Lo Cicero: "La Raggi mi ha sfruttato"

Il rugbista Andrea Lo Cicero era pronto a diventare assessore allo Sport al Comune di Roma ma poi la Raggi ha cambiato idea all'ultimo

“Io ho dato il mio contributo alla campagna della Raggi, che ha sfruttato la mia persona durante tutto il periodo elettorale: fino all'ultimo sono stato indicato come futuro assessore allo Sport. Ho avuto un grave danno d'immagine". A dirlo al quotidiano Repubblica è il campione di rugby, Andrea Lo Cicero, che era in predicato di diventare assessore allo Sport al Comune di Roma nella giunta pentastellata di Virginia Raggi.

"A campagna elettorale terminata non hanno mantenuto la parola data ed io mi sono visto tagliato fuori senza alcuna motivazione seria. Deludendo anche coloro che hanno votato per il M5S perché credevano in me", dice Lo Cicero. "Credo sia normale chiedersi che gioco hanno fatto sulla mia pelle. Rispetto alle promesse ricevute, non ho avuto alcun riscontro. Solo parole e tre mesi d'inferno", attacca il rugbista.

Lo Cicero, però, ora guarda avanti e annuncia che a novembre partirà per il Camerun, mentre “in Italia ho la mia onlus 'Terra dei bambini' per la riabilitazione dei piccoli disabili mediante l'utilizzo degli asini", racconta. "Ho un'azienda agrituristica a Nepi, dove una giornalista, che sostiene di essere stata aggredita da me, è entrata senza autorizzazione, invadendo la mia privacy. Che ormai non esiste più”, ricorda il rugbista. “Questa vicenda - dichiara - mi ha creato dei problemi: da allora ho ricevuto tanti no; diversi rapporti di lavoro si sono interrotti a causa delle notizie, spesso false o montate ad arte, uscite su di me. Prima di allora, non avevo mai avuto rapporti con loro, mi hanno dato del grillino, ma io proprio non li conoscevo. Ero stato chiamato a ricoprire un ruolo tecnico".

Commenti

Kosimo

Dom, 23/10/2016 - 15:22

che cazzata

linoalo1

Dom, 23/10/2016 - 16:51

Credeva,lui,di essersi sistemato per tutta la vita!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 23/10/2016 - 17:20

Non ti ha sfruttato, magari si, ma ti ha inchiappettato.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 23/10/2016 - 19:58

Andre da vecchio rugbysta ( 2° linea ) a Pilone, ci conosscemmo anni fa di ritorno ddi una tournéein Romania. Fregatene, io l'Italia l'hi lasciata 5 anni fa ee me la godo in provence anche se devo pagare le tasse in Italia. Addio Italia fu bella .Per quanto riguarda gli omosessuali , onestamente non mi sembbrano adatti a questo nostro rude e duro sport, tutto qui con buona pace di tuutti. Per la cronaca, sono zio di un nipote omosessuale e cugino di una cugina gay, quindi tutto bene.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 23/10/2016 - 19:59

continua - E poi Andrea carissimo, é tradizione nel rugby dire " che ci vuoi f

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 23/10/2016 - 20:03

continua - Andrea carissimo - ti sei fidato ee ti hanno sspremuto ed usato. Loo saii come si dice nel nostro ambiente no? Che ci vuoi fare "" é un pilone " ahahahahahaha, Olimpic Rugby roma Bologna ed in provenza dove mi godo Toulon. Peccato non esserci rivisti. Un abbraccio da conte a barone .

Ritratto di Fradrys

Fradrys

Dom, 23/10/2016 - 23:07

"ruolo tecnico"???? avevo stima in lui e avevo fatto finta di non credere alle tante maldicenze sul suo conto... ma adesso vuol passare per l'ingenuo che "non sa", "non credeva" e "non pensava"...? :D ahahah Se davvero voleva salvaguardare la propria immagine, avrebbe dovuto evitarsi almeno quest'ultima intervista!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 23/10/2016 - 23:58

Tutti sono amanti del cadreghino. Se non lo ottengono, si incazzano. E tutti i politici fanno le promesse da marinaio, in tanti abboccano, uno solo vince, come alla lotteria.

cicero08

Lun, 24/10/2016 - 07:59

parla il santarellino di turno...

audionova

Lun, 24/10/2016 - 09:38

che ci vuoi fare......e aspetta che vincano le elezioni,sai che epurazione?

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Lun, 24/10/2016 - 17:58

Povero Lo Cicero: è il classico caso di chi si fida dei telecomandati cerca-lavoro di Grillo, gente che vuol fare la politica per trovare un posto buono, avendo alle spalle una sola dote politica: fare baldoria e rimpiazzare il Pd.