Berlusconi: "Fallita opa su FI". E avverte: "Fuori chi guarda a Renzi"

Silvio Berlusconi interviene telefonicamente alla kermesse azzurra di Viterbo organizzata da Antonio Tajani

A causa del maltempo Silvio Berlusconi è rimasto bloccato all'aeroporto e non ha potuto raggiungere Viterbo per la giornata conclusiva della kermesse azzurra organizzata da Antonio Tajani. Per questo motivo, il Cav è intervenuto telefonicamente: "Dalla crisi dell'Italia, lunga e drammatica che si trascina da quasi un decennio, io sono convinto che non si esce né con il sovranismo né con lo statalismo assistenziale che invece aggrava i problemi di fondo".

Berlusconi è chiaro e non ha il minimo dubbio sul ruolo che deve svolgere in merito Forza Italia. "ll futuro di Forza Italia è dare di nuovo voce al Paese che oggi al di fuori di noi non è rappresentato in politica dal giustizialismo, dal sovranismo, dallo statalismo, dal pauperismo. Oggi in vetrina si percepiscono solo due Italie contrapposte e incattivite: quella della destra sovranista è quella della sinistra pauperista, statalista che non rappresentano Italia e non danno prospettiva a nostro Paese. Forza Italia è compatta e unita, non c’è nessuno tra noi che mette in discussione il nostro compito storico. Forza Italia è il centrodestra, non solo perché lo abbiamo invetato, ma perché senza di noi sarebbe molto diverso. Senza di noi ci sarebbe una destra che non avrebbe i numeri per vincere, andare al governo e non sarebbe in grando di governare".

Durante il suo intervento, Silvio Berlusconi non manca di bacchettare Matteo Salvini per le sue scelte passate: "I nostri alleati della Lega, durante il governo, hanno caratterizzato la politica economica sulla base delle idee grillini, che sono ingenue e pericolose. Tutto questo in cambio di una mano libera alla Lega sulla immigrazione che era tanto buona nelle intenzioni quanto inadatta a raggiungere l’obiettivo. Salvini, poi, ha avuto il coraggio di proporre Di Maio premier. Non è pensabile un partito unico del centrodestra a trazione sovranista. L’Opa di Salvini su Forza Italia è fallita".

Il Cav, poi, si rivolge agli alleati "di Lega e Fratelli d'Italia dico che siamo diversi. Combattiamo insieme la battaglia del centrodestra ma non la battaglia sovranista". Berlusconi non fa sconti neanche ai suoi e avverti: "Chi tra di noi pensasse che possiamo avere un occhio di riguardo verso l'altro schieramento, il governo Conte o magari verso il nuovo partito di Matteo Renzi si porrebbe fuori o lontano da Forza Italia. L’Italia e l’Europa che vogliamo. Ma non conosco nessuno dei nostri che se lo proponga. L’unica che ha fatto questa scelta non aveva mai fatto parte di Forza Italia anche se le avevamo dato ospitalità nelle nostre liste. Non esiste in Italia una sinistra liberale e non penso che Renzi possa crearla. Se anche ci riuscisse, questo riguarderebbe comunque l'altra metà del campo di gioco, il centrosinistra.

Commenti
Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 22/09/2019 - 15:17

C'è una concreta possibilità che qualche parlamentare di FI possa passare nelle file di Renzi ma questo non dovrebbe preoccupare più di tanto. Se alle prossime elezioni FI dovesse raccogliere molti voti i parlamentari usciti verrebbero rimpiazzati da altri.

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Dom, 22/09/2019 - 15:26

la Transumanza e gia' cominciata ma non e' mai finita goditi la Famiglia

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 22/09/2019 - 16:07

dobbiamo ringraziare FI e berlusconi, se oggi non abbiamo una italia esclusivamente comunista ! se non era per FI, a quest'ora stavamo a fare la fine dell'argentina, o della grecia....

bernardo47

Dom, 22/09/2019 - 16:15

renzi chi?..italia viva e' gia'morta! politici della generazione telemaco dei renzi, salvini, o di maio, meglio perderli che trovarli!

