"Ci restano pochi mesi per bombardare Kim O i morti saranno milioni"

L'ex consulente strategico degli Usa: non si può aspettare che Pyongyang si doti di armi nucleari

«Finiamola con l'illusione secondo cui uno stato in grado di dotarsi di armi nucleari avrà anche la saggezza di usarle solo in casi estremi. Questa non è un'analisi strategica, ma una credenza religiosa». Il professor Edward Luttwak - già consulente strategico del governo americano e membro del Center for Strategic and International Studies - è convinto che Pyongyang vada bombardata quanto prima per impedirle di dotarsi di armi nucleari. Anche a costo di mettere a rischio le vite di decine di migliaia di sud coreani esposti alla rappresaglia del Nord. «Nessuno stato al mondo spiega al Giornale - fa cose peggiori della Corea del Nord. Usava le ambasciate per spacciare droghe e valuta falsa e vendeva missili balistici a chiunque pagasse, primo fra tutti l'Iran. Ha mandato imbarcazioni davanti alle coste di Tokyo per spacciare anfetamine e rapire dei cittadini di quel paese usandoli per addestrare le proprie spie a parlare il giapponese. Rimangono pochi mesi. Usiamo l'opzione militare e colpiamo Pyongyang prima che raggiunga l'effettiva capacità nucleare».

Ma l'opzione comporta grossi rischi

«Certo non è come mangiare un gelato, ma ogni anno l'America spende 556 miliardi di dollari in armamenti, quanto il resto del pianeta. Con queste spese non possiamo limitarci a combattere quattro arabi armati di coltelli, dobbiamo seguire una strategia».

Una rappresaglia di Pyongyang causerebbe decine di migliaia di vittime civili a Seul e dintorni.

«Decine di migliaia contro dieci, venti, quaranta milioni di morti. La politica americana non può farsi paralizzare dalla vulnerabilità di Seul. Dal '78 all'81 ero in Corea del Sud su incarico di Washington per migliorare i loro sistemi di difesa. Abbiamo avanzato 72 raccomandazioni, loro ne hanno accolte solo tre. In quaranta anni non hanno dotato di rifugi le abitazioni civili come in Israele e in Svizzera e non hanno decentrato i ministeri. Quindi la loro vulnerabilità è intenzionale. Non possono condizionare le scelte dell'America impedendoci di proteggere noi stessi e il resto del mondo».

Non sarà facile convincere Seul a sacrificare diecimila o quindicimila cittadini...

«Sono stati irresponsabili per quarant'anni. Ora sono responsabili delle conseguenze delle proprie scelte. Mentre Cina e America sono d'accordo nel boicottare Pyongyang loro cercano intese per mandare soldi al Nord. Sono vittime intenzionali di un'estorsione a cui non cercano di resistere».

Secondo lei che cosa dovevano fare?

«Potevano acquistare il sistema Iron Dome da Israele, invece hanno preferito dotarsi di un cacciabombardiere pesante che rientra chiaramente in una strategia di contrapposizione con il Giappone. Vivono in uno scenario di pura fantasia. Invece di difendersi dalla Corea del Nord minacciano un Giappone che non si sogna neppure di sfidarli. Per questo non vanno presi in considerazione. Chi si comporta da irresponsabile non può venir coinvolto in decisioni strategiche».

Anche i vostri presidenti sono scesi a patti con Pyongyang. A cominciare da Obama.

«Obama ha accettato tutto dalla Corea, dalla Siria e dall'Iran. Ci ha lasciato un'eredità terribile. Trump è stato votato soltanto per reazione a Obama. Senza Obama nessuno avrebbe eletto Trump».

Si parla di negoziato e distensione in vista delle Olimpiadi invernali.

«Non scherziamo, non c'è nessun negoziato, sono solo chiacchiere. Mentre quelli preparano i loro missili Seul si prepara a regalar loro ancora qualche soldo. Non esiste alcuna trattativa».

A molti americani andare in guerra sotto la guida di Trump potrebbe sembrare molto rischioso.

