Davigo: "I politici rubano di più. E non si vergognano"

Il presidente dell'Anm, Piercamillo Davigo, tuona contro la corruzione

I politici "non hanno smesso di rubare; hanno smesso di vergognarsi. Rivendicano con sfrontatezza quel che prima facevano di nascosto. Dicono cose tipo: "Con i nostri soldi facciamo quello che ci pare". Ma non sono soldi loro; sono dei contribuenti". Lo afferma al Corriere della Sera, Piercamillo Davigo, presidente dell'Anm, spiegando che "prendere i corrotti è difficilissimo. Nessuno li denuncia, perché tutti hanno interesse al silenzio: per questo sarei favorevole alla non punibilità del primo che parla. Il punto non è aumentare le pene; è scoprire i reati. Anche con operazioni sotto copertura".

Alla domanda se quindi si ruba più di prima, Davigo spiega: "Si ruba in modo meno organizzato. Tutto è lasciato all'iniziativa individuale o a gruppi temporanei. La corruzione è un reato seriale e diffusivo: chi lo commette, tende a ripeterlo, e a coinvolgere altri. Questo dà vita a un mercato illegale, che tende ad autoregolamentarsi: se il corruttore non paga, nessuno si fiderà più di lui. Ma se l'autoregolamentazione non funziona più, allora interviene un soggetto esterno a regolare il mercato: la criminalità organizzata". Dopo Mani Pulite, prosegue Davigo, "hanno vinto i corrotti, abbiamo migliorato la specie predata: abbiamo preso le zebre lente, le altre sono diventate più veloci". A fermare quel pool "cominciò Berlusconi, con il decreto Biondi; ma nell'alternanza tra i due schieramenti, l'unica differenza fu che la destra le fece così grosse e così male che non hanno funzionato; la sinistra le fece in modo mirato. Non dico che ci abbiano messi in ginocchio; ma un pò genuflessi sì". Il governo Renzi? "Fa le stesse cose - dice Davigo -. Aumenta le soglie di rilevanza penale. Aumenta la circolazione dei contanti, con la scusa risibile che i pensionati non hanno dimestichezza con le carte di credito".

Sulla responsabilità civile dei magistrati, il presidente dell'Anm parla di norme ridicole: "L'unica conseguenza è che ora pago 30 euro l'anno in più per la mia polizza: questo la dice lunga sulla ridicolaggine delle norme. Tutti abbiamo un'assicurazione. Non siamo preoccupati per la responsabilità civile, ma per la mancanza di un filtro. Se contro un magistrato viene intentata una causa, anche manifestamente infondata, gli verrà la tentazione di difendersi; ma così non farà più il processo, e potrà essere ricusato. È il modo sbagliato per affrontare un problema serio: perché anche i magistrati sbagliano". Sul rapporto tra toghe e Palazzo, Davigo osserva: "I magistrati avendo guarentigie non sono abituati al criterio di rappresentanza: per questo sovente sono pessimi politici". Poi nel pomeriggio, intervenendo a Pisa, Davigo ha rincarato la dose: "Dire che i magistrati devono parlare solo con le loro sentenze equivale a dire che devono stare zitti. Le avete mai lette le sentenze? - ha ironizzato Davigo parlando del presunto protagonismo dei magistrati - è come quando sui giornali di provincia qualche volta c’è il pescatore che ha pescato un luccio enorme. Io dico: è il pescatore affetto da protagonismo o è il luccio che è enorme?". E ancora: "La classe dirigente di questo Paese quando delinque fa un numero di vittime incomparabilmente più elevato di qualunque delinquente da strada e fa danni più gravi". E alle parole di Davigo ha risposto il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini: "Le dichiarazioni del presidente Davigo rischiano di alimentare un conflitto di cui la magistratura e il Paese non hanno alcun bisogno tanto più nella difficile fase che viviamo nella quale si sta tentando di ottenere, con il dialogo ed il confronto a volte anche critico riforme, personale e mezzi per vincere la battaglia di una giustizia efficiente e rigorosa, a partire dalla lotta alla corruzione e al malaffare". E sullo scontro tra Davigo e il governo sono arrivate diverse reazioni dalla politica.

"Conosco e stimo il presidente Anm. Lo incontrerei volentieri e lo incontrerò. Mi piacerebbe che da parte sua ci fossero considerazioni più circonstanziate. Io sono un politico, mi sono candidato la prima volta nel '93 e in 23 anni non ho mai rubato una lira né sono mai stato processato o indagato per aver rubato una lira". Così il leader della Lega Matteo Salvini, inaugurando la sede romana del partito, risponde a chi gli chiede un commento all'accusa di Pier Camillo Davigo . "Colui che rappresenta i magistrati non può permettersi di dire 'i politici, i tassisti rubano e le maestre picchiano i bambini. Ci sono politici che rubano e maestre che picchiano i bambini, ma altri no. Ci sono tantissimi giudici che fanno il loro lavoro e altri che non fanno una mazza dalla mattina alla sera. Lo incontrerò, potremo fare delle battaglie comuni". Poi nel pomeriggio Davigo ha rincarato la dose intervenendo a Pisa: "Dire che i magistrati devono parlare solo con le loro sentenze equivale a dire che devono stare zitti. Le avete mai lette le sentenze? - ha ironizzato Davigo parlando del presunto protagonismo dei magistrati - è come quando sui giornali di provincia qualche volta c’è il pescatore che ha pescato un luccio enorme. Io dico: è il pescatore affetto da protagonismo o è il luccio che è enorme?". E ancora: "La classe dirigente di questo Paese quando delinque fa un numero di vittime incomparabilmente più elevato di qualunque delinquente da strada e fa danni più gravi". Le sue parole hanno scatenato le reazioni della politica.

"Quello di Davigo è un maldestro tentativo di alimentare un inedito e violento scontro tra istituzioni. Non mi sembra ci siano altre parole per commentare le prime sortite del fresco leader dell'Anm, prima sul Fatto e oggi sul Corriere della sera. Le sue dichiarazioni sono eufemisticamente poco responsabili e gli effetti potrebbero essere devastanti qualora ci si lasciasse trascinare in quella direzione". Lo ha detto Antonio Leone, componente laico del Csm in quota Ncd. "Additare indiscriminatamente tutti i politici come ladri - ha precisato Leone - può sicuramente innescare reazioni a catena. Ad esempio i politici potrebbero dire 'come mai l'auspicio di Davigo sul fatto che sia la stessa classe politica a cacciare i corrotti prima ancora che venga celebrato un processo, non lo si usa anche per i magistratì? I politici potrebbero ancora chiedersi perché "ci sono magistrati che, pur condannati e che scontano la pena in galera, continuano a percepire lo stipendio a spese degli italianì? Giacobinismo per giacobinismo vale per tutti. Ma tant'è. La struttura democratica di questo Paese - ha concluso Leone - mi sembra più matura di molti rappresentanti, magistrati e non, e ci auguriamo che le parole di Davigo restino il solito e banale metodo per raggiungere il massimo della visibilità. Questo non significa derubricare la gravità di certe affermazioni".

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 22/04/2016 - 09:18

Sempre che quanto leggiamo sui giornali sia esatto, il numero di "inquisiti" nel mondo della politica e le conseguenti percentuali sono allucinanti. Che poi la lezione ci giunga proprio da un rappresentante della magistratura è addirittura avvilente, mentre il Quirinale al riguardo tace, da sempre. Così è se vi pare: Pirandello docet.

Kamen

Ven, 22/04/2016 - 09:30

mani pulite non indagò,come avrebbe dovuto,sulla corruzione sinistra.Ora, che la sinistra è al potere,vorrei sapere come fa a vergognarsi.

