Cinque anni in Italia: il piccolo leader dell'Isis era muratore a Novara

Spuntano collegamenti con il caso Delnevo, anche Chouchane andò a combattere in Siria

Il tunisino Noureddine Chouchane, capo del Califfato a Sabrata ucciso da un bombardamento mirato americano il 19 febbraio ha vissuto in Italia per almeno 5 anni con regolare permesso di soggiorno. Le ultime tracce sul territorio nazionale risalgono al 2012, poi secondo il fratello Bilal il jihadista andò a combattere in Siria. All'inizio dello scorso anno il ministro dell'Interno, Angelino Alfano emette un decreto di espulsione del tunisino «per motivi di sicurezza nazionale», come conferma il Viminale, per «fatti successivi al 2012». Il terrorista aveva impiantato un campo di addestramento delle bandiere nere a Sabrata, da dove sono partiti i kamikaze delle stragi in Tunisia dello scorso anno al museo del Bardo, dove morirono anche quattro turisti italiani e sulla spiaggia di Sousse. Sempre a Sabrata sono stati tenuti in ostaggio negli ultimi otto mesi i quattro tecnici italiani rapiti, mentre rientravano dalla Tunisia alla Libia.Ieri Filippo Calcagno, uno dei due sopravissuti, ha dichiarato: «Non so se eravamo in mano all'Isis o a delinquenti. Lo stabiliranno altri. Ma certamente eravamo tenuti da criminali».

Salvatore Failla e Fausto Piano, gli altri due ostaggi che torneranno nelle bare sono stati falciati dalle milizie di Sabrata nel deserto, mentre i loro carcerieri li trasferivano a bordo di due fuoristrada. Oltre agli italiani sono morti in sette, quasi tutti tunisini come il super terrorista Chouchane.Il 2 marzo la brigata «Febbraio al Ajilat-2» posta su Facebook le foto delle vittime e dei documenti sequestrati nei raid contro i covi dello Stato islamico a Sabrata, dopo il bombardamento americano. Così il Giornale scopre, che l'emiro Chouchane, si era fatto rilasciare ben due passaporti tunisini in Italia. Il primo dal consolato di Genova nel gennaio del 2011 ed il secondo all'ambasciata di Roma, pochi giorni dopo. Per avere un duplicato deve aver denunciato il furto o lo smarrimento del primo documento di viaggio. «Il passaporto rilasciato al consolato di Genova era ragionevolmente genuino, ma il soggetto non viveva in città» spiega Silvio Franz, pm del capoluogo ligure.

Dal Viminale fanno sapere che Chouchane è rimasto in Italia per 4-5 anni «con un premesso di soggiorno rilasciato ad Ancona», dove il genovese Giuliano del Nevo è stato reclutato per andare a combattere con il Califfato in Siria trovando la morte.II futuro capo delle bandiere nere a Sabrata si sposta a Romentino in provincia di Novara. Secondo il presidente dell'associazione tunisini di Vercelli, Abdel Hamrouni, «lavorava come muratore per un'impresa edile gestita da due fratelli marocchini, ma a maggio 2011 si è licenziato». In Tunisia la primavera araba ha ribaltato il regime di Ben Alì e molti jihadisti sono stati liberati o tornano in patria. In patria Chouchane si fidanza con Madeeha, la cugina di Seifallah Ben Hassine, nome di battaglia Abou Iyadh. Ben Hassine fonda Ansar al Sharia, i partigiani della legge islamica, assieme a personaggi come Sami Ben Khemais Essid e Mehdi Kammoun, che sono finiti in galera in Italia per terrorismo nei primi anni duemila. Poi espulsi ed imprigionati in Tunisia, ma scarcerati dalla primavera araba.Le ultime tracce in Italia del futuro capetto dello Stato islamico si perdono nel 2012. Lo stesso anno Del Nevo raggiunge la Siria. «Dopo la partenza dall'Italia l'interesse nei suoi confronti è aumentato costantemente» spiegano al Viminale. In Tunisia l'ex muratore si trasforma anche nell'aspetto con barbone lungo, capelli e baffi rasati alla salafita. Ansar al Sharia viene messa fuorilegge ed i comandanti jihadisti si trasferiscono in Libia. Couchane mette radici a Sabrata da dove fa uccidere 21 turisti al museo del Bardo di Tunisi, compresi 4 italiani appena sbarcati dalle navi da crociera Costa.

