Il caso Elton John travolge Sanremo Poche canzonette e tanta «Cirinnà»

L'arrivo del cantante solleva un polverone, anche politico Gabriel Garko: «Piaccio agli uomini? Sono un sex symbol»

Laura Rionostro inviato a SanremoVirginia Raffaele, l'attrice comica co-conduttrice del Festival, la mette sul ridere: «Se passa la legge Cirinnà, io mio sposo la Ghenea, è bellissima». Però c'è chi sull'argomento non ha tanta voglia di scherzare. E, come previsto, l'arrivo stasera a Sanremo di Elton John e (forse) di suo marito David Furnish, una coppia simbolo mondiale dei diritti dei gay, ha sollevato un polverone. Da Roma sono intervenuti Massimo Gandolfini, tra i promotori del Family Day e il senatore di «Idea» Carlo Giovanardi. Gandolfini ha scritto ai vertici della Rai chiedendo «fermamente che Elton John si limiti alla sua performance canora, evitando accuratamente che si trasformi in uno spot pubblicitario delle cosiddette famiglie arcobaleno. Il servizio pubblico non può essere strumento di parte. La mancanza di contraddittorio rende inaccettabile anche una sola parola a favore di una parte». E Salvini ribadisce. «Se Elton John ci fa un pippone su Rai1 pagato coi soldi nostri, il canone se lo paga lui». Pure per Giovanardi, Elton John dovrebbe cantare e basta e fa notare che «negli ultimi due mesi non si vede trasmissione tv, fiction o film in cui non ci siano personaggi o ospiti uomo-uomo o donna-donna. Quindi, al di là di Sanremo, non se ne può piu! È un martellamento continuo». Da Sanremo i vertici Rai, nella persona del direttore di Raiuno Giancarlo Leone, replicano che «non si sa ancora se il cantante verrà con il marito. Comunque lo abbiamo invitato in tempi non sospetti e non credo che il dibattito parlamentare risentirà della sua presenza». Marilena Grassadonia, presidente delle famiglie Arcobaleno (famiglie composte da genitori omosessuali) commenta: «Non c'è bisogno che faccia comizi, la sua storia parla per lui».L'artista dovrebbe volare direttamente da Londra, fermarsi a Nizza dove ha una casa e poi arrivare in serata all'Ariston per presentare il nuovo album Wonderful Crazy Night e ripartire subito dopo. In platea - come richiesto dal cantante - sono stati riservati due posti per i suoi accompagnatori: si vedrà da chi verranno occupati.Invece non è rimasto imbarazzato Gabriel Garko per le domande sul suo orientamento omosessuale, fatte ieri a seguito del caso di sir Elton. «Sono consapevole di essere un sex symbol - ha risposto - e sono consapevole che per essere desiderato da molti bisogna piacere anche agli uomini così come alle sessantenni. E non nego che mi piace anche giocarci. Noi facciamo spettacolo e dobbiamo fare sognare la gente». A Garko, dal deputato del Pd Anzaldi, viene pure imputato di fare spot a Mediaset (lui protagonista un'altra fiction di Canale 5). Tutto fa brodo...