più. Mica per noi «vecchi» contro cui dite di manifestare e che invece il rubinetto dell’acqua lo chiudiamo sempre e la raccolta differenziata la facciamo perfetta, ma per evitare di farvi prendere in giro. Di farvi riempire la testa di aria (non così buona), invece che di buone idee.

Commenti

Scirocco

Sab, 16/03/2019 - 08:45

Ieri vedendo le immagini in TV ho visto che questi ragazzini stringevano tutti nelle mani il loro adorato Smartphone. Vogliamo togliere l'inquinamento? Bene. Per iniziare via telefonini e smartphone,via ADSL e PC, via motorini, via aria condizionata,via spinelli e fumo di ogni tipo, via automobili per strada, via al cibo spazzatura portato in spalla a domicilio. Come diceva il grande Giuseppe Verdi " Tornate all'antico e sarà un progresso"

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 16/03/2019 - 08:56

Concordo!Che "rottura" con l'"ambiente"!Che "rottura ipocrita" questa "protesta"!Perchè non si interrogano sulla raccolta differenziata,che al Nord è il 65%,....al Sud il 43%(..e non vogliono i "termovalorizzatori"),...e nelle Isole il 26%?...No, "rompono" sulla "plastica" nei Supermercati!Si guardano bene dal chiedere che occorrerebbe incentivare/spingere al massimo il riciclo delle "plastiche" NORMALI(in Italia ancora troppo basso),e risolvere(incentivare),la soluzione della enorme quantità di imballaggi di "plastica",ex industria alimentare,che NON SONO RICICLABILI,in quanto composti da accoppiati di diverse "plastiche",che potrebbero essere vantaggiosamente "recuperati",in impianti di "pirolisi"(per la produzione di "gasolio"),che non inquinano,oltretutto con un ottimo ritorno economico!...Ma siccome siamo in Italia,non si fanno per le "accise" perse(come il TAV)!Chiedete questo!Informatevi prima di "protestare"!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/03/2019 - 09:08

Ma non solo, niente più gite scolastiche perchè i pulman inquinano, niente più vacanze in aereo a destra ed a sinistra, ma solo al fiume come una volta. L'inquinamento si combatte se la popolazione mondiale diminuisce. Se tutti consumassimo pesce non ce ne sarebbe più per nessuno, perchèi mari si svuoterebbero. Consumiamo più di raffrescamento in estate che riscaldamento d'inverno. Pochi ma buoni, altro che fare figli.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/03/2019 - 09:15

Questo bel servizio di Giannino della Frattina, dovrebbero spiegarlo gli insegnanti al loro primo ritorno a scuola dei ragazzi. Niente più gite, perchè si produce Co2

dare 54

Sab, 16/03/2019 - 09:36

E m agari ... raccogliete anche tutti i rifiuti che avete lasciato al vostro passaggio!

cesare caini

Sab, 16/03/2019 - 10:02

Voglio proprio vederli spegnere il computer ed il telefonino ! Sono sempre gli Altri che inquinano !

anna.53

Sab, 16/03/2019 - 10:23

Al " Giornale" chiedo di riprendere la collaborazione con Franco Battaglia , che in modo semplice insegni "l'alatra faccia della medaglia sul CLIMA", in modo scientifico col coraggio da vendere che ha. O organizzare uno o più incontri con lui invitando I GIOVANI . (PS non tutto quel che afferma si deve approvare , ma sicuramente supporta le sue tesi senza estremismi ideologici e MOTIVANDO RAZIONALMENTE) . La battaglia sull'ambiente , come ovvio , è sacrosanta se non è ideologica a prescindere , si dovrebbe incominciare da noi stessi e dai nostri sprechi ma anche dare un occhiata ad altri paesi ....

vince50

Sab, 16/03/2019 - 10:26

Pecore senza cervello e tanto fumo inutile.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 16/03/2019 - 10:26

tranquili,stamattina tutti in motorini,moto,auto,suv a scuola e poi ad inquinare la domenica!!

Reip

Sab, 16/03/2019 - 10:28

Se questi rappresentano il futuro dell’Italia, lItalia e’ un paese finito! Meglio a questo punto la sostituzione etnica! Meglio gli africani!!!

DRAGONI

Sab, 16/03/2019 - 10:38

....E MAGARI RINUNCINO ANCHE AI MOTORNI ED ALLE MINICAR!!

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 16/03/2019 - 10:40

Sono vecchio, tempi di guerra, dopo guerra, nuovo "risorgimento". Avevamo molte speranze e voglia di fare. Adesso hanno il telefonino. Di Maio impera. Provo pena per loro e per il loro buio futuro.

