Conti fuori controllo: Tria cerca 30 miliardi. Ma dopo le Europee

L'ipotesi: Def parziale per non far scoppiare i contrasti tra i gialloverdi prima del voto

Il governo è al lavoro sul Def, il documento di economia e finanza che deve essere inviato alla Commissione europea. Il ministro dell'economia Giovanni Tria ha rassicurato che sarà presentato «entro i termini di legge» cioè il 10 aprile. Risposta alle indiscrezioni circolate nelle settimane scorse a proposito di un possibile rinvio del documento che contiene le previsioni ufficiali e misura gli effetti finanziari delle misure che il governo intende approvare nella legge di Bilancio.

Da allora nessuna nuova se non le indiscrezioni a proposito di esponenti del governo al lavoro per definire le proposte da inserire nel documento. Sia sul versante delle uscite (in particolare fisco) sia su quello delle entrate (una rimodulazione delle tax expenditures).

Ma negli ultimi giorni sono tornate a circolare voci interne al ministero dell'Economia. Tecniche, ma di peso. In sintesi, il Def sarà sicuramente approvato. Ma il documento potrebbe essere parziale. In sostanza il governo presenterebbe solo il quadro tendenziale, quello con le previsioni di crescita (al ribasso) e delle finanze pubbliche a legislazione vigente. Rinviato alla vigilia della legge di Bilancio il quadro programmatico, quindi la parte che contiene gli impegni per l'anno successivo.

Facile immaginare la spiegazione. Anche senza aggiungere nessun provvedimento di spesa la prossima legge di bilancio partirà da una manovra intorno a 30 miliardi di euro tra sterilizzazione degli aumenti Iva previsti dalla clausole di salvaguardia, spese obbligatorie ed effetti della minore crescita sugli obiettivi di finanza pubblica. Senza toccare niente, insomma, sarà già un Bilancio impegnativo.

Aggiungere altre misure complica il quadro. Succede sempre, ma questa volta potrebbe essere un po' peggio. Il governo non ha ancora digerito la legge di bilancio 2019, e le tensioni sul decretone (Quota 100 e Reddito di cittadinanza) sono un ricordo recentissimo. Mettersi a trovare la quadra sui progetti di Lega e M5s, diversi se non antitetici, sotto elezioni potrebbe nuocere al governo.

Ministri ed esponenti dei due partiti di maggioranza stanno lavorando ai prossimi provvedimenti bandiera. La Lega ad una riforma fiscale. Si pensa a una riduzione della prima aliquota Irpef dal 23% al 20%. Oppure la flat tax, rilanciata dal sottosegretario Armando Siri: aliquota Irpef unica al 15% per i nuclei familiari che hanno redditi fino a 50 mila euro e l'Ires al 20%. I Cinque stelle lavorano a una riduzione del cuneo fiscale. Per finanziare i nuovi interventi una revisione delle cosiddette tax expenditures e un taglio della spesa pubblica.

Tutti argomenti politicamente sensibili. Rinviare le scelte a dopo le elezioni servirebbe a non accentuare le tensioni politiche. Ma anche a evitare che il ministero dell'Economia debba includere altre misure elettorali in un documento che è ufficiale e sulla base del quale l'Europa ci giudicherà.

Il problema è che una decisione del genere non rispetterebbe né la legge italiana né le regole europee. Il governo Gentiloni nel 2018 presentò solo il quadro tendenziale, ma solo perché era il carica esclusivamente per gli affari correnti e non poteva prendere impegni per il prossimo esecutivo. Il governo gialloverde è politico e in carica e non otterrà facilmente il permesso.

Commenti

Mefisto

Mer, 06/03/2019 - 09:32

30 miliardi... bruscolini...

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 06/03/2019 - 10:48

mettiamo che lo stato incassi 880 miliardi di tasse annue,togliendo l'8/000+5/000+2/000 = 1,5% troverebbe subito 13.200.000.000,00 di euro!!

Ritratto di bimbo

bimbo

Mer, 06/03/2019 - 11:28

Mi chiedo con tutti sti laureati che ci sono.. Se il ministro riduce l' irpef dipendente cosa succede? Secondo me più stipendio e meno debito pubblico! hahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhaha

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 06/03/2019 - 11:33

Bandog (Mer, 06/03/2019 - 10:48) – l'8/1000, 5/1000, 2/000 sono 1€ su 1000 dello tsunami di tasse, che lo stato spilla ai cittadini, concedendo loro, bontà sua, di destinarlo a opere e istituzioni di loro fiducia. Lei, statalista rosso tra i grillini suppongo, vuole che anche quei soldi vadano nel calderone del deficit causato dalle promesse elettorali di questo governo. Non le garba che «LA GENTE» decida a chi dare nemmeno di 1€ su 1000 di ciò che paga? La pensava così anche Stalin.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 06/03/2019 - 12:51

etaducsum Mer, 06/03/2019 - 11:33,rosso??? statalista???grullino??? visto che lo stato mi fre...preleva oltre 30.000 euro all'anno tra irpef,add.regionale e comunale,irap,iscrizioni varie,pagare per programmi atti a farmi spennare,non ultimo la e-fattura,VOGLIO NON DECIDERE A CHI DARLI,TRAMITE PSEUDO MEDIATORE MA DIRETTAMENTE A CHI VOGLIO IOOOO ANCHE SE MI COSTASSE IL DOPPIO!

lorenzovan

Mer, 06/03/2019 - 13:24

tanto poi gia' si sa ...colpa del piddiiiiiiiiii...colpa di quelli di primaaaaaaaaaaaaaaaa-.--il buco che ci hanno lasciatoooooooooo..e i bananas-..hgiu' a inghiottire

lorenzovan

Mer, 06/03/2019 - 13:27

@ataducsum...senza saperlo ci hai quasi preso..solo che lui non e' statlista rosso..o grillino..ma proprio statalista nero..ma nero..che piu' non si puo'...lololololololol

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 06/03/2019 - 14:25

lorenzovan Mer, 06/03/2019 - 13:27,visto che ti trovi bene in portogallo continua a mangiare il baccalà fritto e non scassare la uallera sul Giornale Italiano,visto che disprezzi!Alutammo,badola piddino!!

unosolo

Mer, 06/03/2019 - 14:44

se i conti sono fuori controllo come mai è stato fatto passare il RDC ? se uno amasse la Nazione e lavorasse per la crescita della stessa Nazione non elargirebbe oboli , sappiamo bene che era una tassa del M5S in cambio dei voti ma cavolo un ministro deve avere attributi e imporre solo crescita e non sprechi in oboli che mai rientreranno nelle casse erariali .

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 07/03/2019 - 11:30

@bandog (Mer, 06/03/2019 - 12:51 – Lei vuole dare direttamente a chi vuole «IOOOO ANCHE SE MI COSTASSE IL DOPPIO»? Questo lo può sempre fare. Nel suo precedente commento, però, pretende che il mio misero 1 per 1000 se lo papi questo governo per tappare la voragine causata dalle proprie promesse elettorali. Non sono d’accordo!

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 07/03/2019 - 11:57

@lorenzovan (Mer, 06/03/2019 - 13:27) – Gli estremi si toccano. Non potevo non prenderci. fascismo, nazional-socialismo e comunismo sono cugini primi; costole del marxismo-leninismo. Hanno buon gioco gli uni a urlare contro i rossi e questi a stramaledire i neri. Galli che si azzuffano! Ciò che rende la cosa tragicomica, in questo caso, è che il «pollaio» sia il governo giallo-verde!