Date del bromuro a Obama. Questa guerra non è nostra

L'umanità non è pronta a sopportare un'altra guerra, mentre Obama, a cui il premio Nobel ha dato alla testa, ha il dito che trema sul grilletto. Gli consigliamo di spararsi su un piede, così magari si calma

Abbiamo l'impressione che agli italiani non importi nulla di quanto sta accadendo in Ucraina. Forse non ne conoscono i problemi, qualcuno non saprà neppure trovarla sulla carta geografica. D'altronde i giornalisti non sono in grado di spiegare ai lettori ciò che loro stessi ignorano. Noi non abbiamo la pretesa di salire in cattedra: ci limitiamo ad alcune osservazioni. Una parte della popolazione ucraina desidera aggregarsi al treno europeo, convinta di fare un buon affare, non immaginando in quale guaio si ficcherebbe (ma questo è un altro discorso). L'altra parte, essendo di ceppo russo, vuole rimanere appesa a Mosca.

La lite era ed è inevitabile, anche perché ballano interessi enormi legati ai prodotti energetici. Vladimir Putin, badando al proprio tornaconto, mira a impadronirsi di quello che giudica un suo satellite. L'Europa e, in generale, l'Occidente (Stati Uniti) spingono in senso opposto. La guerra non è il modo migliore per dirimere i contenziosi: tutti lo pensano e lo dicono, ma nessuno poi è coerente con le idee che esprime; e allora si accettano i conflitti armati, talvolta reputandoli inevitabili come le calamità naturali.

In effetti nella zona si spara da mesi e la conta dei morti e dei feriti non ha portato a una soluzione. Cosicché la Ue e gli Usa, incapaci di fare altro, hanno deciso di infliggere sanzioni alla Russia affinché Putin la smetta di dare manforte ai russi di Ucraina. Mossa rivelatasi stupida. Peggio, autolesionistica. L'Italia, per esempio, non può più esportare nulla nel «regno del freddo» con grave danno per la propria economia.

Poiché, nonostante tutto, il fuoco non è cessato, Angela Merkel e François Hollande hanno incontrato lo zar Vladimir per esortarlo a zittire i cannoni. Iniziativa lodevole? Ovvio, la via diplomatica è sempre preferibile al sentiero di guerra. Peccato, però, che il negoziato sia fallito, per adesso. Poi, si vedrà.

Nel frattempo Barack Obama, l'unico Nobel per la pace cui prudono le mani, ha manifestato la propria mansuetudine minacciando d'inviare all'Ucraina una fornitura di armi micidiali. Il presidente Usa in sostanza è persuaso che la sospensione delle ostilità si ottenga mostrando i muscoli e agitando la sciabola. Uno così non si può definire che irresponsabile, senza scomodare termini psichiatrici. Non che Putin sia un agnellino, assomiglia di più a una tigre, e le belve conviene addormentarle, non stuzzicarle.

L'umanità non è pronta a sopportare un'altra guerra, mentre Obama, a cui il premio Nobel ha dato alla testa, ha il dito che trema sul grilletto. Gli consigliamo di spararsi su un piede, così magari si calma. Invece l'imperatore di Washington è talmente eccitato da meditare (progettare) perfino un terzo intervento bellico in Irak, dato che i primi due (con centinaia di migliaia di morti) sono serviti soltanto a imbufalire i fondamentalisti islamici, i quali non vedono l'ora di decapitarci in massa.

Torniamo alla Merkel. A che titolo si è recata da Putin? È andata da lui in veste di regina d'Europa, accompagnata dal valletto Hollande nel ruolo marginale di assistente. Chi l'ha autorizzata a rappresentare i Paesi dell'Unione? Ella non ha ricevuto alcun incarico, eppure ha discusso a nome della comunità. È la prova: la cancelliera si è autopromossa leader del continente confondendolo con il Quarto Reich già in corso di realizzazione.

Un'Europa germanocentrica è intollerabile, tuttavia non c'è anima che si opponga al piano della Merkel. Anzi, la signora è incoraggiata a procedere dal silenzio dei partner nonché dal fatto che nella Ue ci sono nazioni di serie A, di serie B e di serie C, i cui capi sono perennemente in ginocchio davanti all'inflessibile matrona tedesca. Poi c'è chi sogna ancora di costituire gli Stati Uniti d'Europa. Ma questa non è manco una visione onirica, bensì una barzelletta. La Ue non ha una politica estera comune e non ha neppure un esercito, una diplomazia, un'economia, un fisco, una lingua comuni: ha solo la moneta unica, che sta riducendo sul lastrico i Paesi del sud, incluso il nostro. Adesso che frau Angela si è incoronata monarca e cerca di rabbonire Putin abbiamo una certezza: la nostra Europa non è una potenza, ma una specie di circo Barnum.