Cheyenne

Ven, 22/04/2016 - 09:52

il problema non è che i politici dall'umile consigliere di quartiere al grado più alto rubino di più. Il problema è che rubano tutti (compresi i magistrati) dall'usciere fino al presidente della multinazionale

Cheyenne

Ven, 22/04/2016 - 09:54

non si vergognano perchè non esiste più etica e perchè sanno che, ammesso siano condannati, non faranno un giorno di galera. Per tutti ha pagato cuffaro condannato ingiustamente e esemplare detenuto

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Ven, 22/04/2016 - 10:04

E perché dovrebbero vergognarsi? Ci si vergogna se dall'altra parte c'è chi si indigna. Che io sappia noi italiani non ci indigniamo con i fatti, ma solo con le parole, e le parole volano e non fanno paura a nessuno, anche perché, lor signori sanno di essere venerati e omaggiati, non appena mettono il naso fuori dalla finestra. Il giorno in cui noi italiani ci renderemo conto che quella gentaglia l'abbiamo messa noi lì, allora capiremo che possiamo anche toglierla di lì.

Dordolio

Ven, 22/04/2016 - 10:21

Pensavo di scrivere un commento su quel che fu Mani Pulite. Niente di insultante, solo una valutazione personale. Misurata. Ponderata. Con riscontri. Dopo aver soppesato però la "geometrica potenza" di chi potrebbe leggerla ho ritenuto opportuno recedere (dopo aver letto quel che dice questo personaggio). E forse mi sono già allargato troppo...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 22/04/2016 - 10:37

Finalmente uno che parla chiaro, senza interminabili sillogismi e metafore. Amici e kompagni, mala tempora currunt!

Mechwarrior

Ven, 22/04/2016 - 10:38

Il vostro amato stato produce dai 60 ai 100 miliardi tra corruzione e concussione e poi dice di non avere i soldi per aumentare le pensioni minime.

unosolo

Ven, 22/04/2016 - 10:41

un continuo furto è che non pagano la ritenuta IRPEF su tutte le entrate e si parla di diversi milioni se non miliardi x anno , quindi come mai nessun organo pretende di dargli pagare il giusto ? se non è fattibile allora lo stesso trattamento di miglior favore deve essere esteso a tutti i cittadini nessuno escluso sia che guadagni mille euro x anno che centomila al giorno. le tassa tutti devono pagarle per intero non può esistere esente per legge come si sono creati i parlamentari. ladri tutti ladri e correi.,

giovauriem

Ven, 22/04/2016 - 10:43

stando a quello che dice davigo , presumo che la giustizia(!?) e le forze investigative(!?) all' italia e agli italiani non servono più e dunque vanno aboliti , ormai "origliare" via telefono , non serve più ? i politici hanno imparato la lezione di provenzano (o a viva voce o a pizzini) e la risposta che sa dare la magistratura è l'inquisizione ,la caccia alle streghe e il rogo ?

giovauriem

Ven, 22/04/2016 - 10:51

dimenticavo : le guarentigie dei magistrati ,oggi , sono uguali al giuramento di ippocrate dei medici , ogni uno fa come meglio gli conviene .

Vera_Destra

Ven, 22/04/2016 - 11:11

Del cosiddetto Pool di Mani Pulite, Davigo è sempre stato quello per cui avevo più simpatia. Moderato, pare di destra, contrarissimo ai magistrati che passano dalla toga alla carriera politica (frecciatina all'ex collega Di Pietro), duro e intransigente quando si tratta di far rispettare la legge senza tante storie. Ha le sue idee, come tutti discutibili. Nell'intervista al Corriere, ne ha un po' per tutti (da Berlusconi a Renzi) e dice alcune cose francamente condivisibili (tipo che in Italia servirebbero più carceri o che ci sono troppi appelli)

billyserrano

Ven, 22/04/2016 - 11:13

Condivido (almeno in gran parte) Davigo, ma allora perchè non dice ai suoi colleghi di fare in fretta i processi con condanne esemplari e senza sconti di pena (cosa che fanno sempre), e non immischiarsi e perdere tempo con la politica?

sailor61

Ven, 22/04/2016 - 11:17

I magistrate sono tutti santi, gli arbitrate, le cariche nei vari enti, sono tutte legali e non sono fonte di pressioni e di camorrie? La smetta di raccontare le favole, non faccia il politico ma solo il magistrato che applica la legge e non la interpreta a suo comodo!

Dordolio

Ven, 22/04/2016 - 11:30

Davigo dovrebbe leggere in pubblico la lettera di commiato alla famiglia che Gabriele Cagliari, imputato in Mani Pulite, scrisse prima di suicidarsi. Tale lettera andrebbe incisa nel marmo e sostituita alla frase "La legge è uguale per tutti" che campeggia nelle aule dei tribunali. E sempre tale lettera dovrebbe essere recitata A MEMORIA E PUBBLICAMENTE da ogni giudice prima di emettere una sentenza, altro che "in nome del popolo italiano"....

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 22/04/2016 - 11:55

Questo è un piccolo Vischinskj, peggio di violante

Rossana Rossi

Ven, 22/04/2016 - 11:56

E' vero....ma nell'italietta pd c'è l'impunità per tutti i potenti........

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 22/04/2016 - 12:05

ecco! alle parole vogliamo il seguito, ossia i fatti: perché non mettere una fila di cellulari dei carabinieri sotto Montecitorio, e filmare la fila di deputati con le manette ai polsi? :-)avanti, vogliamo vedere qualcosa del genere! uno sputtanamento mondiale del PD e del governo italiano, per colpa di certi vergognosi sistemi....

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 22/04/2016 - 12:09

Grazie Davigo. Grazie di cuore. Che Dio ti benedica.

maurizio50

Ven, 22/04/2016 - 12:15

Una cosa è certa e condivisibile: un tempo i politici , quando rubavano, cercavano di nascondersi o di dissimulare quel che facevano! Ora non più! Con la storia della liceità del passaggio dall'opposizione a chi governa, realizzato dalla sinistra,(l'avesse fatto il Berlusca, sai le legnate), ora quei politici che sono necessari alla sopravvivenza del governo rubano in modo sfacciato e te lo dicono in faccia che loro lo fanno perchè possono. E' una conquista della sinistra al governo!!!!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 22/04/2016 - 12:16

Anche i magistrati riciclatisi nella politica?

Dordolio

Ven, 22/04/2016 - 12:34

Me lo pubblicate? Un periodo della lettera di Cagliari prima di suicidarsi: "Siamo cani in un canile dal quale ogni procuratore può prelevarci per fare la sua propria esercitazione e dimostrazione che è più bravo o più severo di quello che aveva fatto un’analoga esercitazione alcuni giorni prima, o alcune ore prima. Anche tra loro c’è la stessa competizione o sopraffazione che vige nel mercato, con la differenza che, in questo caso, il gioco è fatto sulla pelle della gente. Non è dunque possibile accettare il loro giudizio, qualunque esso sia. Stanno distruggendo le basi di fondo e la stessa cultura del diritto, stanno percorrendo irrevocabilmente la strada che porta al loro Stato autoritario, al loro regime della totale asocialità. Io non ci voglio essere."

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 22/04/2016 - 12:36

Siamo ormai alla certificazione della disonestà della classe politica. Una sorta di sottoscrizione di quanto abbiamo letto sui giornali e l'esplicita "condanna" di un sistema che trionfa a spese del popolo bue. Purtroppo la denuncia di Davigo cadrà nel nulla, subito ignorata e presto dimenticata, perché tutto resti come prima. Ripeto: "così è se vi pare".

PAOLINA2

Ven, 22/04/2016 - 12:37

Ha scoperto l'acqua calda!! Se tutti si fanno la guerra x una poltrona addirittura a livello comunale ci sara' un motivo, sicuramente non lo fanno x il bene dei cittadini. Ricordatevi il proverbio milanese: chi sale sullo scagn o spusa o fa dagn!!!

giovanni PERINCIOLO

Ven, 22/04/2016 - 12:49

....."perchè anche i magistrati sbagliano"... Nessun dubbio in merito, la differenza tra loro e il comune cittadino é che quest'ultimo paga mentre il magistrato grazie alla "autoregolamentazione", che Davigo ritiene giustamente deleteria e condannabile per il politico ma non per la casta, non paga praticamente mai!

giovanni PERINCIOLO

Ven, 22/04/2016 - 12:56

Gli appelli e contro-appelli sono sicuramente un male da estirpare ma credo che si tratti sopratutto di un male tipicamente italiano perché la stragrande maggioranza degli appelli, se non vado errato, viene fatta da magistrati che non accettano sconfitte mentre in moltissimi altri paesi l'appello esiste solo per l'imputato e non già per il magistrato!

