Il costo dell'accoglienza: nel 2018 può arrivare a sfiorare i sei miliardi

Sbarchi in calo, eppure crescono gli esborsi per hotspot e Sprar: coop e onlus a gonfie vele

Foto d'archivio

Roma - Progressione aritmetica. Si può riassumere con questa precisa definizione la crescita pressoché costante, anno dopo anno, della spesa messa in campo per sostenere e sostentare gli immigrati che albergano nelle strutture d'accoglienza. Malgrado negli ultimi sei mesi sia stata evidente la diminuzione degli sbarchi non si è ridotta invece la spesa che potrebbe sfiorare quest'anno addirittura i 6 miliardi di euro. Già, perché la disamina dei documenti che attestano le risorse impegnate per mantenere in piedi gli hotspot - ossia i centri di accoglienza straordinari dove gli stranieri dovrebbero soggiornare per brevi periodi e non essere stanziali fa presagire alla possibilità che con la bella stagione gli arrivi possano essere di nuovo copiosi con l'incremento dei cosiddetti costi vivi. Al contempo è cresciuta a dismisura anche la spesa per il mantenimento dello Sprar, quel sistema di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati che accoglie gli stranieri nelle piccole realtà locali, tra comuni e hinterland. Le cifre per il triennio sono state divulgate in questi giorni: per l'anno corrente il ministero dell'Economia ha stanziato quasi 2,5 miliardi (precisamente 2.449.742.651) mentre, per il biennio successivo altri 4,7. Queste cifre sono riferite al programma di sviluppo dei flussi migratori: in pratica l'ordinaria amministrazione degli Sprar. Ordinaria si fa per dire vista l'entità dell'ammontare che tuttavia servirebbe oltre che al mantenimento degli standard abitativi anche per i progetti di inserimento e inclusione degli immigrati nonché per l'assistenza psicologica di chi ne ha bisogno. Doveroso a questo punto fare i cosiddetti semplici due conti: gli stranieri che a oggi usufruiscono dello Sprar sono circa 32 mila (centinaio più o meno), per cui ripartendo i 4,5 miliardi tra tutti si ottiene che per ciascuno di loro si spende poco più di 13 mila euro l'anno. Ecco perché a conti fatti si supereranno di netto i 5 miliardi già spesi nel 2017. Infatti si devono aggiungere altri 2,7 miliardi per l'accoglienza standard nei Cas, nei Cara e nei Cpr prima del rimpatrio e altri 243 milioni di euro, appena erogati, per la pronta accoglienza nei luoghi di sbarco.

A questi soldi si dovrà sommare dell'altro: sacchetti pasto (circa 5 euro più iva ciascuno), interpretariato tra autorità e immigrato (27,50 euro l'ora), eventuali cure mediche. Le prefetture del Sud, prossime ai luoghi d'approdo, sono all'opera per preparare gestione e operazioni di supporto agli arrivi. Identificazione, pronto sostentamento, sistemazione, alloggio e infine trasporto dagli hub dove, in tempi di 2 o 3 mesi, gli stranieri verranno dirottati nei diversi centri. Ed è qui infatti il piatto più sostanzioso: i primi soldi sono pronti per andare dritti nelle tasche di quelle onlus e quelle coop che ogni anno diventano più ricche a spese dello stato. I 2.400 posti del Cara di Mineo costeranno 50 milioni che verranno spartiti in lotti tra la cooperativa La Cascina di Roma, il Cns di Bologna e il Gus marchigiano per vitto, servizi di pulizia e assistenza in genere. Altri 1.170 posti sono stati già reperiti ad Agrigento per 30 milioni. L'hotspot di Milo in provincia di Trapani ospiterà 400 migranti per 15 milioni annui, quello di Palermo 500 (15,5 milioni) mentre a Pozzallo, in provincia di Ragusa, 1.350 posti costeranno 17,2 milioni. A Enna altri 550 posti (23 milioni), a Messina 250 (11 milioni). In Calabria la parte del leone la recita il Cara di Crotone con 1.216 posti (60 milioni) gestito dalla Miser.Icr di Capo Rizzuto, in Puglia sarà Taranto a fare il pieno di arrivi: 1.812 posti per 21 milioni e mezzo. E siamo solo ai preventivi, non si esclude che da qui a fine anno il modello standard possa essere sottoposto a modifiche.

Commenti

Giorgio5819

Dom, 18/03/2018 - 11:14

Un solo concetto : Dio stramaledica i comunisti per la loro criminale ignoranza !

