Il Consiglio d'Europa accusa: "In Italia aborto troppo difficile"

Strasburgo bacchetta l'Italia: "Violato il diritto alla salute delle donne". E accusa: "Discriminati i medici non obiettori"

Nuovo blitz del Consiglio d'Europa. Questa volta l'entrata a gamba tesa è sul diritto all'aborto. Pronunciandosi su un ricorso presentato dalla Cgil, l'ente di Strasburgo ha rilevato che le donne in Italia continuano a incontrare "notevoli difficoltà" nell'accesso ai servizi d'interruzione di gravidanza, nonostante quanto previsto dalla legge 194. "L'Italia - è la denuncia - viola il loro diritto alla salute". Non solo. Secondo il Consiglio d'Europa, l'Italia discriminerebbe medici e personale medico che non hanno optato per l'obiezione di coscienza in materia di aborto. "Questi sanitari - spiega - sono vittime di diversi tipi di svantaggi lavorativi diretti e indiretti".

Nonostante la legge 194/78, az detta del Consiglio d'Europa, l'accesso ai servizi di interruzione volontaria è complicato. Per questo è stato dichiarato "ammissibile" un ricorso della Cgil alla Corte sulla violazione dei diritti alla salute delle donne che intendono accedere all'interruzione di gravidanza (secondo le modalità previste dalla legge) e dei medici non obiettori di coscienza. "Le donne che cercano accesso ai servizi di aborto - si legge nelle conclusioni - continuano ad avere di fronte una sostanziale difficioltà nell'ottenere l'accesso a tali servizi nella pratica, nonostante quanto è previsto dalla legge". Il Comitato europeo dei diritti sociali del Consiglio d'Europa denuncia una situazione in cui "in alcuni casi, considerata l'urgenza delle procedure richieste, le donne che vogliono un aborto possono essere forzate ad andare in altre strutture (rispetto a quelle pubbliche, ndr), in Italia o all'estero, o a mettere fine alla loro gravidanza senza il sostegno o il controllo delle competenti autorità sanitarie, oppure possono essere dissuase dall'accedere ai servizi di aborto a cui hanno invece diritto in base alla legge 194". Secondo il Comitato, poi, quest tipo di situazioni possono "comportare notevoli rischi per la salute e il benessere delle donne interessate, il che è contrario al diritto alla protezione della salute".

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si è subito riservata di approfondire con gli uffici del dicastero. "Sono molto stupita perché dalle prime cose che ho letto mi sembra si rifacciano a dati vecchi che risalgono al 2013 - ha detto - il dato di oggi è diverso". A detta della Lorenzin, infatti, non c'è stata "alcuna violazione del diritto alla salute".

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 11/04/2016 - 11:01

Boh! Io direi esattamente il contrario. La discriminazione c'è, e pure pesante, per i medici obiettori. Basta documentarsi presso qualsiasi ASL diretta dai kompagni.

Felice48

Lun, 11/04/2016 - 11:02

Come faccio a sentirmi italiano se deve decidere tutto l'europa? Hanno distrutto e svenduto la bella Italia che i nostri nonni e i nostri padri col fucile in mano sono morti per darcela, si staranno rivotando nelle tombe-

caramella22

Lun, 11/04/2016 - 11:06

L'entrata a gamba tesa la fa l'Italia sul sacrosanto diritto all'aborto. L'Europa sta cercando di metterci una pezza. Una media del 70% di obiezione di coscienza, con punte del 100% è indegna di un paese civile. Significa di fatto costringere le donne a rischiare la vita dalle mammane, significa tornare ad anni di oscurantismo che speravamo superati. Non ho il minimo dubbio che un non-obiettore in certe strutture incontri estreme difficoltà sul suo cammino professionale.

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Lun, 11/04/2016 - 11:25

Il Consiglio d'Europa (il Giornale farebbe bene a precisarlo) NON è un'istituzione dell'Unione Europea (la "Europa"). E' un carrozzone di cui fanno parte Paesi che NON sono membri dell'Unione. Ogni tanto per far sapere che esiste emette qualche pigolio del tutto trascurabile.