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 22/04/2016 - 13:08

La corruzione c'è dove ci sono i soldi e siccome è lo Stato ad averli e a elargirli, poiché li prende e/o rapina (a seconda dei punti di vista) con le tasse, basterebbe diminuire drasticamente quest'ultime per ridurre anche la corruzione.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 22/04/2016 - 13:08

CERTO; CHE DAVIGO HA RAGIONE SE LUI DICE CHE I POLITICI RUBANO SENZA VERGOGNARSI; MA PERCHE I MAGISTRATI NON MANDANO IN GALERA I 414 INDAGATI DEL PDPCI CHE SONO INDAGATI IN TUTTA ITALIA?; PERCHE GENTE COME I PENATI! DEBENEDETTO! D;ALEMA! BERSANI! CIALENTE! BURLANDO É BASSOLINO SONO ANCORA IN LIBERTÁ?;MA DAVIGO SI RENDE CONTO CHE I 30 PIU GRANDI SCANDALI IN ITALIA SONO OPERA DEL PDPCI?! É CHE SONO I SUOI COLLEGHI MAGISTRATI CHE HANNO PROTETTO É PROTEGGONO ANCORA PARLAMENTARI DEL PDPCI CHE IN ALTRI PAESI SAREBBERO GIA IN GALERA DA DECENNI?! I SCANDALI COME MPS! ANTONVENETA; MOSÉ; UNIPOL;ROMA CAPITALE; MISSIONE ARCOBALENO;LE MAZZETTE D;AQUILA ETC...ETC... PORTANO UNA SOLA FIRMA IL PDPCI!IL "PARTITO DELINQUENTI" NUMERO1!.

Una-mattina-mi-...

Ven, 22/04/2016 - 13:14

E' una guerra, e come tutte in tutte le guerre la selezione porta a far sopravvivere SEMPRE i peggiori, salvo qualche raro fortunato. I primi a cadere sono gli EROI, poi i GENEROSI, fra i rimanenti la regola è sopravvivere a tutti i costi, ma raccontare favole da eroi e generosi ai posteri.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 22/04/2016 - 13:16

@Dordolio (12:34) Stai dicendo le stesse cose che dicono i politici e da questo si deduce che campi alla stessa greppia. Non il tuo post non merita alcun commento. Si commenta da sé.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Ven, 22/04/2016 - 13:20

Non si vergognano perché non hanno dignità ... sono personaggi che fanno i politicanti solo per arraffare. La responsabilità (e colpa) è anche della direzione dei partiti che per "numero" accoglie tutti senza verifiche ed accertamenti.

Ritratto di etasrl

etasrl

Ven, 22/04/2016 - 13:23

il problema fondamentale non è l'onestà ma le capacità professionali adeguate al ruolo che OSANO PRETENDERE DI RICOPRIRE. l'onestà è solo una logica marginale conseguenza che direi insignificante,è molto improbabile che persone veramente capacy siano anche ingorde e se per caso lo sono è solamente un neo tollerabile:il costo per tentare di azzerare anche queste piccole devianze è infinitamente maggiore del danno alla collettività.

geronimo1

Ven, 22/04/2016 - 13:38

Si d' accordo, ma voi magistrati sembrate un po' soporiferi (a parte dichiarazioni "orali" (alla Monica Lewiski) che si fermano li'.......).. Mentre a provare a mettere "dentro" Berlusconi vi siete mossi decisamente da subito anzi da SUBITISSIMO (cfr. avviso di Napoli nel '94...!!!) Pertanto basta parole per "finta imparzialita'" e basta "ammuina" come si faceva nel Regno di Napoli..... Ritengo che con gli ultimi eventi un governo Berlusconi sarebbe stato collettivamente arrestato (e poi si vedra'......).....

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 22/04/2016 - 13:45

Ecco in sintesi quant'e' successo dopo Mani Pulite. I politici sono diventati tutti berlusconiani.

egi

Ven, 22/04/2016 - 13:47

Se invece di aver chiuso l'occhio, naturalmente sinistro, facevate il vostro dovere, forse un'Italia meno ladra ora potevamo avercela, VERGOGNATEVI BUFFONI

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Ven, 22/04/2016 - 13:51

Egregio Dottor Davigo, vero è che i politici rubano più di prima. E' anche vero che hanno smesso di vergognarsi o preferirei dire che non lo hanno mai fatto. Ma sorge spontanea una domanda: mi aiuti a ricordare quando, la Sua categoria, avendo toppato inchieste, rovinato persone, distrutto vite in nome di teoremi farlocchi, si è vergognata ed ha chiesto scusa. Se ha un SOLO ESEMPIO a confutazione di quanto espongo, Le sarei grato se me lo citasse. Di contro, potrei fare una lista lunghissima. In attesa porgo cordiali saluti. Dalton Russell.

torquemada63

Ven, 22/04/2016 - 14:06

credo che questo dimostri appieno che anche la magistratura ha fallito, visto che non solo non è riuscita a debellare o limitare la corruzione, ma ha adirittura permesso che aumentasse, questo dimostra ulteriormente che l'intento non era colpire la corruzione, ma gli avversari politici della sinistra.

roliboni258

Ven, 22/04/2016 - 14:12

questo magistrato ha la memoria corta,mani pulite indagarono solo quelli di destra, e vuole l'Italia pura, se vedemo

Ritratto di blackeye

blackeye

Ven, 22/04/2016 - 14:27

Se potessimo rivoltare la magistratura come un calzino, alla pari di quello che la magistratura stessa vorrebbe fare della politica, certamente ne vedremmo e....sentiremmo delle belle!!! Ma nella fattispecie l'immunità è ben lungi da essere cancellata, anche se di fatto esistente.

cicero08

Ven, 22/04/2016 - 14:35

ma dei tanti fenomeni di malversazione e di corruttela che, sempre più spesso, vedono protagonisti magistrati in servizio non ha detto nulla???

carpa1

Ven, 22/04/2016 - 14:37

".. A fermare quel pool "cominciò Berlusconi, con il decreto Biondi". Ma quale pool? Ah sì, quello che fece sparire la classe dirigente di tutti i partiti tranne uno! Ed ora si meraviglia di quello che succede, guarda caso, proprio dopo anni di governi di quella sx, che era stata graziata, e che sarebbero quelli puri e che pretendono di isegnare agli altri? Sì, insegnare come si può rubare: basta tenersi buona quella magistratura di sx che dovrebbe (secondo, più che la costituzione, il buon senso) essere completamente estranea alla politica proprio per non favorire, ma neppure dare l'impressione di farlo, l'una o l'altra parte. Lasci da parte quindi l'ipocrisia e ci spieghi invece perchè da allora è stata caccia a tutti coloro che puzzavano di cdx mentre la sx ha continuato, con la palese copertura della magistratura rossa (l'unica efficiente in Italia), a comportarsi esattamente come prima.

Tommaso123

Ven, 22/04/2016 - 14:38

la corruzione come un vizio, una volta toccato diventa irresistibile ed e molto difficile da scardinare pur riuscendo a svincolarsi, come dice si deve infrangere quella regola di mercato, si rischia di essere espulso da questa cerchia per difendere quei interessi a silenzio, invece se prendiamo questi corrotti sulla superficia, altri sicuramente diventano piu discreti e veloci, credo che l'unico modo efficace sia trovare la fonte di questo filo.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Ven, 22/04/2016 - 14:42

Davigo, contro i "normali" cittadini viene intentata normalmente causa e vengono tenuti 10 anni sulla graticola, ma riescono a difendersi, magistratura permettendo, continuando a lavorare!!

