CasaPound: "Pronti alla lista unica con la Lega di Salvini"

Il vicepresidente di Casapound lancia il polo sovranista con Salvini in opposizione alla tradizionale alleanza Lega - Forza Italia ma su Berlusconi dice: "Ha fatto bene ad andare da Putin"

"Il sindaco sapeva tutto. È vero che la richiesta per avere gli spazi è stata presentata dall'associazione sportiva 'La Focosa', ma il presidente di tale associazione è il responsabile regionale di Casapound. Il sindaco non può far finta di non sapere. A meno che il Comune non ammetta di concedere autorizzazioni senza fare alcun controllo". Simone Di Stefano, vicepresidente di Casapound, intervistato da Lettera43, accusa il sindaco di Castano Primo, il paesino nel milanese dove si è svolto l'ottavo raduno nazionale del suo movimento, di mala fede. Sapeva cosa stava autorizzando e poco importa se a chiedere l'autorizzazione non sono stati i vertici stessi del movimento: "Mica tutte le Feste dell'Unità le chiede il Partito democratico. Le richieste arrivano dall'Arci, dalle associazioni correlate che sono attive sul territorio. Noi abbiamo fatto la stessa cosa".

Polemiche a parte, Di Stefano è concentrato sulla crescita del movimento: "È vero, le nostre percentuali elettorali sono scarse. Ma solo perché il sottoscritto, e altri responsabili di Casapound, in televisione non passano. Se ci dessero il tempo concesso alla Meloni o a Salvini, i nostri risultati sarebbero molto più alti". Ed è proprio il rapporto con il leader della Lega Nord a tenere banco a partite dalle prossime amministrative, sapendo che "bisogna ricercare una coalizione che sia la più ampia possibile, andare da soli può risultare inutile" senza però dar vita a "carrozzoni fatti a prescindere, solo per battere l'avversario". "Casapound, - spiega Di Stefano - prima di fare un gruppo per amministrare insieme una città, vuole sapere quali sono le posizioni. Sui centri d'accoglienza, sulle case popolari, sui servizi sociali. Tutta una serie di punti che chi vuole allearsi con noi dovrà chiarire".

Per le future elezioni politiche, invece, Di Stefano si augura che "entri effettivamente in vigore la nuova legge di Renzi, l'Italicum, così com'è. E che costringa noi, la Lega, e chi ci vuole stare, a creare un grande soggetto identitario fuori dal centrodestra" che rompa la classica alleanza Forza Italia-Lega. "Noi - ribadisce il vicepresidente di Casapound - speriamo veramente di costruire un soggetto nuovo, unitario, con una lista unica. Questo richiede la nuova legge elettorale. Finché non entra in vigore quella, tutti ancora mantengono la vecchia mentalità". Di Stefano critica fortemente il ruolo di fare opposizione dell'ex premier Silvio Berlusconi ma ammette che "ha fatto bene ad andare in Crimea con Putin. Quella era l'unica cosa veramente apprezzabile dei suoi governi. Guardare a Est e mantenere una linea filorussa. Una cosa a cui noi teniamo, e apprezziamo il fatto che anche Salvini sia d'accordo". Un nemico comune è, invece, la Germania della Merkel "che mette sul mercato tutto il debito pubblico italiano, per far salire lo spread a 700 e costringere Berlusconi alle dimissioni", prosegue Di Stefano sottolineando anche l'impossibilità di un'alleanza con Berlusconi senza una netta opposizione all'Ue e all'euro da parte di Berlusconi. "Il no all'euro e lo stop all'immigrazione - precisa l'esponente di Casapound - sono condizioni fondamentali per noi. Ad oggi solo con la Lega abbiamo in comune questo tipo di mentalità. È l'interlocutore privilegiato e abbiamo già fatto dei percorsi insieme. Le manifestazioni di Milano e Roma, per esempio, oppure alcune consultazioni elettorali", come nel caso dell'appoggio a Borghezio alle Europee.