«Chi parla di guerra? Parlo di una singola operazione aerea di 28-30 minuti affidata alla struttura militare. Come le due messe a segno da Israele che nel 1981 a Osirak colpì il reattore nucleare di Saddam Hussein e in Siria nel 2007 bombardò un'installazione nucleare comprata, guarda caso, dalla Corea del Nord».

Quindi non crede ad una distensione in vista delle Olimpiadi?

«Se gli Usa riducessero le spese militari dai 640 miliardi a cui vuole portarle Trump a soli 32 allora direi benissimo spendiamo 32 miliardi, o anche solo 3 miliardi, e accontentiamoci di combattere quattro arabi armati di coltelli. A quel punto però non puoi più fingerti una grande potenza. Se invece lo sei non puoi rinunciare a usare la tua potenza contro uno stato macchiatosi di innumerevoli misfatti e pronto a vendere a chiunque le sue armi nucleari».

Commenti

Holmert

Gio, 11/01/2018 - 09:44

Cosa fatta capo ha. Sarebbe stato meglio bombardarlo prima,quando lo dicevano i giapponesi ed i coreani del sud.Ora è troppo tardi e bombardare la Corea del nord sarebbe una catastrofe annunciata. E poi Kim ha dalla sua Russia e Cina. Nervi saldi ed avanti con juicio. (Adelande Pedro con juicio).

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 11/01/2018 - 10:02

Se c'è al mondo qualcuno più demente di Parrucchino d'Oro e del Cicciopazzo messi assieme questi è proprio Edward Luttwak. Probabilmente ieri notte ha avuto un incubo e ancora non si è accorto di essersi svegliato.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Gio, 11/01/2018 - 10:24

USA gangsters psicopatici e pericolori.

FRATERRA

Gio, 11/01/2018 - 10:39

......adesso che le due Coree, anche se tiepidamente fanno qualche passo avanti per la distensione....tac...scatta la ritorsione degli USA e getta...bisogna distruggere......ne va della democrazia e della sicurezza..... vedi Libia ecc...ecc....

Zizzigo

Gio, 11/01/2018 - 10:40

Un tempo si menavano botte da orbi. D'accordo, si trattava di botte, non di bombe nucleari... ma adesso, mentre ce la si fa addosso perché l'altro starnuta, si dà tempo e adito all'allestimento del diluvio universale.

Morion

Gio, 11/01/2018 - 10:43

Ecco cosa accade quando si eccede col vino. Edward Luttwak è solamente un beone patentato che ha completamente smarrito la trebisonda. E lo intervistano pure!

Ritratto di Antero

Antero

Gio, 11/01/2018 - 11:02

Drasticamente ...

GGuerrieri

Gio, 11/01/2018 - 11:13

Comincino gli americani (parlo di Roosevelt, Truman ed Eisenhower), a spiegarci perché, per compiacere il compagno Stalin, prima gli hanno regalato l'Europa dell'Est (compreso paesi già occupati dai tedeschi, e non loro alleati), e poi hanno accettato la nascita della mostruosità nordcoreana. Perché poi hanno impedito a MacArthur di chiudere la partita, anche con Mao, durante la guerra di Corea?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 11/01/2018 - 11:23

Stranamente i GANGSTER USA hanno tutti un cognome italiano.Non si può negare.

grandeoceano

Gio, 11/01/2018 - 11:29

Gli USA sono molto più pericolosi come esportatori di demokrazia. Tutte le armi vendute ai Sauditi sono servite per il genocidio nello Yemen e per creare l'Isis.