Commenti

filder

Mer, 11/02/2015 - 22:09

Revocare al guerrafondaio abbronzato il premio Nobel per la pace e non ci sono commenti da aggiungere a tutto quello che il Dott. Feltri ha limpidamente esposto nel suo bellissimo articolo.

Ritratto di hanslukas

hanslukas

Mer, 11/02/2015 - 22:16

E lei che propone caro Feltri? Sanzioni contro la russia non si può, perchè il profitto italiano viene prima della pace, della democrazia e dell' integrità territoriale ucraina. Armi agli ucraini in modo che possano difendersi dall'esercito russo che li invade nemmeno. Meglio lasciare fare Putin allora. Che si prenda l'ucraina, i paesi baltici e pure la bielorussia. Tanto la guerra è lontana e non ci tocca. A già..ne desumi che se Obama si sparasse a un piede come da lei augurato, Putin sarebbe talmente impressionato da questo gesto, che non potrebbe che rinunciare alla guerra. A parlare sono buoni tutti, ma poi quando si tratta di dare soluzioni, vi sciogliete come neve al sole.

Ritratto di hanslukas

hanslukas

Mer, 11/02/2015 - 22:19

E lei che propone caro Feltri? Sanzioni contro la russia non si può, perchè il profitto italiano viene prima della pace, della democrazia e dell' integrità territoriale ucraina. Armi agli ucraini in modo che possano difendersi dall'esercito russo che li invade nemmeno. Meglio lasciare fare Putin allora. Che si prenda l'ucraina, i paesi baltici e pure la bielorussia. Tanto la guerra è lontana e non ci tocca. A già..ne desumi che se Obama si sparasse a un piede come da lei augurato, Putin sarebbe talmente impressionato da questo gesto, che non potrebbe che rinunciare alla guerra. A parlare sono buoni tutti, ma poi quando si tratta di dare soluzioni, vi sciogliete come neve al sole,

opinione-critica

Mer, 11/02/2015 - 22:19

Obama, baracca umana, ha già creato problemi in varie parti del mondo, speriamo che la maggioranza degli europei non lo segua sulla questione Ucraina. Iraq, Egitto, Libia, Siria, dovrebbero insegnare qualcosa; ma forse prende troppo sole e gli dà alla testa.

Ritratto di hanslukas

hanslukas

Mer, 11/02/2015 - 22:19

E lei che propone caro Feltri? Sanzioni contro la russia non si può, perchè il profitto italiano viene prima della pace, della democrazia e dell' integrità territoriale ucraina. Armi agli ucraini in modo che possano difendersi dall'esercito russo che li invade nemmeno. Meglio lasciare fare Putin allora. Che si prenda l'ucraina, i paesi baltici e pure la bielorussia. Tanto la guerra è lontana e non ci tocca. A già..ne desumi che se Obama si sparasse a un piede come da lei augurato, Putin sarebbe talmente impressionato da questo gesto, che non potrebbe che rinunciare alla guerra. A parlare sono buoni tutti, ma poi quando si tratta di dare soluzioni, vi sciogliete come neve al sole..

Ritratto di hanslukas

hanslukas

Mer, 11/02/2015 - 22:20

E lei che propone caro Feltri? Sanzioni contro la russia non si può, perchè il profitto italiano viene prima della pace, della democrazia e dell' integrità territoriale ucraina. Armi agli ucraini in modo che possano difendersi dall'esercito russo che li invade nemmeno. Meglio lasciare fare Putin allora. Che si prenda l'ucraina, i paesi baltici e pure la bielorussia. Tanto la guerra è lontana e non ci tocca. A già..ne desumi che se Obama si sparasse a un piede come da lei augurato, Putin sarebbe talmente impressionato da questo gesto, che non potrebbe che rinunciare alla guerra. A parlare sono buoni tutti, ma poi quando si tratta di dare soluzioni, vi sciogliete come neve al sole...