Beaufou

Ven, 22/04/2016 - 14:53

Se è per quello, Davigo, non solo i politici. Lei che è una persona seria, che dice degli stipendi pagati a magistrati-flop come De Magistris, Ingroia e Woodcock? Ci dica...ci dica. Non le solite banalità, però: quelle le sappiamo già.

gedeone@libero.it

Ven, 22/04/2016 - 15:03

E' vero, i politici rubano come e più di prima. Ma, caro Davigo, l'elargizione del suo grosso, grasso stipendio che il Popolo Italiano le ha fatto e fa tuttora, che cosa ha portato??? Con mani pulite dovevate """rigirare l'Italia come un calzino""" e se questi sono i risultati avete fallito alla grande. A quando un po di autocritica???

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 22/04/2016 - 15:22

E' come nei furti in casa, chi ci rimette è il proprietario non il delinquente. Ormai sanno che prima o poi saranno tutti scagionati.

Perlina

Ven, 22/04/2016 - 15:39

Chissà perché sig. Davigo. Forse perché eravate in altre faccende affaccendati? Non so se ridere o piangere.

agosvac

Ven, 22/04/2016 - 15:39

Egregio davigo, lei dice di pagare un'assicurazione contro le eventuali "azioni civili". E fa bene! Ma il vero problema della magistratura italiana di cui lei fa parte non è la responsabilità civile bensì quella penale. Temo che per quella non esista assicurazione!!!!! I magistrati che sbagliano , siano essi Pm o giudici, devono essere responsabili anche penalmente, così, forse, sarebbero più attenti nell'inquisire o giudicare!!!

tonipier

Ven, 22/04/2016 - 15:43

" BISOGNA INDAGARE SU DETERMINATE PROCURE" BISOGNA INDAGARE SU DETERMINATI GIUDICI....... ( IL SOTTOSCRITTO NE CONOSCE DIVERSI) la prevenzione di soprusi giudiziari potrà essere seriamente realizzata se si farà luogo all'opera di bonifica sociale diretta a soffocare i focolai di corruzione che insidiano e corrodono i poteri pubblici.

Trinky

Ven, 22/04/2016 - 15:44

ma dove stava lui quando il pool di mani pulite inquisiva tutti tranne quelli di sinistra?

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 22/04/2016 - 15:44

INVECE I MAGISTRATI SONO TUTTI PROFESSIONALI, ONESTI E SANTI...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 22/04/2016 - 15:47

Ma gli stipendi dei magistrati non sono collegati con quelli dei parlamentari????E poi è possibile che tutti prima di andare in pensione passano presidenti??? Perchè???? Per che cosa??????Questo lo sanno tutti.

settemillo

Ven, 22/04/2016 - 15:57

Dopo aver letto l'articolo e relativi commenti, NON c'è altro da dire, tranne sottolineare che il pesce PUZZA dalla coda fino alla testa; in parole povere : ITALIETTA RIDOTTA A PATTUMIERA DEL MONDO! Quanto marciume dovremo aspettarci ancora? MASSA DI FARABUTTI & LADRI!

PorcaMiseria

Ven, 22/04/2016 - 16:06

Non è dopo mani pulite che "per volere della sinistra, dei PM e dei giudici di oggi" dopo aver spazzato via la prima repubblica, è stata inserita questa gente "definita dalla sinistra" i migliori senza macchia, gente del popolo per il popolo!

odifrep

Ven, 22/04/2016 - 16:13

Il mio commento è riportato di seguito all'articolo del dott. Sergio Rame - Sab, 09/04/2016 - 20:51 Davigo nuovo presidente Anm: "Dialogo ma vogliamo rispetto" Il magistrato in pole per la presidenza dell'Anm avverte Renzi: "Quel 'brrr che paura' non mi è piaciuto per niente" odifrep=========================================================== Dom, 10/04/2016 - 00:29 Quindi, l'allora Ministro della Salute, DE LORENZO, ebbe ragione nel dire:""un giorno ci rimpiangerete"". La conferma di : si stava meglio quando si stava peggio.

Giorgio1952

Ven, 22/04/2016 - 16:21

In Italia ci vorrebbe un super commissario e un direttorio con ampi poteri, in modo tale da poter condannare i ladri a tutti i livelli, dai politici in primis ma anche gli impiegati pubblici disonesti, che dopo aver timbrato il loro cartellino e quello di altri, si fanno gli affari loro, quelli che prendono le pensioni da finto invalido e i medici che lo hanno certificato, etc.etc. Non devono andare in galera ed essere ancora mantenuti, devono restituire il mal tolto.

unosolo

Ven, 22/04/2016 - 16:30

bene esiste ancora qualcuno che pensa bene dei politici ? i fatti dimostrano che sono ormai al massimo della perfezione , non risultano indagati , sono nullatenenti , ma hanno fondazioni che coprono , forse , qualche movimento strano , oppure sanno come non figurare negli illeciti , comunque confido nelle GdiF ormai esperta e presto ne troveranno di canali che vengono usati da persone al comando ,

tonipier

Ven, 22/04/2016 - 16:30

" UNA BARRIERA DI COPERTURA PER NON FAR CADERE IL POTERE CORROTTO GIUDIZIARIO"

honhil

Ven, 22/04/2016 - 16:45

Il lavoro del magistrato dovrebbe essere un lavoro come un altro. Attaccamento al lavoro, onestà intellettuale, rispetto delle persone, senso di servizio e autodisciplina dovrebbero, più che in ogni altra professione, poi, sempre fare parte del suo paniere professionale. Come dire, quasi tutto il contrario di quello che fanno trapelare le sue dichiarazioni e la sua sicumera. Non per niente, mentre sotto gli occhi di chi legge, scorrono i concetti, in sottofondo, sembra di sentire come una cantilena: ed è così "Perché io so io e voi non siete un cxxxo". Copyright Marchese del Grillo.

CALISESI MAURO

Ven, 22/04/2016 - 16:55

Mani pulite servi a far fuori un sistema di potere non piu' congeniale al nuovo programma, per questo l'abbruzzese se ne ando in America. Fu scelto il gruppo piu' affamato di poltrone e sopprattutto piu' organizzato sul territorio.... dovevano depredare la Nazione.. qualcuno doveva fare il lavoro sporco.. poi incidentalmente si sono trovati il Berlusca fra le palle:))) di li e' iniziato il dramma /// alla fine hanno vinto ed e' rimasto un campo di sterpaglie. Davigo dove era a quel tempo e non se ne era accorto? Cos'e un altro Mortadella che ha sentenziato sul fallimento dell'euro da lui voluto... 15 anni dopo? Almeno l'Innominato si penti delle sue malefatte... ahh altri tempi:))

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 22/04/2016 - 16:59

ESISTE NEL MONDO UN PAESE DOVE NON C'E' CORRUZIONE? SE SI CERCHIAMO DI COPIARE IL SISTEMA DI QUEL PAESE.

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 22/04/2016 - 17:01

I POLITICI RUBANO E I GIUDICI INVECE NON FANNO UNA MAZZA E SONO SUPER PAGATI. IN PRATICA SONO DUE RAZZE SCHIFOSE.

macchiapam

Ven, 22/04/2016 - 17:02

Il distinto dr. Davigo si mostra in linea colla casta a cui appartiene: i politici sono ladri, mentre (sottinteso)i distinti magistrati tentano di salvare il salvabile. Non è così! Può darsi che a livello politico avvengano rubalizi; ma a livello di magistratura impera ormai l'ignoranza, generalmente culturale e giuridica; e questo condiziona malamente l'intero sistema, perchè al malcostume politico si può far argine, ma niente può farsi a riguardo dell'impreparazione dei magistrati.

Dordolio

Ven, 22/04/2016 - 17:08

@tempus fugit. Se a te piace il superpotere di soggetti non eletti che non solo fanno parte di una casta, ma sono arrivati al punto di essere solo un piccolo gradino al di sotto di dio dillo chiaramente. Ma quale "greppia dei politici". Qui abbiamo dei NON ELETTI di un'arroganza assoluta che i "politici" sono abituati a farli e a disfarli a loro piacimento. E solo per aver superato (parola grossa...) un concorso! E riescono a farlo con la semplice firmetta su un foglio. I fatti recenti riguardanti Mastella e molti altri non ti dicono niente? E non sono certo miei amici....

