Cavilli e assoluzioni Così la nostra giustizia libera 9 scafisti su 10

Renzi proclama oltre mille arresti, ma alla fine appena il 10 per cento arriva a scontare la pena

L'Italia? Paese di eroi, santi, poeti. E scafisti.

Se n'é accorto pure Michele Ainis, costituzionalista e firma prestigiosa del Corriere. «Dinanzi all'onda biblica dell'immigrazione - argomentava ieri il professore in un editoriale - c'è un delitto che non verrà mai punito: quello degli scafisti». Nessuno s'è sognato di dargli di sciacallo per aver osato rilevare le pecche del sistema normativo e, inevitabilmente, le colpe del Governo al riguardo. D'altronde, a far cadere il muro di gomma alzato da Matteo Renzi e compagni all'indomani dell'ennesima tragedia nel Mediterraneo bastano i numeri. «Di scafisti, in totale, sin qui ne sono stati arrestati 1.002», gongolava il premier in conferenza stampa col suo omologo maltese Joseph Muscat tre giorni fa. Sarà pure vero, ma sono altre le domande che non hanno avuto risposta: quante sono le condanne seguite agli arresti? E quanti dei condannati scontano la pena? Non molti, a giudicare dalle stime elaborate dal Viminale: solo il 10%. Dati che, sebbene ufficiosi, trovano riscontro nelle cifre fornite da altre fonti. Secondo il Consiglio d'Europa, le condanne sono state 14 nel 2010, 9 l'anno seguente. Nel 2013, attesta il ministero della giustizia, si contavano 154 persone condannate per il reato di tratta. Tra il 2011 ed il 2014, certifica il procuratore della Repubblica di Catania, Giovanni Salvi, nel catanese 191 sono state le persone rinviate a giudizio per traffico di esseri umani. Di esse soltanto poco più della meta, 109, risultava aver riportato una condanna, ma in primo grado.

Insomma, per gli scafisti il Belpaese è un Eldorado. «Una volta denunciati - spiega Giorgio Innocenzi, segretario della Confederazione sindacale autonoma di polizia - i sospettati di tratta restano in carcere qualche settimana, quindi vengono rilasciati in attesa di giudizio». Molti fanno perdere le tracce. Altri aspettano fiduciosi.

Perché si giunga a sentenza, del resto, occorre superare scogli a volte insormontabili: i testimoni, connazionali degli imputati, vengono spesso rintracciati e indotti a cambiare versione. La Cassazione - con sentenze discordanti - ancora discute se, come e quando lo Stato italiano abbia giurisdizione a trattare di reati radicati quasi sempre al di fuori dei propri confini.

E soprattutto distingue tra scafisti occasionali e scafisti professionisti. Ma se pure si giunge a processo, poco male: come ricordava Ainis, «il reato di favoreggiamento dell'immigrazione irregolare è punito con reclusione fino a 5 anni. I topi d'appartamento ne rischiano 6».

Nel marasma, farla franca è facile. A metà aprile il Tribunale di Ragusa ha assolto 5 egiziani: i migranti che li accusavano erano risultati irreperibili al momento dell'incidente probatorio. A fine marzo, sempre a Ragusa, identico copione per un altro egiziano, già arrestato in passato per gli stessi reati. A gennaio, invece, assoluzione con scuse per un senegalese che in cella era rimasto confinato 19 mesi. Ma poiché a tutto c'è rimedio, anche quando la condanna arriva una soluzione si trova. Il più delle volte i condannati vengono accompagnati alla frontiera per scontare la pena nel Paese di provenienza. Mohamed Ramzy, ad esempio, egiziano di 49 anni, era stato espulso nell'aprile del 2014. Una settimana fa lo hanno trovato al timone di uno dei due barconi intercettati dalla motonave militare «Driade», con a bordo 453 migranti sbarcati al porto di Messina. Agli agenti che gli rilevavano le impronte ha regalato un sorriso beffardo. Quello di chi sa che prima o poi, comunque presto, tornerà libero e di nuovo in mezzo al mare con un altro carico di vite umane pigiate in una stiva, puntando la prua sulle terre dell'ignavia, famose per i loro coccodrilli piangenti.