Di Stefano, perciò, non esclude nemmeno una sua candidatura all'interno delle liste della Lega. "Sono sicuro che -dice - prenderei consensi che sono tutti 'miei', cioè provenienti da Casapound; ma sarei in grado di attirarne anche da leghisti che preferiscono votare le mie posizioni sull'immigrazione, per esempio", ma "in generale, ritengo che Casapound possa attrarre consensi dai sostenitori di Salvini, che possono preferire noi ai leghisti della prima ora o ad altri personaggi". È finita quindi l'era dialogo con i Cinquestelle per colpa delle nuove leve che si dichiarano antifasciste sebbene sia il padre di Luigi Di Maio sia quello di Alessandro Di Battista fossero iscritti al Movimento Sociale: "Facessero pace con quello che sono, - spiega Di Stefano - devono accettare questa componente. Il Movimento 5 stelle ha ancora un 5-10% del suo elettorato che si considera di destra. Ed è una componente che cozza sempre di più con quell'altra, di sinistra e anche di estrema sinistra. Adesso Di Maio, presentato come nuovo leader, spero abbia delle cose da dire". Di Stefano, infine, definisce Casapound una forza laica e giudica la Chiesa italiana "un'entità religiosa che fa soprattutto politica. Papa Francesco sta facendo politica" e per la questione migratoria propone un intervento militare in Libia e la creazione di un corridoio umanitario che venga gestito direttamente dall'Italia.

Commenti
Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 14/09/2015 - 18:05

Non sono mica lebbrosi, anzi sono più presentabili dei sinistri che hanno rovinato l'Italia.

unosolo

Lun, 14/09/2015 - 18:20

finalmente insieme , ora avanti tutta , fate spazio alla nuova coalizione che dovrebbe assimilare tutti coloro che hanno solo perso in quattro anni i valori , la sicurezza, le proprietà e la dignità di fare la spesa .

Ritratto di toro seduto

toro seduto

Lun, 14/09/2015 - 18:22

e voi che fate vi accodate con i fascisti?

moshe

Lun, 14/09/2015 - 18:36

FINALMENTE UNA BELLA NOTIZIA !!!!!

Ritratto di Tuula

Tuula

Lun, 14/09/2015 - 21:57

Casa Pound+Salvini+Meloni+Forza Italia e altri di destra

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 15/09/2015 - 00:56

CasaPound sono l'unica vera destra che abbiamo in Italia perchè Fratelli d'Italia, con tutto il rispetto per le capacità della Meloni, è annacquata e piegata alla volontà di Berlusconi. Il guaio di CasaPound, tuttavia, sono i suoi numeri elettorali, votarli senza che abbiano un alleanza che li faccia passare, vuol dire sprecare il voto. Berlusconi non li accetterà mai perchè in realtà egli è un socialista, un radicale. Tenterà addirittura di piegare la Lega ai suoi voleri, come ha sempre fatto. Naturalmente occorre vedere se la Lega prenderà più voti di Forza Italia, perchè in questo caso Berlusconi potrà recalcitrare ma gli toccherà venire dove vuole la Lega. In ogni caso a Berlusconi lo vedo bene come Ministro degli Esteri ma non come Primo Ministro.

Abraracourcix

Mar, 15/09/2015 - 01:04

La Lega, che un tempo amministrava le città con PRI e PLI, ha perso definitivamente quello che era il suo iniziale carattere liberale per andare a dare retta a questi. Ha preso veramente una brutta piega. Gianfranco Miglio si rivolta nella tomba. È fondamentale fermare ogni rigurgito di fascistizzazione di ritorno pensando da socialisti democratici e agendo da socialisti democratici. Votate per la Repubblica, votate per L'Italia libera,,votate per il PD.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Mar, 15/09/2015 - 10:01

Abraracourcis....Votare per il Pd?MAI!!i MALEDETTI COMUNISTI HANNO ROVINATO L'ITALIA.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 15/09/2015 - 10:05

Una visione: le Camicie verdi della Lega, le Camicie nere di Casa Pound e le Camicie azzurre di FI che marciano assieme per salvare l'Italia dalla sinistra ipocrita e buonista che sta rovinando l'Italia.

marco m

Mar, 15/09/2015 - 11:00

Associarsi a gente che va in giro ad occupare e che più volte si è scontrata con la legge? Mi spiace ma la mia idea di destra è diversa

rugoso

Mar, 15/09/2015 - 13:08

Sono in accordo col pensiero di Di stefano

Abraracourcix

Mar, 15/09/2015 - 23:39

@ pensionesoavis I destri non hanno rovinato l'Italia, vero?

Abraracourcix

Mar, 15/09/2015 - 23:44

@ perSilvio46 Quelli da Lei citati, guarda caso, sono proprio i principali responsabili di 17 anni di immobilismo italiano. E non hanno scuse perché i numeri in parlamento li avevano. Quanto a Forza Italia, se vuole preservare un minimo di dignità ha il dovere morale di rifiutare ogni forma di dialogo con quelli lì.

zucca100

Ven, 09/10/2015 - 19:51

Grande persilvio, dimmi che esisti veramente. Voglio conoscerti

zucca100

Ven, 09/10/2015 - 19:53

Ma come, ora difendete i centri sociali che ok muoiano le case?