Ritratto di michageo

michageo

Ven, 22/04/2016 - 17:23

cito: Davigo: "I politici rubano di più. E non si vergognano" sono d'accordo con lui, però ha dimenticato di aggiungere " con il complice silenzio, se non addirittura, con la malcelata connivenza (concorso esterno...) di certa parte della magistratura....

Duka

Ven, 22/04/2016 - 17:24

Ha ragione e lo sappiamo tutti tuttavia continuiamo a farci derubare . SE NON SIAMO COGL... CHE COSA SIAMO ????

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 22/04/2016 - 17:25

Paolina2 12e37, carissima ,se non conosci i proverbi,NON scriverli,o perlomeno prima chiedili alla tua amica conviene!!!lol lol Se vedum. PS Su Davigo ho l'impressione che voglia RIFARSI una verginità che ha perso ai tempi del famoso KOMPAGNO G.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 22/04/2016 - 17:35

Il furto e la corruzione sono connaturati al politico italiano. Lo dicono le statistiche mondiali non un italiano. Parlare di destra centro o sinistra non ha senso. Quando la politica è marcia è marcia tutta. Insomma chi in Italia vuol far politica deve essere considerato aspirante ladro sino a prova contraria. La democrazia bisogna meritarsela. Noi non ce la meritammo.

Dordolio

Ven, 22/04/2016 - 17:36

Cerchiamo di capirci: nessuno difende i politici. Ma è indifendibile anche chi - con determinati trascorsi (Mani Pulite docet) - pretende di essere credibile nel dare lezioni, e di abbandonarsi a roboanti intemerate. Com'è che i comunisti all'epoca la scamparono TUTTI MA PROPRIO TUTTI? Eh, già.... si fermarono al Greganti.... E Di Pietro disse qualcosa come "Ehhh... che ci volete fare... non parlava..."

gurgone giuseppe

Ven, 22/04/2016 - 17:37

Però guardar dentro la Magistratura no, vero DaVigo? La politica è una guerra di bande, ma anche tutto ciò che è Statale, tutto ciò che è amministrazione Pubblica, compresa la Magistratura, è privilegio e corruzione. Quindi non facciamo gli strabici.

PDIsla§

Ven, 22/04/2016 - 17:51

"L'unica conseguenza è che ora pago 30 euro l'anno in più per la mia polizza: questo la dice lunga sulla ridicolaggine delle norme." LORO NON SBGLIANO MAI,E SE DEVONO RISARCIRE?CON UNA RATA ANNUALE DI ASSICURAZIONE PAGANO SOLO IL CAFFE'.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Ven, 22/04/2016 - 17:53

@tempus_fugit_888: il postato di Dordolio, che non devo difendere, si riferisce al 1993, anno in cui, Gabriele Cagliari, si suicidò a San Vittore, dopo 4 mesi di carcerazione preventiva, per il caso Enimont. Lei, all'epoca, quanti anni aveva? Oppure parla solo per partito preso? Vuole la lista completa dei suicidi avvenuti in seguito alla detenzione preventiva? Saluti. Dalton Russell.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Ven, 22/04/2016 - 18:03

Embè? Anche voi rubate i soldi delle vittime dei criminali quando condannate cittadini e poliziotti per bene a risarcire criminali che rubano e delinquono. E non vi vergognate? Sono decenni che indagate solo su Berlusconi e vanno in prescrizione tutte le tangenti rosse. E non vi vergognate? Non rispondete di nulla a nessuno. E non vi vergognate? La legge vale per tutti tranne che per i magistrati?

brunog

Ven, 22/04/2016 - 18:04

Questa classe politica e' il risultato dell'operato della magistratura politicizzata come la procura di Milano. Eliminare con la giustizia una parte della classe politica per spianare la strada alla parte opposta. Adesso che la sinistra si e' rivelata per quello che e' e la magistratura ha perso credibilita' di fronte alla cittadinaza, ecco il nuovo profeta erigersi a paladino della legalita'. Caro Davigo, un ex presidente della ANM di infausta memoria disse "non ci sto", pure io dico "non ci sto" perche' dalla storia recente devo dedurre che sia dei politici che dei magistrati di fiducia ne ho poca.

Ritratto di Chichi

Chichi

Ven, 22/04/2016 - 18:19

Il signor Davigo, già noto dai tempi di mani pulite, non si smentisce. Lui non giudica; pre-giudica. Le sentenze le proferisce prima ancora che ci sia un processo. A personaggi del genere la carriera giudiziaria dovrebbe essere preclusa. Non sa cosa sia la presunzione d’innocenza fino a prova contraria provata.

sergione41

Ven, 22/04/2016 - 18:23

Esternazione palesemente populistica. Però, però....... Guardare in casa proprià Dalton.russell? Dimmi chi è che lo fa! Basta leggere i post di questo sito per avere la conferma che la massa ha sempre puntato il dito contro gli altri accusando gli avversari delle stesse cose che sono nascoste nei loro armadi.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 22/04/2016 - 18:29

E' vero. Solo che se durante mani pulite avessere fatto una vera pulizia mandando in galera quella massa di ladri del pci forse oggi le cose sarebbero diverse. Ma li hanno graziati per avere una sponda politica, e ora piangono? Tanto per non smentirsi penati l'hanno graziato l'altro ieri. Si facciano un esame di coscienza.

swiller

Ven, 22/04/2016 - 18:36

Solo una parola a dimenticato TUTTI ipolitici rubano.

Ritratto di RubinRomario

RubinRomario

Ven, 22/04/2016 - 18:40

"I politici rubano di piú e senza pudore..." E allora egr. Davigo come lo spiega lei agli italiani che non ce n'é uno solo in carcere? Stanno tutti ai domiciliari e neanche una lira restituita? Lei, Davigo, come tutti quelli della sua casta, vi fate sentire solo quando qualcuno mette in pericolo i vostri privilegi (cinquanta giorni all'anno i tribunali chiusi e la gente in carcere ad aspettare che tornate dal mare), i vostri stipendi, pensioni, vitalizi e "premi produzione" milionari... intanto che piú di un milione di processi ancora senza sentenza e poi mi parlate di prescrizione? E quando qualcuno si lamenta... la solita tarantella dei morti sul lavoro, perché negli altri settori non ce ne sono mai stati? E quanti hanno avuto Giustizia? I morti per l'amianto del vostro amico svizzero ancora gridano vendetta. Caro Davigo, abbiate piú rispetto per i cittadini italiani dal momento che l'Italia sono loro e non i politici e neanche voi.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 22/04/2016 - 18:54

Torquemada...chi era costui? Soprattutto, chi era costui in confronto a Davigo?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 22/04/2016 - 18:55

Piercamillo Davigo, in arte Savonarola, non lo ferma più nessuno!

ROBIN UD

Ven, 22/04/2016 - 18:55

Egregio Sig. Davigo, se pensa che rubare sia solamente l'atto di intascare quattrini illegalmente, bè mi permetta, ma Lei ha un concetto piuttosto limitato del verbo rubare. Una domanda : pensa che rubare sia caratteristica esclusiva dei politici e non anche altri esponenti della vita pubblica ?

Efesto

Ven, 22/04/2016 - 18:56

Come si permette questo individuo a denigrare una intera classe di potere calpestando tutti i criteri dell'equilibrio democratico. Per la sua posizione dovrebbe essere arrestato per sovvertimento dell'ordine costituzionale. Credo che si sia giunti ad un vero e proprio attacco del potere giudiziario perchè i dubbi sulle operazioni di Potenza, dell'Ilva, rimangono. Tutte queste operazioni sono contro il lavoro e basate su mezze verità tutte da verificare. Il Davico soffiando sul fuoco attacca il nocciolo delle istituzioni che non possono rimanere soppresse e/o condizionate dalla possibile presenza di malfattori. Arrestatelo!