Ritratto di hanslukas

hanslukas

Mer, 11/02/2015 - 22:21

E lei che propone caro Feltri? Sanzioni contro la russia non si può, perchè il profitto italiano viene prima della pace, della democrazia e dell' integrità territoriale ucraina. Armi agli ucraini in modo che possano difendersi dall'esercito russo che li invade nemmeno. Meglio lasciare fare Putin allora. Che si prenda l'ucraina, i paesi baltici e pure la bielorussia. Tanto la guerra è lontana e non ci tocca. A già..ne desumi che se Obama si sparasse a un piede come da lei augurato, Putin sarebbe talmente impressionato da questo gesto, che non potrebbe che rinunciare alla guerra. A parlare sono buoni tutti, ma poi quando si tratta di dare soluzioni, vi sciogliete come neve al sole....

Ritratto di Luposolitario76

Luposolitario76

Mer, 11/02/2015 - 23:21

La Merkel è andata da Putin prima e da Obama dopo,solamente perchè la germania sta perdendo miliardi di euro,grazie alle sanzioni imposte alla russia,senza uno straccio di prova,da un europa serva degli USA.Alla Merkel interessa solo questo,che la germania possa ancora esportare i loro prodotti in russia.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 12/02/2015 - 09:07

hai.. hai.. ci risiamo!! Chissà quali altre porcate stanno meditando di combinare gli yankees a stelle e strisce! Possibile che non si rendano conto che tutta la loro politica estera di aggressione ha come risultato di far crescere l'odio nei loro confronti? Il guaio è che intendono coinvolgere anche la EU, sia contro gli "sgozzatori" che contro i russi di Putin. Ma voglio sperare che non vi siano politici così sprovveduti da non avvedersi del fallimento annunciato di quest' ultima impresa. Perché il fine vero della mossa americana è di indebolire la EU precludendole con la guerra l' apertura di quei mercati in Russia e Medoriente dai quali essi sono esclusi. Gli USA sanno bene che per loro si apre uno scenario di declino inarrestabile e fanno di tutto per impedirlo con la sola politica che conoscono cioe la violenza e l' aggressione.

bac42

Gio, 12/02/2015 - 09:30

Mr. Obama,fa presto ad imporre l'embargo alla Russia,tanto non lo paga l'America ma lo paga l'Europa ed in particolare l'Italia.In veneto ci sono centinaia di aziende quasi fallite per non poter esportare in Russia.Putin ha ragione a invadere l'Ucraina.Facendo entrare l'Ucraina nella Nato,la Russia di Putin si sente accerchiata,e dietro a tutto questo cè la solita America.Ai produttori italiani non interessa un fico secco se l'Ucraina(che molti non sanno nemmeno dove si trovi)entri nella Nato o no.Il signor Obama si paghi lui l'embargo dal momento che è il maggior interessato a comprimere la Russia.L'Europa ha bisogno di ripartire,non di imbarcarsi in una sciagurata guerra con la Russia.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 12/02/2015 - 09:32

sempre puntuale e pungente il nostro Feltri -meno male che non l'hanno eletto PdR!- tuttavia sul caso Merkel e politica germanocentrica in atto, direbbero a Napoli...."che sì, i tedeschi hanno ragione....ma la ragione è dei fessi!" Quale politico europeo può impegnarsi nel rigore e nella decrescita felice -diceva Grillo ai tempi d'oro- regalando al proprio Paese povertà e fame per i tempi a venire?

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 12/02/2015 - 09:33

Mi pare che la sorte della Grecia sia, senza se e senza ma, la sorte della famosa cittadella di Guernica (quella dipinta da Picasso) dove i nazifascisti nel '37 compirono la prova generale della distruzione di massa per bombardamento, certi che quel modello di "decrescita" lo si sarebbe potuto applicare dovunque in Europa e nel mondo e i fatti andarono come si sa, che la Germania nazista e l' Italia fascista non ci sono più mentre Gernica e altre consimili cavie (Coventrix ad es.) ci sono ancora! Possibile che la storia non insegni niente ai "craponi" contemporanei?

buri

Gio, 12/02/2015 - 11:27

npn so se bassterà il bromuro, ma tentare nin nuove, comunque Obama si deve dare una calmata e rendersi conto che, a parte lui, nessuno vuole fare la guerra alla Russia

swiller

Gio, 12/02/2015 - 11:40

filder. Concordo.

Ritratto di gian td5

gian td5

Gio, 12/02/2015 - 11:47

hanslukas, non le pare esagerato ripetere la stessa ca22ata cinque volte?