Commenti

Beaufou

Gio, 23/04/2015 - 08:29

Bella Italia. Uno scafista che annega centinaia di persone non rischia nulla, per uno cui piacciono i festini si spendono migliaia di ore di intercettazioni e interrogatori. Poi il solito Bruti Liberati, o il solito Sabelli, si lamentano che la giustizia italiana "viene delegittimata". Dovrebbe essere incenerita col lanciafiamme, altro che "delegittimata". Un magistrato che cavilla su procedure e postille, invece di dare subito il fatto suo a un delinquente, è complice della delinquenza.

pinopalazzi

Gio, 23/04/2015 - 08:32

Ed i nostri due MARO' sono ancora ostaggio degli Indiani, senza sapere di cosa sono accusati. Grande la Giustizia Italiana. E grandi tutte le garanzie che diano a questa gente. WOWWWWWW. Viva L' Italia.

pgbassan

Gio, 23/04/2015 - 08:33

Il solito pinocchio. Che altro?

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 23/04/2015 - 08:36

I rapresentanti della giustizzia DEVONO PUNIRE I DELINQUENTI, NON AGEVOLARLI. Che guardino e imparino dai colleghi dell`Unione Europea, SCENDENDO DA QUEL PIEDISTALLO DI ARROGANZA CHE I LORO SUPERIORI, DELLA SETTA GIUSTIZZIALE HÀ RIEMPITO IL CERVELLO E SIANO PIÙ CELERI NEL PUNIRE, SENZA CERCARE CAVILLI A DESTRA O A MANCA !!! """ PER QUESTO SONO PAGATI, PER ESSERE IMPARSIALI"""!!!

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 23/04/2015 - 08:40

anzi! la corte di cassazione penso proprio desideri intervenire nella cosa per accettare eventuali proposte fatte dalla signora boldrini tendenti a prevedere medaglie al valore a questi scafisti e vitalizi importanti mentre anche le proposte di alfano di sitaurare delle linee aeree dalla libia per l' italia dovranno essere prese in considerazione

HenryTammy

Gio, 23/04/2015 - 08:42

Aggiungo: questi criminali quando vengono giudicati hanno un avvocato,d'ufficio o di fiducia, e poichè non hanno nè reddito nè lavoro dimostrabili , accedono al gratuito patrocinio. Si sappia che l'assistenza legale è gratuita, ma per il criminale. L'avvocato lo paghiamo noi, con i fondi pubblici. Fantastico, no? sarebbe interessante un'inchiesta giornalistica sull'ammontare delle spese legali sostenute dagli italiani per pagare gli avvocati degli scafisti. Che vergognba, che schifo....

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Gio, 23/04/2015 - 08:48

conclusione? Eliminare Renzi dal governo è incompetente per governare.

epesce098

Gio, 23/04/2015 - 09:02

Ma se non li liberano come fanno questi scafisti a portare altri disperati sul nostro territorio? Pensate che ce ne è stato uno che ha fatto ber sette viaggi, tutti grazie al buonismo dei nostri giudici solo per gli extracomunitari.

Aristofane etneo

Gio, 23/04/2015 - 09:05

Cavilli e assoluzioni Così la nostra giustizia libera 9 scafisti su 10

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 23/04/2015 - 09:11

gli arresti sono una cosa, le condanne tutt'altra cosa! puoi arrestare anche 1 milione, ma se non c'è la certezza della pena.... le colpe vanno a ricadere nel sistema politico del PD che protegge i privilegi dei magistrati, i quali sono esenti da ogni responsabilità, e sono strapagati!! su questo si deve ragionare, se si vuole avere una giustizia che funzioni come si deve!!! ora capite perché Berlusconi è sempre stato attaccato per via giudiziaria??? proprio per non poter avere libertà di fare la riforma della giustizia!! scemi di sinistra: I-M-B-E-C-I-L-L-I!!!!!!!!!!