Roberto R

Lun, 11/04/2016 - 11:44

L'Europa vuole la denatalità degli autoctoni, uno spopolamento, un genocidio silenzioso e sappiamo già tutti a favore di chi.

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 11/04/2016 - 11:48

E magari paghiamo anche una quota a questo carrozzone di imbecilli.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 11/04/2016 - 11:55

"Violato il diritto alla salute delle donne"....E il "diritto alla vita" di un bambino???

Ritratto di San_Giorgio

San_Giorgio

Lun, 11/04/2016 - 11:56

Da marito felice e padre di due bellissimi bambini ho la fortuna di poter obiettare... ok il diritto alla salute, nessuno lo vuole togliere. Due righine sul diritto alla vita di queste povere creature? Chiamiamolo diritto. Ma è sempre un diritto alla salute? Ed in quale misura la nascita di un bambino sanissimo (non entro nel merito di coloro, bambino e/o madre, i problemi di salute potrebbero averli davvero, e tanti) pregiudicherebbe la salute dei due genitori che mentre si sollazzavano non pensavano minimamente ai 120 metodi diversi per non avere figli, ovvero per non doverli sopprimere dopo?

pinux3

Lun, 11/04/2016 - 12:02

PAROLE SANTE.

Luigi Farinelli

Lun, 11/04/2016 - 12:03

Europa: cloaca del mondo; pestifera accolita di tarati mentali da Pensiero Unico laicista che fa credere ai suoi cittadini di vivere ancora in democrazia e sta cercando di discriminare i medici obiettori, fedeli al Principio di Esculapio di non arrecare morte a nessun costo! Congrega di cultori della morte, dall'aborto libero all'eutanasia di Stato, blandita da funzionari sorridenti e accattivanti pagati dal regime satanico che sta buttando al macero millenni di Storia e civiltà costruita pezzo per pezzo. Farabutti ipocriti e cialtroni, ammantati da dispensatori di "giustizia sociale ed equità" per ridurre i popoli a schiavi della produzione e del consumo illimitato, in un mondo ridotto ad un miliardo di individui decelebrati ed edonisti da nutrire in greppie comuni come le galline da allevamento. Che possa crollare assieme a tutti i suoi criminali Filistei!

Una-mattina-mi-...

Lun, 11/04/2016 - 12:04

E chi sarebbe questo consiglio d'europa? Mi domando da chi, come e perchè è a sua volta "consigliato".

Totonno58

Lun, 11/04/2016 - 12:06

Posso dire che non ne posso più di queste manfrine su questi temi?io personalmente sono contrario all'aborto ma questo non deve interessare a nessuno...CARAMELLA22 ha ragione,in Italia esiste una legge e lo Stato, attraverso le Regioni, deve garantire le condizioni per cui questa legge venga applicata, non è possibile legalmente che, accertata la conformità alla legge delle condizioni di una donna che fa richiesta di aborto, la stessa si senta rispondere che, nel raggio di 300 km. non c'è un medico non obiettore!Non a caso Papa Francesco, nella relazione conclusiva del Sinodo, descrivendo la posizione collegiale della Chiesa, ha chiesto un impegno a rendere sempre "possibile" la pratica di obiezione per aborto ed eutanasia, mentre la nostra politica, pur di essere più papalina del Papa, ci porterà alla richiesta, magari del Presidente della Repubblica, di rendere sempre "possibile" la pratica della non obiezione!

pinux3

Lun, 11/04/2016 - 12:12

Lo sanno anche i sassi che quello di far ricorso all'"obiezione di coscienza" è quasi sempre un modo "facile" per i medici di ELUDERE IL PROPRIO DOVERE. C'è da scommetterci che molti di loro non sono neppure credenti...