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:18

1) - Io sono veramente basito... Rileggo l'articolo di Feltri, ed ancora NON mi capacito... Quello che era il MIGLIORE giornalista, ANZI L'UNICO vero giornalista italiano, fá una clamorosa retromarcia sull'Ucraina! Incredibile! Io capisco che dobbiate dare conto a chi vi ha sul proprio libro paga (guardacaso, Berlusconi, unico al mondo che continua testardamente a voler ignorare i crimini di putler...), ma a tutto c'é un limite! Io tralascio volutamente il voltafaccia attuale (fatti suoi, e della Vostra coscienza), e vengo ai fatti: FORSE LEI, CARO FELTRI, NON SE N'É ANCORA ACCORTO, MA LA “GUERRA” CHE LEI TANTO TEME É GIÁ COMINCIATA! E L'HA COMINCIATA QUEL CRIMINALE DI putler! Ma mi rendo (purtroppo) conto che lei, caro Feltri, FINGE DI NON SAPERE “DA DOVE” VIENE QUESTA CRISI! Eppure “ilgiornale” la spiegó cosí bene in passato...

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:18

2) - Mi permetto di “riassumerla” io per coloro che fingono – come il Sig. Feltri – di aver dimenticato i fatti salienti, che sono la VERA ragione di questo maledetto e criminale conflitto VOLUTO, PREMEDITATO, ARCHITETTATO E MESSO IN ATTO DA QUEL CRIMINALE NAZI-COMUNISTA CHE É IL PRESIDENTE RUSSO putler! Il tutto comincia nel “lontano” '92/'93 quando l'Ucraina in piena crisi, NON pagó le forniture di gas alla Russia. Risolsero la cosa tra loro, in quanto il presidente ucraino era il solito FANTOCCIO RUSSO, messo lí solo per fare gli interessi russi. L'Ucraina pagó (giustamente) il gas, e la crisi economica si aggravó ancor di piú. C'É DA RIMARCARE CHE UCRAINA E RUSSIA, HANNO SEMPRE AVUTO UNA SORTA DI “ACCORDO” TIPO: IO (Ucraina...) TI FACCIO USARE LE BASI MILITARI IN CRIMEA, E TU (Russia...) MI FAI UN BELLO SCONTO SUL PREZZO DEL GAS.

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:18

3) - In tutto questo bailamme, é importante sapere che l'Ucraina RESTITUÍ INTERAMENTE IL PROPRIO ARSENALE ATOMICO (ma non solo...) alla Russia, SCEGLIENDO DI ESSERE PRATICAMENTE SENZA ESERCITO NÉ ARMAMENTI OFFENSIVI: INFATTI RESTITUIRONO ANCHE I BOMBARDIERI, MISSILI TATTICI, E LA MAGGIOR PARTE DEI “CACCIA”. Ma nel 2004, arrivó alla presidenza il “famoso” Juscenko... Che di certo NON ERA UN FANTOCCIO RUSSO! Ed allora arriva subito IL RICATTO RUSSO: IL PREZZO DEL GAS QUINTUPLICATO! Ovviamente gli ucraini s'inkazzarono parecchio, VISTO CHE L'ACCORDO PER LE BASI IN CRIMEA, RESTAVA VALIDO... Tra diversi “tira e molla”, si arriva al 2006, dove all'ennesimo aumento del prezzo richiesto da putler, Juscenko dichiara inammissibile tale prezzo, e PROPONE DI AUMENTARE IL PREZZO PER “L'AFFITTO” DELLE BASI MILITARI IN CRIMEA – UNICO SBOCCO PER IL MEDITERRANEO DELLA FLOTTA RUSSA, ATTREZZATO ANCHE PER I SUB NUCLEARI...

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:19

4) - Gazprom (che nel frattempo, era stata affidata ad un altro “fedelissimo di putler”, guardacaso...) “chiude i rubinetti” del gas all'Ucraina! E la stessa cosa AVVIENE PER LA MOLDAVIA, CHE DALL'OGGI ALL'INDOMANI SI RITROVA SENZA GAS, A FRONTE DI UN RINCARO DELL'OLTRE 100%!!! Successivamente trovarono un accordo, con l'aiuto della UE, e (credo) che l'Ucraina avesse finalmente la possibilitá di acquistare il gas, NON SOLO DALLA RUSSIA, COME INVECE RPIMA ERA NEI PATTI. Nel frattempo il criminale putler, con l'intermezzo del folle “Dimitrij James Bond Medvedev” (che non sapendo come imitare il suo padrone putler, arriva a cambiare pure il fuso orario di una decina di zone russe...), effettua UNA PODEROSA OPERA DI RAFFORZAMENTO DEI POTERI RUSSI IN UCRAINA, ATTRAVERSO IL SILURAMENTO DI TUTTI I “POSSIBILI NEMICI”, RIMPIAZZANDOLI CON “PERSONALE RUSSO DI FIDUCIA”...