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Gio, 23/04/2015 - 09:19

Insomma una sonora risata accompagnata da un'altrettanta rumorosa pernacchia seppellirà definitivamente la cosiddetta 'Giustizia Italiana' la quale affonda le sue istanze putrefatte di idealismo gnoseologico in quell'abominio concettuale che è lo 'Stato di Diritto'.

carpa1

Gio, 23/04/2015 - 09:21

Prima operazione da fare, senza chiedere aiuto a nessuno: identificazione in mare, legarli al barcone ed affondarlo. In questo modo non possono attaccarsi ai soliti cavilli e caxxxxte varie inventati da avvocati e giudici compiacenti.

VittorioMar

Gio, 23/04/2015 - 09:25

CHI DA' MORTE MERITA MORTE!!

buri

Gio, 23/04/2015 - 10:02

éerché stuporsi? è storia corrente le forze dell'ordine arrestano i delinquenti ed i magistrati li rimettono in libertà, così funziona in Italia, questo è iò risultato della norma costituzionale che stabilisce l'indipendenza della magistratura, fanno il bel ed il brutto tempo a secondo delle loro opinioni politiche o dell'umore del momento, non applicano le leggi le interèreyano

lamwolf

Gio, 23/04/2015 - 10:07

Ogni giorno di arresti le forze dell'ordine ne fanno a iosa. Poi la magistratura convalida e molti ottengono la libertà a piede libero in attesa del processo. Processo che alla fine solo una minima parte ci arrivano per un sistema giudiziario fallito. Con la gente sempre più in balia della criminalità. Per i traghettatori di morte vale la stessa cosa. Ormai si sa in tutto il mediterraneo e balcani che da noi tutto è possibile senza scontare giorni di galera e essere processati. Guardate la rom di 13 anni, arretata 30 volte, rilasciata e mai un giorno di carcere minorile. Se fosse stata una bambina figlia di italiani, via la patri potestà e rinchiusa per il correttivo. Siamo governati da incapaci e buonisti che stanno rovinando gli italiani solo tartassati e violentati in nome dello Stato.

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 23/04/2015 - 10:21

Quindi quella di strombazzare che sono stati arrestati oltre mille scafisti come fa Alfano è solo PROPAGANDA e null'altro. Come pure la retata degli "schiavisti" di questi ultimi giorni. Arrampicate sugli specchi, dato che chi ha l'ultima parola, inappellabile, cioè i giudici, poi ne libera 9 su 10.

vince50_19

Gio, 23/04/2015 - 11:10

Le esultazioni a metà di Renzi (e pure di Alfano): solo la prima puntata, la seconda non la dicono perché dovrebbero riconoscere il fallimento di queste loro scelte politiche. Troppo rischioso per loro..

cast49

Gio, 23/04/2015 - 11:47

CHE VERGOGNA!!!

Rossana Rossi

Gio, 23/04/2015 - 11:54

Bravo Beaufou è proprio così, ma questo purtroppo è un paese totalmente allo sbando, alla mercè di incapaci usurpatori che pur di comandare si sono indecentemente e illegalmente appropriati delle stanze del potere. E fin che non si riesce, e sarà dura, a cacciarli a pedate nel c..o non risolviamo un bel nulla.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Gio, 23/04/2015 - 11:58

Ma è così difficile, una volta aver appurato che è uno scafista, senza fare un processo, buttarlo in una cella e gettare la chiave? Io la vedo molto semplice. Sistema dittatoriale? Ben venga!!

Vigar

Gio, 23/04/2015 - 12:01

Viva l'Italia! Viva la giustizia italiana! Se la magistratura sapesse veramente quello pensa di lei il popolo che crede di rappresentare......

elio2

Gio, 23/04/2015 - 12:04

Per la nostra corrotta e super politicizzata giustizia uno scafista, che porta clandestini e che li lascia annegare ha diritto a tutte le tutele possibili e immaginabili, mentre i nostri Maro che sono prigionieri degli adoratori delle vacche da oramai 3 anni e mezzo senza neppure un capo d'accusa sono la norma da ripettare. Certo però bisogna riconoscere che nel caso dei marò, non ci sono cooperative rosse a lucrare.

