La coperta del ministro Padoan ora rischia di diventare corta

Il governo ha sbagliato i conti: 20 miliardi non bastano

Per ora, complici le vacanze natalizie, il Tesoro cerca di ostentare sicurezza e lascia intendere che le osservazioni ricevute via lettera dalla Bce siano in qualche modo preventivate. Insomma, i 20 miliardi stanziati attraverso il decreto «salvarisparmio» sono per il momento sufficienti, secondo i calcoli di Via XX Settembre.

A ben vedere l'investimento in Mps verrebbe a crescere di 1,5 miliardi rispetto ai 5 miliardi preventivati perché la Bce vorrebbe che 2,3 miliardi di obbligazioni subordinate venissero azzerate. Ed è proprio questo il problema del quale il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, è sempre stato ben cosciente: la possibilità che i tedeschi alzassero il prezzo del salvataggio innescando una crisi sistemica del comparto bancario italiano.

A quel punto, le risorse per mettere in sicurezza le banche periclitanti (Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca e Carige) non basterebbero più perché vi si dovrebbero aggiungere quelle per tamponare ulteriori ed eventuali situazioni emergenziali. Le stime di 40-50 miliardi, che circolavano sul mercato fino a una settimana fa, potrebbero rivelarsi tragicamente esatte. In quel caso, non si potrebbe non affermare che il ministero dell'Economia ha sbagliato i conti. Ma, chiaramente, si tratta di un'ipotesi.

Il punto di partenza è quello al quale si era giunti prima di Natale: la maggioranza allargata disponibile a dire sì al decreto «salva-risparmio». L'inclusione di Forza Italia in questo fronte patriottico bancario consentirà al governo Gentiloni di presentarsi in Europa a negoziare da una posizione meno debole. Poi, bisognerà vedere se i toni da usare siano quelli di chi intenda strappare una concessione o di chi non ha altra alternativa che rovesciare il tavolo.

D'altra parte, non si può rischiare di compromettere la spina dorsale di un intero sistema industriale ancora pesantemente bancocentrico per le bizze di due professori tedeschi, è il ragionamento che si fa a Roma. Con l'aumento di capitale di Unicredit alle porte questo è un rischio che non si può assolutamente correre. L'unica critica che dall'esterno oggi si può muovere all'esecutivo è quello di avere sottovalutato la cattiveria e la forza del nemico che avrebbe potuto, come emerge dalla lettera, cercare di imporre un facsimile del bail in più che un burden sharing.

Ecco perché l'altro fronte su cui sono concentrati Padoan & C. è quello delle banche popolari: nel decreto milleproroghe dovrà assolutamente trovare spazio l'estensione del termine per la trasformazione delle più grandi in società per azioni, altrimenti ai problemi odierni se ne aggiungeranno di nuovi in quanto lo status cooperativo e la «solitudine» di alcune grandi Popolari, a partire da quella di Bari, consentono di rinviare decisioni drammatiche che altrimenti potrebbero essere imposte dall'alto. Se la situazione dovesse, invece, peggiorare, bisognerà scrivere in fretta e furia un «piano B» che a oggi non c'è.

Commenti

gneo58

Mar, 27/12/2016 - 08:43

la gente paga le tasse - ogni anno ci sono tagli, riduzioni, accorpamenti e 1000 diavolerie che ci dicono ci faranno risparmiare ma queste gestioni (tutte) sono ogni anno a caccia di nuovi soldi che non bastano mai. Debito pubblico in salita, raschiamenti di "barili" he dovrebbero essere "senza fondo" e sprechi colossali senza nessun colpevole. Sarebbe ora che i conti fossero pochi, chiari, e alla luce del sole.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 27/12/2016 - 08:59

han fatto bene a non accettare un governo di larghe intese! ora potremo assistere a tutti quei nodi che stanno venendo al pettine!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/12/2016 - 09:13

Caro ministro, ha sbagliato ancora i conti? O lei è un filibustiere, oppure, in buona fede, lei è stato incapace. Bisogna ammettere i propri errori e trarre le dovute conseguenze. Si dimetta, per favore, è una figura migliore, anche se per lei non appare così.

paolonardi

Mar, 27/12/2016 - 09:31

Come tutti i raccattati del governo presieduto dal contadino non sanno vedere al di la' del proprio naso, mentre "governare e' prevedere".

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 27/12/2016 - 09:41

Padoan, ministro del governo Renzi, attualmente mascherato in governo Gentiloni. Lui ci salverà sicuramente, ma ovviamente NOI dovremo continuare a pagare le spese. Questa è una democrazia, quindi un "governo del popolo", di cui Renzi, Gentiloni, Padoan (per non parlar della "bella"), sono i guardiani ed i salvatori. Viva Renzi e che il suo impero sia salvato, magari con l'appoggio determinante non solo di AlfaNo, ma di Silvio, l'inviato dal Signore. Un radioso avvenire ci attende.

Giulio42

Mar, 27/12/2016 - 10:30

La coperta non è del ministro ma è la nostra e non viene usata per rilanciare il lavoro o mettere in sicurezza le scuole ma salvare i colpevoli del fallimento.

Stefano Matera

Mar, 27/12/2016 - 10:50

Facciamo il test del DNA a padoan rotschild e monti sarà exsattamente lo stesso e sicuramente molto diverso dal mio

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/12/2016 - 11:17

La coperta era già corta prima, ora è ridotta ad uno straccio, non copre più niente.

Trinky

Mar, 27/12/2016 - 11:19

Ma non possono andar via dal governo altrimenti verrebbero fuori tutte le porcate che hanno fatto......