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:21

5) - Questo vale per banche, politici, e SOPRATTUTTO PER I VERTICI MILITARI! Viene enormemente POTENZIATO UN PARTICOLARE CORPO DI POLIZIA PARA-MILITARE – POI TRISTEMENTE DIVENUTO FAMOSO – I “BERKUT”. L'Ucraina PER SUA SCELTA, aveva deciso di NON dotarsi di né di un esercito efficiente, né tanto meno di un corpo di polizia specializzato molto piú simile ad una fazione “PARA-MILITARE” PER DI PIÚ ALLE DIRETTE DIPENDENZE DI UN AGENTE KGB COME OLEKSANDR YAKYMENKO... Ma gli ucraini guardano all'Estonia e Lettonia che da quando si sono liberati della “palla al piede russa”, hanno velocemente cambiato marcia raggiungendo quasi i tenori di vita dei paesi nordici europei, mentre gli ucraini continuano ad essere la pezza da piedi dei russi... RUSSI CHE SACCHEGGIANO LE RISORSE MINERARIE UCRAINE, IMPORTANDO DALLA RUSSIA MANO D'OPERA, MACCHINARI E PERSINO LE BANCHE CON CUI

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:23

6) - MOVIMENTANO I SOLDI DEI PROFITTI! Agli ucraini, lasciano solo le scorie e la deturpazione ambientale. Il fantoccio Yanucovich finge di ignorare che la piazza vuole sganciarsi dalla Russia, e stringe in gran segreto un accordo con i Russi, per un mega prestito da 20 MILIARDI DI DOLLARI! Soldi che la povera Ucraina, MAI POTRÁ RESTITUIRE... Ed allora é ovvio, si ritornerá come ai tempi dei Eltsin, dove le banche che prestarono i soldi al governo, SI PRESERO TUTTO IL PAESE!!! STORIA GIÁ SCRITTA... E gli ucraini se le ricordavano bene! Da questo, le prime proteste pacifiche di piazza Maidan... E le prime repressioni “soft” della polizia a colpi di idrante e pallottole di gomma... Poi, visto che la protesta NON accennava a placarsi, Yanucovich chiamó in ballo i primi “berkut” che fino a quel momento erano stati sempre “dietro” le fila della polizia “normale”...

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:24

7) - Ed ovviamente, i “nerkut” preferirono alzare il tiro ad “alzo zero”: i primi feriti gravi, ne furono la conseguenza. La piazza divenne ancora piú determinata e coesa: l'opposto di quello che Yanucovich si aspettava! Ed anche parti delle forze dell'ordine, cominciarono a passare dalla loro parte con scontri sempre piú violenti, ma senza l'uso di munizionamento “vero”. La folla chiede l'impeachment di Yanucovich, ed i numeri nel parlamento sono a suo sfavore... Yanucovich capisce che é appeso ad un filo: deve “fare qualcosa”... Ed il 20 Febraio 2014 quel “qualcosa” di concretizza: Yanucovich con il suo tirapiedi Vitaly Zakharchenko (min. Interni...) FIRMANO UN DECRETO CHE AUTORIZZA I BERKUT A SPARARE CON MUNIZIONAMENTO DA GUERRA, SULLA FOLLA DI MANIFESTANTI: É IMMEDIATAMENTE STRAGE, riportata fedelmente su numerosi video nei quali si vedono i “Berkut” sparare sulla folla con fucili di precisione e da guerra.