Dordolio

Gio, 11/01/2018 - 11:33

Ho sempre seguito con attenzione Luttwak. Un lucido dott. Stranamore. L'Amerikano per eccellenza che però ha il pregio di metterci la faccia e di parlar chiaro. Quello che però non dice qui è che sono stati gli USA a volere proprio quello che lui contesta oggi. Il patto dal dopoguerra era: "Voi rinunciate alla vostra sovranità: da voi comandiamo noi e farete quel che vogliamo. In cambio siamo noi a darvi protezione". I coreani del sud hanno seguito alla lettera il diktat. E il Luttwak bello non può assolutamente frignare, ora.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Gio, 11/01/2018 - 12:23

Gli psicotici USA sono composti in gran parte da Cristiani Rinati, mattoidi che per l'avvento del Messia agevolano tutte le idiosincrasie di Israele. Il vero pericolo è che questi instabili pompati a ormoni e ogm posseggano un arsenale nucleare capace di spazzare via il pianeta per sempre; altro che Corea.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/01/2018 - 12:46

Tutti contro Luttwack. Sperate che abbia torto, perchè se avesse ragione...voi falsi strateghi internazionali, fareste una figura...

idleproc

Gio, 11/01/2018 - 13:00

Il risultato pratico srebbe un altro, destabilizzare l'area, creare un grosso problema a Cina e Russia che non staranno a vedere in vista di tentativi futuri di destabilizzazione loro dedicati e finora lliti. Anche la Corea del sud viene vista come un avversario e pure i Jap che non si sognano di far guerre. In aggiunta ci sarebbero riflessi interni in tutto l'occidente prtendo dagli USA e la cosa non sembra essere di interesse nazionale USA del popolo USA. Forse potrebbe interessare ad un po' di banchieri ed oligopoli globali ma come in altro hanno una errata percezione del rischio. Inoltre le guerre, quelli bravi, le vincono senza farle. Non è la grande strategia dell'Impero Romano, siamo un pochetto sotto. Abbiamo esportato cose sbagliate in USA, purtroppo per loro e noi.

CALISESI MAURO

Gio, 11/01/2018 - 13:02

Luttwak il pu' incredibile degli strateghi.. 800 basi in giro per il mondo, un debito interno enorme e ormai non piu ripagabile una voglia di guerra da parte di una nazione che lo e' stato per il 90% della sua storia!! Roba da matti!

Una-mattina-mi-...

Gio, 11/01/2018 - 13:02

INSOMMA BISOGNA FARE SUBITO MILIONI DI MORTI O CI SARANNO MILIONI DI MORTI

CALISESI MAURO

Gio, 11/01/2018 - 13:05

Leonida55, per favore studia e applicati.... 55 significa che sei anziano e saggio.. dimotralo.. come si dice in russo.. stari praidoca:))) ( vecchia volpe)

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 11/01/2018 - 13:09

Mezze verità mescolate a mezze menzogne. La tecnica perfetta per far passare una psyop ed incutere l'emergenza 'cattivo di turno'. Sebben sia vero dei rapimenti, quest'ultimi sono stati effettuati sui turisti nipponici che non han fatto più rientro (oppure sono rientrati dopo 10 anni) più che da navi sotto costa giapponese. La Corea del Nord è un problema asiatico e pertanto lasciate che se la sbrighi Seul e Tokyo. Sul discorso 'teste dure asiatiche' non è una novità. In Asia spesso fanno tanto i falsi-modesti ma sotto sotto capiscono tutto loro. Allora lasciate che si cuociano nel loro brodo.

alberto_his

Gio, 11/01/2018 - 13:32

Ho sempre apprezzato Luttwak: schietto, diretto e truce, rappresenta la voce più sincera dell'élite colonialista/guerrafondaia anglo-khazara. A metà tra un piazzista d'armi e uno stratega assetato di sangue, compie non inestimabile servizio al servizio della verità con le sue esternazioni farneticanti, improbabili (prova delle sue accuse nemmeno l'ombra) e istiganti al crimine. Più parla, meglio è per tutti.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Gio, 11/01/2018 - 13:42

Perché si parla "solo" di 10-15 mila morti a Seoul? Il cicciobello la bomba atomica ce l'ha, e sganciarla per ritorsione a 50 km dal confine è presumibilmente capace di farlo. Seoul ha 10 milioni di abitanti. la distruzione di Seoul, una delle capitali più industrializzate del pianeta, provocherebbe un cataclisma economico mondiale. Il cicciobello andrebbe indubbiamente messo in condizioni di non nuocere, ma ha la pistola puntata alla tempia del sistema economico mondiale, bisogna farsene una ragione.