Tommaso.Rossi

Dom, 22/09/2019 - 16:25

Purtroppo Berlusconi, spiace dirlo, da tempo non ne azzecca una... Ha portato quello che era il più grande partito italiano a percentuali ridicole e pare non essersi ancora accontentato, in una specie di "cupio dissolvi" senza fine. Non si fosse fatto imbrogliare da D'Alema sull'elezione del Presidente della Repubblica nel 2015 ed avesse mantenuto in piedi il patto del Nazareno, avrebbe potuto far passare la riforma costituzionale nel 2016 ( riforma assolutamente conforme agli ideali di Centrodestra ), a quest'ora l'Italia sarebbe stata diversa e lui si sarebbe conquistato un posto perenne tra i Padri della Patria. Adesso persistendo in una politica suicida, sta invece continuando l'opera di autodistruzione. Peccato per tutti i moderati italiani,

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 22/09/2019 - 16:39

Speriamo che la linea di Forza Italia serva a ricompattare il centro destra perché è la cosa che interessa di più. Preoccuparsi degli altri è deleterio e porterebbe via tempo prezioso. Shalòm.

Blueray

Dom, 22/09/2019 - 16:51

Le parole di Berlusconi sono certamente interessanti e in buona parte condivisibili. Ciò che però gli sfugge è che l'elettorato di dx chiede oggi un superamento del cdx storico, nel senso di un partito forte, dinamico e decisionista, meno asservito all'Ue a trazione franco-tedesca e propositivo di un Paese maggiormente libero di autodeterminarsi, come, sia chiaro, ne esistono già parecchi in Europa, ma non fanno storia per la loro piccolezza e quindi scarsa importanza in sede di voto comunitario. L'Italia essendo la terza potenza dell'Ue è marcata a vista, e ciò impone di smarcarsi finchè i maestri saranno Parigi e Berlino. Potremo trovare formule meno incattivite forse ma dovranno essere comunque forti e decise senza tentennamenti buonisti o cattosinistri, altrimenti la battaglia è perduta.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 23/09/2019 - 00:15

Silvio non ti sei accorto che a dx non comandi più e da tempo? Un pò più di prudenza, di attenzione nel linguaggio e nei fatti guastano di sicuro. L'Italia ha la sua dignità, non deve essere dominata da Parigi e Berlino, abbiamo la nostra sovranità o abbiamo abdicato?

Destra Delusa

Lun, 23/09/2019 - 03:06

ERRORE ENORME. Solo insieme a Renzi potrebbe ricostruire quel centro (destra/sinistra) che ha distrutto lasciando l'Italia in mano alla destra estreme.

brunog

Lun, 23/09/2019 - 03:43

Berlusconi dice: "Dalla crisi dell'Italia, lunga e drammatica che si trascina da quasi un decennio, io sono convinto che non si esce né con il sovranismo né con lo statalismo assistenziale che invece aggrava i problemi di fondo". Peccato che con l'europeismo siamo invece andati a fondo.

Popi46

Lun, 23/09/2019 - 06:02

@Blueray: un partito forte,dinamico,decisionista,meno asservito all’UE configura un partito sovranista alla Salvini, distante anni luce da quel partito liberale auspicato da Berlusconi. Purtroppo gli italiani sono attaccati a papà Stato e temono la libertà,che è anche responsabilità. Lei ha mai conosciuto un qualsiasi politico che non abbia indicato come colpevole di un qualsiasi sfacelo il suo predecessore? A cominciare dai sindaci....

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 23/09/2019 - 09:25

mortimermouse separi gli eventi temporali se no e' chiaro disonesto intellettuale nel 94 era un altra era, tempo, spazio, e Berlusconi...e' anche grazie al cavaletta(oramai indissolubili) se dal 2011 siamo sotto lo stivale di francia e germania e le imposizioni ue, senza sovranita' ricordo che anche grazie alla non vigilanza del.gov 2001 ci siamo trovati un euro demenziale

handy13

Lun, 23/09/2019 - 11:44

....ma è così brutta la parola sovranista.?...la Francia non lo è.?..la Germania non lo è.?... perchè non cerchiamo un termine x definire quelli dell'altro schieramento non sovranista....

bernardo47

Lun, 23/09/2019 - 11:49

Salvini deve piegarsi a f.i. e Renzi è già morto!....anzi rimorto!

rino34

Lun, 23/09/2019 - 15:49

non significa nulla essere sovranisti, è solo un slogan per far propaganda. Quando Salvini è stato al governo si è comunque calato le braghe quando era ora di fare la finanziaria. Se essere sovranisti significa fare battute da bar, minacciare e poi non far nulla allora è meglio non esserlo. Con la UE bisogna trattare, non tirargli dei nomi dietro e poi calarsi le braghe