Sul decreto di espulsione di Alfano dello scorso anno al Viminale fanno sapere che «il dossier è strettamente riservato».Salvatore Failla, uno dei due ostaggi italiani uccisi a Sabrata, implorava i sequestratori: «Vi prego non vendeteci all'Isis». E la risposta fu: «No, non vi vendiamo a chi ammazza le persone». L'impressione, però, è che prima del raid americano del 19 febbraio contro Chouchane, milizie locali, bandiere nere e bande varie convivevano facendo affari sulla pelle dei migranti e con gli ostaggi. «Non so se sia stato pagato un riscatto. (I sequestratori, ndr) sono entrati dicendo che era tutto finito. Ci avevano dato delle tute di calcio per vestirci» racconta Calcagno. In pratica i due sopravvissuti vengono «abbandonati», difficilmente a gratis. Calcagno con un chiodo riesce ad indebolire la serratura. «Poi ho chiamato Gino - racconta - Forza, se dai due colpi siamo fuori. E così è stato».(ha collaborato Luigi Guelpa)

Annunci
Commenti
Ritratto di scoglionato

scoglionato

Mar, 08/03/2016 - 08:37

Alla faccia dela Sicurezza tanto sbandierata da Alfano! Tre passaporti,permessi di soggiorno,soldi per vivere,casa, e per no dire armi e droghe. Se questa è la sicurezza,con tutti questi che stanno arrivando ,SIAMO TUTTI MORTI. CHODIAMO LE FRONTIERE,LE NOSTRE NAVI RSTINO NEI PORTI,tanto non abbiamo neanche i soldi per rifornire dei gasolio.

linoalo1

Mar, 08/03/2016 - 08:55

Se solo potessimo e sapessimo far rispetare lo SLOGAN:l'Italia ai VERI Italiani,quanti meno problemi avremmo??Possibile mai che l'ARMATA BRANCALEONE AL GOVERNO,non se ne renda conto???E,l'Opposizione,cosa fa????Come sempre,si limita a guardare????Credo bene che Renzi faccia,liberamente e sfacciatamente,tutto quello che vuole!!!!Senza Opposizione,cosa vuoldire???Vuol dire che,causa nostra,siamo in un Regime!!!Sicuramente meno categorico di altri,ma pur sempre un Regime!!!!

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 08/03/2016 - 09:00

Questi sono gli insegnamenti che gli addetti all`integrazione, danno ai migranti in Italia!!! """DA TUTTI GLI SCANDALI CHE GLI EMIGRATI ITALIANI HANNO FATTO ALL`ESTERO, DAL DOPOGUERRA IN QUÀ, QUESTA CORROTTA CASTA GOVERNATIVA, HÀ IMPARATO MOLTO POCO"""!!! I risultati, si vedono da come trattano quegli incivili che insudiciano il suolo Italiano e da come li proteggono!!!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 08/03/2016 - 09:16

Io questo lo appenderei per la barba!

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Mar, 08/03/2016 - 09:18

Non abbiamo bisogno di mandare militari italiani in Libia per combattere l'Isis. Noi i terroristi li abbiamo in casa e ne abbiamo anche tanti. È soltanto una questione di aspettare che le cellule cosiddette, dal ministero degli interni, dormienti sparse su tutto il Paese si sveglino che i nostri militari avranno un gran bel da fare per eliminarli. Dal 2010 ad oggi abbiamo avuto una serie di governi irresponsabili che potrebbero costare la vita di molti concittadini per mano di terroristi, criminali che operano liberamente in Italia, pianificano atti terroristici nel medio oriente e in Europa. Alcuni dei nostri governanti pensano che chiudendo gli occhi potremmo essere risparmiati. Traditori, Miopi, codardi e irresponsabili, domani dovranno rispondere per le loro azioni. Gli italiani vi giudicheranno e condanneranno con esemplare severità!

Carlo_Rovelli

Mar, 08/03/2016 - 09:18

Mercenario arruolato. Rende di più fare la comparsa con la nuova invenzione dei servizi segreti occidentali ....

venco

Mar, 08/03/2016 - 09:23

Se l'accoglienza crea terroristi, perché dobbiamo accoglierli?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 08/03/2016 - 09:36

Si dice che il barbone incolto NON identifica un musulmano fanatico ma il bozzo sulla fronte, che viene loro a furia di pregare, sì. E ne vedo molti in giro. Dalla foto si evince chiaramente il grado di fanatismo del soggetto, quindi, era a portata di neutralizzazione per chiara adesione al terrorismo di matrice islamica. Gli vogliamo considerare questi segni esteriori chiarificatori?

carpa1

Mar, 08/03/2016 - 09:37

Alfano, ci faccia capire! "Le ultime tracce sul territorio nazionale risalgono al 2012, poi secondo il fratello Bilal il jihadista andò a combattere in Siria." E' rimasto o no in Italia? E poi: "All'inizio dello scorso anno (mia n.d.r. 2015, ergo, almeno 2 anni dopo) il ministro dell'Interno, Angelino Alfano emette un decreto di espulsione del tunisino «per motivi di sicurezza nazionale»". Dobbiamo ridere o piangere? Emette un decreto di espulsione (per quello che vale, poi) quando il criminale non è più in itaglia o, peggio, non sanno più nemmeno dove sia. Mi e le chiedo, ministro dei miei stivali, le pare normale tutto questo? Già, comodo barricarsi ora dietro un "dossier strettamente riservato" per coprire il totale fallimento di un importante ministero quale quello degli interni! Si rende almeno conto di come ha ridotto l'itaglia in termini di sicurezza? Al resto ci ha già pensato il ballista suo sodale.