giampiroma

Gio, 11/01/2018 - 14:10

dopo il titolo ho visto che le dichiarazioni erano di Luttwak e mi sono tranquillizzato. se devo leggere amenità è più divertente un quotidiano sportivo.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Gio, 11/01/2018 - 14:11

Avanti con un'altra Hiroschima e un'altra Nagasaki! Non sapendo curare la politica estera, vi apprestate allo sgancio. Ma stavolta i Russi staranno zitti come nel 1945? e i Cinesi?... Il problema è solo sto Kim... ma un franco tiratore non riuscite a trovarlo?

Mannik

Gio, 11/01/2018 - 14:47

Luttwak aspira a un posto alla casa bianca. Andrebbe bene vicno all'altro demente.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 11/01/2018 - 15:00

---da un hackeraggio di qualche tempo fa sulle email di Colin Powell-- è venuta allo scoperto l'acqua calda --ossia quello che tutti sapevano e sospettavano ma mai con dati precisi---israele cioè è dotata di 400 testate nucleari---200 delle quali puntate direttamente sull'iran--- il regime sionista è l'unico al mondo che ha sempre rifiutato di consentire ispezioni ai suoi impianti nucleari militari e di firmare il trattato internazionale di non proliferazione nucleare---caro Luttwak--prendiamo per buona la tua considerazione -ossia l'illusione secondo cui uno stato in grado di dotarsi di armi nucleari avrà anche la saggezza di usarle solo in casi estremi--e radiamo al suolo una volta per tutte israele facendolo sparire dalla faccia della terra--uccideremo appena 9 milioni di abitanti --però distruggeremo 400 testate nucleari e salveremo l'intera popolazione mondiale---augh

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 11/01/2018 - 15:23

Secondo me finora è stato drammaticamente sottovalutato il pericolo costituito da questo signore, che dimostra ogni giorno (e più di una volta al giorno) di non essere in pieno possesso di facoltà normali. Prima lo si disinnesca e meglio è.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Gio, 11/01/2018 - 16:27

«Siccome spendiamo 600 miliardi di dollari all'anno in armi, diamoci dentro». Francamente delirante.

DRAGONI

Gio, 11/01/2018 - 16:57

MEGLIO PREVENIRE CHE REPRIMERE.KIM VA ANNICHILITO AL PIU' PRESTO.

Guido_

Gio, 11/01/2018 - 17:44

Come fa Luttwak a dire che in Corea del Sud ci possono essere solo dieci-quindicimila morti? Non sa che anche con il dittatore morte esiste una catena di comando per cui molti missili partiranno comunque? Basta un solo missile che arrivi a Seul (pochi minuti di tragitto) e parliamo di milioni di morti. Queste affermazioni (ridicole) sono solo la boutade di un uomo che le spara grosse nella speranza che qualcuno contratti i suoi servizi.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 11/01/2018 - 18:35

Ma fatevi la vostra guerra svuotarsenali basta che sia lontana da noi e non ci coinvolgiate.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Gio, 11/01/2018 - 18:47

C'è un sacco di gente qui (DRAGONI ad esempio) che va in orvasmo al solo sentire "USA", "GUERRA CONTRO LA COREA" e cose così. Guardate che i cowboy esistono solo nei film, quelli che vedete in TV sono solo gangsters della peggior specie.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Gio, 11/01/2018 - 18:56

La Confederazione non permetterà guerre nucleari in grande stile che distruggerebbero il pianeta , ma nulla può per guerre limitate : perciò Luttwak ha ragione : gli effetti immediati e ... ritardati di una guerra atomica limitata sarebbero di 200 , 250 milioni di morti nell'arco di 20 anni . Yeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

