Cani e gatti non amano la cioccolata

Le festività possono celare gravi insidie per gli animali. Sarà utile qualche consiglio per evitare che cani e gatti abbiano a patire qualche grave danno per cibi che non devono mangiare o regali (come piante e fiori) che possono essere tossici e, in alcuni casi letali, se ingeriti. Nella nostra tradizione culinaria, a ogni latitudine del paese, qualsiasi confessione religiosa si abbia, che ci siano vegetariani o onnivori a tavola, non può mancare, alla fine del pranzo, l'uovo di cioccolata.

Qui non si scherza, perché la cioccolata contiene le metilxantine, alcaloidi per noi benefici (nelle opportune quantità), ma molto tossici per cani e gatti. Sarà utile ricordare che il cacao non si trova solo nell'uovo di Pasqua ma in mille creme, bon bon, cioccolatini e preparazioni dolciarie e anche piccole quantità sono deleterie per i nostri animali. Attenzione al cioccolato bianco: è ugualmente tossico e più facilmente apprezzato da cani e gatti rispetto a quello fondente.

Per i carnivori che amano le grigliate, l'attenzione vada sempre agli ossi. Un attimo di distrazione e sono già piantati nell'intestino del cane. Se vi regalano piante o fiori, ringraziate per il pensiero ma ricordate che molte sono tossiche, se ingerite, per gli animali. Il Giglio (tradizionale a Pasqua) è letale per il gatto, mentre, più o meno pericolose sono il Ciclamino, L'Azalea, la Palmetta da Sago, la Begonia e il Mughetto.

Buona Pasqua a tutti, anche a loro.