Il centro sociale sgomberato a Bologna? Riaprirà in autunno

Neanche il tempo di esultare per lo sgombero del centro sociale Xm24 di Bologna che Matteo Salvini deve prendere atto della decisione del sindaco Pd di Bologna, Merola, di ricollocarlo altrove

Neanche il tempo di esultare per la chiusura del centro sociale Xm24 di Bologna, sgomberato con le ruspe martedì mattina, che Matteo Salvini deve buttare giù il rospo della notizia della sua prossima riapertura. Proprio così. Le famose "democratiche ruspe" di cui il segretario leghista aveva parlato per ironizzare sull'ordinanza varata dalla giunta Pd bolognese, sono state una pia illusione.

Infatti, a poche ore dall'abbattimento della struttura che ospitava gli antagonisti, questi ultimi hanno avuto dal sindaco la promessa che attendevano, ovvero la riapertura da un'altra parte, ed entro la fine dell'anno, del centro sociale. L'accordo tra Xm24 e giunta è arrivato al termine di un tavolo di confronto, seguito dalla nota con cui la giunta si impegna "a trovare una nuova sede adeguata in cui far ripartire le attività dello spazio, quanto prima e non oltre il 15 novembre, a partire dalla valutazione degli immobili precedentemente proposti l'1 agosto da Xm24", data "l'importanza della sua progettualità politica sociale e culturale".

Insomma, ad alzare il pugno chiuso sono ancora una volta gli attivisti del centro sociale bolognese, che avevano continuato ad occupare la struttura sgomberata martedì mattina nonostante la convenzione con il Comune fosse scaduta già da tre anni. Contro le ruspe avevano opposto una "strenua" resistenza, con tanto di tuffo in piscina in costume da sirenetta. Pur sapendo che, alla fine della fiera, sarebbero stati ricollocati da un'altra parte. Come puntualmente succederà. A questo proposito, vanno riportate le parole del sindaco Merola, che ha rivendicato "l'equilibrio e la coerenza" avuti nella liberazione dell'immobile occupato da Xm24. "L'intervento non chiude la porta all'ipotesi di trovare una soluzione come già successo in altri casi". Detto, fatto. Altro che ruspe del Pd...

Commenti
Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 07/08/2019 - 13:52

... e ricomicierà l'illegalità, lo spaccio, il disordine. In fondo sono i bolognesi che hanno votato codesto Sindaco. Ben gli sta!

florio

Mer, 07/08/2019 - 15:50

I soliti comunisti, l'illegalità è nel loro DNA. Non ci si meravigli della scelta del sindaco, sarebbe stato strano il contrario. L'Italia è un paese diviso, metà spera e auspica una nazione con regole precise, rispetto delle leggi,delle persone, tutela del cittadino, controllo della legalità. L'altra metà, ama e spera in un anarchia totale di confusione, disordine , mancanza di rispetto di ogni regola e legge. Poi ci meravigliamo se gli altri paesi ci considerano terra di conquista. Dovremmo sempre ricordare il motto degli antichi romani. DIVIDI ET IMPERA. Cosa che a noi riesce magnificamente, divisi, e conquistati!

Romolo48

Mer, 07/08/2019 - 15:58

Questi sono i frutti del PD!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 07/08/2019 - 21:11

E il Maalox è il "frutto" per Salvini.