Giorgio Mandozzi

Ven, 22/04/2016 - 19:25

Se stessero un po' zitti ci farebbe solo bene. Qualora volessero parlare, si dimettano dalla magistratura e pratichino la carriera politica. Troppo comodo pontificare, protetti dall'assoluta ed unica immunità ancora attiva in Italia: quella dei magistrati! Essere d'accordo con Renzi, mi rammarica ma mi sembra il minimo. Se poi Renzi volesse il mio plauso proasse a realizzare quella riforma della magistratura con la separazione delle carriere! Anzi, potrei fare anche una "ola"!

jackmarmitta

Ven, 22/04/2016 - 19:26

SIGNOR DAVIGO TENGA DURO PERCHè QUESTI PROVERANNO IN TUTTU I MODI DI FERMARLO

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 22/04/2016 - 19:27

Io non riesco a capire; più ne mettono dentro e più, a sentire Davigo, ne spuntano. Qui c'è qualcosa che tocca...o il furto è nella condizione umana, oppure la magistratura sta sbagliando tutto.

lorenzovan

Ven, 22/04/2016 - 19:44

huiiiiiiii che confusione tra le schiere chiquitas...sembrano proprio gli odiati PD...lolololol..chi difende...chi accusa...chi odia e chi incensa Da Vigo....classico all'italiana...ogni testa un partito...he he he

venco

Ven, 22/04/2016 - 19:50

Davigo è una grande persona, un vero e onesto italiano, non certo come i politici

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 22/04/2016 - 20:00

hernando45: Riecco il nostro amico Hernando con le sue affermazioni sibilline. Lo dico senza troppa vena polemica in quanto non ho sinceramente capito la battuta Davigo/Greganti. Quest'ultimo nel 93 fu arrestato (sei mesi di carcere preventivo!), processato e condannato a 3 anni e 7 mesi poi patteggiati a tre tondi tondi (scontati tutti). Come vedi i magistrati non usarono certo i guanti di velluto con lui. Se poi "il compagno G", per quanto mariuolo, aveva le palle più grosse degli altri imputati e non ammise mai la responsabilità del suo partito nelle ruberie di tangentopoli, nonostante tutti avessero ben capito che la superiorità morale del PCI era una barzelletta, beh... i magistrati non potevano certo torturarlo per estorcergli una confessione. Convieni?

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 22/04/2016 - 20:14

Ah il moderatore bricconcello, che dopo ripetuti invii ancora non pubblica...Volevo solo dire che qui sono tutti chiusi nella nube di odio per la Magistratura (stessi sentimenti del resto, di tutti i delinquenti). Proprio non non riuscite a capire neanche lontanamente il messaggio di Davigo. Provate a leggere la lunga intervista per intero, ben piu` ricca della sintesi del Giornale (figuriamoci, invito paradossale, visto che la maggiorparte qui commenta avendo letto solo il titolo...). E si` che persino il Giornale cita i passi in cui Davigo attacca Renzi e la "sinistra". E comunque per chi ama Berlusconi e odia il ciclone Mani Pulite, sappiate che il primo non sarebbe esistito senza il secondo, e senza l'uscita di scena del suo compare d'anello Craxi. E secondo me lo sa anche Silvio. Anzi, forse lo sapeva anche prima di Mani Pulite...

accanove

Ven, 22/04/2016 - 20:18

ehh vi andava bene con i governi di destra, ora che avete coccolato e graziato i sinistrati e cercate di toccarli vi fate male....

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 22/04/2016 - 20:20

.hernando45: Riecco il nostro amico Hernando con le sue affermazioni sibilline. Lo dico senza troppa vena polemica in quanto non ho sinceramente capito la battuta Davigo/Greganti. Quest'ultimo nel 93 fu arrestato (sei mesi di carcere preventivo!), processato e condannato a 3 anni e 7 mesi poi patteggiati a tre tondi tondi (scontati tutti). Come vedi i magistrati non usarono certo i guanti di velluto con lui. Se poi "il compagno G", per quanto mariuolo, aveva le palle più grosse degli altri imputati e non ammise mai la responsabilità del suo partito nelle ruberie di tangentopoli, nonostante tutti avessero ben capito che la superiorità morale del PCI era una barzelletta, beh... i magistrati non potevano certo torturarlo per estorcergli una confessione. Convieni?

giosafat

Ven, 22/04/2016 - 20:24

Ha già parlato troppo. Persona sbagliata, nel posto sbgliato a dirigere la più sbagliata delle associazioni.

moshe

Ven, 22/04/2016 - 20:27

I politici rubano di più ... ... ... su questo siamo tutti d'accordo e non si può ne si deve perdonarli, però, ANCHE VOI, in quanto a disonestà ed a sentenze a dir poco vergognose, NON SCHERZATE AFFATTO !!! quindi, datevi una bella regolata !

Ritratto di llull

llull

Ven, 22/04/2016 - 20:42

Appunto! I giudici devono parlare solo attraverso le sentenze. E quindi tacere in tutte le altre circostanze. É così difficile da capire?

Gius1

Ven, 22/04/2016 - 20:52

fra qualche anno rivedremo in politica anche lui....

Ritratto di Valz1960

Valz1960

Ven, 22/04/2016 - 20:58

Concordo pienamente con il post del sig. Chichi . Ricordo benissimo una intervista tv al sig. Piercamillo ove , con mio enorme sconcerto per non dire orrore , asseriva tranquillamente ( in soldoni ) che essendo il pm ( ovvero lui ) un magistrato era praticamente inutile celebrare un processo dato che un magistrato ( ovvero lui )!”.rinviando a giudizio aveva di fatto stabilito la colpevolezza del reo .

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Ven, 22/04/2016 - 21:06

@sergione41: personalmente, non ritengo di dover guardare in casa mia non fosse altro per il fatto che guardo la diatriba SOLO da cittadino Italiano e non da POLITICO. Non ho colore e quindi non sono connotabile. Detto ciò, difendo una linea di principio che, a quanto pare, a Lei è sfuggita: la responsabilità civile ed anche penale di chi sbaglia palesemente e, a volte, è anche recidivo. I magistrati non sono esclusi. Se invece per lei, PM e GIUDICI sono INTOCCABILI, rispetto il suo punto di vista ma non mi trova assolutamente d'accordo. Buon 25 aprile. Dalton Russell.

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 22/04/2016 - 21:06

Se vogliamo dirla tutta, siamo stufi di certi individui che credono di essere dei padreterni sol perché hanno vinto un concorso pubblico e vestono una toga. Che i politici siano in larga parte dei ladri, non esime dal pensare che altrettanto giudici abbiano tenuto loro bordone in tutti questi anni, raggiungendo fama e notorietà grazie ad interviste sui media, alle apparizioni agli show, alla tante troppe inchieste farlocche, risoltesi poi come neve al sole. Fine ultimo per molti di loro: finire proprio nella tanto bistrattata politica per fare ancor più carriera.

mariolino50

Ven, 22/04/2016 - 21:15

abraxasso Savonarola lo bruciarono in piazza della Signoria.

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 22/04/2016 - 21:19

IL Potere Giudiziario dovrebbe far parte dell' anima dello stato! Perchè tanti cittadini ne hanno perso la fiducia? Perchè vedono troppe contradizioni! Innanzitutto non dovrebbero esistere correnti politiche e il caso vuole che siano fortemente sbilanciate a sinistra. Il caso vuole che molti e importanti processi indetti a politici di sinistra vengono insabbiati o profondamente fermi. Inoltre la stampa puntualmente prima che si attivi un processo ha tutti i particolari di un inquisito. Già praticamente condannato dall' opinione pubblica. Finchè ci saranno queste condizioni la loro credibilità sarà vicino allo zero e non potranno avere il giusto rispetto dai cittadini onesti.