Cheyenne

Gio, 11/01/2018 - 19:38

ELKID CON LA SUA SUPERKAZZATA SU ISRAELE HA SUPERATO I LIMITI DELLA DECENZA

Anonimo (non verificato)

nunavut

Gio, 11/01/2018 - 20:33

@ elkid 15:00 eccolo l'intelligentone che dichiara :uno stato..omissis ..avrà la saggezza d'usarle solo in casi estremi elui vorrebbe distruggere uno stato che finora ha avuto la saggezza di non adoperarle ( si ricordi Golda Meir) pure allora le avevano ma non le hanno adoperate.Se venissero a sapere che altri stati avrebbero l'intenzione di distruggerlo daranno a Israele la possibilità di adoperarle.essendoci il caso estremo. Inoltre cosa sono 400 testate al confronto di tutte le altre (USA,RUSSIA,CINA etc..) una bagatella,con la bagatella sparirebbe la vita umana sulla terra,compreso tu anche se ti credi di essere le nombril du monde.

Divoll

Gio, 11/01/2018 - 21:44

Se solo gli USA lasciassero qualcuno in pace, i morti non ci sarebbero proprio, in nessun paese (tranne quelli x cause naturali).

pjmelian

Gio, 11/01/2018 - 21:49

Il gringo loco Führer ha paura che lo zio Kim gli ha fatto il malocchio. Guardate le nevicate, gli iguane, i coccodrilli ghiacciati. Il poverino zio non può stare eretto ... se Lei capite ciò che ne voglio vero dire.

nopolcorrect

Gio, 11/01/2018 - 22:48

Come disse il Generale De Gaulle, l'atomica è come la colt nel West, permette al piccolo di difendersi dal grande e di intimorirlo. Certo, se poi il piccolo è un pazzo e/o un suicida c'è da tremare. Ricordiamoci che la prima guerra mondiale scoppiò a causa di un piccolo paese come la Serbia. E teniamo presente che anche una sola bomba atomica su Seul farebbe centinaia di migliaia o milioni di morti. Gli Stati Uniti si trovano ora in un terribile dilemma: agire ora o aspettare? Ognuna delle due opzioni può dimostrarsi disastrosa.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 11/01/2018 - 23:53

La cosa ha purtroppo un senso, quello di assestare preventivamente un colpo durissimo a tutte quelle economie che da un pezzo mettono sempre piu` in discussione l'egemonia usa/dollaro, responsabile da decenni del drenaggio in tutto il mondo di risorse, finanze e cervelli per tentare di nascondere il buco nero che li divora dall'interno.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 12/01/2018 - 07:07

Luttwak da i numeri. Pretende che gli USA possano minacciare chiunque, togliendo loro la sovranità di fatto, nei loro stessi Paesi, e lasciare gli USA gestire la giustizia planetaria. Intervento di pochi minuti? Se tu intervieni contro una nazione quella si chiama guerra e la guerra non finisce con tale intervento ma ci sarà l'inevitabile risposta. Dimentica, inoltre, che la Corea del Nord confina con Cina e Russia che non gradirebbero un intervento USA ai loro confini e con un Paese loro amico. La Corea non ha aggredito nessuno mentre gli USA le nazioni che hanno aggredito ormai non si contano più. Si prendano del bromuro e si facciano i fatti loro a casa loro che nessuno li disturberà.

lolafalana

Ven, 12/01/2018 - 07:32

L'unico da bombardare e tirar giù dalle spese è Luttwak, ma cosa lo intervistate a fare quel terrorista...?

Duka

Ven, 12/01/2018 - 08:21

Questo è un bambino ( molto pericoloso) che vuole giocare alla guerra mentre gli USA hanno un altro idiota che si è trovato tra le mani un giocattolo molto più grande di lui

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 12/01/2018 - 09:08

La solita imbe del faccione giallo.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 12/01/2018 - 09:20

Mio figlio di tre anni è in grado di fare valutazioni più serie. Questo sicuramente si vede alla sera con junker a bere cognac

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 13/01/2018 - 09:07

Duka allora ci parli pure di putin ed abbiamo disegnato il mondo.Dell'europa non c'è nulla da dire se non che è diventata eurabia.