A Casaleggio 411mila euro. Però "Rousseau" è ferma

Incassa 411mila euro, chiede regolarmente soldi ai 5s ma la piattaforma è ferma e le scelte sono calate dall'alto

Davide Casaleggio ama puntualità e precisione. Lo staff del figlio del fondatore del M5s invia tutti i mesi almeno tre mail ai parlamentari grillini per «sollecitare» il pagamento della quota, 300 euro al mese, all'associazione Rousseau. Le nuove regole del M5s, dopo il passo di lato di Beppe Grillo e la scelta del nuovo capo politico Luigi Di Maio, impongono a senatori e deputati, eletti nel M5s, il pagamento della retta mensile all'associazione, fondata nel 2016 e presieduta da Casaleggio jr: soldi che servono a sostenere i costi della piattaforma Rousseau, il sistema operativo che sostituisce il blog di Grillo nell'attuazione dello schema di democrazia diretta.

Il M5s con piattaforma recita l'articolo 1 del nuovo statuto - offre a parlamentari e attivisti il potere di determinare linea politica, nomine e leggi. Nel «sogno» di Casaleggio senior, è lo strumento base della democrazia digitale. Dal 4 marzo, giorno delle elezioni politiche, ad oggi, l'associazione al cui vertice c'è Casaleggio jr ha incassato 411mila e 250 euro: 99mila e 700 euro al mese. Ogni parlamentare ha già versato 1.250 euro per coprire le quote dei mesi di marzo (solo 10 giorni), aprile, maggio, giugno e luglio. Ed è già arrivato l'avviso per il pagamento, entro il 10 settembre, della quota di agosto.

Il gruppo pentastellato è formato da 320 parlamentari, 220 deputati e 109 senatori: il gruzzoletto incassato da Casaleggio jr sfiora già mezzo milione di euro. E arriverà a toccare i 6 milioni nell'arco della legislatura. Soldi ben spesi, direbbe Casaleggio senior, perché servono a sostenere una struttura web che trasforma il singolo attivista o deputato in protagonista della vita pubblica. È la definitiva consacrazione del principio «uno vale uno». Ma nel gruppo parlamentare i malumori non mancano. Fino a oggi, il capo politico Di Maio e il suo cerchio magico sembrano valere per tutti. Anche per Rousseau. Eppure, la mission della piattaforma è quella di determinare la linea politica del M5s attraverso la consultazione di attivisti e parlamentari. Ma finora, sulle principali questioni, dal caso della nave Diciotti alla nazionalizzazione di Autostrade per l'Italia, non c'è stata alcuna consultazione. E anche sull'ipotesi di annullamento della gara d'appalto sull'Ilva, gli iscritti non hanno avuto voce.

L'attività della piattaforma è quasi ferma. Funziona a singhiozzo. C'è chi evidenzia le differenze rispetto al blog di Beppe Grillo, dove attivisti e parlamentari venivano consultati su tutte le questioni, con cadenza quasi quotidiana. Oggi, invece, la piattaforma, nonostante incassi 98mila e 700 euro al mese, è un organo che ratifica decisioni già prese in altre «stanze» da Casaleggio jr e Di Maio. Solo in due casi gli iscritti sono stati chiamati a fornire la propria indicazione: la scelta dei componenti del Cda Rai e dei membri laici del Csm. Ma c'è una differenza sostanziale rispetto al passato: ora gli iscritti hanno votato un pacchetto chiuso. Nomi già «confezionati» da Di Maio e dai ministri: nessun parlamentare (o attivista) ha il potere di «suggerire» un profilo, dovendo solo ratificare o bocciare il pacchetto targato Di Maio. In altri casi, il sistema Rousseau non è stato nemmeno attivato: Francesco Fimmanò, docente universitario campano, molto vicino al vicepremier Di Maio, e Giacinto della Cananea sono stati spediti rispettivamente alla Corte dei Conti e al Consiglio di presidenza della Giustizia tributaria di Montecitorio senza la «benedizione» di Rousseau.

Commenti

buri

Dom, 02/09/2018 - 19:08

quel signore andrebbe diffidato, non è ammissibile che un azienda privata detti le regole alla politica,,,

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 03/09/2018 - 06:15

Mi pare un po' poco il compenso di 300 euro al mese. Forse sono 30.000, dato che 3.000 sono ancora pochine per un professionista a tempo pieno e di qualità.

Ritratto di LongJohn

LongJohn

Mar, 04/09/2018 - 10:33

Perché nessuno lo dice e non si indaga su come abbiano influenzato le elezioni passate con falsi profili su tutti i social network e falsi commenti su tutti i siti di informazione, cosa che avviene anche qui costantemente . Come si giustifica il fatto che tanti commenti a favore dei 5stalle li troviamo qui su il giornale.it? Io non andrei mai a leggere e commentare su altri siti che considero amici del diavolo come loro considerano il cavaliere. Questo é il vero problema delle informazioni manipolate non il conflitto di interessi di cui per tanti anni hanno accusato il Cavaliere.

titina

Mar, 04/09/2018 - 10:47

x021211940. leggi meglio: "ha incassato 411mila e 250 euro: 99mila e 700 euro al mese." Si è sistemato bene

WSINGSING

Mar, 04/09/2018 - 12:06

Non siate così permalosi! Tutti i partiti richiedono soldi ai loro parlamentari ed ai loro iscritti. Anche Leu chiedi soldi. Soltanto che Grasso (pare) non li abbia dati. Cioè (pare) che il Presidente del Senato (seconda carica pubblica dello Stato) - sembra - non abbia pagato i suoi debiti. E che dire della Italia dei Valori? Allo scioglimento del partito ho letto che vi erano in cassa 16.000.000,00 (sedici milioni) di euro. Chi mi sa dire che fine hanno fatto?

Giorgio1952

Mar, 04/09/2018 - 12:33

L'ho scritto fin dall'inizio la Piattaforma Rousseau è una bufala, una società segreta manipolata dalla Casaleggio & Associati.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 04/09/2018 - 13:02

WSINGSING (Mar, 04/09/2018 - 12:06) – Ma noooh! In quei casi si trattava del partito Italia dei valori, niente popo’ di meno dell’eroe di «mani(sinistre) pulite”. e di quello dei presidente dell’antimafia, diventato per acclamazione dell’intero popolo italiano(?!) presidente del senato. Persone al di sopra di ogni sospetto... C’è poi anche il caso dei milioni della Lega, ma chi oserebbe mai dubitare dell’amato Salvini, anche se si accingege a fare un nuovo «soggetto politico».

razzaumana

Mar, 04/09/2018 - 14:32

....400.000....4000.000....cosa'importa? Il Parlamentare grillino può devolvere il suo stipendio a chi vuole. La domanda legittima é "mantiene gli impegni assunti con il suo elettorato?" La prossima volta lo rivoterò?

peter46

Mar, 04/09/2018 - 15:39

titina...più semplice,spiegaglielo in modo più semplice=300 (trecento) euro al mese x ogni eletto che altrimenti dovrebbero aggiungere chissà quanto x arrivare ai trentamila se ognuno di loro ne prende mensilmente solo 12.000.

Duka

Mar, 04/09/2018 - 15:47

Questo ha trovato l'america. Credete a me !

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 05/09/2018 - 14:42

Personaggio patetico. Il fatto è che sono in migliaia a credergli.