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:25

8) - Alla fine si conteranno piú di 100 morti. Nessun “berkut” sembra essere stato ucciso dai manifestanti, ED ANCHE I POLIZIOTTI PRESI IN OSTAGGIO FURONO RILASCIATI INCOLUMI. Diversi filmati mostrano polizia regolare, e “berkut” spararsi a vicenda, perché i primi passarono dalla parte dei manifestanti. Questo accadeva il 20 Febbraio 2014 Il 25 Febbraio 2014 I BERKUT VENGONO DICHIARATI COLPEVOLI DELLE ATROCITÁ DI PIAZZA MAIDAN, DICHIARATI ILLEGALI E SCIOLTI... Il 26 Febbraio 2014, UNITÁ DELLE “DISCIOLTE” BERKUT IN PERFETTO ASSETTO DI GUERRA, ASSALTANO LE PRIME BASI UCRAINE IN CRIMEA, CON IL SUPPORTO DI OLTRE 6000 PARACADUTISTI RUSSI, COADIUVATI DA REPARTI DI FANTERIA MECCANIZZATA LEGGERA AVIOTRASPORTATA RUSSA – TUTTI SENZA MOSTRINE DI APPARTENENZA MILITARE – FACENDOSI SCUDO CON NUMEROSI CIVILI CONSENSIENTI.

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:25

9) - A questo punto é lecito pensare: QUANTO TEMPO OCCORRE PER “SVERNICIARE” CENTINAIA DI MEZZI, UNIFORMI ELMETTI etc etc??? Quanto tempo occorre per pianificare un'invasione cosí massiccia ed organizzata, supportata da terra, aria e mare? La risposta é semplice: mesi... Ora vede, caro il mio Feltri, lei non inganna nessuno... Almeno di quelli con QI superiore allo zero, ovviamente... La Vostra retorica é lacunosa, imprecisa, volutamente aleatoria, e dai fini prettamente di parte! Che non considera NEANCHE UNO DI TUTTI I PRECEDENTI STORICI CHE HO APPENA ELENCATO, PERCHÉ NE IMPEDIREBBERO LO SVOLGIMENTO. Lei, caro Feltri, asserisce che tutto sommato “agli italiani non frega niente dell'Ucraina”... Scusi l'impertinenza, ma... Ma chi si crede di essere? Parli un pó con la gente comune! E chieda cosa farebbero a putler, se potessero mettergli le mani addosso! E non parlo di cosa gli farebbero altri “cittadini europei”...

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:26

10) - Da quello che ha appena scritto, traspare che Lei sia “preoccupato dall'esplodere di una nuova guerra”... Scusa, ma dove vive lei? Ad Arcore? LA GUERRA GIÁ C'É DA MESI! E L'HA VOLUTA, CERCATA, PREMEDITATA E MESSA IN PRATICA QUEL CRIMINALE DI putler CHE LEI, STUPIDAMENTE, CERCA ANCORA DI DIFENDERE. ED IL PROSSIMI PASSO SONO L'ESTONIA, LETTONIA, LITUANIA etc etc!!! Lei finge di scordarsi che l'attuale “politica criminale di putler” é solo la prosecuzione di quella che ha portato alla guerra in Georgia del 2008 PER GLI STESSI IDENTICI MOTIVI!!! Se lo ricorda lei, caro il mio Feltri, L'INVASIONE RUSSA DELLA GEORGIA PER IL SOLITO MOTIVO: “PROTEGGERE I RUSSOFONI DELL'OSSESSIA DEL SUD”... Peccato che quello era territorio GEORGIANO! Ed ancora oggi l'esercito invasore russo, NON HA LASCIATO IL TERRITORIO GEORGIANO! Questo era il monito... Ed il criminale putler, impunito la prima volta (con l'aiuto di Berlusconi...), ci riprova adesso con L'Ucraina!

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:26

11) - Lei difende l'indifendibile. Lei difende un criminale che ha portato la guerra in Europa, ESATTAMENTE CON LA STESSA IDENTICA SCUSA DI hitler CON I “TEDESCOFONI” CECOSLOVACCHI DEI MONTI SUDETI... Ricorda ora, caro Feltri??? I Sudeti... Proprio quelli! Ma lei, ed “ilgiornale” tutto, continuate su questa folle strada del cercare di difendere un folle, lucido, pazzo criminale... Ed io me ne rammarico, perché avevo di Lei una profonda stima. Stima che Lei non merita piú. E tutto per cosa? Per cercare di riciclare un Berlusconi (che ho sempre difeso strenuamente in passato!), unico folle leader che ha deciso di stare con i carnefici, anziché che con le vittime... Questa é complicitá in un crimine che sará ricordato nei libri di storia del futuro, al pari di quelli comu-nazi-fascisti del passato. Spero che le mie parole, la distolgano dal torpore mentale nel quale é cascato.