Luigi Farinelli

Lun, 11/04/2016 - 12:18

FanteDiPicche: il Consiglio d'Europa è certamente un carrozzone inutile e dannoso ma tutto quello che "consiglia" (dopotutto è un "Consiglio") alla fine viene accettato dai Governi, soprattutto da quelli "progressisti" e infestati fin nel midollo dalla massoneria (come la Francia e tanti altri, ormai quasi tutti), fatti passare come "nuovi diritti" dal mainstream mediatico di regime attraverso sei gradi di condizionamento di massa (la cosiddetta "finestra di Overton") e poi trasformati in leggi dello Stato ormai inattaccabili. Così infine chi si oppone viene sbattuto in galera, come avvenuto già in Germania, Francia e UK, per es. a genitori che non volevano i figli indottrinati a scuola col gender.

pinux3

Lun, 11/04/2016 - 12:18

@Felice48...Se la "bella Italia" è quella dove per abortire una donna deve ricorrere all'aborto clandestino o andare all'estero (come denuncia il Consiglio d'Europa), quella "bella Italia" te la puoi pure tenere tu...

Antonio Panebianco

Lun, 11/04/2016 - 12:32

Proviama a facilitare l'aborto dell'Europa e della CGIL e a guadagnarci libertà e il principlae fattore di sviluppo che è dato dalle nuove generazioni.

Chicco

Lun, 11/04/2016 - 12:35

E chi se ne frega di quello che "consiglia" il Consiglio d'Europa? L'Italia è (ancora) sovrana nel decidere. Avanti così, senza cedere a norme imposte da un'accozzaglia di euroburocrati che non ci rappresentano.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 11/04/2016 - 12:35

"Violato il diritto alla salute delle donne"....E il "diritto alla vita" del bambino?

Pinozzo

Lun, 11/04/2016 - 12:39

I medici obiettori non dovrebbero lavorare in strutture pubbliche,

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 11/04/2016 - 12:48

La Cgil della Camussa fa queste porcate anti italiane, dopo quella di fare da ufficio di promozione per l'invasione dei clandestini islamici, rifornendo loro di ogni informazione utile per sfruttare a nostre spese tutti i cavilli che impediscono una rapida definizione della qualifica di "profugo". Ricorre quindi anche a questa ridicola corte affinché l'Italia sia bacchettata, e magari per questa ridicola corte paghiamo anche una onerosa quota annuale... Da dementi.

gesmund@

Lun, 11/04/2016 - 12:48

Non mi pare un dramma se una donna, per abortire, debba (?) andare all' "estero".

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Lun, 11/04/2016 - 12:52

Non esiste nessun "diritto" all'aborto. L'aborto resta un crimine che la legge italiana, alle condizioni della legge 194, rinuncia a punire. Il crimine è contro la persona umana, ed anche contro l'intera umanità. Occorre limitare o meglio abrogare la 194.

gesmund@

Lun, 11/04/2016 - 13:13

La percentuale dei medici abortisti (30%) rispecchia la percentuale degli elettori della sinistra bambinista, che considera la libera uccisione di un feto umano al terzo mese di gravidanza moralmente accettabile. Vorrebbero obbligare tutti i medici che lavorano nel SSN ad essere abortisti, dimenticando che il SSN lo pagano tutti i cittadini italiani contribuenti, e non solo gli elettori di sinistra.

pinux3

Lun, 11/04/2016 - 13:30

@Grisostomo...Cosa sia un diritto lo stabilisce LA LEGGE, non l'opinione personale tua o di qualcun altro...PS Volete abrogare la 194? Perché non provate a indire un referendum, ci avete provato tanti anni fa ma è andata male, oggi credo che vi andrebbe ancora peggio...Forse è per quello che neppure ci tentate...

gabryvi

Lun, 11/04/2016 - 13:37

Scusate, ma cosa c'entra la CGIL? I sindacati non dovrebbero curare gli interessi dei lavoratori?

