Le condizioni dell'Europa Un documento firmato pure da Salvini e Di Maio

L'Europa chiede un documento del governo con gli impegni dell'Italia per i prossimi anni con la firma di Salvini e di Maio accanto a quella di Conte

La trattativa con Bruxelles non si ferma. La procedura d'infrazione piomba sull'Italia e l'appuntamento dell'Ecofin del prossimo 9 luglio potrebbe dare il via libera ufficiale alla sanzione Ue sul nostro Paese. Già ieri è stato fatto un passo avanti in questa direzione. I tecnici di Bruxelles del Comitato economico finanziario hanno recepito la posizione della Commissione Ue che di fatto parla di una "procedura giustificata" contro l'Italia. E così il governo in questo momento si divide su due fronti. Il primo è quello costituito da Tria e da Conte che cerca di mediare con l'Europa. Dall'altro lato ci sono i due vicepremier, Di Maio e Salvini, che invece spingono per evitare manovre bis oppure l'annullamento di una riforma come Quota 100 chiesto invece da Bruxelles. L'Europa per mettere il piede sul freno attende un documento da parte del governo oppure una risoluzione dal Parlamento in cui vengono elencati tutti gli impegni che l'Italia ha intenzione di prendere per tagliare il disavanzo. Ma in questo caso, con un documento predisposto dal governo, come sottolinea il Corriere, l'Ue pretenderebbe una controfirma anche da parte di Di Maio, Salvini e Conte. Dunque non basterebbe la "garanzia" del premier, Bruxelles vuole anche l'assenso dei due vicepremier.

Una procedura inusuale che per la prima volta metterebbe i leader dei partiti di maggioranza davanti a un documento con cui siglare un patto con l'Europa. Un passaggio non da poco. Infatti l'autorità del premier Conte verrebbe affincata proprio da quella dei due vicepremier. L'Ue sa bene che la leadership di Conte potrebbe vacillare con la battaglia per la prossima legge di Bilancio e dunque chiede ai leader di Lega e 5 Stelle di mettere la firma su una risoluzione. I due vicepremier comunque hanno ribadito più volte la loro fiducia in Conte. Ma di certo con la "guerra" della manovra d'autunno l'idillio tra palazzo Chigi e i vicepremier potrebbe spezzarsi. Con l'Europa già pronta ad apporfittare di un'eventuale crisi per imporci, magari, un altro governo tecnico.

Commenti

DRAGONI

Mer, 12/06/2019 - 12:25

E PERCHE' NO ANCHE LA FIRMA DEL PAPA?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 12/06/2019 - 12:33

il male minore, in queste circostanze, è di annullare la quota 100 . ma questo significherà che salvini e di maio rischiano grosso con i suoi elettori :-)

diesonne

Mer, 12/06/2019 - 12:36

diesonne il governo 5stelle.lega sarà scottato dla caldo africano:attenzione alle gravi scottature irreparabili

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 12/06/2019 - 12:45

La risposta è semplice. Ci impegnamo.....a condizione che tutti rispettino le direttive. Poi aspettiamo la prima sforatura della francia......

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 12/06/2019 - 12:50

E' più che ovvio a che cosa miri questa specie d'Europa. A distruggerci come la Grecia e forse più, perché noi abbiamo riacquistato il nostro orgoglio d'italiani, grazie a Salvini e Di Maio. Non ci resta che uscire da questa Europa di Macron e della Merkel, che da soli possono meglio ben festeggiare.

antonioarezzo

Mer, 12/06/2019 - 12:56

ITALEXIT !!!

Mborsa

Mer, 12/06/2019 - 12:56

Ci sono le candidature in ballo(Commissione, BCE, presidenza del parlamento): nel mercato tra stati membri possiamo giocare una contropartita che preveda un atteggiamento accomodante. L'Italia come stato membro è più affine per interessi economici a Francia e Germania o alla Lituania e al Portogallo? Un Presidente che provenga da paesi forti e fondatori probabilmente potrà fare una politica economica più aperta agli investimenti.

oracolodidelfo

Mer, 12/06/2019 - 13:11

Si sono scordati di chiedere la mia di firma........Squallidi faccendieri affamapopoli!

bernardo47

Mer, 12/06/2019 - 13:25

i due furbetti che ci stanno affondando in nullafacenza,debito e non lavoro e che chiedono agli altri(Conte e Tria) di mettere la faccia in europa, sara' bene che gli impegni li sottoscrivano eccome! troppo ganzi se no!

Marguerite

Mer, 12/06/2019 - 16:00

Io mi chiedo, perché, l’Italia avendo più debiti di tutta l’Europa....dovrebbe andare in pensione prima e prendere un reddito di cittadinanza quando l’Italia È IL PAESE DEL LAVORO IN NERO?????? E per di più, vorrebbe anche pagare meno tasse, con tutta l’assistenza agli sfaticati che c’è in Italia???pagare m3no tasse si può....ma si deve tagliare tutti regali che lo stato fa....con soldi prestati!!! Regali si....ma solo quando non ci sono più debiti!!,!!!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 12/06/2019 - 16:36

Salvini ha cancellato la procedura d'infrazione con una sola frase, definitiva, granitica, irrevocabile: ho delegittimato la commissione UE.

agosvac

Mer, 12/06/2019 - 17:15

Egregio stenos(h.12,45) non lo sa che Francia e Germania sono esenti da sanzioni???

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Mer, 12/06/2019 - 17:31

Sembra che tutte le nazioni e i capi di stato europei ce l'abbiano con L'Italia, ma tutto è dovuto al lavorio politico di un solo stato. Conte afferma di essere l'avvocato di tutti gli Italiani, bene, ora ha l'occasione di farlo davanti al Parlamento Europeo e davanti alla riunione di tutti i premier dell'UE. Illustri a tutti cosa è avvenuto contro l'Italia partendo dal governo Berlusconi e passando per Sarkosy fino a Macron, Moscovici Junker e della segretaria del fondo monetario mondiale. Forse capiranno meglio la situazione e perché siamo giunti a questa situazione.Illustri anche come la Francia abbia approfittato per comperare molte nostre industrie e banche e si stia ancora opponendo con tutti i metodi all'unica acquisizione italiana in Francia da parte di Fincantieri.

killkoms

Mer, 12/06/2019 - 22:59

@marguerite,informati a quanto si va in pensione in francia (paese che tra l'altro da "stipendi" a gente che non fa nulla se non riprodursi)!