Chiara Mente

Dom, 18/03/2018 - 15:16

Questo è il lascito del PD di Renzi. Pesantissimo. Il M5S ci pensi 1000 volte prima di includerli in un loro prossimo governo. Sarebbe spazzato via immediatamente anch'esso. Gli italiani che pagano le altissime tasse sono esasperati per i costi da sopportare per queste persone a noi totalmente estranee; addirittura il sostegno psicologico.

agosvac

Dom, 18/03/2018 - 15:46

" sale il costo dell'accoglienza" e salgono, di conseguenza, i guadagni delle coop rosse e di quelli, compresa la Chiesa, che di accoglienza si arricchiscono sulle tasche dei poveri deficienti che pagano le tasse cioè della stragrande maggioranza degli italiani, io per primo, purtroppo!!!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 18/03/2018 - 15:46

CHE SPRECO DI DENARO, MANDIAMO A CASA QUESTI FINTI PROFUGHI, GLI UNICI DA OSPITARE SONO I SIRIANI.

honhil

Dom, 18/03/2018 - 15:55

Una gran brutta notizia per gli italiani, allora. Poiché quei sei miliardi rappresentano circa il 12% dei 49 miliardi circa che è il Preventivo di Competenza 2018 del Bilancio dello Stato Italiano. Non basta aver sconfitto alle elezioni la sinistra, bisogna distruggere le catene con le quali sta strangolando lo Stivale.

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 18/03/2018 - 16:01

Non posso proprio dire chi rimpiango! Mi è proibito dalla costituzione (notato la minuscola?)...

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 18/03/2018 - 16:05

ecco trovato subito il modo di risparmiare 5 miliardi

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Dom, 18/03/2018 - 16:06

idioti, idioti idioti

steacanessa

Dom, 18/03/2018 - 16:06

E quelli che scroccano impietosendo i vecchietti che ne hanno meno di loro?

Tarantasio

Dom, 18/03/2018 - 17:07

suppergiù il costo di un reddito di cittadinanza per soli italiani... forse in questa chiave di lettura il programma di lega e 5s trova la quadra...

Bellator

Dom, 18/03/2018 - 17:11

In Africa c'è il passa parola,andiamo da quei cxxxxxxi Italiani, che mangiamo a sbafo !!.I Cxxxxxi ancora chiamano migranti,del c...zo!!questi clandestini che vanno tutti cacciati e riportati da dove sono partiti.Le risorse economiche debbono essere usate solamente per le migliaia di famiglie italiane che vivono in miseria !!!.

killkoms

Dom, 18/03/2018 - 17:22

unico argomento su cui la (ora preoccupata) uè (che sta versando miliardi di € alla turchia che i veri profughi siriani li fa stare nel fango) non ci rimbrotta!

Bellator

Dom, 18/03/2018 - 17:28

Ma come è possibile che questo governo di mxxxa ,spenda sei miliardi di Euro per i clandestini, quando gli Italiani stringono la cinta per gli aumenti del gas, carburanti, acqua, elettricità, treni, autostrada, sanità, che non funziona,in special modo al sud !!!.Quando!! milioni di Italiani si decideranno di andare a Roma, come hanno fatto gli Islandesi a prendere a calci in cxxo,tutti i responsabili di Istituzioni e banchieri, che ci hanno portato solo la miseria !!!.

corto lirazza

Dom, 18/03/2018 - 17:34

Una sostituzione etnica un po' costosetta. Ma dopo, vedrete che cuccagna!

Ritratto di moshe

Anonimo (non verificato)

Ritratto di hernando45

Anonimo (non verificato)

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Dom, 18/03/2018 - 21:24

Dio stramaledica voi cittadini che avete votato PD.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 18/03/2018 - 22:16

Ecco, s itassin oper questo chi li vuole, la bella accozzaglia di parassiti 5S + PD.

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 18/03/2018 - 23:10

Questi bastardi hanno sacrificato i loro vecchi X dei nxxxi di mxxxa ........ vergognatevi!!!!!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Lun, 19/03/2018 - 00:29

Poi dicono che il pd è smarrito,speriamo per sempre.Mandiamolo in africa coi loro amichetti neri.TANTI SOLDONI RISPARMIATI.

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 19/03/2018 - 04:42

@LANZI MAURIZIO, siriani,siriani, siriani ??? Non conosco !!

claudioarmc

Lun, 19/03/2018 - 07:36

Maledetti porci comunisti e le loro cooperative

killkoms

Lun, 19/03/2018 - 22:09

@lanzi maurizio,a prescindere ce se ne sono visti ben pochi,ma il "resto del mondo" (specialmente quello islamico) cosa fa?i "soli" paesi islamici che hanno aperto le porte ai profughi siriani (in maggioranza islamici) sono quelli confinanti (libano,giordania,turchia)!