electric

Lun, 11/04/2016 - 13:56

Purtroppo ricorrere all' aborto non è così difficile come cgil vuol far credere, visti i 6000000 di bambini innocenti ammazzati in italia dall 'entrata della famigerata 194. Ad ogni modo, un paese che tenta di salvaguardare la vita di innocenti bambini non è da condannare. Anzi, è da imitare...

unz

Lun, 11/04/2016 - 14:03

consiglio d'europa vaffanculo. si puó obbligare un uomo a sopprimerne un altro, inerme, incolpevole. continuate a far danni calcolando la curvatura delle zucchine es astenetevi dall'entrare nella coscienza degli individui

Ritratto di ilmax

ilmax

Lun, 11/04/2016 - 14:07

è davvero un mondo alla rovescia, ci si aspettava un europa che ci bacchettasse per troppi aborti, per una mancanza di sensibilità ai diritti alla vita o ad un aumento di informazione sull'uso dei metodi contraccettivi, invece no, PIU' ABORTI PER TUTTE !!! ma che mondo è questo? la CGL?

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 11/04/2016 - 14:26

Violato il diritto alla salute delle donne? Casomai violato il diritto di un essere umano a nascere. E poi la cgil e' interessata. Piu' aborti meno italiani, meno italiani più' migranti.

rokko

Lun, 11/04/2016 - 14:27

Memphis35, tu non sei mai stato in un ospedale (beato te), spesso trovare un medico disponibile per l'aborto è un'impresa disperata. Di cosa parli ?

rokko

Lun, 11/04/2016 - 14:30

Se siamo tanto rincoglioniti da offrire l'aborto come servizio nei nostri ospedali, ma permettere allo stesso tempo ai medici che operano negli stessi di fare gli obiettori, il Consiglio d'Europa fa bene a cazziarci. gesmund@, stai sparando minchiate a raffica: il SSN lo pagano appunto tutti i contribuenti, perciò dovrebbero essere selezionati medici disposti a fare anche l'aborto, visto che è sulla carta un servizio del SSN. Se poi tu hai piacere a pagare medici che cazzeggiano mentre c'è da fare un aborto con la scusa dell'obiezione di coscienza, allora fatti curare perché sei grave.

pinux3

Lun, 11/04/2016 - 14:44

@gesmund...Solo il 30% degli italiani favorevoli alla 194? Se le cose stanno così perché non provate a indire un bel referendum abrogativo? Forse perché quando ci avete provato vi è andata male e oggi vi andrebbe probabilmente ancora peggio?

pinux3

Lun, 11/04/2016 - 14:51

@Luigi Farinelli...Ormai voi cattointegralisti siete una "sparuta minoranza", dovreste farvene una ragione...

jeanlage

Lun, 11/04/2016 - 14:55

Splendido motivo per uscire dalle istituzioni europee. Tutte, indiscriminatamente.

Pinozzo

Lun, 11/04/2016 - 16:03

Meno male che ogni tanto qualcuno ci richiama all'ordine. Aborto libero come l'aspirina.

freevoice3

Lun, 11/04/2016 - 16:03

Va benissimo che sia troppo difficile in quanto l'aborto rimane un omicidio e un crimine agli occhi degli uomini e di Dio.

obiettore

Lun, 11/04/2016 - 18:00

Ammazzare esserini indifesi è un diritto delle donne ?

rokko

Lun, 11/04/2016 - 18:19

Quello che pensano che l'aborto sia un omicidio: fatevene una ragione, c'è una legge dello Stato che lo legittima. Siete contrari, la pensate diversamente ecc? Sono sinceramente dispiaciuto per voi, ma si fa in modo che la legge dello Stato possa essere applicata. Spero che qualche governo un po' sensato prima o poi butti fuori a calci in culo tutti gli obiettori, così possono andare nel privato a fare tutte le obiezioni che vogliono

gabryvi

Lun, 11/04/2016 - 18:44

Aborto ed eutanasia, sono le bandiere democratiche del Belgio! Il risultato è che questa democrazia della morte ha portato solo morte! Uccisione di innocenti e suicidio, è quello che è successo all'aeroporto di Brussels poche settimane fa! Libertà di morte stabilita dal governo!