Giovanmario

Ven, 22/04/2016 - 21:32

lo stato dovrebbe riconoscere che anche il lavoro dei magistrati è da considerarsi "usurante per i neuroni".. e mandarli ai giardinetti il più presto possibile

wydma

Ven, 22/04/2016 - 21:37

Piercamillo, i ladri sono vostri complici nel governare questo paese. Lo avete portati voi al governo e come loro salvate i vostri privilegi fottendovene della povera gente, che rischia del suo vi paga lo stipendio e voi chiamate "evasori fiscali". Comincia a guardare la teace nel tuo occhio...e pensa che un giorno o l'altro te la conficcheremo bene dentro all'orbita

swiller

Ven, 22/04/2016 - 22:08

MORTE AI POLITICI.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 22/04/2016 - 22:11

Leggere quanti masochisti difendono i politicanti che li derubano da sempre solo per dar contro a Davigo mi fa morire dal ridere.

beale

Ven, 22/04/2016 - 22:19

Davigo è un ottimo ed obiettivo magistrato preparatissimo tra l'altro. all'epoca di "mani pulite" a causa del rumore mediatico suscitato dalle inchieste e dalle tifoserie qualcuno superficialmente lo ha ritenuto fazioso mentre in ogni caso si è mosso sempre e solo guidato dalla legge. probabilmente se sarà confermata la sua elezione andremo verso l'alba di un nuovo rapporto tra poteri costituzionali ed ordine giudiziario ciascuno secondo le proprie prerogative non i desiderata. è il mio commento di due settimane fa; lo ripropongo in quanto è stato profetico. siamo all'alba di una nuova era.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 22/04/2016 - 22:19

SUPERIOR STABAT LUPUS, LONGEQUE INFERIOR AGNUS: nella favola di Fedro si riassume quanto ha esposto il Giudice Davigo in merito all'"andazzo italico" della corruzione e della posizione dei ruoli. Se poi qualcuno parla con franchezza e con la ricerca della verità solo in Italia si ritrova una machiavellica macchina che cerca di distorcere quanto di vero si vuole scoprire. Auguro al Giudice Davigo di riuscire a scardinare quelle porte che blindano i bunker dei poteri occulti che sovente hanno stravolto il vero spirito della Costituzione Italiana sorta dalle macerie prodotte da una dittatura monocratica e che nepoti dei poteri forti stanno assaltando per deCostituire e prostituire ai propri disegni occulti e che si palesano al popolo sprovveduto con conseguenze nefaste.

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Ven, 22/04/2016 - 22:29

Davigo ha una grande responsabilità nei confronti del Paese perché con i suoi colleghi gestì l'operazione "Mani Pulite" in maniera dissennata.Invece di affrontare il problema della corruzione in modo ragionevole cioè con la prudenza e l'approfondimento necessario scelse la via del giustizialismo.Fu una scelta che dà adito a grandi sospetti perché furono eliminati quasi tutti partiti storici.Con la scusa dell'acqua sporca avevano buttato via anche i bambini meno uno che poi non è risultato molto pulito.Ma non avevano valutato che l'Italia non ci sarebbe stata, un uomo,imprevedibilmente raccolse quella protesta.

LupaccioNero

Ven, 22/04/2016 - 22:29

Spero che la magistratura si renda conto che la sinistra sta distruggendo l' Italia, quindi anche i magistrati. Spero si rendano conto che se si affonda loro precipiteranno dall' alto. Non mi aspetto un atto di orgoglio patriottico ma un razionale calcolo opportunistico, se non lo capiscono affonderanno come tutti gli altri

ILpiciul

Ven, 22/04/2016 - 22:35

Al dottor Davigo, che stimo, chiedo una cosa sola, ossia che si faccia paladino degli interessi del popolo italiano e, nell'ambito delle sue possibilità, dia voce alla gente comune, ai semplici cittadini . Buon lavoro.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 22/04/2016 - 22:41

dalton.russel - Ma perche', per lei "suicida" equivale ad "innocente" ? O forse per quella lista che lei cita equivaleva a "tutto e` perduto, ci hanno incastrato, non c'e` via d'uscita, meglio morire che farci sbattere in prima pagina nella gabbia degli imputati condannati in via definitiva"? Secondo me e` la seconda che ho detto. E poi la carcerazione preventiva era piu` che giustificata per gente che avrebbe senz'altro tentato di fuggire o inquinare le prove. Se lo ricorda lei Poggiolini? "Lei, all'epoca, quanti anni aveva?"

michetta

Ven, 22/04/2016 - 22:41

Se lo dice Davigo, pubblicate a caratteri cubitali, mentre se lo diciamo noi, ci cassate! Bel giornalismo! E quando mai, i suddetti politici, ladri oltre ogni misura, sapranno mai, che cosa pensiamo noi Popolo cosiddetto Sovrano? AL VOTO TUTTI !!!

m.nanni

Ven, 22/04/2016 - 23:05

questo qua sta cercando lo scontro con il potere politico. lo sta proprio provocando. al suo insediamento ha detto che "vogliamo essere rispettati". perchè non siete rispettati? siete persino temuti, anzi, siete un potere in grado di scatenare il terrore al cittadino, e di non risponderne a nessuno. e poi vede soltanto colpevoli e nel suo ruolo non deve gettare benzina sul fuoco ma fare il magistrato con la dovuta serenità. lui si mette sopra i politici perchè non ha rispetto del popolo, sapendo che i politici sono espressione del popolo. non vuole i gradi di giudizio vigenti e neppure le prescrizioni. benissimo ha fatto Renzi a rispondere a muso duro e spero proprio che riformi la magistratura iniziando con la separazione di carriera, di funzioni e di palazzi della giustizia. e chi sbaglia, paga. tabula rasa del CSM.

MassimoR

Ven, 22/04/2016 - 23:05

verissimo

ir Pisano

Ven, 22/04/2016 - 23:11

evviva, finalmente uno che dice la verità, grande Davigo il paese è con te.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 22/04/2016 - 23:35

Come al solito caro Dreamer 20e20, bisogna FARTI IL DISEGNINO altrimenti NON capisci. Il KOMPAGNO G è inteso come l'allora PDS che FU risparmiato dal Davigo medesimo. SVEGLIA CAPISUNNN!!!!lol lol Se vedum. PS Devi sempre ripetere i tuoi postati come un bambino che ha paura che NON glielo pubblicano???

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 22/04/2016 - 23:47

Non sto dalla parte del piccolo pisquano fiorentino ma le parole di Davigo sono esattamente il contrario della realtà. PRIMA DI FARE IL CENSORE CI SPIEGHI COME MAI UNA CERTA MAGISTRATURA È USCITA DAI BINARI ISTITUZIONALI ED INTERFERISCE CON IL POTERE DEL PARLAMENTO? Nessuno vuol proteggere i criminali politici come nessuno però vuole una magistratura che non accetta le proprie responsabilità. CI SPIEGHI COME MAI I MAGISTRATI SI OPPONGONO ALLA DIVISIONE DELLE CARRIERE E NON RISPONDONO DEI LORO ERRORI.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 23/04/2016 - 00:29

Penso che sia governo che giustizzia siano cresciuti con gli stessi principi, ma ci si chiede, è stato fatto prima l`uovo o la gallina ??? Poi c`e la corruzione, la massoneria, il favoritismo, le banche, ed infine ci si chiede: CHI COMANDA IN QUESTO PAESE??? Le Mafie, la Massoneria o le banche??? allora ci domandiamo: COSA CI STANNO A FARE QUEI MATUSA CHE SI CREDONO DI ESSERE PADRETERNI E CHE DELLA VITA CONOSCONO SLAMENTE I SALONI DELL`ALTA SOCIETÀ, LE CENE I PRANZI E I RINFRESCHI PAGATI DAL DANARO PUBBLICO!!! CON TUTTO IL DANARO CHE (...)GUADAGNANO, CHE PAGHINO IL TUTTO DI TASCA LORO E CHE A TEMPO LIBERO, GUARDINO COME VIVE LA POPOLAZIONE NELLE PERIFERIE DELLE CITTÀ """CHE TUTTA QUESTA CASTA GIUDICI E GOVERNI PER AVER VISTO LE SITUAZIONI, NON PER AVELE SOGNATE"""!!! NON DOBBIAMO DIMENTICARCI CHE TUTTI SIAMO UTILI,"MA", NESSUNO È INDISPENSABILE E MORTO UN PAPA, SE NE FÀ UN ALTRO!!!