Ritratto di NEVERLAND

NEVERLAND

Mar, 27/12/2016 - 11:35

sbagliare i conti semmbra una qualità di questo nuovo ministro dell'economia. mi auguro per lui, che i conti di casa li abbia affidati alla sua consorte, altrimenti a breve ci toccherà anche passargli il sussidio.

flip

Mar, 27/12/2016 - 12:03

quanto ti paga bankitalia per fare il presidente del c.i.c.r. e fare e dire le cretinate che ti ordinano? non vedi che per colpa di una banca di delinquenti ci stai portando alla rovina completa? dove troviamo i soldi per far fronte alle richieste della bce.? ti facevo più preparato ed invece sei più squallido di chi ti ha eletto.

Blueray

Mar, 27/12/2016 - 12:04

Il comparto italiano è già in crisi sistemica, non c'è bisogno dei tedeschi per alzare il prezzo. Gli addetti ai lavori sapevano bene che 20 mld era una cifra di partenza. Verrà quasi certamente modificata. Bisogna però considerare che le Banche fallite o fallende, anche se trasformate in good banks non hanno più appeal e quindi ci sarà un totale mutamento del panorama bancario con grandi vantaggi per le banche sane o meno malate che dir si voglia e una sfiducia generalizzata per quelle salvate che comunque non saranno mai più quelle di prima, nel bene e nel male. Da questo presupposto si può anche arguire che il bail in era ed è la scelta migliore, anche se porta lacrime e sangue. Non si possono continuare a salvare decine di migliaia di azionisti e obbligazionisti pirla e incompetenti e centinaia di dirigenti bancari spregiudicati e senza scrupoli. Si fissi una data da cui l'elemosina di Stato cessi PER SEMPRE! Basta.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 27/12/2016 - 12:24

Di questi COMUNISTI, non se ne salva uno, sono tutti corrotti, falsi e bugiardi!!! Se vogliamo salvare quei pochi risparmi che abbiamo e salvare il paese, dobbiamo andare al più presto al voto e negare totalmente quei MAFIOSI CHE DAL DOPOGUERRA,SOTTO LE ALI DELLA DEMOCRAZIA DA BRAVI CORROTTI SABOTTATORI SI NASCONDONO!!!

VittorioMar

Mar, 27/12/2016 - 12:31

..tutti quegli EURO non bastano a salvare le BANCHE E BANCHIERI E BANCARI,ma salverebbero l' ECONOMIA ITALIANA RESTITUENDOLI AI TRUFFATI IMPOVERITI!!...I TRUFFATORI RESTITUISCANO PRIMA IL" MALLOPPO" e poi si lascino FALLIRE!!....COSTEREBBERO MOLTO, MOLTO MENO !!!

diesonne

Mar, 27/12/2016 - 13:40

DIESONNE MPS SIA NAZIOLALIZZATA E SIANO SEQUESTI TUTTI I BENI DEI LORO DIRIGENTI LADRI E SI SALVA TUTTO-CHI SBAGLIA E RUBA PAGHI E VADA A FARE LO SPAZZINO NELLE STRADE DI SIENA-LADRI E SBRUFFONI DA QUATTRO SOLDI

Duka

Mar, 27/12/2016 - 13:45

La coperta di questo sig. è sempre stata corta. NON fa altro che raccontare BALLE come il suo ex capo. UN GOVERNO DI BALLISTI PURTROPPO ANCORA IN PIENA CARICA.

Marcello.508

Mar, 27/12/2016 - 15:57

"Fratello" Padoan, non avevi detto proprio in questo anno che le banche italiane sono solide? Addirittura il tuo ex (...) capo aveva incentivato ad investire in Mps ad inizio 2016! Una domanda: almeno si potrà vedere in galera per almeno una 30ina d'anni - senza sconti - quelli che hanno depredato certe banche e ridotto in povertà tanta gente (oltre 100mila), se non altro per evitare che chi ha investito e che ha perso tutto, preso dal più totale sconforto, venga quanto meno risarcito con la predetta assunzione di responsabilità? O volete che la gente, esasperata, organizzi una eventuale caccia al/ai responsabili? Gli effetti sarebbero sul serio deleteri per costoro e un avviso molto serio per chi governerà dopo le prossime elezioni. Insomma la gente s'è rotta i cabbasisi: chiaru stu fattu?

flip

Mar, 27/12/2016 - 16:28

Blueray. siamo sulla stessa linea di pensiero. la banca è sempre stato un posto dove mettere al sicuro il gruzzoletto invece di tenerlo in casa. la banca ne ha approfittato subito ed anche troppo Mi piacerebbe vedere (ma lo so!) cosa può succedere se TUTTI decidessero di riprendersi i loro denari. Blueray. lasciamo tutto com'è?

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 27/12/2016 - 17:51

Ciao conti sbagliati? In un'azienda un cattivo contabile porta al fallimento. Incapacità o ingenuità, scelga lei Ministro.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 27/12/2016 - 23:01

E pensare che 20 anni fa un sinistroide vantava l'€uro come la panacea di tutta l'economia mondiale. Siamo finiti nelle spire di un mostro che stritola chi non ha la sua stessa potenza aggressiva e stiamo per esserne inghiottiti senza poter muovere manco un dito a propria difesa. Ahi serva Italia di dolore ostello ....

flip

Mer, 28/12/2016 - 10:48

bonoitaliama. non solo un sinistroide ma anche un ex governatore delle banca d'Italia e poi presidente della repubblica che oltretutto, ha anche rovinato l'Italia finanziariamente (dal 1993). documentabile