ioiome

Lun, 11/04/2016 - 19:06

Ci sarà da ridere quando l'obiezione la invocheranno i carabinieri, i poliziotti, i vigili del fuoco e via dicendo....ma per favore...il medico a calci in culo a lavorare ....obietti?..licenziato !! Avanti un giovane medico disoccupato....ma ancora appresso a queste merde.....purtroppo paghiamo lo scotto del vaticano in Italia....già ci costa una finanziaria all'anno eppoi pure queste nefandezze......La casta dei medici è una delle peggiori esistenti in questa Italia che permette tutto a tutti e quella povera crista che deve abortire, e velocemente, si deve arranggiare perchè tutti ke chiacchierano e lei nel frattempo soffre ecc. ecc. ...che schifo......maledetti......

squalotigre

Lun, 11/04/2016 - 19:08

pinux3- personalmente non voglio abolire alcunché. Le faccio presente che la legge non prevede l'aborto come strumento del controllo delle nascite ma lo consente solo quando esiste un pericolo per la salute della donna e cioè quando il parto può causare conseguenze serie e non smagliature alla partoriente. Poi nell'indifferenza generale e nello stravolgimento della legge si è arrivati a considerare l'aborto come una pillola. Lei forse considera il medico come un esecutore della volontà della paziente. Non è così. Se uno mi chiede di fare una operazione che ritengo inutile o dannosa io mi rifiuto. E non sarà l'Europa dei misuratori di banane a farmi cambiare idea. Lo so che ci sono colleghi che si comportano in modo diverso, ma per me tradiscono la professione perché la nostra laurea ci consente di curare, non di uccidere.

istroveneto

Lun, 11/04/2016 - 19:11

I medici obiettori si dimettano dal servizio pubblico e vadano nelle strutture private. Solo in Italia, paese di pulcinella, si può derogare alle mansioni previste da un servizio pubblico, da cui si è stati assunti e si è regolarmente pagati.

Giua

Lun, 11/04/2016 - 19:19

Da utente dico: se un medico non ha un po' di rimorso nel terminare un essere vivente figurati quanto gliene importa di me. Meglio starci alla larga non voglio dargli l'opportunità` di sentirsi un dio.

squalotigre

Lun, 11/04/2016 - 19:23

rokko - la legge dello stato PREVEDE l'obiezione di coscienza. Non è consentito, se non agli idioti come lei, prendere della legge solo le parti che convengono. Non è così che funziona. Al contrario la legge va rispettata e non stravolta. La 194 consente l'aborto solo nel caso di pericolo per la vita della donna e per la sua salute fisica e psichica. Salute psichica che non deve essere solo dichiarata ma diagnosticata da un medico. Se ne faccia una ragione il medico per legge deve agire in scienza e coscienza e non secondo la volontà del paziente. Calci nel culo personalmente li darei alle persone che come fa lei considera il medico come un esecutore della volontà altrui, tradendo i fondamenti della professione.

Anonimo (non verificato)

ioiome

Lun, 11/04/2016 - 19:37

Il medico non è papa Francesco.....e se decido di abortire lui deve eseguire ......perchè per me evidentemente è l'ultima razio e non rendere le cose difficili...oppure vuole che vada nella sua struttura privata ? Eccola la soluzione....pago e tutte le remore svaniscono nel nulla.....il Dio dollaro è contro l'obiezione.....meditate medici...meditate medici....