agosvac

Gio, 23/04/2015 - 12:07

Ho sempre detto e continuo a sostenerlo che in Italia non è la Giustizia che non funziona ma la magistratura che questa giustizia dovrebbe amministrarla. I magistrati italiani sono sempre pronti ad "interpretare" le leggi esistenti secondo le loro vedute, per lo più politiche. Raramente le applicano così come sono. Prendiamo il caso degli incidenti stradali. C'è il reato di omicidio? Chi guida in stato di ubriachezza o no, non commette omicidio uccidendo degli incolpevoli??? Ed allora si applichi il reato di omicidio. Chiunque uccida una persona è un assassino, tranne che non lo faccia per legittima difesa.

marinaio

Gio, 23/04/2015 - 12:13

I migranti sono un business incredibile (vedi Roma capitale). Arrestare gli scafisti vorrebbe dire porre fine a un traffico di milioni di euro. E siccome qualcuno seduto in Parlamento (e non solo) continua a mangiarci, come pensate che il problema possa essere risolto? I magistrati poi... è meglio tacere altrimenti mi denunciano!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 23/04/2015 - 12:23

CHI É PIU SCIACALLO; MATTEO RENZI CHE DICE CHE SONO STATI ARRESTATI 1000 SCAFISTI É DI QUESTI SOLO 10 VENGONO CONDANNATI?! OPPURE LA GIUSTIZIA ITALIANA CHE PERMETTE AI SCAFISTI ARRESTATI DI PROSEGUIRE LA LORO CARRIERA DI PORTATORI DI MORTE?!; É MATTEO SALVINI SAREBBE LO SCIACALLO? IO PENSO CHE RENZI SÁ BENISSIMO CHE CHI SPECULA SUI EXTRACOMUNITARI SONO LE COOP DEL PDPCI; É CHI SONO I VERI SCIACALLI SONO I POLITICI DI QUESTO PARTITO DELINQUENZIALE; CHE SI SERVONO DEGLI UTILI IDIOTI COME MANNOIA! MORANDI! PARIETTI! VAURO É VENDOLA PER PORTARE AVANTI I LORO PROFITTI!!!.

plaunad

Gio, 23/04/2015 - 12:31

E poi vanno in televisioni a vantarsi di averli arrestati tutti.

Ritratto di Chichi

Chichi

Gio, 23/04/2015 - 12:54

È «nostra», purtroppo, nel senso che ce la paghiamo a caro prezzo. Però evitiamo di chiamarla «giustizia». Casta, agitprop, irresponsabili… ma giustizia proprio no!

moshe

Gio, 23/04/2015 - 13:06

... la nostra giustizia ... che barzelletta !!! Ci sarebbe da ridere, purtroppo, c'è da piangere!

Ritratto di SAXO

SAXO

Gio, 23/04/2015 - 13:13

ma perche la gente si stupisce che gli scafisti li lasciano liberi subito dopo? Finerebbe la pacchia per tutti,per le associazioni messe su dalla UE,per i politici consenzienti che si dividono la torta,per la politica internazionale che ci bagna il pane nei flussi migratori per destabilizzare zone ad interesse speculativo economico e geopolitico.Gli unici che ci perdono siamo noi cittadini comuni carne da macello,prossimi ad immigrare noi con i gommoni per far spazio ai disperati che vengono da mezzo mondo,e creare i presupposti per l esistenza umana fatta sul criterio delle caste.

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Gio, 23/04/2015 - 13:33

Ma si, diamo sempre la colpa a Renzi! E' la cosa più facile e inoltre c'è la possibilità di prendere qualche voto in più. Vero Salvini?

Cobra71

Gio, 23/04/2015 - 13:47

@Ciompi. E a chi la diamo la colpa? A Berlusconi? ahahahahahahahah! Renzi farebbe bene a non dire caxxate... ma siccome è nel suo dna dirle, ne deve subire anche le conseguenze!

abocca55

Gio, 23/04/2015 - 13:51

La colpa non è della magistratura, ma delle leggi fumose, imprecise, che si prestano a qualsiasi interpretazione. Non siamo un Paese serio.