Chi è Luciana Lamorgese, il nuovo ministro dell'Interno

Defininita da alcuni "alfaniana di ferro", è stata prefetto di Milano tra il 2017 e il 2018

Il nuovo ministro dell'Interno del governo Conte-bis è Luciana Lamorgese, originaria della Basilicata, laureata in Giurisprudenza, avvocato, ex prefetto di Venezia dal 2010 al 2012 e di Milano dal febbraio 2017 all’ottobre 2018; nel novembre del 2018 viene poi nominata Consigliere di Stato.

Come si legge nella sua pagina istituzionale: “Dal 2008 assume l'incarico di Vice Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno, fino alla nomina a Prefetto di Venezia nel gennaio del 2010. Contemporaneamente, con ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri è nominata anche Commissario per la gestione dell'emergenza profughi e dei nomadi per la Regione Veneto. Dal gennaio 2012 svolge le funzioni di Capo del Dipartimento per le politiche del personale dell'Amministrazione Civile e per le risorse strumentali e finanziarie”.

La svolta avviene poi nel giugno del 2013 quando l’ex ministro dell'Interno Angelino Alfano la nomina Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno (posizione che ricopre fino al 2017) proprio in piena emergenza sbarchi (42mila nel 2013, 170mila nel 2014, 154mila nel 2015, 181mila nel 2016).

Definita da alcuni "alfaniana di ferro", è la Lamorgese a gestire il piano-incentivi ai comuni che scelgono di accogliere i richiedenti asilo, la realizzazione degli hotspot di prima accoglienza; non solo, perché la Lamorgese in quel periodo si occupa anche di potenziare le commissioni per la valutazione delle richieste di asilo.

In un’intervista dell’8 giugno 2017 la Lamorgese affermava che “il processo di integrazione è necessario per evitare fenomeni di radicalizzazione”. Stranamente, diversi dei foreign fighters partiti dall’Europa risultavano “integrati”, con tutte le sfaccettature che tale termine può comportare.

E ancora:“L’accoglienza deve essere equilibrata e sostenibile e se ognuno fa la sua parte non ci sono problemi”. Belle parole, ma l’esatto contrario di quanto è fin’ora accaduto in Italia.

L’ex prefetto si è inoltre sempre impegnata in prima persona affinché le grandi manifestazioni pro-accoglienza per gli immigrati promosse dalla giunta Sala non fossero oggetto di contro-manifestazioni “xenofobe”.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 04/09/2019 - 19:44

poveri voi!!

COSIMODEBARI

Mer, 04/09/2019 - 19:48

Alfano era già una garanzia, si quella del nulla. Infatti gli sbarchi si "ridussero" sensiibilmente ("42mila nel 2013, 170mila nel 2014, 154mila nel 2015, 181mila nel 2016)". Per un totale di 547 mila arrivi di clandestini. E arrivare come clandestino era ed è ancora un reato oppure no?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 04/09/2019 - 20:03

Con quella faccia da beccamorto va bene per riempire di cadaveri annegati... La Morgue.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 04/09/2019 - 21:52

aboliamo prefetti e prefetture

Blueray

Gio, 05/09/2019 - 09:25

Se tutto va bene siamo rovinati. Questa signora che parla di integrazione, deve prima prendere confidenza col fenomeno migratorio dal vivo, a tu per tu, ed essere accompagnata in sud America. Non vogliamo vittime, quindi la portiamo "solo", si fa per dire, a Buenos Aires, e di giorno! Visiterà nell'ordine: Villa Lugano (il peggior barrio della ciudad), incrociamo le dita, e villa flores, poi farà un saltino a Zavaletas ossia villa 21-24 (barrio di barracas), auguri, indi d'obbligo fuerte apache e ciudad oculta e per finire (se si riesce a finire!) villa 31 e 31 bis. Sarà informata sulle violenze, gli indici degli omicidi in villas, la polizia che non entra e nemmeno le ambulanze, e sulle casas tomadas (occupate) con la forza, dentro e fuori le villas. Vedrà e saprà cose che non conosce. Questa è l'immigrazione quando un popolo l'accetta senza limiti e preclusioni. Non la portiamo in Brasile (favelas) solo perchè lì è ancora più pericoloso.

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 05/09/2019 - 09:33

Comprendo chi critica i politici in base al la loro fede politica o al loro operato, ma dare addosso ad un funzionario del MI perchè ha dovuto, suo malgrado, svolgere un compito ingrato, e prima ancora che si sia vista all'opera, questo mi sembra troppo. Buon lavoro dott. Lamorgese!

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 05/09/2019 - 10:36

mina2612 Gio, 05/09/2019 - 09:33,VA BENE. ASPETTERO' SULLA SPONDA DEL PO...! XD