squalotigre

Lun, 11/04/2016 - 19:43

ioiome- cosa c'entra il Vaticano? La religione non c'entra alcunché con il rispetto della vita umana. Ma lei ha mai visto un'ecografia di un feto di 12 settimane? E' formato, si mette un ditino in bocca e lei dice che ammazzarlo è compito del medico che altrimenti deve essere cacciato a calci nel culo? Il medico ospedaliero non è al servizio dei desideri della paziente, ma deve agire in scienza e coscienza. Le mansioni previste dal servizio pubblico non implicano il sovvertimento dei principi della medicina. E poi la 194 PREVEDE l'obiezione di coscienza che avviene rispettando totalmente la legge. Io sono pagato per curare non per uccidere. E la religione o i precetti del Vescovo non influiscono minimamente sul principio cardine della medicina: primum non nocere. E che cosa nuoce di più che eliminare una vita umana?

laura bianchi

Lun, 11/04/2016 - 19:48

Insegnate alle Donne ad usare i preservativi....si eviterebbero guai peggiori, come l'aborto....e ditelo anche al pampero...di consigliare ciò, anzichè, parlare alla carlona.

laura bianchi

Lun, 11/04/2016 - 20:24

Obiezione di coscienza o meno: meglio è...che le Donne, imparino ad usare correttamente, anticoncezionali e preservativi.

Trinky

Lun, 11/04/2016 - 20:55

La Camusso dovrebbe essere contenta se in italia l'aborto è così difficile da farsi altrimenti non potrebbe nemmeno lamentarsene.... A buon intenditor poche parole

ioiome

Lun, 11/04/2016 - 20:56

Infatti le cliniche private dove la coscienza si compra con il dollaro le difficoltà sono ZERO...buffone di un medico....e personalmente..... la vorrei incontrare per due paroline....

Ritratto di xulxul

xulxul

Lun, 11/04/2016 - 20:58

Medici assassini. Un ossimoro. con buona pace dei delinquenti comunisti....

milope.47

Lun, 11/04/2016 - 20:59

....Ciao papino Bergoglio. Hai niente da dire o sei solo lì a riscaldare la poltrona. Ah già, dimenticavo: "Chi sono io per giudicare" ?.

rokko

Lun, 11/04/2016 - 21:08

squalotigre l'idiota sei tu. Primo. L'articolo 4 cita una casistica di motivazioni per abortire ben più ampia di quelle due che hai scritto, casistica in cui ci sta di tutto e di più. Secondo se una struttura pubblica offre tra i suoi Servizi l'interruzionr di gravidanza, è inammissibile che si preveda la possibilità dell'obiezione di coscienza. Vuoi obiettare? Vai a obiettare, a calci in culo dico io, nel privato. Lo prevede la legge? È un retaggio delle leggi fasciste, è antieconomico ed inefficiente. Solo tu e qualche altro demente non lo può capire.

pgbassan

Lun, 11/04/2016 - 21:13

https://www.youtube.com/watch?time_continue=47&v=-gW9XkRzkbM

paspas

Lun, 11/04/2016 - 21:32

QUESTA E' NUOVA. NON SAPEVO CHE L'EUROPA VOLESSE CHE SI FACILITI L'UCCISIONE. SE INVESTI UN CAPRIOLO OD UN CINGHIALE VAI IN GALERA INVECE AMMAZZARE ESSERI UMANI INNOCENTI CHE NON POSSONO DIFENDERSI DEVE ESSERE FACILITATO. FRA POCO DARANNO ANCHE UN PREMIO A CHI AMMAZZA GLI INNOCENTI.