BiBi39

Sab, 23/04/2016 - 00:40

Nessuno puo' dire che Davigo non abbia ragione o che dovesse tacere.Chi lo sostiene e' quantomeno ipocrita. Il guaio e' che non abbiamo vie d'uscita e gli aspiranti futuri politici sono di norma nullafacienti che dalla politica vogliono ricavare guadagni Non pensano minimamente al bene del Paese, come quelli gia' in carriera.

frabelli1

Sab, 23/04/2016 - 01:19

Erano questa "denuncia" Pare che Davigo oggi voglia smuovere tramite la stampa un certo torpore. Ma come mai da mani pulite in poi, i giudici sentono il bisogno della ribalta e non passa settimana che qualche esternazione esca da uno di loro? Come mai durante mani pulite indagarono dappertutto ma NON verso il Pci, oggi Pd? Come mai si indaga sempre e solo verso una parte politica mentre l'altra passa sempre sotto silenzio?

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Sab, 23/04/2016 - 01:39

Caro sig. giudice , quando pure scoprite i reati , non li punite , quindi ?

ARGO92

Sab, 23/04/2016 - 02:06

vorrei sapere chi controlla i giudici? ALTRI GIUDICI cioe pappa e ciccia credo siano la categoria piu corrotta mi piacerebbe un bel controllo della GDF NEI LORO RIGUARDI impossibile in ITA G LIA

Efesto

Sab, 23/04/2016 - 06:52

Davico: un novello Vyšinskij in cerca della via al socialismo reale attraverso la via giudiziaria. I reati possono essere materiali ed ideologici. Questi ultimi molto più gravi in democrazia e più difficili ad essere perseguiti. Davico è un innocente?

Giovanni

Sab, 23/04/2016 - 07:40

Dalla Gruber non ho visto un magistrato, ho notato un uomo dello Stato con una mania giustizialista di cui si è compiaciuto in modo auto referente. Alla casta cui appartiene, la magistratura, non ha addebitato nessuna colpa, mai un errore, mai una svista della quale si sia pentita e di cui abbia chiesto scusa, nessuna. Al povero Mieli, povero si fa per dire, suo contraddittore, non è rimasto che prendere atto di un ex giudice votato a una deriva giustizialista privo di volontà di fare ammenda di qualcosa che in tanti anni di servizio, fin da mani pulite, non sia andata per il verso giusto. Le tante inquisizioni, poi trasformatesi in assoluzioni, le intercettazioni, non utili al processo ma fatte pubblicare e date in pasto ai giornali, sono fatti per i quali Davigo non ha accennato a nessun mea culpa, ma hanno rovinato reputazioni e carriere politiche.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 23/04/2016 - 08:05

Io credo che la Politica, da sempre, abbia cercato, in qualche modo, di controllare la Magistratura, purtroppo spesso ci riesce perchè anche in Magistratura vi sono personaggi che non "dovrebbero esserci", per incapacità e/o troppa sensibilità verso soggetti politici e al denaro. La Magistratura, a mio avviso, sempre più spesso appare "compromessa" e poco o nulla fa per ripulirsi.

Ritratto di Situation

Situation

Sab, 23/04/2016 - 08:18

io dico: quando c'era il Berlusconi in auge l'ANM si lamentava e lanciava grida di golpe, ora con la sx che pure è GIUSTAMENTE infastidita (come lo era Silvio) sto sarcoma itagliota ancora si lamenta.......ma non è che per caso ste toghe ☭☭ dovrebbero domandarsi il perché di questo presunto "ostracismo". Pezzenti rossi togati è ora che facciate il vs. dovere e basta.

alby118

Sab, 23/04/2016 - 08:26

Vorrei chiedere al Dott. Davigo come chiama invece coloro che nonostante il blocco degli stipendi del pubblico impiego, usufruiscono di regolari aumenti della loro già pesante busta paga, mentre il resti del paese tira la cinghia. Io un nome per chiamarli l ' avrei, basterebbe aggiungere l ' aggettivo " legalizzati" a questo nome. Quante parole si sprecano ma di fatti purtroppo nulla.

Tuttiforzaitalia

Sab, 23/04/2016 - 08:27

Che vosa vergognosa

unosolo

Sab, 23/04/2016 - 09:12

Davigo ha solo detto quello che tutti i cittadini ITALIANI pensano , oggi solo i politici negano la reale situazione che si è creata , chi nega ne trae vantaggio , il pericolo è che vogliono intimidire i PM, si è evidenziato dal comportamento autoritario avuto ultimamente quando la ministra ha preteso i PM al suo ufficio e dal Ministro che ha voluto anticipare lui il colloquio per sapere ? , quindi un modo intimidatorio mai verificatosi prima , forse la vedo male ma la impressione che ne esce ,,,,,,

michetta

Sab, 23/04/2016 - 10:44

Comunque,occorre sempre rammentare che questi magistrati, vincitori di concorso della P.A., sono lì, proprio per raccomandazioni ricevute,all'atto della loro assunzione,poi inviati nella sede di operazioni,con l'ordine,di fare e disfare, tutto cio',che il partito raccomandatario dispone! Oggi, evidentemente,il signor Davigo (che come dice qualcuno,percepisce prebende,esagerate,a differenza degli altri impiegati dello Stato) vorrebbe appartenere alla casta politica,un po' come tutti quei magistrati,che lo hanno preceduto.... ANDIAMO/ANDATE TUTTI A VOTARE!!!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Sab, 23/04/2016 - 11:38

hernando45: aaaahhhhh... ma certo, come ho fatto a non capirlo??? Il "compagno G" non è Primo Greganti, come tutti erroneamente ripetono da oltre vent'anni a questa parte, ma è il PDS "risparmiato" da quel Davigo membro della corrente Magistratura Indipendente (noto covo di Komunisti) della quale faceva parte anche Paolo Borsellino (noto komunista anch'esso)! Chiedo nuovamente venia per il mio grossolano ed ingenuo errore. D'ora in poi quando parleremo dei vari Belsito, Rizzi e del "pirla" Patelli (tanto per tornare a quei tempi, quando si gridava in piazza "Roma Ladrona" ma si intascavano le mazzette di Enimont) saprò che ti riferisci alla Lega nel suo complesso.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Sab, 23/04/2016 - 11:49

hernando45: P.S. è da qualche giorno che mi va di lusso. A volte pubblico i miei post anche 5 o 6 volte ma il moderatore... nisba! Nemmeno se scrivo che Sallusti è pieno di capelli, la Santanchè è una simpaticona e Salvini un raffinato intellettuale.

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 23/04/2016 - 13:05

ma il CSM il più alto grado della magistratura non è quello che elegge un presidente ad ogni pie sospinto per andare in pensione con il massimo vantaggio come lo si può chiamare?opera pia o unu taccheggio a discapito di tutti per arricchire chi già ha avuto tantissimo magari senza particolari meriti ma solo per apparteneza

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 23/04/2016 - 13:34

pravda99, avevo all'incirca gli anni che connotano il suo Q.I:38. Pirla. Dalton Russell.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 23/04/2016 - 14:17

pravda99: a proposito Pirla, si vada a vedere i risultati del referendum del 1987 (credo) e su come si espressero gli Italiani sulla responsabilità civile dei magistrati. Un plebiscito. Io c'ero. E Lei Pirla, si pisciava ancora nelle mutandine oppure era cresciutello e si recò alle urne? Lei è solo uno squallido e novello Robespierre. PIRLA. Dalton Russell.

routier

Sab, 23/04/2016 - 22:45

Toghe e governo. Stabilire chi è peggiore non è impresa da poco.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Lun, 25/04/2016 - 09:02

In Italia se un militare si perde un documento classificato va sotto processo e la sua carriera è finita. Se un dirigente (... ovviamente non un operaio) si perde un segreto industriale è un uomo morto. Se un magistrato "perde" un intercettazione .... è colpa del cancelliere o dell'avvocato della difesa, senza precisare chi (li l'obbligatorietà dell'azione penale non esiste vero?).