Il conto alla rovescia forzista: "Non tradite sull'autonomia"

Fi incalza governo e Lega: «Cortei a metà febbraio se Lombardia e Veneto non otterranno più poteri»

Stefano Filippi

nostro inviato a Verona

È partito il conto alla rovescia. «Autonomia ora e subito: da oggi al 15 febbraio ogni giorno incalzeremo il governo», garantisce Davide Bendinelli, coordinatore veneto di Forza Italia. «E con il governo faremo pressione anche sui governatori Zaia e Fontana, che sono preoccupati come noi anche se non lo dicono troppo». Il 15 febbraio, venerdì, è il giorno fissato dal premier Giuseppe Conte per firmare gli accordi sull'autonomia con Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. «Lo farà davvero? Non lo sappiamo protestano gli azzurri - e non sappiamo neppure che cosa prevederà quel testo». Perché è altissimo il rischio che le richieste delle regioni vengano annacquate.

Bendinelli ha riunito ieri mattina a Verona lo stato maggiore del partito nelle tre regioni interessate: parlamentari, coordinatori, sindaci con fascia tricolore. La preoccupazione è diffusa per quello che doveva essere un punto fermo della Lega al governo e ora è diventato uno dei tanti motivi di scontro tra i gialloverdi. Ma Forza Italia non intende mollare: se la Lega traccheggia per non compromettere gli equilibri con gli alleati di governo, gli azzurri s'intestano la battaglia che lombardi e veneti nel referendum dell'ottobre 2017 votarono con un plebiscito. «E senza autonomia annuncia Bendinelli il 16 febbraio scenderemo in piazza con i gilet azzurri».

«Autonomia e federalismo sono due prodotti culturali di Forza Italia dice Renato Brunetta -. In un Paese spaccato tra Nord e Sud dove il governo blocca le grandi opere, ma anche quelle medie e piccole, dove metà dei costruttori edili chiudono i battenti e la produzione industriale segna il peggior dato degli ultimi cinque anni, l'autonomia è l'unico modo per consentire alle regioni più produttive di continuare a crescere». Lo slogan di Forza Italia è: meno Stato invadente al Nord, più Stato efficiente al Sud. Aggiunge il deputato azzurro: «L'ultimo atto ufficiale in tema di autonomia risale al 28 febbraio 2018, governo Gentiloni. Poi rinvii, e basta. Con il Paese fermo, la nostra risposta non è l'assistenzialismo dei Cinque stelle, ma infrastrutture, servizi, fiscalità differenziata e di vantaggio, contratti di lavoro differenziati».

«Abbiamo il dovere di rappresentare l'urgenza di dare risposte al Nord e di non deludere il Sud incalza Mariastella Gelmini, capogruppo azzurro alla Camera -. Senza l'autonomia, la Lega tradirebbe il proprio elettorato e tanti imprenditori. Il Nord non può più aspettare anche perché i tempi saranno ancora lunghi: l'accordo dev'essere messo nero su bianco e poi seguirà un passaggio parlamentare. I programmi di Lega e Cinque stelle sono inconciliabili, la maggioranza è divisa su tutto. La Lega ha già accettato una manovra finanziaria a trazione grillina. Se Salvini non riuscirà a portare a casa l'autonomia per Lombardia e Veneto, ne tragga le conseguenze. Troppo comodo andare in piazza per la Tav e tenersi al governo uno come Toninelli». Concetto sottolineato da Galeazzo Bignami, commissario di Forza Italia in Emilia Romagna: «Forza Italia chiede il rispetto del programma votato da milioni di italiani il 4 marzo. Noi non siamo i Cinque stelle che fanno fare tutto allo Stato».

Commenti

Italo00

Sab, 12/01/2019 - 11:00

Finalmente un passo nella direzione giusta cioè fare fronte comune con la Lega. Ora proposte economiche forti (sgravi per le imprese, dazi verso Cina e India, leggi del lavoro più simili tra pubblico e privato) e chissà se per le europee non si ottenga qualcosa di più

SpellStone

Sab, 12/01/2019 - 12:07

ahhahaha ma non ve ne e' mai importato nulla... ahahhah

lorenzo3m6n

Sab, 12/01/2019 - 12:20

Con queste idee che minano l'integrità dello Stato italiano Forza Italia si scorderà dei voti del Sud. Diventerà una brutta copia della Lega Nord. Forse lo è già. Non ha alcuna idea FORTE per risollevare la situazione. Ha un atteggiamento liberista da tempi tranquilli; ma ormai non è più così.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 12/01/2019 - 12:40

Peccato che quando fi era al governo ha bloccato il federalismo per tenere a cuccia fini e casini che poi li hanno traditi.