paspas

Lun, 11/04/2016 - 21:46

DICONO CHE IN iTALIA ABBIAMO BISOGNO DI LEVE NUOVE ED GLI IMMIGRATI SONO NECESSARI. SE FOSSERO NATI I 6 MILIONI DI BAMBINI ABORTITI CHE A SUA VOLTA AVREBBERO GENERATO, IL PROBLEMA DEGLI IMMIGRATI SAREBBE RISOLTO. FORSE LA CGL VUOLE MENO ITALIANI E PIU' IMMIGRATI. CARA CGL TI RINGRAZIAMO.....hahahahhahahahah

squalotigre

Lun, 11/04/2016 - 23:04

rokko- darle dell'idiota è stato solo farle un complimento. La 194 non permette di abortire a piacimento, ma prescrive precisi parametri che sono rappresentati proprio dal pericolo per la salute fisica o psichica della donna. Non sono contemplate motivazioni economiche a meno che non incidano proprio sulle condizioni psichiche della partoriente. Condizioni che devono essere accertate e non solo dichiarate. Il controllo delle nascite si esercita con altri sistemi e non con l'aborto, sistema escluso in maniera chiara nella stessa legge. Che poi questo controllo non venga esercitato, è un altro paio di maniche. Mi pare che la legge sia stata varata dopo il 1945 e quindi cosa c'entra il fascismo lo sa solo la sua mente malata. E la legge PREVEDE l'obiezione di coscienza, quindi dichiararsi obiettore è perfettamente legittimo e legale. Come vede sono contrarissimo all'aborto, ma se i suoi avessero deciso di praticarlo nei suoi confronti li avrei capiti.

squalotigre

Lun, 11/04/2016 - 23:13

ioiome . la legge prevedeva che l'interruzione della gravidanza potesse effettuarsi solo negli ospedali pubblici, escludendo le case di cura private. Poi sono state accreditate anche alcune case di cura che ne avevano fatto richiesta , però sempre nell'ambito del SSN. Se qualche collega pratica l'aborto al di fuori di tali istituti facendosi pagare è un criminale e se ne conosce qualcuno lo segnali alla Procura. Non so che paroline vorrebbe dirmi; per mio conto le paroline gliele dico chiaramente. Si fotta.

Giua

Lun, 11/04/2016 - 23:32

Mi ricordo quando uscivo con le ragazze la mamma gli diceva sempre:"mi raccomando sempre incrociate" Quello che da veramente fastidio che si giustificano cose che sono contro il senso civico, morale e umano con scuse come : e` per difendere la salute della donna, quando sappiamo che e` per togliessi dai guai. Un'altra osservazione, vi fareste curare voi da un medico che non ha la minima ripugnanza nel distruggere una vita umana? io no perché nel suo giudicare puo` arrivare alla determinazione che io sono un essere inutile e quindi da terminare.

PietroSoave

Lun, 11/04/2016 - 23:54

Senza l'aborto l'Italia oggi sarebbe un grande paese di 70 milioni di persone, una societa' giovane, una cultura dinamica e una potenza economica oltre che un paese rispettato per la propria moralita'. L'aborto ha reso il nostro paese quello che e' oggi: una societa' vecchia in declino culturalmente moribonda e irrilevante. Giudicate voi. PS : i medici obiettori sono circa l'80%. Non mi vengano a dire che sono tutti cattoliconi. Sono medici che hanno scelto quella specializzazione per far nascere bambini e gli fa schifo doverli sopprimere. Se li vogliono licenziare tutti facciano pure, poi vediamo chi ci rimane. Che brutto affare l'Europa!

electric

Mar, 12/04/2016 - 07:41

E' semplicemente vergognoso che qualcuno parteggi per l' uccisione di bimbi innocenti. Nel mondo esiste una vera e propria industria della morte, il cui obiettivo è uccidere il maggior numero di bimbi, analogamente a come facevano gli scienziati nazisti contro gli ebrei. Anche l' olocausto, come l' aborto, era legge di stato. Ma nonostante ciò, alcuni si opposero a questa barbarie, e riuscirono a salvare molte vite umane...

123214

Mar, 12/04/2016 - 08:30

non mi pare affatto che abortire in italia sia difficile. anzi. se poi aggiungiamo ce da più di 40 anni esistono svariati mezzi per evitare le gravidanze indesiderate si finisce per capire come l'aborto sia, di fatto , una forma di contraccezione estrema. piuttosto l'italia legalizzi la sterilizzazione per chi la vuole. gli unici che soffrono degli aborti sono quei genitori che scoprono di aspettare figli con gravi malformazioni. gli altri, o meglio le altre, non ci fanno quasi caso.