Ritratto di illuso

illuso

Sab, 16/03/2019 - 10:42

Mah, è da anni che nel raggio di km 20 sia in estate che durante l'inverno per qualsiasi ragione mi muovo in bici...faccio prima e non inquino. Purtroppo noto che nonostante la zona in cui abito sia all'avanguardia in Italia e non solo nella raccolta differenziata, mai come in questo periodo noto decine di sacchetti di spazzatura abbandonati lungo le strade. Detto questo sono dell'opinione che la sovrappopolazione è e sarà sempre di più la ragione principale dell'inquinamento terrestre. Siamo ormai 7 miliardi di individui che nel 2050, stando alle stime, diventeranno 14 miliardi. Tutti dobbiamo mangiare, vestirci, avere il cellulare, la bici, il motorino, l' automobile ecc. ecc. Purtroppo anche l'espansione del numero degli esseri umani sta diventando un grande business nel quale moltissime industrie e non solo stanno buttandosi a capofitto.

19gig50

Sab, 16/03/2019 - 10:45

Dalla sua formazione, il nostro pianeta è in continua evoluzione ed ha subito tante trasformazioni che hanno avuto la durata di migliaia di secoli. A questo processo climatico naturale, in parte, avrà influito anche l'opera dell'uomo e il comportamento di questi ragazzi ne è la prova .Aver buttato nella mischia quella ragazzina svedese, solo perchè fa più presa sul cuore, di fronte ad un evento irreversibile della Terra, è una coincidenza che crea dei dubbi.

Cheyenne

Sab, 16/03/2019 - 10:47

MAI SPEGNERE L'IPHONE FONTE DELLE CORBELLERIE DI QUESTA PSEUDOGIOVENTU'. MEGLIO CHIUDERE IL LIBRO DI ITALIANO

andy15

Sab, 16/03/2019 - 10:53

Ieri ero per caso a Trento in Piazza Duomo allorche' e' arrivato strombazzando il corteo degli studenti e ong varie. Il giornale locale dice che fossero in 5 mila, a me pareva 2-3 cento. Comunque: dopo i discorsi i ragazzi cantano "Oh bella ciao", tanto per far capire da che parte stanno. Peccato che i regimi comunisti siano stati i piu' crudeli inquinatori della storia, di cui questi ragazzi, il nostro futuro, non sembrano avere neppure le nozioni piu' elementari.

Silpar

Sab, 16/03/2019 - 11:18

Articolo perfetto, ma lo leggeranno, e sopratutto se lo leggessero lo capirebbero?

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Sab, 16/03/2019 - 11:19

@do-ut-des: finchè c'è guerra c'è speranza(film).

anna.53

Sab, 16/03/2019 - 11:26

Porro , per favore , manda su tuo blog o altrove critiche sensate e scientifiche all'ideologia sul CLIMA ( v Franco Battaglia). Giustissimo , partiamo da noi stessi circa l'ambiente e l'attenzione a come gestiamo i rifiuti e il rispetto per gli altri ... bottiglie di birra ovunque e peggio ( vedi diffusione rumori molesti , fumo , avanzi di cibo o peggio sprechi... !) allarghiamo le critiche ai ns comportamenti "inquinanti" , la cattiveria nei confronti di uno solo eccetera ...! Guardare prima se' stessi , educare a scuola e in famiglia !

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Sab, 16/03/2019 - 11:29

Il sessantotto di ritorno? Non mi meraviglierei. Soprattutto per l’Italia, dove i criminali delle BR sono di nuovo in cattedra. Quando ero io un sedicenne, a scuola andavamo per studiare e imparare, non per fare manifestazioni. Mi spigarono le nutazioni dell’asse terrestre e il conseguente alternarsi di periodi glaciali a periodi di innalzamento delle temperatura, dovute al maggiore o minore angolo d’incidenza dei raggi solari sulla superficie del pianeta. Se a questo aggiungiamo che, all’interno di una grande nutazione, c’è tutta una serie di piccole nutazioni, il variare delle condizioni climatiche sulla terra è cosa normale e continua. Noi umani possiamo solo aggravare o ridurre le conseguenze di questo fenomeno. Urlando slogan e intasando le vie delle città? No Risparmiando, come insegniamo noi vecchi, e non sprecando nulla. Giannino della Frattina ha indicato molti modi per farlo. Ce ne sono tanti altri.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 16/03/2019 - 11:41

Quanti "gretini", il Copyright è di Porro, sulla faccia della terra! Con somma sponsorizzazione e giubilo da parte delle lobbies produttrici di tecnologie "rinnovabili".

Mac-Aroni

Sab, 16/03/2019 - 11:58

Vizziati al massimo e dopo chiedono miracolo senza cambiare modo di vivere...facile per questa gioventu !

VittorioMar

Sab, 16/03/2019 - 12:04

..perché i BRAVI Insegnanti non coinvolgono questi AVVEDUTI STUDENTI in : TEMA. Indicate le vostre soluzioni a risolvere il problema CLIMA e quali le sue CAUSE ??..dopo un bel DIBATTITO sul TEMA migliore o più INTERESSANTE ?? sarebbero CAPACI i nostri EROI ??...se cantano Bella Ciao,si affliggono e si intristiscono da soli,quello E' IL LORO CLIMA !!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 16/03/2019 - 12:09

Del modo tenuto da una torma di illusi per marinare la scuola e non risolvere alcunché.