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Gio, 12/02/2015 - 12:33

6) - MOVIMENTANO I SOLDI DEI PROFITTI! Agli ucraini, lasciano solo le scorie e la deturpazione ambientale. Il fantoccio Yanucovich finge di ignorare che la piazza vuole sganciarsi dalla Russia, e stringe in gran segreto un accordo con i Russi, per un mega prestito da 20 MILIARDI DI DOLLARI! Soldi che la povera Ucraina, MAI POTRÁ RESTITUIRE... Ed allora é ovvio, si ritornerá come ai tempi dei Eltsin, dove le banche che prestarono i soldi al governo, SI PRESERO TUTTO IL PAESE!!! STORIA GIÁ SCRITTA... E gli ucraini se le ricordavano bene! Da questo, le prime proteste pacifiche di piazza Maidan... E le prime repressioni “soft” della polizia a colpi di idrante e pallottole di gomma... Poi, visto che la protesta NON accennava a placarsi, Yanucovich chiamó in ballo i primi “berkut” che fino a quel momento erano stati sempre “dietro” le fila della polizia “normale”...

eloi

Gio, 12/02/2015 - 16:40

Basterebbe aver letto scholocov, scrittore marcatamente sovietico e premio nobe per la letteratura negli anni sessanta per capire che tra il popolo ucraino e quello russo non è mai corso buon sangue. Infatti al sud, in ucraina, venne costituito l' esercito dei bianchi in perfetto antagonismo con quello rivoluzionario sovietico. Dopo aspri scontri vinsero quest'utimi. Da non dimenticare che prima della rivoluzione d'ottobre l'Ucraina era giustamente definita "il granaio d'Europa".

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Ven, 13/02/2015 - 10:43

@eloi... Basterebbe anche solo aver aperto i libri di scuola! Furono gli zar russi, a massacrare milioni di contadini ucraini, per sottrargli quello che tu hai citato come "il granaio d'Europa"... Rimpiazzandoli con "puri russi, figli della prodiga madre Russia!" È stata una delle prime pulizie etniche della storia... Nonostante tutto, anche dopo l'arrivo dei vigliacchi soldati russi senza mostrine in Crimea, GLI UCRAINI CONTINUAVANO A CHIAMARE I RUSSI "FRATELLI". Ora grazie a putler, si odiano come gli estoni e lettoni odiano le minoranze russe che a loro volta, odiano estoni e lettoni! Estonia e Lettonia sono i "prossimi", DOPO I TERRITORI GEORGIANI DELL'OSSEZIA DEL SUD, CHE TUTTI HANNO GIÁ DIMENTICATO! Anche lí i russi entrarono in forze in Georgia nel 2008, per "proteggere i russofoni"! Che bas*ardi! Proprio come hitler in cecoslovacchia con "tedescofoni" dei monti Sudeti...

eloi

Ven, 13/02/2015 - 10:56

MSG-90 Non sto parteggiando per alcuno. Mi ha fatto piacere che ci sia qualcuno che conosce la storia della rivoluzione sovietica e possa anche darmi una lezione in merito. Lezione è intesa verso un maggior approfondimento. Grazie. Preciso non sono uno studioso, di fatti storici. Sono semplicemente curioso come un bambino di ben ottantaquattro anni, ed a questa veneranda età l'unica cosa che in me è ancora in perfetta efficenza è la centralina.

eloi

Ven, 13/02/2015 - 11:06

MSG-90 Ritorno sull'argomento semplicemente per farLe conoscere, quando andavo a scuola si doveva leggere quello che il regime imponeva, ed alla sua caduta gli argomenti storici del vetesimo secolo erano solo sfiorati.

Ritratto di MSG-90

MSG-90

Lun, 16/02/2015 - 18:09

@Eloi... Anche se, SINCERAMENTE, non credo affatto ai suoi 84 anni (puó prenderlo come un grosso complimento, se vuole...), le assicuro che quando andavo a scuola io (negli anni 70) dovevamo cantare L'INNO NAZIONALE ITALIANO, SOTTOVOCE... Perché se qualcuno ci avesse sentito, ci avrebbero additato come "fascisti"... Anche se di circa 6/7 anni di etá... Come vede, il lupo (Italia...) perde il pelo, ma non il vizio... ;-) P.S. - Gliene auguro altri 84!