Il centrodestra unito al voto: ok alle liste nelle grandi città

Berlusconi ricompatta la coalizione per le comunali, accordo raggiunto con Lega e Fdi da Parma all'Aquila

Mancano poco più di cinquanta giorni alle elezioni amministrative e per una volta il centrodestra si presenta ai blocchi di partenza unito e sotto le stesse insegne. Non è più tempo di impuntature e autogol, come avvenne a Roma lo scorso anno quando ciascuno scelse la prova di forza in solitaria e non si trovò la quadra su un candidato comune. Questa volta la formula dominante è quella del centrodestra unito, l'unica che può assicurare se non la vittoria, la competitività della coalizione.

Silvio Berlusconi su questo tema non ha nascosto il suo impegno prima e la sua soddisfazione poi. La sua sensazione è che ci sia una discontinuità profonda nei comportamenti rispetto a quanto avvenuto nel recente passato e le stesse trattative condotte con Lega e Fratelli d'Italia siano state improntate all'equilibrio e alla ragionevolezza. Berlusconi stesso, negli ultimi giorni, ha dato il via libera a un accordo che ha riguardato tre città dove ancora non erano stati sciolti i nodi della trattativa. A Piacenza è stata scelta l'avvocatessa Patrizia Barbieri, ex sindaco di Castelvetro, con un passato in Forza Italia. Un'altra avvocatessa, Laura Cavandoli, è stata selezionata per Parma, una candidatura vicina alla Lega di Matteo Salvini. All'Aquila, invece, la scelta è caduta su Pierluigi Biondi, già sindaco di Villa Sant'Angelo, esponente di Fratelli d'Italia. Insomma una soluzione ecumenica con tre candidati vicini ai tre principali partiti del centrodestra.

«Abbiamo dimostrato che diamo valore all'alleanza e lo facciamo con i fatti, non con le parole», il commento di Berlusconi sull'esito della trattativa. Il Cavaliere continua a considerare fondamentale il ruolo di Forza Italia come locomotiva trainante del centrodestra come vera chiave per la vittoria. Le condizioni generali continuano a essere favorevoli per il centrodestra con la confusione e la demagogia che regna nel Pd, anche di fronte all'emergenza sbarchi, e all'avventurismo del Movimento 5 Stelle. Certo bisognerà confrontarsi sull'idea di Europa con gli alleati «sovranisti», ma all'orizzonte ci sono appuntamenti fondamentali per chiarire il quadro della situazione continentale, con le elezioni francesi alle porte, quelle tedesche e ora anche quelle britanniche.

Dentro Forza Italia, comunque, si ragiona nei termini resi espliciti da Paolo Romani a La Stampa. «Abbiamo trovato l'accordo per le Amministrative e ovunque avremo candidati unici. Abbiamo governato con la Lega secessionista di Bossi, figuriamoci se non possiamo farlo con la Lega di Salvini» dice il presidente dei senatori di Forza Italia. Il centrodestra può tornare competitivo «se mettiamo in campo una proposta nuova che può ambire al 40%. In questa confusione della frammentazione della sinistra, che investe anche il M5s con gli errori commessi a Genova e a Roma, il centrodestra viene percepito dagli elettori come la proposta più convincente. Se si ripartirà dai contenuti non sarà impossibile raggiungere una condivisione di intenti con Salvini e Meloni. Ripartire dai contenuti significa dire: azzeramento dei migranti, più sicurezza nella città e un rapporto diverso con l'Europa». E «ottimi segnali in vista di una intesa futura» individua anche Giovanni Toti, guardando il mosaico degli accordi per le Amministrative e tenendo vivo il suo auspicio di una lista unica alle prossime Politiche. Salvini, come sempre, si muove su un terreno più attendista e polemico. «Possiamo dire che al 90% vi presenterete insieme?» gli chiede Giorgio Lauro a Un giorno da pecora. «Dipende dai programmi: non voglio fare l'errore che facemmo in passato, vale a dire imbarcare tutti e poi iniziare a litigare il giorno dopo».

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Mer, 19/04/2017 - 10:32

Tutto bello, tutto vero a livello locale! Ma a livello nazionale credo proprio che la strada non sarà certo facile e in discesa e conciliare le sparate, a volte semplicemente demenziali, del duo salvini/meloni con il buon senso che dovrebbe essere patrimonio di FI ci vorrà ben altro! Spero proprio di sbagliare ma sarà dura e ci credero' solo a ricompattazione avvenuta.

ex d.c.

Mer, 19/04/2017 - 12:40

Dobbiamo crederci, non possiamo lasciare l'Italia in mano a Renzi o Grillo

Tarantasio

Mer, 19/04/2017 - 13:10

la partita reale si gioca sul nodo immigrazione\invasione... tutto il resto fa parte della normale dialettica politica.

jenab

Mer, 19/04/2017 - 13:32

ma per favore possibile che ci sia ancora chi segue queste follie!!

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 19/04/2017 - 15:35

Sulle amministrative posso solo dire: ERA ORA e sperare che sia la volta buona. Troppe volte, come è accaduto nella mia città alle ultime comunali FI ha favorito la rielezione di un sindaco pd, solo per dar contro a un candidato della Lega o di F.d'I. Per le politiche vedremo, perché lì ci sono divergenze sulla politica internazionale a mio avviso inconciliabili.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 19/04/2017 - 15:38

giovanni PERINCIOLO demenziale? Quando parlano di invasione secondo lei sono "demenziali"? allora provi a uscire di casa e ad andare in centro città, dove deve svicolare fra una mano tesa e un'altra, tutte naturalmente di "risosse" che secondo qualcuno dovrebbero pagare le nostre pensioni!

btg.barbarigo

Mer, 19/04/2017 - 15:56

Certo che Berlusconi è imprevedibile.Credo che anche questa volta, more solito, darà delle sorprese.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 19/04/2017 - 20:02

Andare con Berlusconi sarà un rischio per Salvini e Meloni. Ma soprattutto per la tenuta del centrodestra. Se proprio bisognava scegliere tra la vittoria e l'opposizione, sarebbe stato meglio per Lega e FdI scegliere la seconda. Ma mai con Berlusconi. Comunque, visto che gioco forza si dovrà ballare con questo tizio, le cui imprese valorose dal 2011 in qua ben conosciamo, facciamo in modo da far arrivare la stragrande maggioranza dei voti solo e soltanto a Salvini e Meloni.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 20/04/2017 - 00:19

ilvillacastellano sono d'accordo con lei. anche perché, a urne chiuse, non è assolutamente detto che "questo tizio", come lo chiama lei, non si allei nuovamente con i suoi sinistri amichetti. Non sarebbe la prima volta.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 20/04/2017 - 10:12

Esimio sig. "wilegio" la saluto cordialmente. Voglio sperare stia bene e dirle che quando mancano e non posso leggere i suoi commenti mi sento leggermente un po' deluso. Cordialità.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 20/04/2017 - 10:50

@ilvillacastellano Terque quaterque testiculis tactis... al momento sto bene, grazie, e ricambio le cordialità. E' passato quasi un anno da quando mi hanno "berlusconizzato" (adesso la sostituzione della valvola aortica si chiama così) e devo dire che sto meglio di prima. Quello che non guarisce, invece, è l'incazzatura profonda e permanente nei confronti di questa classe politica che sta uccidendo il nostro Paese.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 20/04/2017 - 13:52

Sig. "wilegio" ha pienamente ragione. Anche perché è così per la gran parte di italiani orgogliosa della propria nazione e onesta.