Il caso Ue a valanga su Grillo. Altri cinque pronti a lasciare

Nuove defezioni in vista, ma gli eurodeputati negano. E la senatrice Bulgarelli apre il fronte anti Casaleggio

Perdono i pezzi, due sono già caduti, altri stanno per cedere. Dopo la fuga di Marco Affronte e Marco Zanni altri cinque eurodeputati grillini sono pronti a lasciare l'Efdd. E poi arretrano in Europa, si scannano in Italia, cercano nuove stanze al Parlamento di Bruxelles e vagano nei corridoi del Senato. S'attaccano su Facebook e si rispondono su Twitter. L'ultima bordata, ieri, arriva da Elisa Bulgarelli, cittadina senatrice, inquilina a Palazzo Madama. Scrive, su Facebook: «Ma l'associazione Rousseau è la segreteria del partito Cinque Stelle o il centro dei cerchi e dei cerchietti magici del Movimento? E pensa se non stessero lavorando al DDM (Direct democracy movement)... Beppe aiutaci tu!». Ed è qui, nell'appello della vicecapogruppo al Senato al leader comico, che sta un altro pezzo della storia di questo sfascio. Bulgarelli è nota soprattutto per i suoi balletti in aula: cuffietta nelle orecchie, si dimena al ritmo delle sue canzoni preferite. Stavolta riapre le danze appellandosi all'amico Beppe e dunque prendendo le distanze dal nemico Davide Casaleggio. Lei attacca quella piattaforma Rousseau che Casaleggio jr gestisce insieme a David Borrelli, l'eroe del pasticcio al Parlamento europeo. Non che la crepa tra Grillo e il figlio dell'altro fondatore del Movimento sia una novità, ma stavolta è pure autocertificata. Nonostante tutto la sortita non è affatto piaciuta ai vertici grillini, che starebbero meditando sanzioni.

Queste sono le ultime radiografie del M5S, dopo la sbornia elettorale, i successi alle comunali di Roma e Torino. Il Movimento è malato e visto che si tratta pur sempre di un movimento di democrazia diretta è il caso Europa quello che sembra lasciare le ferite peggiori. I guai al Comune di Roma? L'arresto di Marra, braccio destro della Raggi? «Ora che abbiamo il potere ci vogliono attaccare, a orologeria. E Grillo sistemerà tutto», sintetizzava il popolo della Rete. Per imparare a governare i capi del M5S avvicinano finanzieri ed editori? E allora, la sindaca di Torino Chiara Appendino piace a tutti, può far ciò che vuole. Davide Casaleggio incontra l'ad della banca online di Monte dei Paschi? «È vero, ma è una bufala dei giornali», serve un tribunale del popolo per giudicare stampa e tv.

Bene, ora Grillo che può fare, dire e inventare su questa figuraccia dei gruppi al parlamento europeo? Come può giustificare da un lato il tentativo di passare con il gruppo di Alde e il tradimento degli ideali euroscettici cari al Movimento, e dall'altro il marameo ai pentastellati dei liberali? Non può, non ora: deve inventare qualche altra mossa a sorpresa. Un po' di teatro (vedi l'attacco alla Nato ieri sul blog), per nascondere la semplice verità, come già fatto per seppellire le cronache sugli incontri con quelli che i grillini chiamano «poteri forti». La multa da 250mila euro che dovrebbe congelare a 15 il numero degli eurodeputati? Carta straccia, dopo le fughe di Marco Affronte e Marco Zanni, altre ne arriveranno. Presto. Non appena il presidente dell'Europarlamento risponderà all'interrogazione presentata dal Pd: è legittima la sanzione da 250mila euro che Grillo vuole appioppare a chi lascia il gruppo? Se, come pare, la risposta sarà no, allora la fuga potrebbe non avere fine. «Notizie infondate», comunica l'ufficio stampa M5S a Bruxelles. Ma altri cinque italiani sono già pronti a saltar fuori dall'Efdd di Farage e Grillo. A quel punto la prima a partire sarebbe Daniela Aiuto, che già due giorni fa aveva presentato domanda di iscrizione ai Verdi. Domanda accettata. Poi il ripensamento: dettato non dai peana di Grillo, ma dal rischio della penale. Benvenuti nella giungla.

Commenti

pinux3

Ven, 13/01/2017 - 10:29

Una cosa è certa. Quel foglio di carta GIURIDICAMENTE NON VALE NIENTE. Un contratto che ha per oggetto un ILLECITO (in quanto la stessa Costituzione vieta il vincolo di mandato)è giuridicamente NULLO. E non c'è bisogno di nessun pronunciamento del Parlamento europeo, basta conoscere l'abc del diritto...

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 13/01/2017 - 10:48

Speriamo se ne vadano tutti e che il BUFFONE rimanga solo!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 13/01/2017 - 11:57

Lasciate che i morti seppelliscano i loro morti dice il Signore Gesù ma Voi andate e annunciate che il regno di Dio è vicino, molto vicino a noi, dentro di Noi e Noi? Perché perdersi in queste piccolezze di Individui che hanno come loro unico scopo di sbarcare il lunario senza dare niente al Popolo sovrano? Molti rifiutano il voto dicendo che è inutile votare perché non cambia mai niente e, senza conoscere i meccanismo dello stesso voto, patteggiano per costoro che si gingillano da maoisti e comunisti ai Nostri occhi "meravigliati". Andiamo a votare carissimi moderati e non lamentamoci più dei isfatti altrui. Shalòm.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 13/01/2017 - 11:58

DILETTANTI E CIALTRONI ALLO SBARAGLIO !!

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 13/01/2017 - 12:48

Ho la sensazione che Grillo ha paura di vincere le elezioni e fa di tutto per perdere consensi.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Ven, 13/01/2017 - 13:10

La valanga si staccherà solo quando saranno gli elettori a comprendere per chi e per cosa votano

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 13/01/2017 - 13:12

Fascismo: autoritarismo prepotente della ottusitá e della ignoranza ... Non c´é da meravigliarsi che nella patria della mafia e del fascismo del mondo la gran massa di allocchi ritenga quella del fascismo una realtá di altri tempi (giá non esistono le camocie nere affermano i poveri dementi) quando é principalmente oggi nella meschinitá e nella prepotenza dilagante di un apparato pubblico di ottusi e feroci parassiti che il fascismo si manifesta in una virulenza come mai avvenuto.

Marcolux

Ven, 13/01/2017 - 13:37

Buffone e comico era, buffone e comico tornerà. La sua stella sta tramontando.

Iacobellig

Ven, 13/01/2017 - 14:51

CHI VA VIA SI DEVE DIMETTERE E FARSI ELEGGERE NELLO SCHIERAMENTO DI APPRODO.

m.nanni

Ven, 13/01/2017 - 16:26

chi ritiene nullo il contratto di vincolo di mandato grillino in quanto contrastante con lo svincolo di mandato costituzionale dimentica che la corte ha dichiarata legittima la "severino" che non ammette la presunzione d'innocenza fino a sentenza passata in giudicato. questo, per dire, in che stato di diritto viviamo. credo che lo strappo di Grillo di considerare marionette gli eurodeputati grillini, di passare dal polo sud al polo nord senza fiatare, giustifichi lo svincolo di mandato; per cui non si capisce perchè si dovrebbero dimettere dall'euro parlamento.

gabriel maria

Ven, 13/01/2017 - 17:32

povero Grillo!Lo hanno preso per il lato b e lui ci è cascato come .......un comico.A me sinceramente spiace.....La politica è fatta per gli squali....non per i pulcini bagnati....sursum corda!!!