123214

Mar, 12/04/2016 - 08:41

@rokko il fatto che una nazione legittimi un crimine non toglie che l'atto in questioni rimanga un crimine: smettiamola di chiamare diritto quello che non è altro che un atto di violenza. sono ben rari gli aborti per cause gravi ( malformazione) sono più che altro forme di contraccezione. sono incinta? non lo voglio. il mio uomo non vuole un figlio...? lo elimino. sono in carriera? abortisco mi rovina la linea? abortisco devo fare un dispetto al mio compagno? abortisco oggi giorno esistono svariati metodi per non rimanere incinte "Nel 2014 le ivg sarebbero stare 97.535 rispetto ai 105.760 casi del 2013" ( da pianetamamma.it) non mi pare un paese in cui è difficile abortire! oltretutto se non esiste un problema grave, malformazione o pericolo REALE di morte della madre , l'aborto non cura nulla quindi per me potrebbe essere pure a pagamento! e non gravare sulle tasche del sistema.

123214

Mar, 12/04/2016 - 08:45

@squalotigre entro i 3 mesi l'aborto è "libero" oltre basta un documento medico che attesti la sofferenza "psichica" della genitrice.

little hawks

Mar, 12/04/2016 - 09:14

Sarebbe meglio parlare di omicidio di un bambino invece che di aborto, sarebbe meglio parlare anche di diritti del nascituro e non solo di diritti delle donne. Mai che un sindacato esalti i doveri insieme ai diritti. Ma se continua l'invasione mussulmana molte delle nostre abitudini, usanze e soprattutto diritti verranno drasticamente cambiati.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 12/04/2016 - 09:21

Io credo che la prima cosa da fare sia liberare il Servizio Sanitario da tutti gli obiettori.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 12/04/2016 - 10:58

@123214 08:41....Concordo!

squalotigre

Mar, 12/04/2016 - 12:04

123214 - l'aborto entro i 3 mesi è stato reso libero stravolgendo la legge che chiaramente prescriveva che l'aborto non era un mezzo di contraccezione ma doveva essere praticato solo quando ci fosse stato un pericolo per la salute fisica o psichica della partoriente. Oltre tale periodo la legge dice che l'aborto NON E'MAI CONSENTITO, se non nel caso esista un pericolo per la vita della madre. La legge cioè tra una vita esistente ed una vita in fieri lascia alla madre la decisione dopo essere stata adeguatamente informata dei rischi che correrebbe proseguendo la gravidanza.

squalotigre

Mar, 12/04/2016 - 12:13

Flex - come si dovrebbero eliminare gli obiettori di coscienza? Con la crocifissione? Con la decapitazione? Forse sarebbe meglio eliminare gli esseri inutili come lei che credono che il compito del medico sia quello di uccidere le persone indesiderate a secondo delle richieste. Per questo esistono professionisti chiamati sicari se pagati dal privato o boia se al servizio del pubblico. In ospedale il compito del medico è quello di curare non di ammazzare; per tale compito esistono numerose associazioni delinquenziali delle quali non fanno parte gli Ordini dei Medici.

rokko

Mer, 13/04/2016 - 01:06

123214 il suo discorso è insensato, solo durante il fascismo si obbligavano le donne a partorire sempre e comunque. Se una non lo vuole il figlio che cxxxo gliene frega a lei qual è il motivo?

rokko

Mer, 13/04/2016 - 21:54

squalotigre, quindi ti sarebbe piaciuto se i miei avessero abortito ? Guarda, purtroppo sei stato sfigato anche in questo desiderio, non si è realizzato, come tutto nella tua inutile e sfigata esistenza. Mi spiace molto per te e mi fai molta tenerezza, ma purtroppo se uno è uno sfigato non c'è nulla da fare.