Corona: "Gino Paoli? Mi sta sul c....È un arrogante"

Lo scrittore di sinistra tuona contro il compagno

Mauro Corona è un uomo di sinistra che non le manda a dire. Neanche ai compagni. "Gino Paoli mi è sempre stato sul cazzo per la sua spocchia e la sua arroganza. Se abbia nascosto soldi in Svizzera non lo so, ma ora sa cosa vuol dire l’umiltà", tuona lo scrittore a La Zanzara su Radio 24. "Ho il coraggio di dirlo, mi sta antipatico per questo suo modo arrogante di porsi, un modo spocchioso. Anche se è stato un cantautore importante nulla giustifica questo atteggiamento. Ha pure detto che manda all’ospedale chi lo contesta, è uno che minaccia. Non tollera intrusioni. E tutti si adeguano, anche i giornalisti non gli chiedono dei soldi in Svizzera”, ha aggiunto.

Commenti
Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mer, 04/03/2015 - 20:21

beh, sì ci può stare lo sfogo di questo pazzariello....ma mi pare la storia del bue che dice cornuto all' asino

ammazzalupi

Mer, 04/03/2015 - 23:24

Se le stesse cose che pensiamo noi di DX le conferma un Kompagno... significa, ancora una volta, che abbiamo ragione: i komunisti sono delle teste di C...ZO!

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Gio, 05/03/2015 - 08:54

quella m di gino paoli dovrebbe ridare allo Stato il dovuto, poi faccia lo spocchioso quanto gli pare e mandi all'ospedale chi vuole.

atlantide23

Gio, 05/03/2015 - 09:03

il sinistro gino paoli non e' solo un evasore fiscale ma e' anche questo : "Aveva gli occhi come un pettirosso/era una donna di undici anni e mezzo - recita il testo - si alzò la gonna per saltare il fosso/aveva addosso un vestitino rosso. Mentre passava in mezzo a quel giardino/di settant'anni incontrò un bambino/voleva ancora afferrare tutto/e non sapeva cos'é bello e cos'é brutto/e l'afferrò con cattiveria/lei si trovò le gambe in aria/lui che cercava cosa fare/c'era paura e c'era male". Il testo prosegue così: "E il male lo afferrò proprio nel cuore/come succede con il primo amore/e lei allora lo prese tra le braccia/con le manine gli accarezzò la faccia/così per sempre si addormentò per riposare/come un bambino stanco di giocare".

mezzalunapiena

Gio, 05/03/2015 - 09:25

Tipico dei comunisti.

Giacinto49

Gio, 05/03/2015 - 09:53

Spocchia e arroganza di Paoli vanno in scena al Teatro Verdi di Brindisi un paio d'anni fa. In coppia con Danilo Rea (incolpevole eccellente pianista) senza dire neanche "buonasera" al pubblico pagante infila, probabilmente sotto l'effetto di una abbondante bevuta, una serie infinita di stonature e squadrature senza peraltro riuscire a togliere fascino (e nostalgia)a quei pochi brani che sono stati la sua fortuna e la colonna sonora della storia recente del nostro Paese.

mastra.20

Gio, 05/03/2015 - 11:07

cosa ci si poteva aspettare da questi Signori ,finalmente è venuta fuori la loro indole .(Siamo solo noi gli onesti.)

narteco

Gio, 05/03/2015 - 13:01

Tutti i comunistronzi al caviale quando sono smascherati minacciano querele o spedizioni punitive,fassino docet con vergognoso risarcimento concesso dalle toghe rosse a danno di Berlusconi.Ginetto paoli è unacopia sputata di ginetto strada stessa militanza comunistoide radical chic stessa arroganza stesso livore ideologico,disonestà,boriosità e violenza a tal punto che sta sul cxxxo perfino a uno come Mauro Corona,un simil buffone alla dario fo nonchè moralizzatore alla Debenedetti o Bebbe grillo,penati o Bersani e compagni di Cooprosse come greganti,buzzi o mpsiena fa semplicemente schifo.Ginetto è un vero spasso pur avendo un piede nella fossa vorrebbe mandare all'ospedale chi lo ha smascherato e ridicolizzato per i conti in svizzera e relativa evasione fiscale inutile nascondere le carte in un posto sicuro come vorrebbe sua moglie troppo tardi,farebbe meglio a prenotarsi un loculo,il Big Ben ha detto stop.Game Over