Massimo Bocci

Mar, 08/03/2016 - 09:47

Avete visto che merce crea...PD, sarà un nuovo IMPRENDITORE??? Che dopo aver soggiornato A GRATIS!! O a SBAFO!!! Negli hotel 5 stalle coop, CREA???? Si crea nuove Start Up, di Rignano,quelli che vogliono bene all'Italia??? E che per il suo bene la vorrebbero DISTRUGGERE!!! In fondo non hanno mica tutti i torti!!!!

tonipier

Mar, 08/03/2016 - 09:51

" IMPOSSIBILE VIVERE SENZA COPERTURA" chi li copre? si sono appropriati delle case popolare... con la vicinanza di MILANO, sono sparsi dappertutto, bisogna chiedersi come vivono di solo beneficenza?...viviamo in uno Stato passivo, vengono coperti dallo sciacallismo politico, praticamento vivono in casa nostra sotto la protezione dei nostri padroni d'ITALIA.

Ritratto di hardcock

hardcock

Mar, 08/03/2016 - 09:53

Prima di scrivere di islam leggete il corano. Le parole a cui tutti i credenti mussulmani debbono sottomissione senza eccezioni. Poi forse sarete in grado di capire chi vi sta invadendo. Ogni singolo mussulmano e' una bomba pronta ad esplodere a comando dell'imam di turno. L'isis e' semplicemente l'esercito privato di un autonominato califfo. Un po' come la guardia svizzera del truffatore vestito di bianco e tollerato da questo stato di mxxxa. Molice Linyi Shandong China

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 08/03/2016 - 09:54

L'Itaglia, non è più il caso di metterla tra virgolette, è letteralmente invasa da questi soggetti accomunati da evidente ematoma cronico in regione frontale. E'ora di organizzare voli charter evacuativi coatti. Altro che accoglienza.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 08/03/2016 - 09:57

Questo è il risultato di anni di impronte NON rilevate,di dna NON rilevato, banca dati VOLUTAMENE NON aggiornata.Questo è il risultato di anni di politica dei portoni spalancati tanto nefasta in termini economici quanto di sicurezza. Nessun sollevamento di piazza,evidentemente bisogna aspettare la prima strage per vedere uscire i sorci dalle fogne. nopecoroni.it

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 08/03/2016 - 10:05

Il caprone è stato ammazzato in una operazione degli americani, ha dunque fatto la fine che meritava,anche per sua scelta.Quindi nessun dispiacere,le teste,vuote o piene di ideologia islamica, non meritano alcuna pietà.

alby118

Mar, 08/03/2016 - 10:15

Qualcuno sa dirmi a che epoca risale la perdita delle corna di questa specie di " capra barbuta " ?? Italiani, ci stiamo rendendo ridicoli davanti al mondo intero e,personalmente, da italiano, mi faccio schifo !!

aldoroma

Mar, 08/03/2016 - 11:15

Scommetto che aveva un sussidio e la disoccupazione mentre ai pensionati la fame....

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 08/03/2016 - 12:29

BRAVI NATURALMENTE NESSUNO DEL GOVERNO PUO' DIRE NULLA SONO COMPLICI

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 08/03/2016 - 12:29

PARLAE DI ALF ANO E' COME ESALTARE L'ACQUA CHE HA PULITO IL MUSO ALL'ASINO

kayak65

Mar, 08/03/2016 - 12:33

per I caproni pd e' soltanto una risorsa che sbaglia.

Fjr

Mar, 08/03/2016 - 13:19

Chissenefrega se era un muratore, il piccolo leader dell'ISIS, è un terrorista, dei dettagli da libro "cuore" a me e penso anche al resto degli italiani, non gliene può frega' de meno

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Mar, 08/03/2016 - 13:46

e la presidenta? tace? che schifo!

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Mar, 08/03/2016 - 13:53

a parte che io agli ameri-cani non credo proprio, quindi se si fosse salvato e non ennesima invenzione usa, ti chiedo solo una cosa.....vai a trovare la boldrina , le metti un cuscino sulla faccia e vaiii.....ma a noi ci faresti un regalone....

risorgimento2015

Mar, 08/03/2016 - 15:12

Non esegieriamo a chiamarlo muratore, al Massimo poteva innestare una tenda ?

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Mer, 09/03/2016 - 09:26

alby118...Credo che le abbia perse quando l'amico suo maometto ha posto le basi dell'islam...Credo nel 600 D.C.